I conti in tasca a Steve Jobs

AppStore non è una miniera: semmai è una paghetta. Ma occhio a non confondere core business con gli accesori. I numeri, quelli di Apple, possono sempre sorprendere

Roma – AppStore potrà anche essere, ed è, il più prolifico e trafficato marketplace per applicazioni mobile sulla piazza: ma di certo, ne sono convinti gli analisti Piper Jaffray , non è la gallina delle uova d’oro . Secondo le stime degli esperti, ottenute occorre premetterlo da estrapolazioni sui pochi numeri annunciati da Steve Jobs durante il keynote alla WWDC, la stragrande maggioranza dei download effettuati da AppStore riguardano App gratuite: quel che resta ha un prezzo medio prevalente di 1,49 dollari che, considerata la fetta che spetta ad Apple (il 30 per cento), non dovrebbe equivalere a un bottino particolarmente sostanzioso.

Dalla parte del costo di un’applicazione trattenuta da Cupertino, infatti, vanno tolti i costi di gestione del marketplace (che gira nelle nuvole e che avrà bisogno di fior fior di datacenter per girare), e i costi legati alla riscossione dei crediti dagli istituti che si occupano dei pagamenti: se venissero applicate le stesse tariffe già viste su iTunes Store, la trattenuta degli istituti che gestiscono le carte di credito si aggirerebbe sui 20 centesimi di dollaro più il 2 per cento (circa 22-23 centesimi in media). I conti sono presto fatti : 1,49 dollari è il costo totale dell’applicazione, il 70 per cento va allo sviluppatore (1,04 dollari), 22 centesimi alle carte di credito, qualche spicciolo per la gestione (almeno 1-3 centesimi), ed ecco che a Steve Jobs restano appena circa 20 cent .

Non è poco, tutto sommato: la stima degli analisti è che queste cifre rapportate a 5 miliardi di applicazioni vendute (di cui circa 1 miliardo a pagamento) equivalgano ad almeno 400 milioni di dollari e oltre di introiti, equivalenti a 190 milioni di profitti . Cifre di tutto rispetto, ma che rapportate a quanto nel frattempo Apple ha guadagnato in totale (quasi 34 miliardi di dollari) appaiono quasi spiccioli: milioni contro miliardi, ma non è per i soldi che Apple ha deciso di investire in un’attività che gli costerà milioni di dollari in infrastruttura e costi di trasmissione per la vendita (anche delle applicazioni gratuite).

Dalle cifre di Piper Jaffray si dedurrebbe che la circolazione del materiale su AppStore sarebbe robusta, più consistente di quella di iTunes Store: gli utenti scaricherebbero più applicazioni che canzoni , attratti dalla quantità di software a disposizione sulla piattaforma. In questo senso, il ristretto margine garantito dalla vendita delle applicazioni (l’1 per cento del fatturato, ancora meno in proporzione rispetto a utili di oltre 3 miliardi di euro) sarebbe un ottimo viatico alla vendita di hardware : iPhone, iPod Touch e iPad, senza considerare i benefici indiretti per quegli utenti che decidessero di emigrare definitivamente nell’ecosistema Apple acquistando un Mac.

I numeri, sempre incasellati dagli analisti, mettono in luce proprio questo aspetto: crescono le vendite di iPhone soprattutto sul mercato internazionale, il marketplace di Apple viene visto con favore e come un punto di vantaggio rispetto ai concorrenti , le previsioni su vendite e profitti sono destinate nella maggioranza dei casi a essere smentite (e superate ).

D’altronde, la vitalità del comparto smartphone è attualmente talmente rigogliosa da consentire a tutti di ritagliarsi uno spazio dignitoso, nel quale ciascuno possa tentare di portare avanti i propri affari e il proprio business model .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • luigi scrive:
    be facebook disattiva accaut
    be parliamone bene di facebook in quanto persona che solo cambio di foto si sono visti buttare fuori con le seguenti scuse dicendo che abbia mandato inviti a perso che non si conoscono 1 ma se e una caht e più che normale poi questo non e sucXXXXX poi 2 che si manda messaggio non tanto gentili a persone che non siconoscono ma strano anche questo non fatto e ancora che sie fatto pubblicità e anche cio non fatto e quindi la società facebook vi disabilita accaut che la voce disabilita accaut sarebbe in sospensione e quindi e tutto li ma fermo la risposta a tutto ciò estata che esendo che accaut e stato cancellato non si posono dare ulteriori risposte su accaduto bella risposta quando le persoen non fanno nulla e si vedono butati furori senza ragione be su cio ci sarebe da die esndo che e una cchat se non si invita non si conosce quini e normale dare posibilita di conoscere e un caht e normale che si manda invito o unmessaggio poi se non si vuole riceve si bloca questa persoan e automaticamnte non si piu mandare piu nula a questa persona che non si desidere esere inportunati ma non che si buti fuir e senza preaviso dicendo facebook ti informa che ti stai comportatno male in qunto stai inportunando tropo questa persona dare nome cosi si bloca del tuto perche posa capitare di nuovo un unvioto alla medesima persona e si esculudono queste cose ma sempre un aviso facebook ti manda in galera dicendo atutti sempre le stesse cose che a mandando invito e mesaggio o bublicata senza darti ragione del fato a ci e cosa fatto anche se dovrei andare inglera mi dicono motivi e mi danno posibilita di scagionarmi dal cio facebook non fa cio a qualcosa nel sistema che non fa e molte volte chiedono scusa ma e molto raro cio poi se le regole devono serere rrispetate che fecbook facia ben i dovere in qunto ci sono ragazzini di 8 a 13 anni che sono su facebook ma il bello o provato anche io a fare cio e metendo data di un ragazzo di 10 anni sapete cosa suXXXXX su profilo mi si dava solo giorno e mese strano che anno non era visibile eusto e il gioco di facebook fare entrare tutti cosi sonon tanti anche minoreni in piu su regole si paral anche di non ofendere o dire frasi c...e e via cosi edi nonpublicracere foto di nudo e in vece ce di tutto ecco il controllo non ce ma solo chi vogliono loro buttano fuori e senza ragioni be fatevi sentire anche voi . mi scuso della mia scriture in guando scribo con piedi non o studiato coem voi o apena la 3 elementare e gia tropo che scrivo cio fate anche voi quacosa e dite la fvostra di qusto facebbok che non e leale con le regole e se ce prsona che vuole coregermi il testo scrito saro grado grazie
Chiudi i commenti