HTC, meno cinque brevetti contro Apple

L'ITC stralcia dalla causa i titoli "prestati" da Google alla taiwanese
L'ITC stralcia dalla causa i titoli "prestati" da Google alla taiwanese

Il giudice dell’ International Trade Commission ( ITC ) Thomas Pender ha respinto l’utilizzo di cinque brevetti Google da parte di HTC nella causa che la vede contrapposta ad Apple.

L’operazione che ha portato i cinque brevetti da Mountain View a HTC, d’altronde, non è stato un normale acquisto, ma piuttosto una forma di “affitto” che secondo il giudice ha mancato di far acquisire a HTC tutti i diritti sostanziali necessari a far valere in tribunale tali titoli .

È in base a tale ragionamento che l’ ITC ha stralciato 5 degli 8 brevetti che HTC contesta ad Apple in una delle cause che le vede contrapposte. A dare il via allo scontro tra le due è stata Cupertino nel 2010. A questa azione sono seguite altre denunce e controdenunce da parte di HTC, che hanno peraltro visto finora Apple incassare diverse vittorie, prima nel caso in cui oggetto del contendere erano i brevetti appena acquistati da HTC da S3 Graphics (anche in questo caso proprio in funzione anti-Apple e con un’operazione ancora da concludere ) e poi in quello che vedeva Apple nella parte dell’accusa e con cui è riuscita ad obbligare HTC a modificare la funzione per chiamare nome e numeri di telefono scritti in un messaggio o un’email nei propri dispositivi.

Contro la nuova decisione HTC può ricorrere in appello e inoltre può tentare di rimediare alle mancanze che il giudice ha rilevato nell’operazione con cui è entrata in possesso dei brevetti Google.

Il caso, tuttavia, già mette in evidenza come il modello dell'”affitto di brevetti” non sia al momento attuabile e come Mountain View non sia stata in grado di intervenire tempestivamente ed efficacemente a tutela dell’ecosistema Android : da un lato la situazione e la sicurezza della proprietà intellettuale di Motorola è meno efficace del previsto per la giurisprudenza che si sta imponendo in materia di brevetti legati a standard tecnologici, dall’altro la gran parte dei produttori hardware Android hanno già ceduto all’offerta di licenza di Microsoft.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti