Il Kindle che si tocca

Amazon svela nuovi modelli e nuove idee per la lettura degli ebook. Prezzi in discesa e feature in salita. Senza dimenticare il tablet Fire

Roma – Sul palco di New York c’è salito Jeff Bezos: alla platea ha mostrato come Amazon intende il futuro dell’editoria (e dell’intrattenimento), fatto di bit naturalmente. E dunque spazio a ben tre nuovi modelli di Kindle, con prezzi sempre più bassi e funzioni che allargano sempre più il contenuto del libro. Senza disdegnare una revisione del formato che, a dirla tutta, con quella tastiera QWERTY poco teneva il passo delle proposte della concorrenza. Il risultato, c’è da scommettersi, confermerà il successo fin qui riscosso dall’e-reader Amazon. E poi c’è il fronte dei tablet : debutta Fire .

Il primo nato della famiglia si chiama, semplicemente, Kindle Touch : nomen omen si potrebbe dire, visto che non è altro che un Kindle con schermo touch (ma sempre e-ink) e senza tastiera. La formula dell’inchiostro elettronico unito a lunga durata della batteria, ha voluto precisare Bezos, fino a questo punto ha fatto solo registrare successi: anche a dispetto dei detrattori che non credevano alle prospettive di un mercato per gli e-reader. E dunque il Kindle Touch costruisce sopra questo successo un nuovo formato (molto simile a quello già adottato dai concorrenti Barnes&Noble e Sony, senza dimenticare Kobo ), eliminando ogni tasto dal frontale e limitandosi a mostrare il testo del libro al lettore: per andare avanti e indietro si toccano i due bordi dello schermo, per accedere al menù si tocca il centro. L’autonomia del device poi sale a 2 mesi, e lo storage locale sale a 4GB.

L’interfaccia si è fatta minimale, ci sono pochissime informazioni oltre alle parole del libro visualizzate mentre si è in modalità lettura. Per ampliare il contenuto dei volumi, inoltre, Amazon ha creato un nuovo componente software denominato “X-Ray”: oltre ai capitoli dell’antologia che si desidera leggere, si scaricano dai server anche byte aggiuntivi contenenti informazioni e nozioni aggiuntive . Per esempio, se il libro parla della Rivoluzione Francese ci saranno magari le definizioni Wikipedia relative a quel periodo (Versailles, Luigi XV, Robespierre ecc), tutte accessibili con un tocco e mostrate in modo coerente alla pagina e a quanto si sta leggendo.

Di Kindle Touch sono disponibili due modelli (entrambi di un grigio opaco che si discosta dal bianco e nero fin qui utilizzato da Amazon per gli e-reader): il modello base, WiFi , costerà negli USA appena 99 dollari , mentre se si desidera la versione 3G occorrono 149 dollari per accapparrarsi la connettività illimitata in 100 paesi . Vale la pena ricordare che il Kindle poco si presta a essere usato per altro che la lettura di libri o del testo statico, pertanto l’unico utilizzo ragionevole del modulo di connessione in banda larga è l’acquisto e il download dei volumi: di certo non navigare sul Web. Per i nostalgici del bottone, comunque, resta a disposizione un modello economico da 79 dollari privo del touch e di X-Ray: due carenze significative, ma che visto il prezzo non è probabile che impediscano anche a questo modello di diventare un best-seller. Resta in piedi anche il modello di vendita “sponsorizzata”, ovvero i device incorporeranno messaggi pubblicitari che occupano la schermata dello screensaver (se si vuole farne a meno, si devono aggiungere 40 dollari ai prezzi fin qui elencati). Oltre all’advertising tradizionale, anche le offerte in stile Groupon di AmazonLocal saranno propinate tramite lo schermo del Kindle.

Tutto bello, tutto funzionante e tutto molto venduto. Ma è su altri settori, e Jeff Bezos lo sa, che si sta per combattere la partita: video, musica, film, serie TV, il multimediale da tasca si sta facendo strada tra il pubblico . E allora Amazon ha pensato anche a loro, creando il tablet Fire di cui tanto si era vociferato in queste settimane: assomiglia moltissimo al PlayBook di Blackberry, con i suoi 7 pollici di schermo IPS e poco più di 400 grammi, ma è letteralmente ripieno di film (11mila titoli a disposizione degli utenti Prime d’Oltreoceano), musica da acquistare e ascoltare tramite Cloud Player, video in streaming, show tv di molteplici partner a cui Amazon già paga cospicui diritti di licenza ( ad esempio i network CBS, NBC Universal, Fox). Fire mette tutto questo assieme, con lo stesso principio del Wispersync dei libri: si compra sullo store e lo si gode su tutti i device associati all’account .

