I MacBook di Natale

Apple lancia una nuova revisione dei suoi portatili, senza fanfara. Nessuna novità di rilievo. Tutta questione di megahertz e poco più

Roma – Senza alcun annuncio ufficiale, almeno fino a questo punto, e senza neppure aggiungere l’etichetta “nuovo” sull’Apple Store, Cupertino ha fatto debuttare oggi una nuova versione dei MacBook Pro. Nessun cambiamento di rilievo nel design o nelle caratteristiche tecniche: le uniche novità sono sotto il cofano, con processori e schede grafiche più veloci, unite a più memoria.

Come sempre, sono cinque i modelli base (suscettibili di minime modifiche) che Apple mette in vendita: due modelli da 13 pollici, due da 15 e uno da 17. I prezzi dei prodotti restano fissati a 1.149, 1.449, 1.749, 2.149 e 2.449 euro: tutti sono disponibili per l’acquisto e in cosegna entro 24-48 ore. Le uniche novità, come detto, sono tutte hardware.

I modelli da 13 pollici ora montano un disco rigido da 500 e 750GB (erano 320 e 500GB nella versione precedente ), mantengono 4GB di RAM e innalzano la velocità del processore dual-core da 2,3 a 2,4GHz per la versione base (che monta un Intel Core i5), e da 2,7 a 2,8GHz per il Core i7 della versione potenziata. Batteria da 7 ore (autonomia inalterata), la sezione video è sempre gestita dalla grafica Intel integrata (HD 3000). Discorso analogo vale per i modelli da 15: il processore quad-core i7 del modello base passa da 2 a 2,2GHz, il modello superiore passa da 2,2 a 2,4. La scheda grafica in questo caso è una Radeon AMD, rispettivamente una HD 6750M con 512MB di RAM o una HD 6770M equipaggiata con 1GB di GDDR5: entrambe sostituiscono le precedenti 6490M e 6750M. Infine, il modello da 17 pollici monta lo stesso processore Core i7 da 2,4GHz e la stessa Radeon 6770M del 15 di punta.

Non ci sono altri particolari, per il momento, che valga la pena citare. Si tratta evidentemente di un aggiornamento utile a tenere le macchine al passo (di Apple) rispetto alla concorrenza, soprattutto in vista di Natale e delle vendite consistenti associate a questo periodo dell’anno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • illo allo scrive:
    e' stato venduto....
    me lo ha detto un amico rappresentante di silos.......sembrerebbe sia stato venduto a microsoft con in cambio di una 124 sport gialla
  • Asdry Ben scrive:
    Mah...
    Il problema semmai è di YouTube; Microsoft è propietaria del canale, ma non del sistema di YouTube, quindi se c'è una falla è colpa di YouTube. Ma secondo me è più probabile che siano stati i viscidi dipendenti Microsoft ad attuare questa messa ins cena per attirare visitatori -_- ! Comunque, se così non fosse e se si trattasse del fatto che il vecchio utente ha inserito le sue vecchie password oppure fatto richiesta di recupero password, ciò sarebbe una figuraccia da parte di Microsoft che non avrebbe mai cambiato i vecchi dati appartenenti al primo possessore del canale, un'operazione che chiunque sano di mente avrebbe fatto PRIMA di caricare qualsiasi video! O_o
  • Francesco scrive:
    ma youTube non è di Google?
    a me sempbra che YouTube sia di proprietà di Google, cosa c'entra la Microsoft?
  • eman bigno scrive:
    youtube e' di google, non di microsoft..
    youtube e' di google, non di microsoft..
  • iupiter scrive:
    utente samsung
    spero sia stato un utente samsung..se lo meritano questo e altro alla microsoft.
  • calunnioso scrive:
    Violato il tubo di Microsoft
    Qualcuno esterno alla Microsoft sembra abbia preso possesso del canale YouTube dell'azienda. Poche reazioni tra gli utenti: d'altronde era solo un canale del tubo.[img]http://www.gallozone.co.za/wp-content/uploads/2010/04/hyena-laughing.jpg[/img]
Chiudi i commenti