Da i2Coalition un benchmark per valutare le VPN

Da i2Coalition un benchmark per valutare le VPN

La VPN Trust Initiative (i2Coalition) appoggia la definizione di nuovi Trust Principles per migliorare l'affidabilità dei servizi.
La VPN Trust Initiative (i2Coalition) appoggia la definizione di nuovi Trust Principles per migliorare l'affidabilità dei servizi.

L’adozione su larga scala dello smart working e l’impiego massiccio della comunicazione da remoto hanno spinto, negli ultimi due anni, l’utilizzo delle Virtual Private Network. Le previsioni degli analisti anticipano un’ulteriore crescita per il prossimo periodo. Ecco perché è necessario far tutto il possibile per garantire che i fornitori di questi servizi operino in modo conforme ai più elevati standard di sicurezza e tutela della privacy. Tra le realtà al lavoro su questo fronte c’è la i2Coalition (Internet Infratructure Coalition), gestore del consorzio VPN Trust Initiative che già riunisce tutti i nomi più importanti dell’industria. Oggi il gruppo annuncia la ridefinizione dei Trust Principles, linee guida e indicazioni che permetteranno all’interno settore di compiere un balzo in avanti. Tra le novità, anche la creazione (più avanti) di un benchmark attraverso cui valutare la qualità delle piattaforme.

Proteggi i tuoi dati, i tuoi dispositivi e la tua privacy  scegliendo l’affidabilità di NordVPN: approfitta dello sconto di oggi.

VPN: Trust Principles e benchmark dalla i2Coalition

I principi a cui si fa riferimento sono stati messi nero su bianco partendo da input e feedback forniti da utenti e società civile. Si concentrano in particolare su cinque aspetti ritenuti fondamentali. Eccoli.

  • Sicurezza: garantire che i dati degli utenti non siano intercettati o condivisi con terzi;
  • Privacy: obbligo di non conservare log e di non rivelare informazioni relative all’attività degli utenti a circuiti di advertising o altri soggetti;
  • Advertising: i gestori dei servizi non possono diffondere falsi proclami a proposito di quanto offerto, gli utenti devono poter prendere decisioni informate;
  • Trasparenza: se c’è l’intenzione di raccogliere i dati degli utenti è obbligatorio renderlo noto, lo stesso vale per le finalità;
  • Responsabilità: i fornitori sono chiamati a promuovere la tecnologia per supportare l’accesso alle informazioni e la libertà di espressione.

Queste le parole di Christian Dawson, direttore esecutivo della i2Coalition.

Internet è disseminata di società senza scrupoli che offrono servizi VPN basati su politiche poco chiare, potenzialmente pericolose per chiunque alla ricerca di un fornitore sicuro che sappia proteggere la privacy online. Come voce di questa industria, prendiamo sul serio il nostro obbligo finalizzato a mantenere il settore a uno standard elevato.

Tra i membri della VPN Trust Initiative figurano alcuni dei più importanti nomi del settore: NordVPN, ExpressVPN, PureVPN, Surfshark, IPVanish, VyprVPN e Atlas VPN.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: i2Coalition
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 25 mag 2022
Link copiato negli appunti