Alla base del nuovo Kindle Fire c’è Android , ma l’interfaccia è lontana anni luce da quella a cui si è abituati fin qui: Amazon ha fatto un lavoro profondo di rimaneggiamento, stravolgendo l’intero assetto dell’OS per i suoi scopi. La visione dei film, l’ascolto della musica, tutto è stato pensato per essere semplice sia nell’utilizzo sul tablet che per garantire la sincronizzazione automatica: se si smette di leggere in treno si può riprendere dal PC, se si sta guardando una puntata di un serial sul tablet si ricomincia sulla TV da dove si era lasciato. Ma se il cuore resta Android, e con un marketplace in casa, il device resta compatibile con le app per l’OS di Google : un fattore da non sottovalutare, visto che fino a oggi più che l’hardware sono stati i contenuti a dettare il successo di una piattaforma.

E poi Bezos va anche oltre: e propone Amazon Silk , ovvero un browser web che effettua il rendering dei contenuti in remoto (nella nuvola di EC2), migliorando le prestazioni complessive e i tempi di caricamento. Una buona idea per tener testa alla crescente complessità delle pagine web, anche se non di certo un’idea del tutto originale (Opera Mobile e Skyfire sono i primi due nomi da fare in questo ambito). Inoltre, anche le immagini e i contenuti da scaricare vengono “ottimizzati” (quindi rimpiccioliti) per lo schermo del tablet: l’effetto finale è in tutto e per tutto identico alla pagina originale, solo rimodellato sulle dimensioni e sulle prestazioni di un prodotto mobile e pensato per funzionare in mobilità. L’unica lacuna (seria?) del Kindle Fire è la mancanza di un modulo 3G : l’unica connettività è garantita dal WiFi.

