Il DRM di Apple? Una scelta sbagliata

Lo sostiene il CEO di RealNetworks, Rob Glaser. L'unica alternativa alla non-interoperabilità del DRM FairPlay, dice il celebre manager, è rubare: scaricare musica abusivamente. Occhi aperti sulla Francia

Londra – In un’intervista dai toni forti apparsa sul The Guardian britannico, il CEO di RealNetworks Rob Glaser è partito all’assalto di Apple e dell’impero costruito da Steve Jobs grazie all’accoppiata iPod ed iTunes , che poggia sul sistema DRM proprietario chiamato “FairPlay”.

Secondo Glaser, l’industria discografica ha fatto un gravissimo errore quando ha permesso ad Apple di “creare lettori multimediali che non sono interoperabili”. Le canzoni protette da FairPlay, infatti, sono compatibili soltanto con gli apparecchi della serie iPod e con l’omonimo lettore software distribuito da Apple.

“Se si desidera musica interoperabile, al giorno d’oggi”, ha detto Glaser, “l’unica opzione agli iPod non-interoperabili prodotti da Apple ha un nome molto semplice: pirateria”. Il CEO di RealNetworks, l’azienda che produce il lettore multimediale RealOne ed ha inventato i formati compressi RealMedia, ha specificato che “il numero medio di canzoni acquistate legittimamente dai possessori di iPod è 25”.

Il manager Real La capacità di immagazzinamento dati di un iPod è pari a svariati gigabyte: “Ne consegue che più della metà della musica sugli iPod è ottenuta da reti peer-to-peer in modo illegale, oppure copiando i CD degli amici e dei conoscenti”, insinua Glaser. “Apple sta utilizzando la non interoperabilità degli iPod nel tentativo di aumentare il volume di vendita dei computer Macintosh e, più genericamente, delle tracce musicali”, conclude. Vista la mole di canzoni vendute da Apple, detentore di quasi il 75% del mercato della musica digitale, il ragionamento del CEO di RealNetworks porta ad una constatazione conseguente: la pirateria, grazie alle particolarità del formato FairPlay, sarebbe destinata ad aumentare.

Ma questo è l’esatto contrario di quanto sostengono i portavoce della Mela , convinti che qualsiasi assalto al DRM FairPlay in nome dell’apertura dei mercati o dell’interoperabilità equivalga matematicamente al reato di favoreggiamento della pirateria multimediale. La posizione inossidabile dell’azienda fondata da Wozniack e Jobs, per il momento, sembra avere un ottimo effetto deterrente su quegli stati dove la questione dei DRM è particolarmente malvista, a partire da Francia e Danimarca.

A brevissima distanza dalla piccola rivoluzione francese , che costringerebbe Apple ad aprire i lucchetti dei sistemi DRM usati in Francia, a Parigi è infatti spuntata l’ipotesi di una agenzia speciale che regoli l’ uso limitato di DRM “blindati” diffusi nell’industria multimediale.

In un articolo pubblicato da BusinessWeek , risulta che il senato francese è già al lavoro per la creazione di una “SIAE dei DRM”. Se la proposta dovesse passare, la situazione in Francia diventerebbe meno insostenibile per la Mela, attualmente costretta ad aprire il codice di FairPlay: l’agenzia dei DRM valuterà caso per caso la liceità dell’uso di questi lucchetti digitali.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Le firme non hanno valore legale
    Molte firme sono senza cognome. Inoltre si può firmare più volte.http://attivissimo.blogspot.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: Le firme non hanno valore legale
      - Scritto da:
      Molte firme sono senza cognome. Inoltre si può
      firmare più
      volte.Ovvio, come tutte le petizioni web. Questo non cambia di un'h la cosa sul piano politico
  • Anonimo scrive:
    la tassa di concessione governativa:
    lo dice il nome stesso, è una tassa o imposta, e lo si capisce chiaramente dal fatto che non è detraibile, dunque è come il bollo dell'automezzo.qualcuno, anzi molti, hanno fatto molta confusione perchè, essendo una tassa, i gestori non prendono un bel niente, se poi si osserva il caso wind... enel vi dice niente? era solo un bonus deciso a tavolino per far proliferare quel mega-investimento di nome wind.dunque.. se la tassa di concessione dovesse essere abbrogata, non credo che le telco si indignino, anzi farebbero l'esatto opposto, facendo credere di essere sempre state dalla parte dei consumatori, per poi essere smentite dai prezzi che skype-italia propone alla propria clientela, cioè una sciocchezza, anche telefonando in autralia, ma questo è un'altro discorso.
  • Anonimo scrive:
    [OT] Notizia: SkypeOut ora gratuito!
    L'annuncio è arrivato oggi sul blog di Skype!SkypeOut è ora gratuito per USA e Canada!!!!In pratica chi vive in USA o Canada può chiamare tutti i telefoni fissi in USA o Canada senza pagare nulla.http://share.skype.com/sites/en/2006/05/free_calls_to_all_landlines_an.htmlSkype con questa mossa ha segnato definitivamente la sua vittoria nel settore VoIP (anche se con 160 milioni di utenti ha già vinto). Speriamo che facciano la stessa cosa per l'italia, così mandiamo a quel paese il tronchetto!
  • Anonimo scrive:
    il sito chiede soldi?
    perche' il sito in oggetto chiede soldi tramite paypal?
    • Anonimo scrive:
      Re: il sito chiede soldi?
      - Scritto da:
      perche' il sito in oggetto chiede soldi tramite
      paypal?Leggere ?TOTALE DA RACCOGLIERE: 250,00 EURO (155 EURO PACCO CELERE INTERNAZIONALE + 100 EURO STAMPA CIRCA 3.000 PAGINE)
  • Anonimo scrive:
    Garante dove sei ?
    Al di là di come evolverà la vicenda , mi chiedo : ma esiste un Garante che tuteli noi consumatori , quasi mi viene da dire poveri idioti , da questi continui ladrocini che vengono perpetrati a nostro danno ? In un'epoca in cui si aprono le inchieste più disparate , ultima bomba è quella sul calcio nostrano , possibile che non ci sia un magistrato che faccia le pulci a queste aziende ? I casi a questo punto sono due : o i nostri magistrati hanno paura di "bruciarsi" oppure la filiera del potere trae "linfa" vitale da questi colossi . Nel qual caso a dirla come i film trash degli anni 70 "sono augelli senza zucchero" . :@ :@ :@
  • Anonimo scrive:
    Tassa di Concessione Governativa
    E quest'altra amenità?Presente solo per i possessori di abbonamento.Perchè le ricaricabili non l'hanno?O meglio.Perchè l'abbonamenti ce l'hanno?
    • TaGoH scrive:
      Re: Tassa di Concessione Governativa
      Xche lo spettro è pubblico, e quindi devi avere una concessione, come per lo sfruttamento di tutti i beni pubblici :)E perchè il nostro bilancio è sempre in profondo rosso :)Le ricariche non lo hanno xche se le sobbarca l'operatore :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Tassa di Concessione Governativa
        A leggere i tuoi interventi sembra quasi che le Telco siano associazioni senza fini di lucro . Invece a me risulta che siano Spa , quotate in borsa , e con tanto di CDA . E se ci va bene si comportano onestamente , altrimenti ci fanno il c..o quadrato . :@ . Per quanto riguarda lo sfruttamento della spettro lo pagano indipendentemente dal numero degli abbonati , e dal tipo di profilo tarrifario , sia esso un abbonamento o un ricaricabile .
  • Anonimo scrive:
    Costo fisso di ricarica = una truffa
    Il costo fisso per la ricarica non ha motivo di esistere in quanto NON è un servizio ma una maggiorazione del prezzo della ricarica.- con 10 di ricarica il servizio costa 2, ben il 20% regalato al gestore - con 50 di ricarica il servizio costa 5, equivalente al 10% regalato al gestore- con 100 di ricarica il servizio costa 5, pari al 5% regalato al gestoreSe veramente fosse un costo per un effettivo servizio compiuto dagli operatori della telefonia a questo punto la Vodafone dovrebbero spiegarci il perchè varia così tanto in funzione del taglio della ricarica.E' chiaro che si vuole tartassare chi usa i tagli di ricarica + piccoli, e cioè della stragrande maggioranza degli adolescenti che usano il cellulare in maniera spasmodica ai danni dei portafogli di mammà e papà!
    • TaGoH scrive:
      Re: Costo fisso di ricarica = una truffa
      - Scritto da:
      - con XX di ricarica il servizio costa Y, ben
      il ZZ% regalato al gestoreDimentichi la piccola, ma pur sempre esistente parte per il rivenditore (intorno ai 0.5 per una ricarica da 10)
      a questo punto la Vodafone dovrebbero spiegarci
      il perchè varia così tanto in funzione del
      taglio della ricarica.Perchè mettere una quota fissa per esempio di 5.16 per ogni ricarica indipendentemente da il taglio (per inciso 5.16 è la tassa di concessione governativa) la gente si sarebbe adirata :)
      E' chiaro che si vuole tartassare chi usa i tagli di ricarica + piccoliA me sembra che chiedere 5.16 per una ricarica da 10 era peggio... ma sarà...
      maggioranza degli adolescenti che usano il
      cellulare in maniera spasmodica ai danni dei
      portafogli di mammà e
      papà!degli adolescenti che non sanno pianificare le loro spese :)I genitori comperano tagli piccoli non xche non abbiano soldi, ma xche i figli non sono in grado di farli durare :)Ma questa però obbiettivamente non è una colpa di Vodafone, Tre, TIM o Wind..
      • Anonimo scrive:
        Re: Costo fisso di ricarica = una truffa
        Una volta il costo di ricarica Omnitel era 5000 lire adesso 5 euro ovvero quasi 10000 lire. Che dire? CHE SONO UN BRANCO DI LADRI ,NON HANNO RISPETTATO NEANCHE IL CAMBIO LIRA-EURO!!!
  • Anonimo scrive:
    Tariffe di ricarica+attivazione servizi
    La petizione per la abbolizione dei costi di ricarica è giustissima ma, come molti hanno fatto notare, i mancati introiti verrano compensati da aumeti di tariffe.Negli ultimi anni non c'è alcuna concorrenza vera tra le tariffe praticate.Io ho una tariffa sul mio cellulare che risale a 2000 (anno in cui ho acquistato il mio primo cellulare). Se dovessi sottoscrivere ora un piano telefonico con il mio gestore, avrei solo da parderci.Gli operatori ormai puntano sul fare chiamare i propri clienti fra di loro così da non "passare risorse" alla concorrenza (una parte del costo delle chiamate va al gestore dell'utente che la riceve).In più c'è Wind che ha dato il via al rialzo dei "costi per attivazione delle promozioni".Avete notato che negli ultimi 3 anni ogni volta che parte una delle belle offerte "summer card" Sms card" e così via, i costi di attivazione sono sempre più elevati (si è partiti da un costo di 3 per arrivare ormai agli 8-9...follia pura).I costi di ricarica sono nati come "compensazione" della tassa di concessione sui cellulari.E' stata introdotta quando ancora c'erano i TACS. Poi sono venute fuori le ricaricabili. Siccome chi ha l'abbonamento paga la tassa...anche chi ha la ricaricabile deve pagarla. Morale: costi di ricarica da pagare insieme al traffico.Di questo però si è abusato...ed ora la gente è stufa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tariffe di ricarica+attivazione serv
      - Scritto da:

      I costi di ricarica sono nati come
      "compensazione" della tassa di concessione sui
      cellulari.
      E' stata introdotta quando ancora c'erano i TACS.
      Poi sono venute fuori le ricaricabili. Siccome
      chi ha l'abbonamento paga la tassa...anche chi ha
      la ricaricabile deve pagarla. Non ho idea di come funzioni realmente, ma la Tassa di Concessione non se la prende in toto lo Stato piuttosto che la TelCo?
      • TaGoH scrive:
        Re: Tariffe di ricarica+attivazione serv
        - Scritto da:
        Non ho idea di come funzioni realmente, ma la
        Tassa di Concessione non se la prende in toto lo
        Stato piuttosto che la TelCo?Si :)Ma non dirlo a nessuno ;)ps, la Teleco ci guadagna quando tu fai + ricarich e in un mese :)Perchè paghi + volte questo surplus...Quindi cerca di fare il numero minimo di ricariche :) magari da 100 e non da 10 :)(ovviamente se li spendi in un anno 100,se ne spendi 10 in un anno falla da 10 ovviamente ;) )
    • Anonimo scrive:
      Re: Tariffe di ricarica+attivazione serv
      una domanda mi sorge spontanea: allora perchè all'estero i costi aggiuntivi sulla ricarica non esistono?
  • Anonimo scrive:
    all'estero...
    potrebbero rittoccare verso l'alto le tariffe, ma almeno sarebbero tariffe trasparenti. in nessuno dei paesi in cui ho vissuto ci sono costi di ricarica!(cioé svizzera, portogallo, indonesia e mozambico)non si capisce perché gli italiani si debbano far fregare cosi'. ciaoG.
    • TaGoH scrive:
      Re: all'estero...
      Ci puoi fornire + dettagli dei sistemi legislativi sulle telecomunicazioni in Svizzera Portogallo indonesia e mozambico?Esiste la tassa di concessione governativa li?
  • Anonimo scrive:
    Vofafone Ireralnd
    www.vodafone.iese ricarichi 20 ti regalano il 20%...ah dimentocavo in irlanda il costi di ricarica non e' mai esistito...penso funzioni cosi' anche in UK
    • Anonimo scrive:
      Re: Vofafone Ireralnd
      I costi di ricarica non sono altro che la tassa di concessione governativa che chi ha l'abbonamento paga in bolletta.E' questo che risponderanno gli operatori mobili alla UE. Alla faccia della petizione! (purtroppo)
      • Anonimo scrive:
        Re: Vofafone Ireralnd
        - Scritto da:
        I costi di ricarica non sono altro che la tassa
        di concessione governativa che chi ha
        l'abbonamento paga in
        bolletta.

        E' questo che risponderanno gli operatori mobili
        alla UE. Alla faccia della petizione!
        (purtroppo)non hai capito un c....!allora perchè è differente per chi ricarica da 10 euro rispetto a chi ricarica da 25 in su?
        • Anonimo scrive:
          Re: Vofafone Ireralnd
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          I costi di ricarica non sono altro che la tassa

          di concessione governativa che chi ha

          l'abbonamento paga in

          bolletta.



          E' questo che risponderanno gli operatori mobili

          alla UE. Alla faccia della petizione!

          (purtroppo)


