Il fotovoltaico che non finisce mai

Ricercatori USA promettono la realizzazione di celle in grado di autoripararsi. La durata superiore del materiale è garantita, ma al momento occorre lavorare parecchio sull'efficienza energetica

Roma – E dopo l’inizio dell’era del fotovoltaico che si auto-pulisce , dagli USA arriva la promessa di una nuova, importante evoluzione della tecnologia: ricercatori del MIT hanno realizzato una cella solare in grado di ripararsi autonomamente , composta da un giusto mix di materiali naturali e nanotech e pronta, al giusto ordine, a “ricostruirsi” riacquistando l’efficienza perduta a causa di guasti e usura.

Uno dei principali problemi della tecnologia del fotovoltaico è infatti la comprensibile tendenza all’usura: le celle sono a diretto contatto con i raggi solari e, per quanto l’efficienza della trasformazione energetica possa rimanere alta, prima o poi il materiale viene reso inservibile dalla stessa fonte di energia che è stato progettato per sfruttare.

Al MIT hanno risolto il problema con la realizzazione di celle fotoelettrochimiche composte da lipidi vegetali, proteine, i soliti nanotubi di carbonio e un tensioattivo. In caso di guasto o malfunzionamento, il peculiare mix può essere istruito a trasformarsi in un composto amorfo e poi a ricostruirsi per rigenerare la cella .

Per quanto promettente possa essere la loro ricerca, gli esperti del MIT avvertono di trovarsi ancora nelle fasi iniziali e di dover lavorare ancora parecchio soprattutto dal punto di vista dell’efficienza energetica: le celle auto-riparanti sono ancora molto lontane dalle performance ottenibili come quelle “standard” impiegate oggigiorno.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Jacopo Monegato scrive:
    android sulle tv???
    una domanda... io sono abituato a tv che hanno firmware che permettono la gestione del sintonizzatore dell'ora e del televideo, niente di più.. che se ne fa una tv di un sistema operativo? (capirei per registratori e lettori.. e in alcuni casi ho trovato linux)
    • ottomano scrive:
      Re: android sulle tv???
      - Scritto da: Jacopo Monegato
      una domanda... io sono abituato a tv che hanno
      firmware che permettono la gestione del
      sintonizzatore dell'ora e del televideo, niente
      di più.. che se ne fa una tv di un sistema
      operativo? (capirei per registratori e lettori..
      e in alcuni casi ho trovato
      linux)Beh, tutte le ultime TV LG montano Linux ed hanno una serie di componenti open source che LG distribuisce in un CD dietro un rimborso spese di spedizione.Ti consiglio di guardare su http://lgusb.wikispaces.com/ed anchehttp://www.lg-hack.info Nicola
  • dariocaruso scrive:
    lo stato italiano si oppone
    "Lo stato" italiano vuole emilio fede. O emilio fede o disconnessione/rallentamenti delle adsl.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 settembre 2010 02.07-----------------------------------------------------------
  • Markino scrive:
    Una nuova televisione...
    Sono certo stia per nascere una nuova rivoluzione nel campo del più tradizionale dei media... anzi, forse assisteremo alla fusione dei vari generi di intrattenimento, un dispositivo unico che sarà il cuore dell'informazione, dell'intrattenimento e del divertimento...Android presto spopolerà...
    • Max scrive:
      Re: Una nuova televisione...
      Tutto questo all'estero.Qui in italia dove e` quasi impossibile avere la banda larga (e a volte anche quella stretta) come sara` possibile scaricare contenuti tv in full hd?
Chiudi i commenti