Il pezzo forte di Kindle Fire, a ogni modo, sarà il prezzo: 199 dollari , quanto basta a causare più di qualche grattacapo a tutti i concorrenti. E Amazon ha già stretto accordi con case editrici per i periodici, case di produzione per i film, network TV per i serial e produttori di videogiochi per i videogame. Con il vantaggio di avere tutto archiviato nella cloud, e dunque sempre tutto a disposizione: niente più necessità di scegliere cosa “sincronizzare” col tablet, c’è già tutto dentro in un certo senso. Le vendite iniziano subito negli USA, anche se il solo Kindle base è subito disponibile: gli altri hanno bisogno di qualche settimana per arrivare a casa degli acquirenti, con consegne previste da metà novembre in avanti .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Joliet Jake scrive:
    Hotspot wifi
    Cioè, servirà il permesso del carrier per accenderlo???Ma che gran boiata!Su Android si attiva con un solo click.Lo uso spesso quando viaggio per accedere a internet dal portatile, usando il cell nella tasca come hotspot... :)
  • lorxx scrive:
    suonerie.......ancora
    Ma adesso si possono mettere le suonerie che si vuole o siamo ancora ancorati a quelle schifezze di dotazione?E c'è un player musicale decente?
  • pippo scrive:
    un sacco di nuove funzionalita
    Lo uso da 2 giorni e continuo a scoprire cose nuove, super bello!!!
  • Andrea S scrive:
    Il bello è che...
    ...non c'è nessuno che discuta dell'OS ma son tutti a trollare Microsoft.Sempre meglio PI!
    • enterthemax scrive:
      Re: Il bello è che...
      Va beh, tipico!sembrano quelle lotte di quartiere in cui "tu puzzi perchè sei di quella sponda"!!
      • smettila scrive:
        Re: Il bello è che...
        - Scritto da: enterthemax
        Va beh, tipico!
        sembrano quelle lotte di quartiere in cui "tu
        puzzi perchè sei di quella
        sponda"!!Sono semplicemente stupidi fanboy frustrati perché a loro il robot color caccola va a scatti e si becca i virus mentre Windows Phone 7 no. Poveretti.
  • Mettiuz scrive:
    Novità?
    Ho letto e riletto questo e altri articoli ma per quanto mi sforzi non vedo nessuna novità, piuttosto vedo finalmente tutte le funzionalità base di un OS decente. Se non avesse l'interfaccia della lego con tutte quelle mezze schermate sarebbe buono.
    • frank_durel li scrive:
      Re: Novità?
      ma il bello e' proprio quello: l'interfaccia!ho usato iphone all'inizio...ho usato android dal g1 fino ad ora...poi un giorno in un centro commerciale c'era un'offerta su un optimus7 e mi sono detto: proviamo!cavolo...non lo avessi mai fatto...mi piace... ovviamente non so come sia wp7 perche' la sera stessa ci avevo gia' messo una versione di mango quindi parlo da un utente mango , pero' il sistema e' fantastico, veloce ed intuitivo...nonostante l'hardware non sia ai massimo livelli rispetto al parco telefoni di oggi il sistema e' davvero reattivo sempre e comunque.posso solo parlarne bene nonostante non sia mai stato un gran fan di telefoni wm6.1/6.5..stavolta secondo me ci hanno preso e se magari la nokia fa qualche telefono decente e' la volta buona che mw inizia ad avere qualche quota di mercato interessante!PS: per essere chiari ritengo che il migliore SO per telefoni sia Webos seguito da Maemo/Meego..non conta la miriade di applicazioni...conta come va il telefono...e quei due SO sono davvero ottimi.
      • Mettiuz scrive:
        Re: Novità?
        I gusti son gusti, fortunatamente ci sono sistemi diversi tra cui si può scegliere in modo che nessuno rimanga scontento ;)[Troll mode: on] Ovviamente secondo Apple tutte le interfacce sono uguali ad iOS [Troll mode: off]
  • benkj scrive:
    possono cacciarselo...
    Anche se avesse funzionalita' stratosferiche (ma non le ha) non lo userei comunque. Di certo non uso roba di quel branco di schifosi di Mafiasoft, che campano vendendo spazzatura ed estorcendo soldi alla aziende.
    • Andrea scrive:
      Re: possono cacciarselo...
      Più che prendermela con Microsoft... me la prenderei con quelle software house che si ostinano a produrre programmi solo per Windows.Sono ingegnere e fare MOLTO volentieri a meno di Win 7 se solo:Autocad,Primus;Mastersap;CARL;e un altro paio di programmi girassero su una sola delle release del Pinguino. Fino ad allora, non c'è scelta.
      • Higgybaby scrive:
        Re: possono cacciarselo...
        - Scritto da: Andrea

        Autocad,Almeno Autocad gira anche sotto UNIX o almeno sotto ad un sistema della famiglia
        Fino ad allora,
        non c'è
        scelta.per Autocad una scelta alternativa l'avrestiCiaoIgor
      • higgybaby scrive:
        Re: possono cacciarselo...
        Non riesco a capire dove vuoi andare a parare, mi sono andato a cercare i vari programmi che dici che non girano di qua o di la e mi pare che tu ti stia sbagliando, CARL è multi piattaforma è in Java e gira in qualunque web browser, Autocad gira su almeno due piattaforme diverse che sono Windows e Mac Os X e per i programmi di compito metrico ho trovato googolando Tabulae.domus che gira sia sotto Windows che sotto Os X, quindi se tu volessi lasciare Windows a mio avviso saresti in grado di farlo, poi non voglio sindacareciaoIgor
        • lollorespin i scrive:
          Re: possono cacciarselo...
          - Scritto da: higgybaby
          Non riesco a capire dove vuoi andare a parare, mi
          sono andato a cercare i vari programmi che dici
          che non girano di qua o di la e mi pare che tu ti
          stia sbagliando, CARL è multi piattaforma è in
          Java e gira in qualunque web browser, Autocad
          gira su almeno due piattaforme diverse che sono
          Windows e Mac Os X e per i programmi di compito
          metrico ho trovato googolando Tabulae.domus che
          gira sia sotto Windows che sotto Os X, quindi se
          tu volessi lasciare Windows a mio avviso saresti
          in grado di farlo, poi non voglio
          sindacare