          non hai capito un c....!
          allora perchè è differente per chi ricarica da 10
          euro rispetto a chi ricarica da 25 in
          su?appunto, la tassa governativa la pagano tutti, anzi, per chi è abbonato le cose sono sicuramente più trasparenti perchè il valore da versare ogni bimestre è noto, mentre per chi ha una ricaricabile no!sono anni che ho l'abbonamento e so per certo che chi ha la ricaricabile è sempre a 90°, nel senso che, pur di risparmiare, fa di tutto per contenere la spesa della ricarica, e se provo a dire a qualcuno che l'abbonamento, in fin dei conti, è uno dei tanti modi per risparmiare... àò! n'altro pò mi mandano a prendere dall'inquisizione!!!perchè i gestori hanno pubblicizzato per tanto tempo le ricaricabili?no no! la gente non deve capire, la gente deve spendere a più non posso, ed in fondo è quello che la stessa gente (che non sa contare)si merita.saluti!
  • Anonimo scrive:
    taglio delle ricariche
    a) prendere un taglio piu' grosso in modo da ammortizzare il costo di ricarica (tanto i soldi li spendete lo stesso, inutile prenderci in giro) b) fatevi l'abbonamento (come? non volete pagare la concessione governativa.. beh, fate una petizione.. ihihih ) :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Costi di ricarica, vola la petizione
    I referendum per l'abolizione delle tasse sono vietati in Italia, da Carta Costituzionale... :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Costi di ricarica, vola la petizione
    (troll)Pagare il costo della ricarica e' un vero e' prorio furto soprattutto per alcuni gestori di telefonia....un saluto Dody(troll1)
  • Anonimo scrive:
    Re: Costi di ricarica, vola la petizione
    Non sono assolutamente daccordo con i costi di ricarica per i cellulari. E' un furto!!!
  • carobeppe scrive:
    PER LA REDAZIONE
    Levate pure il "quasi" da tutto l'articolo...
    • Anonimo scrive:
      Re: PER LA REDAZIONE
      - Scritto da: carobeppe
      Levate pure il "quasi" da tutto l'articolo...Bellissimo... per vedere il numero progressivo aumentare di 1 unità, aggiorna continuamente la pagina! :)
  • Anonimo scrive:
    La legge del mercato
    Più è alta la domanda più sale il prezzo.Se in Italia la richiesta di telefonia mobile è così elevata è ovvio che i prezzi vadano alle stelle.Sta a noi darci una calmata, meno telefonini, meno chiamate, meno servizi inutili, meno consumismo ignorante, vuoto e privo di senso.Oltre ad un paragone sui prezzi, occorre vedere anche un paragone sull'utilizzo. Le due cose vanno di pari passo.
    • Anonimo scrive:
      Re: La legge del mercato
      Si vede che di economia non ne capisci un bel tubo . Il tuo paradigma è : maggiori volumi corrispondono ad un prezzo maggiore . Domandati invece cosa accadrebbe , per ipotesi , se ci fossero solo due utenti che hanno un cellulare e che si telefonano tra di loro : quanto credi che gli costerebbe una telefonata a questi due signori ? 1 cent al minuto o 20 euro al minuto ? E' grazie alla diffusione della telefonia mobile che le tariffe sono state ritoccate al ribasso in questi anni . Comunque questo niente ha che vedere con il FURTO dei costi di ricarica , che è tutto grasso che cola nelle tasche dei membri del CDA delle TLC .
      • TaGoH scrive:
        Re: La legge del mercato
        L'economia dice anche che i clienti dovrebbero fare l'MNP verso gli operatori che forniscono la possibilità di avere ricariche senza costo(wind sopra 60 e tre sopra 90)ma questo non avviene...perchè la gente si lamenta ma non lo fa :)ps se pensate che tre o wind ha costi superiori ricordatevi, che non pagate questi prezzi :)se ancora sono + sfavorevoli per il vostro tipo di utilizzo... che vi lamentate? :D
  • Anonimo scrive:
    Trasparenza tariffe
    A me del costo di ricrica in se importa relativamente, tanto se tolgono quello poi alzano le tariffe.Però mi farebbe piacere ci fosse più chiarezza nelle tariffe, allora in quell'ottica, aboliti i costi di ricarica e obbligando le compagnie ad indicare le tariffe tutti alla stessa maniera (toc centesimi al minuto) la gente capirebbe meglio.Stesso dicasi per la teloefonia fissa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Trasparenza tariffe
      - Scritto da:
      Però mi farebbe piacere ci fosse più chiarezza
      nelle tariffe, allora in quell'ottica, aboliti i
      costi di ricarica e obbligando le compagnie ad
      indicare le tariffe tutti alla stessa maniera
      (toc centesimi al minuto) la gente capirebbe
      meglio.
