IBM: 34 miliardi per Red Hat, acquisizione chiusa

Big Blue punta a un ruolo di leadership nel mercato del cloud ibrido, con il via libera definitivo all'acquisizione di Red Hat valutata 34 miliardi.

IBM: 34 miliardi per Red Hat, acquisizione chiusa

Chiusa a titolo conclusivo l’acquisizione di Red Hat da parte di IBM. Non che ci fossero dubbi sull’esito dell’operazione, già resa nota nell’ottobre scorso con un annuncio che ha fatto luce anche sull’entità dell’investimento economico messo sul piatto: 34 miliardi di dollari. Una cifra monstre, con la quale il gruppo di Armonk punta deciso nella direzione del cloud ibrido.

IBM: l’acquisizione di Red Hat è completata

Una manovra complessa, passata prima dall’approvazione del Dipartimento di Giustizia statunitense nel mese di maggio, poi dal nullaosta delle autorità antitrust europee in giugno e ora dal definitivo via libera. L’amministratore delegato di Red Hat, Jim Whitehurst, rimarrà alla guida dell’azienda, entrando però a far parte del management di IBM e facendo riferimento direttamente alla CEO Ginni Rometty.

L’acquisizione ridefinisce il mercato cloud per il business. Le tecnologie aperte di Red Hat per il cloud ibrido sono ora affiancate all’esperienza e dall’innovazione di IBM, così come dalla sua leadership nelle vendite in oltre 175 paesi, per raggiungere un grado di profondità e scalabilità senza paragoni.

Red Hat è stata fondata nella prima metà degli anni ’90 e vanta una storia legata a doppio filo al mondo Linux e al software libero. Oggi è attiva in ambito business con il sistema operativo Red Hat Enterprise Linux, occupandosi inoltre delle piattaforme OpenShift e OpenStack. In passato è stata tra i promotori dell’iniziativa One Laptop Per Child. La stretta di mano con IBM verte sull’impiego di tecnologie open source come Linux e Kubernetes in ambito cloud.

Insieme, IBM e Red Hat accelereranno l’innovazione offrendo una piattaforma ibrida multicloud di nuova generazione. Basandosi su tecnologie aperte come Linux e Kubernetes, la piattaforma consentirà ai professionisti di sviluppare, eseguire e gestire dati e applicazioni on-premise in privato o su multipli cloud pubblici.

IBM ha completato l'acquisizione di Red Hat

La prospettiva è dunque quella di poter dar vita un’offerta enterprise più evoluta rispetto alle attuali soluzioni del mercato, fondata su un approccio open in grado di favorire l’interoperabilità tra diverse piattaforme. Big Blue ha inoltre più volte manifestato l’intenzione di continuare a fornire supporto alla community di sviluppatori da sempre legata a Red Hat.

Il valore economico dell’acquisizione, come scritto in apertura confermato in 34 miliardi di dollari, la posiziona al terzo posto tra quelle più costose di sempre nell’ambito delle realtà hi-tech americane, dietro solo all’acquisto di EMC da parte di Dell (2016, 67 miliardi di dollari) e a quello di SDL da parte di JDSU (2000 , 41 miliardi).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Labbrino Leporino scrive:
    Ma Linux non era una roba da cantinari? 🤪 Ma non s'era detto che era una roba da sfig*ti che non potevano permettersi i prodotti Apple?🏃‍♂️ Ma non s'era detto che Linux era per chi perde tempo, i prodotti Microsoft per chi lavora? 🐮 Eppure io queste cose le avevo lette PROPRIO QUI. 🤸🏻‍♂️ E allora come mai 34 miliardi? 📯 Non mi vorrete mica dire che qui c'era gente che parlava a vanvera? 🤬
  • Max scrive:
    Io ricordo IBM anni 70-80 come una delle società più oscurantiste per ragioni di marketing, al punto di mettere nel cassetto qualunque innovazione che minacciasse il mercato dei suoi elaboratori, molto cari ed estremamente inefficienti rispetto a quelli della concorrenza. Macchine che solo clienti ignoranti in IT come gli italiani potevano apprezzare. Sarebbe interessante capire se ancora oggi compra società per rallentare l'evoluzione a favore di sue strategie di marketing.
  • radd scrive:
    IBM è sempre stata ed è tuttora un partner estremamente affidabile. Spero che anche dopo questa acquisizione Redhat possa continuare nel mondo open da protagonista, come ha fatto sino ad oggi
Fonte: IBM
Chiudi i commenti