IBM: spot obbligatori nei DVD

IBM: spot obbligatori nei DVD

Un nuovo brevetto BigBlue punta a propinare pubblicità, bloccando la visione di film pur di fornire consigli per gli acquisti. Un modo nuovo per spennare chi compra o noleggia DVD. Per togliere gli spot basta pagare
Un nuovo brevetto BigBlue punta a propinare pubblicità, bloccando la visione di film pur di fornire consigli per gli acquisti. Un modo nuovo per spennare chi compra o noleggia DVD. Per togliere gli spot basta pagare

Il periodo è particolarmente interessante per quel che riguarda i brevetti informatico-multimediali presentati all’ USPTO americano: non bastasse Amazon e la sua temporizzazione delle spedizioni , un nuovo interessante caso si è aperto sul fronte IBM, che ha ben pensato di chiedere l’autorizzazione di infilare la pubblicità obbligatoria nei DVD .

L’applicazione di brevetto numero 20070201829 descrive un “Sistema e metodo per inserire messaggi pubblicitari durante la visione del DVD”, e promette di aprire nuove opportunità di ricavi per Hollywood così come occasioni per gli utenti disponibili a sorbirsi qualche spot in cambio di prezzi più bassi.

Il funzionamento del nuovo sistema ricorda molto da vicino quanto fatto da Philips con un brevetto dell’anno scorso: la visione delle pubblicità diventa obbligatoria durante tutto il corso della pellicola , gli spot possono essere recuperati da un server remoto attraverso la connessione alla Rete oppure dal DVD stesso.

Come sottolinea ars technica , l’idea alla base del sistema potrebbe garantire vantaggi a tutti: gli studios avrebbero trovato il modo di aumentare i ricavi nel mercato dell’home video – dato sempre per moribondo ma che nonostante questo continua a generare profitti stellari – trasformando persino le vecchie pellicole in nuove occasioni di business, mentre i consumatori potrebbero facilmente trovarsi davanti alla possibilità di scegliere tra l’acquisto o il noleggio di un DVD a prezzo pieno o di uno pesantemente scontato – o persino gratuito – dotato di pubblicità.

Un tipo di diffusione dei contenuti che ricorda da vicino iniziative come lo store We7 di Peter Gabriel, su cui è possibile acquistare brani musicali gratuiti contenenti spot pubblicitari “a scomparsa”. E se potrebbe essere difficile integrare la tecnologia spara-spot all’interno del diffusissimo standard DVD, la ancora giovane e claudicante alta definizione, che prevede la disponibilità base di una connessione alla rete per l’aggiornamento del lettore e la fruizione di contenuti interattivi, potrebbe altresì rivelarsi un target altrettanto interessante per Philips.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 27 nov 2007
Link copiato negli appunti