      Stesso dicasi per la teloefonia fissa.Straquoto.Le campagne pubblicitare di questi signori della telefonia mobile sono qualcosa di allucinante, condotte al limite della pubblicità ingannevole e MAI CHIARE nei confronti dei consumatori.Un esempio? Quando Vodafone per la sua pubblicità dice "la ricaricabile costa la metà" quanti capiscono che si tratta della sola scheda sim per le nuove attivazioni e NON della scheda ricaricabile che si acquista dal tabaccaio?E quanti di voi hanno abboccato alle presunte fantomatiche ricariche da 300 per passare all'umts di tim?Contro questo malcostume dovremmo batterci seriamente, punendo innanzitutto chi fa della pubblicità uno strumento per DISINFORMARE e far credere lucciole per lanterne e scegliendo il gestore che ci sembra + serio rispetto agli altri.
  • m00f scrive:
    Dopo il pallone il telefonino
    Gli italiani vivono di poco:- Calcio: abbonamenti tv, decoder, abbonamenti per lo stadio, biglietti d'ingresso, magliette dei calciatori, sporsorizzazioni, trasmissioni sportive, arbitri, presidenti.- Telefonia mobile: pubblicità, modelle straniere, una media di 2 cellulari per abitante, offerte promozionali, sms, mms, videochiamate (il 90% delle volte la qualità dell'immagina è talmente scarsa da far vergogna ad un video realplayer a 16Kbps)- Politica: tutti ne parlano, nessuno capisce quel che dicono gli altri, tutti si schierano con il vincitore, associazioni a deliquere legalizzate dagli stessi deliquenti, politici che rubano e non vanno in galera perchè "anziani", pensionati che non possono pagare le tasse vanno in galera anche se anziani.- Chat: gli italiani stanno scoprendo le chat, il 95% delle volte è per sesso, il restante è per noia.- Lavoro: non ce n'è per nessuno, se lo trovi è per qualche settimana, al massimo qualche mese. Mal rettribuito, con nessuna possibilità di crescita e nessun contributo. Appena ti assenti per malattia vieni rimpiazzato da uno nuovo, e tu devi cercare un altro lavoro, in nero ovviamente.
  • Anonimo scrive:
    Sostanzialmente inutile
    Poiché sono anonimo, per riconoscermi sono "Ippi", ok?Temo che questa crociata serva a poco e mi spiego.La società fa i conti: costi tot, entrate tot.I conti devono comunque tornare (salvo la questione vera che limita i prezzi, che è la CONCORRENZA, tutto il resto è noia...).Nelle entrate attualmente hanno i costi di ricarica. Se li tolgono, dovranno rifarsi sulle tariffe. Non è detto che le aumentino, semplicemente non le diminuiranno...Mi ricorda un'altra (a mio parere) inutile crociata, quella sul coperto dei ristoranti.Inutile ed a mio parere anche illogica (mi riferisco al coperto di costo "fisso", non quello a percentuale). In queste cose occorre mettersi anche nei panni della controparte (IO NON sono un ristoratore):1) per il ristorante, il coperto è comunque un'entrata, dunque vedi sopra;2) nel caso specifico poi, il coperto va a coprire il costo "fisso" che è la tovaglietta, le posate, il tavolo ed il servizio, che è presente tanto se chi mangia prende solo un primo, quanto se invece si fa fuori tutto il menù. E' una specie di incentivo/premio per chi mangia/spende di più. Dov'è il problema?Lo so che "all'estero non c'è", ma se tolgono il coperto, ma aumentano i prezzi (infatti) dov'è il vantaggio?Del resto, quando fate la raccolta punti il regalo è ovviamente più grande quanto più è la spesa che avete fatto. Dunque il problema in realtà è falso.I problemi sono altri, ad esempio quello dei Call Center "muro di gomma" (non colpa degli addetti, sia chiaro) che quando ti succede un problema reale si rischia di tenerselo per mesi od anni, o quello della pubblicità ingannevole (con le multe ridicole e soprattutto il non utilizzo del deterrente "logico" e cioè: chi fa pubblicità ingannevole poi deve fare la smentita sugli stessi mezzi ed ampiezza con cui ha fatto la pubblicità. State tranquilli che la farebbero finita con le lozioni per la ricrescita dei capelli...). SalutiAnche vietare le trasmissioni TV sul Lotto con le telefonate a pagamento non sarebbe male... E' pazzesco andare a vedere quanto fatturano queste fabbriche dei sogni. Poi ci si lamenta che gli italiani abboccano, senza avere senso critico.
    • gerry scrive:
      Re: Sostanzialmente inutile
      - Scritto da:
      I conti devono comunque tornare (salvo la
      questione vera che limita i prezzi, che è la
      CONCORRENZA, tutto il resto è
      noia...).
      Nelle entrate attualmente hanno i costi di
      ricarica. Se li tolgono, dovranno rifarsi sulle
      tariffe. Non è detto che le aumentino,
      semplicemente non le
      diminuiranno...Il vantaggio è che i conti li pagerà chi telefona di più, in proporzione.Non tutti indiscriminatamente come adesso.Io telefono pochissimo, e questa per me è una gabella iniqua.Ben venga la ripartizione sulle tariffe, che almeno è onesta!
      • Anonimo scrive:
        Re: Sostanzialmente inutile

