IBM: spot obbligatori nei DVD

Un nuovo brevetto BigBlue punta a propinare pubblicità, bloccando la visione di film pur di fornire consigli per gli acquisti. Un modo nuovo per spennare chi compra o noleggia DVD. Per togliere gli spot basta pagare

Roma – Il periodo è particolarmente interessante per quel che riguarda i brevetti informatico-multimediali presentati all’ USPTO americano: non bastasse Amazon e la sua temporizzazione delle spedizioni , un nuovo interessante caso si è aperto sul fronte IBM, che ha ben pensato di chiedere l’autorizzazione di infilare la pubblicità obbligatoria nei DVD .

L’applicazione di brevetto numero 20070201829 descrive un “Sistema e metodo per inserire messaggi pubblicitari durante la visione del DVD”, e promette di aprire nuove opportunità di ricavi per Hollywood così come occasioni per gli utenti disponibili a sorbirsi qualche spot in cambio di prezzi più bassi.

Il funzionamento del nuovo sistema ricorda molto da vicino quanto fatto da Philips con un brevetto dell’anno scorso: la visione delle pubblicità diventa obbligatoria durante tutto il corso della pellicola , gli spot possono essere recuperati da un server remoto attraverso la connessione alla Rete oppure dal DVD stesso.

Come sottolinea ars technica , l’idea alla base del sistema potrebbe garantire vantaggi a tutti: gli studios avrebbero trovato il modo di aumentare i ricavi nel mercato dell’home video – dato sempre per moribondo ma che nonostante questo continua a generare profitti stellari – trasformando persino le vecchie pellicole in nuove occasioni di business, mentre i consumatori potrebbero facilmente trovarsi davanti alla possibilità di scegliere tra l’acquisto o il noleggio di un DVD a prezzo pieno o di uno pesantemente scontato – o persino gratuito – dotato di pubblicità.

Un tipo di diffusione dei contenuti che ricorda da vicino iniziative come lo store We7 di Peter Gabriel, su cui è possibile acquistare brani musicali gratuiti contenenti spot pubblicitari “a scomparsa”. E se potrebbe essere difficile integrare la tecnologia spara-spot all’interno del diffusissimo standard DVD, la ancora giovane e claudicante alta definizione, che prevede la disponibilità base di una connessione alla rete per l’aggiornamento del lettore e la fruizione di contenuti interattivi, potrebbe altresì rivelarsi un target altrettanto interessante per Philips.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • da PC Open scrive:
    work around temporanei
    http://www.pcopen.it/01NET/HP/0,1254,4_ART_84124,00.html?lw=10000;7comunque la soluzione migliore è disinstallare definitivamente quel cesso.
  • pazzesco scrive:
    QiockTime è una falla vivente
    Soffre di tutte le vulnerabilità che la mente umana possa immaginare.Le ha fatte tutte sue.E meno male che quelli della Mela son molto meglio di quelli delle finestre .......
    • Mattia scrive:
      Re: QiockTime è una falla vivente
      Per evitare problemi si può utilizzare VLC.
    • saxpax scrive:
      Re: QiockTime è una falla vivente
      la mela è marcia.
    • AMEN scrive:
      Re: QiockTime è una falla vivente
      - Scritto da: pazzesco
      E meno male che quelli della Mela son molto
      meglio di quelli delle finestre.......Beh, dai Mac è una religione, una fede, mica una prassi.Sai cosa succede quando trovano una falla in win? In questo sito partono decine e decine di commenti.Quanti commenti vedi a questa notizia? 5E ho detto tutto
      • rock3r scrive:
        Re: QiockTime è una falla vivente
        è vero, itunes e quicktime sono i peggiori sw mai usciti da casa apple, anche a detta di chi è costratto ad usarli perché possiede un ipod, eppure i mac enthusiast sono fermamente convinti che tutto ciò che esce da cupertino sia oro. conosco gente che è convinta che itunes sia stato il primo player multimediale al mondo, nato persino prima di winamp e wmp (e che questi sono relativamente recenti!), e nemmeno mostrando la cronologia delle date di rilascio sulla wikipedia che mette nero su bianco che è nato nel 2001 (insieme all'ipod, d'altronde) hanno voluto ammettere di essere in torto... c'è gente che trolla senza nemmeno saperlo, e un po' fa tenerezza ma anche fa girare le p...
    • rotfl scrive:
      Re: QiockTime è una falla vivente
      - Scritto da: pazzesco
      Soffre di tutte le vulnerabilità che la mente
      umana possa
      immaginare.
      Le ha fatte tutte sue.
      E meno male che quelli della Mela son molto
      meglio di quelli delle finestre
      .......Quicktime e' un vero aborto... e ho detto tutto...
    • anonimo01 scrive:
      Re: QiockTime è una falla vivente
      bhe, effettivamente fa abbastanza schifo... :$(amiga)(linux)(apple)
Chiudi i commenti