IE8, di default solo per chi vuole

Microsoft sta per rilasciare un aggiornamento che impedirà ad Internet Explorer 8 di installarsi automaticamente come browser di default in modalità di configurazione express. Update in Vista anche per... Windows Update

Roma – Con una mossa tesa ad accontentare le richieste di molti utenti, e magari prevenire quelle dell’Unione Europea, Microsoft ha intenzione di minimizzare le possibilità che Internet Explorer 8 si installi come browser predefinito contro la volontà dell’utente. Oggi questo può accadere piuttosto facilmente, ed il motivo è che nella modalità di configurazione express , pensata soprattutto per gli utenti più pigri o meno smaliziati, IE8 si configura automaticamente come browser di default senza chiedere conferma all’utente.

Grazie a un aggiornamento d’imminente rilascio, anche gli utenti che sceglieranno la modalità di setup express settings e che già utilizzano un browser di terze parti impostato come predefinito, potranno decidere di rendere IE8 il nuovo browser di default o lasciare le cose come stanno. Se l’utente opta per la prima scelta, può anche importare automaticamente in IE8 le impostazioni dell’altro browser (segnalibri, configurazione di rete ecc.).

La modifica interesserà non solo le nuove installazioni di IE8 eseguite sotto Windows Vista o XP, ma anche l’aggiornamento a Windows 7 di una precedente versione di Windows (ovviamente solo nel caso in cui l’utente abbia impostato un browser di terze parti come client web predefinito).

Microsoft ricorda che gli amministratori di sistema possono avvalersi della funzione Set Program Access Defaults per personalizzare l’installazione di IE8, inclusa l’impostazione automatica come browser di default.

BigM ha detto che distribuirà la modifica attraverso Windows Update e la funzione Aggiornamenti automatici di Windows a partire da metà agosto.

Nei giorni scorsi Microsoft ha anche comunicato che, a partire da fine agosto, aggiornerà l’infrastruttura alla base dei suoi servizi Windows Update e Microsoft Update: l’ultimo aggiornamento di questo tipo risale al novembre del 2008. L’azienda sostiene che ci vorranno all’incirca un paio di mesi prima che l’update si propaghi a tutti gli utenti.

La nuova versione di Windows/Microsoft Update promette di migliorare l’interfaccia utente per Windows Vista e Windows Server 2008, “aggiungendo descrizioni degli aggiornamenti più chiare e dettagliate e migliorando il modo in cui i nuovi service pack vengono notificati agli utenti”. Questi miglioramenti si estenderanno anche alla funzione Aggiornamenti automatici di Windows, che come noto poggia sulla stessa infrastruttura tecnologica di Microsoft Update. Per poter continuare ad usufruire di tali servizi sarà necessario installare l’update non appena disponibile.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pabloski scrive:
    secondo me
    i ddos non sono da temere per oralo scopo dei criminali è di far soldi e per far soldi sia internet che la rete mobile devono funzionareil problema piuttosto è che un cellulare presenta problemi riguardo la capacità di diffondere "malattie"pensiamo al bluetooth e al fatto che il nostro cellulare ogni giorno entra "in contatto" con centinaia di altri cellularie i computer? il bluetooth è usato anche lì e come se non bastasse la mania del wifi su pc e cellulari si sta rivelando pericolosail passaggio da cellulare a pc/server è una possibilità molto seria e si riuscirebbe a raggiungere computer che per ovvi motivi sono protetti da infrastrutture a prova di hacker
    • Utente 77 scrive:
      Re: secondo me
      - Scritto da: pabloski
      i ddos non sono da temere per oraPer quanto riguarda l'Italia, credo di sì. Visto che il numero di cellulari sul territorio Italiano è inversamente proporzionale al livello medio di conoscenza informatica dell'Italiano medio, questo virus potrebbe tranquillamente colpire più della metà dei telefonini del nostro paese.Sono convinto, magari a torto, che il nostro paese sia una bomba ad orologeria :|
Chiudi i commenti