        Il vantaggio è che i conti li pagerà chi telefona
        di più, in
        proporzione.
        Non tutti indiscriminatamente come adesso.è vero fino a un certo punto se ci pensi chi fa più telefonate paga più ricariche. E se fa ricariche più grosse è some se avesse uno sconto per i consumi maggiori, normale in molti servizi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sostanzialmente inutile
          - Scritto da:

          Il vantaggio è che i conti li pagerà chi
          telefona

          di più, in

          proporzione.

          Non tutti indiscriminatamente come adesso.
          è vero fino a un certo punto se ci pensi chi fa
          più telefonate paga più ricariche. E se fa
          ricariche più grosse è some se avesse uno sconto
          per i consumi maggiori, normale in molti
          servizi.da "Ippi": esatto. Entrambe le osservazioni hanno il loro fondamento, ma la seconda la condivido di più.Guardate che il gioco cambia in base alle regole. Non è detto che togliendo il costo di ricarica tutto il resto rimane invariato. Cambiando le regole, le società dovranno adeguarsi perché ovvio il loro interesse è soprattutto quello di tenere gli utenti più "spendaccioni". Dunque se adesso chi ricarica di più ha uno "sconto" perché il costo di ricarica è (in proporzione) minore, poi si ricorrerà magari allo sconto in base al consumo.E' del tutto inutile voler andare contro le leggi del mercato. Ricordo tempo fa i "single" (come me) protestavano perché le monoporzioni costano di più delle confezioni familiari.Ma è del tutto logico. Ciao
    • entromezzanotte scrive:
      Re: Sostanzialmente inutile
      Anche se l'ho firmata (perché ovviamente verrebbe a mio vantaggio) ne confermo la totale inutilità.Non sono un economista ma dopo dopo avere partecipato alla stesura dei listini prezzi alcune piccole aziende ho capito bene una cosa: viviamo in un sistema di libero mercato, dove il prezzo non può essere deciso da un'ente nazionale o europeo, se non in casi particolari come in situazione di monopolio (Telecom Italia) o beni di prima necessità (ma attenzione... il prezzo "statale" sul pane è comunque stato eliminato qualche anno fa!!!).Il prezzo lo decide l'azienda, in base appunto a qualche decina di parametri: listino della concorrenza (quello che viene anche chiamato "mercato"), costi/spese, rispetto delle normative vigenti ma anche costi creati dal rispetto delle normative, ...), tenendo sempre bene in mente che l'obiettivo è sempre e solo assolutamente uno: massimizzare i ricavi.In questa prospettiva, come può un governo intervenire sui prezzi degli operatori telefonici ? Non può. E lo avete visto benissimo con l'entrata in vigore dell'euro. I cardini "sacri" del libero mercato sono anche questi.Dall'altra parte c'è il cliente. Cosa vuole il cliente ? Pagare il meno possibile e avere un buon prodotto/servizio.E in quest'ottica, non sembra un po' troppo banale e con risposta scontata chiedere ad un cliende "vuoi pagare meno" ?Insomma... inutile o quasi. Forse, come conclude l'articolo di PI, potrebbe servire a rendere più chiare le tariffe, spostando i costi di ricarica sui costi della telefonata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sostanzialmente inutile
      Chiaro ...E' solo una questione di correttezza.Io sono d'accordo a eliminare i costi di ricarica e reinserirli nelle tariffe telefoniche.La situazione non cambia. ma c'è piu' chiarezza.Inoltre i costi di ricarica non sono come il coperto di un ristorante perche si pagano in base alla "grandezza" della ricarica.(se faccio una ricarica da 10 euro ho 8 euro di traffico). I costi non sono fissi come il coperto. indipendentemente dall'entità della ricarica.E' palese che questi costi di ricarica falsano il piano tariffario. Sono dei costi nascosti
  • Anonimo scrive:
    Volete burro o cannoni?
    Stupirsi dell'alto numero dei firmatari della petizione sull'abolizione dei costi di ricarica mi pare ingenuo. Se si facesse una petizione per abolire il canone rai i firmatari sarebbero certamente milioni. E allora? E chi non vorrebbe non pagare una tassa particolarmente odiosa?I cosiddetti "costi di ricarica" sono solo la punta di un iceberg di un sistema malato, in cui la vera concorrenza non esiste e dove vige un ferreo accordo di cartello tra gestori. Ma questi, se non erro, sono CONCESSIONARI di un bene pubblico come le frequenze radio: la domanda vera quindi dovrebbe essere "ma che cazzo fa lo Stato, o meglio la cosiddetta Authority"?Che si debba svegliare un pinco pallino qualsiasi (con tutto il rispetto) a sollevare la questione è semplicemente ridicolo. E' il segno che le nostre authority non funzionano, sono dei carrozzoni in cui si dorme dalla grossa. E non solo nel campo della telefonia mobile, gli esempi potrebbero essere migliaia: benzina, luce, acqua, gas, trasporti, tutti monopoli "privatizzati" a danno del popolo bue.http://aghost.wordpress.com/
  • Anonimo scrive:
    STOP PER 7 GIORNI
    SPEGNIAMO I CELLULARI PER 7 giorni!7 giorni senza dover sentire suonerie odiose7 giorni senza dover pigiare tasti per gli sms7 giorni senza dover pagare per servizi gratuti per natura7 giorni per parlare finalmente e far ascoltare la nostra voce a chi siede troppo in alto.
    • Anonimo scrive:
      Re: STOP PER 7 GIORNI
      - Scritto da:
      SPEGNIAMO I CELLULARI PER 7 giorni!Si vede che tu non ci lavori: fai pure, nessuno te lo impedisce, ma io non potrei farlo senza compromettere il mio lavoro, e come me tanti altri. Va da se che per questo motivo si tratta di una misura difficile da attuare in quantità significativa, più o meno come la famosa proposta di comprare benzina a periodi da un produttore o dall'altro: a livello di idea gira e rigira in continuazione, ma nessuno è mai riuscito a metterla in pratica e ottenere un effetto avvertibile.
      • carobeppe scrive:
        Re: STOP PER 7 GIORNI
        Secondo me la sua idea è rivolta più che altro a chi usa il cellulare come strumento per il cazzeggio, cioè proprio quelli che stanno dietro a quelle cacchio di promozioni, messaggini gratis, videochiavate, mms al cioccolato e via dicendo. Chi usa uno strumento per lavoro è ovvio che non può aderire. Personalmente ho lo stesso numero da 7 anni, con lo stesso piano tariffario senza mai aver attivato un'opzione. Ho una tariffa stile attira clienti della wind (erano i primissimi tempi che c'era la wind) e me la tengo stretta, uso il telefono per telefonare (strano ai nostri tempi), non per lavoro ma nemmeno per telefonate stile "oh, ciao, che mi racconti?"
      • pKrime scrive:
        [OT?] Re: Benzina da uno solo!

