ICT, la conferenza di Bologna

Il 28 e 29 giugno una due giorni organizzata dal Comune di Bologna, Eurocities, Engineering e Laboratori Guglielmo Marconi

Bologna – Si terrà il 28 e 29 giugno la conferenza Include, Connect, Keep It Safe – ICT FOR SAFE DIGITAL CITIES , una due giorni voluta dall’assessorato alla Salute e Comunicazione del Comune di Bologna, da Eurocities Società della Conoscenza – Telecites e organizzata in collaborazione con Engineering e Laboratori Guglielmo Marconi, nell’ambito del Forum dedicato alle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione di EUROCITIES, network che riunisce più di 130 importanti città di 30 paesi dell’area Europea.

“Le Tecnologie dell’Informazione e Comunicazione rappresentano un potente strumento per migliorare la sicurezza delle nostre Città – spiega una nota – I servizi e le applicazioni attualmente disponibili possono rendere le Città digitali inclusive, incoraggiando quindi la coesione sociale e rafforzando le basi per la sicurezza. Software all’avanguardia in grado di analizzare automaticamente i flussi video provenienti da reti di telecamere, distribuite su tutta la città usando reti in fibra ottica o reti wireless, sono in grado di garantire un alto livello di sicurezza nei luoghi pubblici. Un approccio sicuro nell’uso delle tecnologie richiede la minimizzazione delle emissioni elettromagnetiche, allo scopo di scongiurare il pericolo di inquinamento elettromagnetico. Per le nostre Città è giunto il momento di agire insieme e affrontare queste sfide con le applicazioni emergenti e un approccio comune in grado di aprire nuove prospettive e rendere le nostre città più sicure”.

La conferenza si articolerà in una sessione plenaria su Tecnologie sicure in città digitali sicure e eServices inclusivi e in workshop tematici paralleli su Sistemi automatici di videosorveglianza , Sicurezza dei campi elettromagnetici e Reti wireless . Si parlerà anche di diritti digitali, banda larga, e-government e altro ancora.

Tutte le info sono sul sito dedicato sul quale sarà anche possibile seguire in diretta i lavori della Conferenza.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pio nono scrive:
    WIMAX
    "Migliorare la qualità delle reti a banda larga - ha affermato Gentiloni - e garantire l'accesso alla banda larga in tutto il Paese, sono tra le nostre sfide. Credo che questo sia l'impegno che, con la regolamentazione, dobbiamo raggiungere. L'Authority è al lavoro"..........allora è semplice assegnate le licenze gratuitamente per il WI-Max ai comuni e alle province senza aste ne c..zzi vari
  • Goretty scrive:
    Come noto il Governo si è impegnato.....
    "Come noto il Governo si è impegnato a portare la banda larga in tutto il paese entro fine legislatura."Ahaha qui mi scappa la risata!!!ho solo voglia di piangere!:(
    • Alessio scrive:
      Re: Come noto il Governo si è impegnato.....
      dicono sempre "ci impegniamo a..."ma perché non dicono mai "e se non manteniamo gli impegni..."?
  • Goretty scrive:
    Parole parole Parole
    "Le parole del Garante hanno incontrato gli applausi del ministro delle TLC Paolo Gentiloni" Ma fammi il piacere Paolo.. Non hai Fatto ancora nulla di buono!!!siamo sempre piu digital divisi.. poi che ne vuoi capire tu di telecomunicazioni..ci farai pagare il wimax caro salatato!Sempre alle solite Parole Parole Parole!
  • frido82 scrive:
    interessi dei cittadini?
    Questa volta non hanno scuse, il wi-max è una tecnologia a buon mercato che potrebbe finalmente segnare la fine del digital divide in Italia.. (e contemporaneamente la fine del penoso monopolio Telecom)C'è una petizione (già citata tra gli articoli di p.i. che ho firmato) nella quale si suggeriscono al ministro Gentiloni delle modifiche alla regolamentazione per l'assegnazione delle frequenze... (ma l'AGCOM da che parte dovrebbe stare? :-( )http://www.petitiononline.com/wmaxfree/petition.htmlFirmatela e fatela firmare il piu' possibile!Spero che ne tengano conto, perchè il wimax puo' essere una soluzione alternativa molto valida!(mi scuso se sono un po' OT rispetto alla notizia.. ma la speranza di vedere adsl ovunque e a buon mercato è più forte della sfiducia che nutro per politici e false autorità garanti).Saluti
Chiudi i commenti