Hulu: HTML 5 è ancora acerbo

Il portale di streaming a stelle e strisce si aggiorna ma snobba HTML 5. E spiega: il nostro player ha bisogno di cose che solo Flash può darci. In futuro si vedrà
Il portale di streaming a stelle e strisce si aggiorna ma snobba HTML 5. E spiega: il nostro player ha bisogno di cose che solo Flash può darci. In futuro si vedrà

È meglio HTML 5 con codec H.264 o Flash? Nella sempre calda contesa tra le nuove specifiche dello standard web (appoggiato tra gli altri dal feudo tecnologico di Cupertino) e il vasto mercato dei contenuti che si appoggia al plugin di Adobe si inserisce un nuovo elemento, vale a dire la rinnovata versione di Hulu e le motivazioni che hanno portato il management della dot.com a scegliere ancora Adobe piuttosto che HTML 5 .

Introducendo le funzionalità della nuova interfaccia , il vicepresidente di Hulu Eugene Wei trova il tempo di anticipare le domande sulla questione e spiega perché il servizio di streaming “USA-only” che piace alle major continuerà a utilizzare Flash anche nel prossimo futuro: “Continuiamo a monitorare lo sviluppo di HTML5 – spiega Wei – ma al momento la tecnologia non risponde a tutte le nostre necessità come clienti”.

“Il nostro lettore non si limita semplicemente a gestire gli strem video – dice ancora Wei – ma deve anche blindare i contenuti, gestire i report per i nostri inserzionisti, renderizzare il video usando un codec ad alte prestazioni per garantire una qualità visiva di primo livello, comunicare con il server per determinare quanto a lungo bufferizzare e che tipo di bitrate trasmettere, e dozzine di altre cose che non sono necessariamente visibili per l’utente finale”

Le nostre esigenze non sono comuni a tutti i siti web che “vivono” di video, concede il VP di Hulu, ma noi ce le abbiamo e le dobbiamo rispettare per esigenze sostanzialmente contrattuali. Come già anticipato da qualche commentatore nelle scorse settimane, dunque, uno degli aghi della bilancia capace di favorire con larghissima maggioranza la tecnologia Flash è la sua notevole abilità di offrire caratteristiche appropriate per ogni genere di esigenza , non ultima quella di blindare i contenuti con un sistema di protezioni DRM capace di interferire con i tentativi di salvataggio in locale degli stream video remoti da parte dell’utente/spettatore.

HTML 5 è una tecnologia ancora in via di sviluppo e finalizzazione da parte del World Wide Web Consortium (W3C), ma così com’è non è utile a chi sul video ci ha costruito un business. Google e YouTube a parte, infatti, ben pochi hanno al momento adottato le nuove specifiche dello standard web par excellence : stando a uno studio di MeFeedia , solo il 26 per cento dei video online è disponibile anche in formato H.264 , e senza il gran bailamme di queste settimane probabilmente la percentuale sarebbe persino inferiore (era il 10 per cento a gennaio 2010).

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 05 2010
Link copiato negli appunti