        Va da se che per questo motivo si tratta
        di una misura difficile da attuare in quantità
        significativa, più o meno come la famosa proposta
        di comprare benzina a periodi da un produttore o
        dall'altro: a livello di idea gira e rigira in
        continuazione, ma nessuno è mai riuscito a
        metterla in pratica e ottenere un effetto
        avvertibile.Questa storia della benzina era fattibilissima, ma purtroppo assolutamente priva di fondamento, non credetici perchè dietro un ragionamento apparentemente lineare nasconde errori di fondo così impressionanti che mi fanno pensare a una burla.E' stato ancora più penoso vedere che molti miei compagni di corso ci credevano, poichè studio economia!Comunque una buona trattazione di quella storiella la trovate quihttp://www.attivissimo.net/antibufala/caro_benzina/caro_benzina.htm
  • Anonimo scrive:
    Re: Costi di ricarica, vola la petizione
    ma perche nn vi fate wind che le ricariche da 60 euro in su nn hanno costi di ricarica? :sse tutti iniziassero a comprare solo ricariche che nn hanno costi di ricarica... allora si che qualcosa cambierebbe... altro che con una petizione su petitiononline... ma cerchiamo di essere seri
    • Funz scrive:
      Re: Costi di ricarica, vola la petizione
      - Scritto da:
      ma perche nn vi fate wind che le ricariche da 60
      euro in su nn hanno costi di ricarica?
      :sE io che quest'anno ho dovuto fare la ricarica di 10 Euro perche' stava scadendo l'anno dall'ultima ricarica di 25 Euro (ed avevo ancora parte del credito...)Avevo fatto il passaggio a Wind, uno dei primi a fare la number portability, proprio perche' non c'erano i "costi di ricarica"; neanche il tempo di farne una e 'sti s****i ce li hanno infilati pure loro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Costi di ricarica, vola la petizione

      se tutti iniziassero a comprare solo ricariche
      che nn hanno costi di ricarica... allora si che
      qualcosa cambierebbe... altro che con una
      petizione su petitiononline... ma cerchiamo di
      essere
      seriwind all'inizio aveva non aveva alcuna ricarica. man mano che ha aumentato i clienti, ha infilato anche i costi di ricarica. il tuo ragionamento purtroppo non funziona. secondo me l'unica pressione utile per eliminare questo abuso non puo' venire dal basso, ma dall'alto, a livello istituzionale
  • Anonimo scrive:
    Re: Costi di ricarica, vola la petizione
    La petizione è una mezza bufala, i costi di ricarica esistono anche all'estero e l'Unione Europa NON ha aperto alcuna inchiesta.Per chi vuole saperne di più:http://www.maxkava.com/2006/05/abolizione-dei-costi-di-ricarica-e.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Costi di ricarica, vola la petizione
      - Scritto da:
      La petizione è una mezza bufala, ...
      Per chi vuole saperne di più:
      http://www.maxkava.com/2006/05/abolizione-dei-costcito dal tuo link :"- l'Unione Europa non si è mobilitata, semplicemente come sempre accade se un cittadino scrive, l'UE risponde con una lettera di cortesia personalizzata (a me è capitato diverse volte di riceere "Grazie chiederemo maggiori info alle Autorità italiane ecc ecc) "DIVERSE VOLTE???? ma questo ogni tanto non sà che fare e scrive all'UE???
      • Anonimo scrive:
        Re: Costi di ricarica, vola la petizione

