iCloud: autenticazione a due fattori anche su Windows

iCloud: autenticazione a due fattori anche su Windows

Apple ha da poco aggiornato l'utility di iCloud per Windows, è stato integrato il supporto per l'autenticazione a due fattori (2FA).
Apple ha da poco aggiornato l'utility di iCloud per Windows, è stato integrato il supporto per l'autenticazione a due fattori (2FA).

Lo scorso anno, Apple ha aggiornato iCloud per Windows, andando a implementare per la prima volta un gestore di password che consente di completare in automatico le credenziali di login in un browser sui computer basati sul sistema operativo di casa Redmond e di gestire quelle delle app. Adesso l’utility è stata nuovamente sottoposta a un update, integrando il supporto per l’autenticazione a due fattori (2FA).

iCloud: aggiornata l’utility per Windows, supporta l’autenticazione a due fattori

Per chi non ne fosse a conoscenza, un codice di autenticazione a due fattori è un ulteriore livello di sicurezza che può essere richiesto quando si accede a un sito Web o a un’app. Tali codici possono essere generati da gestori di password come 1Password e LastPass, ma grazie al supporto aggiunto su iCloud, gli utenti di iPhone, iPad, Mac e ora pure di Windows non hanno più bisogno di soluzioni di terze parti.

Bisogna però tenere conto di un’importante limitazione su Windows, il gestore di password di iCloud funziona solo con Microsoft Edge e Google Chrome. Ciò significa che gli utenti che preferiscono altri browser devono aprire il gestore di password di casa Apple ogni volta che hanno necessità di generare un codice 2FA con iCloud Keychain.

Da notare che iCloud protegge le informazioni dell’utente con la codifica end-to-end, la quale è capace di garantire il massimo livello di sicurezza dei dati. I dati vengono protetti con una chiave derivata da informazioni uniche del proprio dispositivo e associata al codice del device, che solo l’utente conosce.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: 9to5Mac
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 26 lug 2022
Link copiato negli appunti