I successi di Microsoft contro i pirati

I successi di Microsoft contro i pirati

L'azienda parla dei risultati positivi ottenuti con le iniziative anti-pirateria in Inghilterra, e ammette che con il lancio di Vista potrebbe verificarsi una nuova ondata di copie contraffatte di Windows XP
L'azienda parla dei risultati positivi ottenuti con le iniziative anti-pirateria in Inghilterra, e ammette che con il lancio di Vista potrebbe verificarsi una nuova ondata di copie contraffatte di Windows XP

L’impegno del big di Redmond contro la vendita e l’installazione di copie non autorizzate del proprio software ripaga degli sforzi profusi : la task-force Microsoft anti-pirateria del Regno Unito ha recentemente annunciato di aver raddoppiato le somme di denaro ricavate dalla scoperta di un maggior numero di rivenditori e commercianti disonesti, bloccando i loro lucrosi affari basati sulla vendita di copie pirata di software originale.

Secondo le dichiarazioni di Michala Alexander, a capo della task-force, la percentuale media di pirateria del software Microsoft nel paese è scesa di 4 punti percentuali da Febbraio 2006, periodo in cui è stato lanciato il programma di contrasto Keep IT Real .

Keep IT Real , come noto ai lettori di Punto Informatico, si prefigge di affrontare il problema pirateria a diversi livelli , bloccando direttamente le fonti di distribuzione primarie del software contraffatto e promuovendo nel contempo una campagna di sensibilizzazione dei clienti, per fornire loro le conoscenze adeguate per distinguere un prodotto originale da uno pirata. Grazie agli sforzi profusi negli ultimi otto mesi, ora l’iniziativa è molto vicina alla realizzazione del suo obiettivo primario: ridurre, nello spazio di un triennio, la percentuale di software illegale presente sul territorio inglese dal 16,7% all’11,7%. A Microsoft manca giusto uno 0.7% per poter dichiarare raggiunto il target .

Dà risultati anche la politica Feet on the Street , attivata da anni dalla società. Una campagna con un approccio più diretto alla questione: la strategia prevede una vera e propria azione di indagine sul territorio, con lo scopo dichiarato di scoprire l’utilizzo non autorizzato di prodotti Microsoft (che sia Windows, Office o quant’altro) e modalità di licenza irregolari da parte di utenti con esigenze aziendali, negozianti e distributori. L’individuazione di un reo può condurre ad una conversazione informale con l’azienda, per discutere delle attuali modalità di utilizzo del software in relazione alle condizioni di licenza previste.

Secondo Alexander, grazie all’iniziativa Microsoft ha finora individuato molti utenti di software illegale, con il coinvolgimento di ben 5.000 copie di software senza licenza . Il numero di soggetti si riduce, dice Alexander, ma le dimensioni dei traffici e il numero di copie contraffatte individuate aumenta esponenzialmente. Le dichiarazioni non entrano nello specifico citando nomi o catene di distribuzione. In molti dei casi individuati, l’azienda è ancora impegnata nel tentativo di convincere i responsabili di rendere il proprio software legale. Molti si rifiutano di cooperare, mentre alcuni utenti si mostrano sorpresi quando vengono contattati da Microsoft: “In un caso abbiamo avvertito una ditta del fatto che aveva inconsapevolmente acquistato software contraffatto per un prezzo superiore a quello di listino”, dichiara la responsabile.

Dopo aver comunicato i successi sul fronte anti-piracy, Alexander confessa le proprie preoccupazioni riguardo l’imminente lancio di Windows Vista . La commercializzazione del nuovo sistemone operativo di casa Microsoft pone un bel po’ di problemi all’unità anti-contraffazione alle sue dipendenze, visto che i distributori non potranno più vendere nuove copie con licenza di XP. “Ci aspettiamo un flusso consistente di XP contraffatti verso il mercato per allora” dice, “Questo è il problema che ci troveremo ad affrontare per i prossimi otto mesi”.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 10 2006
Link copiato negli appunti