        DIVERSE VOLTE???? ma questo ogni tanto non sà che
        fare e scrive
        all'UE???Avra' anche lui raccolto 200 000 firme probabilmente su qualcosa no?
  • Gusbertone scrive:
    il popolino italiota
    ... sa solo muoversi per firmare queste petizioni, che tristezza
    • Anonimo scrive:
      Re: il popolino italiota
      ti garba generalizzare eh..e purtroppo devo darti anche ragione..
      • Anonimo scrive:
        Re: il popolino italiota
        Se il popolino italiota come lo definisci tu , e di cui anche tu , mi pare di capire , fai parte , non si muove per queste "piccole" questioni come vuoi che si muova per questioni più grandi ? Questa è un'estorsione bella e buona !! E il popolino italiota vuole esercitare il suo diritto di protesta . O deve essere taglieggiato dalla prepotenza delle TeLCo ? Poi mi piacerebbe sentire il tuo parere al riguardo . Illuminaci . :D
        • Gusbertone scrive:
          Re: il popolino italiota
          ti dò perfettamente ragione, il mio commento era qualunquista e su questo non ci piove... ma la verità è che il popolino si muove solo per questioni dove viene toccato "nell'intimo": il telefono cellulare è una di queste. Una maggiore consapevolezza di certo non passa attraverso queste stronzate. Questa è una petizione per adolescenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: il popolino italiota
            Di nuovo: proponi tu qualcosa di serio e fatti sentire, comincia ad organizzarti e scendi in piazza.O sei solo bravo a piagnucolare?
    • Anonimo scrive:
      Re: il popolino italiota
      - Scritto da: Gusbertone
      ... sa solo muoversi per firmare queste
      petizioni, che
      tristezzadovresti dire pero' cosa faresti tu .
  • Anonimo scrive:
    Senza costi di ricarica,come camperanno?
    Come camperanno i poveri operatori mobili Italiani?Come faranno senza i costi di ricarica (VODAFONE RICARICA 3 EURO 1 di ricarica 2 di traffico!!! SCANDALOSO!) i poveri gestori ad offrirci quelle favolose offerte di SMS gratuiti estivi o natalizi o telefonate gratuite GRATIS CHIAMA GRATIS (con ovviamente una decina di clausole capestro a caratteri microscopici!)?Come faranno ad offrirci i servizi a banda larga UMTS con tariffazione a TRAFFICO e le mitiche VIDEOTELEFONATE???Come faranno i nostri disgraziati operatori a pagare le MOSTRUOSE SPESE PUBBLICITARIE e le FATTURE DELLE ESOSE MODELLE STRAPAGATE che tappezzano le nostre citta' e inondano le nostre televisioni????Insomma non possiamo togliergli i COSTI DI RICARICA potrebbero colare a picco e fallire immediatamente!!!Insomma queste sono societa' serie, mica come SKYPE o altri ridicoli operatori VOIP con le loro stupide chiamate via internet e DAI RIDICOLI FATTURATI, questo sono aziende che FANNO SUL SERIO!!!;)Buonanotte!
    • Anonimo scrive:
      Re: Senza costi di ricarica,come camperanno?
      - Scritto da:
      Come camperanno i poveri operatori mobili
      Italiani?Aumentando le tariffe in qualche altra maniera meno vistosa e in maniera cosi' ingegnosa che guadagneranno anche di piu'.
      • Anonimo scrive:
        Re: Senza costi di ricarica,come campera
        Come fanno senza costi di ricarica a pagare le multe per pubblicità ingannevole che tra l'altro sono anche di entità irrisoria
  • DPY scrive:
    Ma serve a qualcosa?
    A occhio non servirà a nulla: aboliti i costi di ricarica, nulla vienta ai gestori di ritoccare le tariffe in alto, anche nei contratti già in essere, e recuperare quanto perso con i costi di ricarica aboliti.Piuttosto sarebbe stato più utile fare un confronto fra le tariffe dei gestori italiani ed esteri. Non ho dati precisi, ma tabnto per fare un esempio basta provare a vedere una cosa tipo http://www.skype.com/intl/it/products/skypeout/rates/all_rates.html (Tariffe di Skype per le chiamate verso la rete telefonica), e fare il rapporto fra il costo di una chiamata verso la rete fissa e una verso la rete mobile di ogni paese, per avere il sospetto che ci siano problemi ben peggiori dei costi di ricarica:Irlanda: 8,00Francia: 9,64Lussemburgo: 9,85Grecia: 11,00Germania: 11,76Belgio: 12,41Spagna e Olanda: 12,94Portogallo: 13,64Italia: 14,70 E per fortuna che si dice che l'Italia sia il paese con più telefoni cellulari, quindi quello con maggiore traffico e dove quindi gli operatori dovrebbero avere i maggiori introiti, le migliori opportunità per ammortizzare gli impianti e in ultima analisi la possibilità di fare le tariffe più basse. Sospetto quindi che ci sarebbe da indagare su questo, piuttosto che perdersi sui costi di ricarica. Ovviamente l'esempio riportato è parziale, e riguarda solo le chiamate ricevute, ma sospetto che impegnandosi un po' scapperebbero fuori altre cose interessanti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma serve a qualcosa?
      No non serve a niente e non è rappresentativa di niente:-è un rimborso per il sistema informatico che gestisce le prepagate? no è decisamente troppo alto;-è un rimborso per le spese di distribuzione delle cartine a edicole/tabaccherie? benissimo allora se ricarico via internet le voglio uguali a zero;Secondo me abolirle servirebbe a rendere più trasparente le tariffe: se conosci il prezzo al minuto sai quanto spenderai, altrimenti il numero che c'è prima del fatidico "eur/min" dice ben poco.Ovviamente per arrivarci bisogna eliminare anche lo scatto alla risposta che gli operatori fra loro non di addebitano: è un balzello che grava solo sugli utenti della telefonia mobile e non corrisponde a nessun costo industriale vero.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma serve a qualcosa?
        E allora gia che ci siamo xke far pagare gli SMS che hanno un costo di gestione da parte loro di ZERO ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma serve a qualcosa?
          - Scritto da:
          E allora gia che ci siamo xke far pagare gli SMS
          che hanno un costo di gestione da parte loro di
          ZERO
          ?Scusa, ma li paghi tu gli stipendi milionari dei dirigenti delle TelCo? No, allora zitto e paga gli SMS! (rotfl)
Chiudi i commenti