          ciao

          IgorCon un solo appunto: molti di quei software da te citati sotto osx fanno ancora pena nelle funzionalità e nell'ottimizzazione.Autocad poi sotto osx e' ancora una quasi fetecchia anche nelle prestazioni e nelle funzionalità rispetto alla controparte windows
        • BatRoberto-Ruppella scrive:
          Re: possono cacciarselo...
          - Scritto da: higgybaby
          Non riesco a capire dove vuoi andare a parare, mi
          sono andato a cercare i vari programmi che dici
          che non girano di qua o di la e mi pare che tu ti
          stia sbagliando, CARL è multi piattaforma è in
          Java e gira in qualunque web browser, Autocad
          gira su almeno due piattaforme diverse che sono
          Windows e Mac Os X e per i programmi di compito
          metrico ho trovato googolando Tabulae.domus che
          gira sia sotto Windows che sotto Os X, quindi se
          tu volessi lasciare Windows a mio avviso saresti
          in grado di farlo, poi non voglio
          sindacare

          ciao

          IgorCARL della aztec, programma di geotecnica...che avevi capito?
      • lollorespin i scrive:
        Re: possono cacciarselo...
        - Scritto da: Andrea
        Sono ingegnere e fare MOLTO volentieri a meno di
        Win 7 Non sei ingegnere se per usare e lavorare con dei software commerciali installati devi "preferire" un altro sistema ma sei solo un fanboy di quell'altro sistema dato che i sofwtare multipiattaforma sarebbero identici e si lavora coi software non col sistema operativo che e' solo il mezzo.
        • lollorespin i scrive:
          Re: possono cacciarselo...
          PS: dimenticavo..al massimo puoi preferire un software rispetto ad un altro dello stesso genere, non il sistema operativo su cui i software per lavorare devono solo eseguirsi.
        • _chivens_ scrive:
          Re: possono cacciarselo...
          - Scritto da: lollorespin i
          - Scritto da: Andrea


          Sono ingegnere e fare MOLTO volentieri a
          meno
          di

          Win 7

          Non sei ingegnere se per usare e lavorare con
          dei software commerciali installati devi
          "preferire" un altro sistema ma sei solo un
          fanboy di quell'altro sistema dato che i sofwtare
          multipiattaforma sarebbero identici e si lavora
          coi software non col sistema operativo che e'
          solo il
          mezzo.Hai centrato in pieno!!Ma mica solo quello e' un fanboy.Tutti quelli che "commentano" notizie microsoft su puntoinformatico sono fanboy di altri sistemi o troll che non sanno nemmeno cosa stanno dicendo.Le sparano solo dove gli riesce meglio.
        • 17ca368053 scrive:
          Re: possono cacciarselo...
          - Scritto da: lollorespin i
          - Scritto da: Andrea


          Sono ingegnere e fare MOLTO volentieri a
          meno
          di

          Win 7

          Non sei ingegnere se per usare e lavorare con
          dei software commerciali installati devi
          "preferire" un altro sistema ma sei solo un
          fanboy di quell'altro sistema dato che i sofwtare
          multipiattaforma sarebbero identici e si lavora
          coi software non col sistema operativo che e'
          solo il
          mezzo.mmmm agli ingengeri di solito interessano gli obiettivi, usare win o osx o linux poco cambia se la funzionalità si manntiene (o meglio ancora migliora)
          • BatRoberto-Ruppella scrive:
            Re: possono cacciarselo...
            - Scritto da: 17ca368053
            - Scritto da: lollorespin i

            - Scritto da: Andrea




            Sono ingegnere e fare MOLTO volentieri a

            meno

            di


            Win 7



            Non sei ingegnere se per usare e lavorare
            con

            dei software commerciali installati devi

            "preferire" un altro sistema ma sei solo un

            fanboy di quell'altro sistema dato che i
            sofwtare

            multipiattaforma sarebbero identici e si
            lavora

            coi software non col sistema operativo che e'

            solo il

            mezzo.


            mmmm agli ingengeri di solito interessano gli
            obiettivi, usare win o osx o linux poco cambia se
            la funzionalità si manntiene (o meglio ancora
            migliora)Certo, e poi il calcolo di una palazzina in 3d agli elementi finiti con conseguenti verifica agli stati limite come li fai? a mano libera, ma osservando il bel desktop linux?
          • tucumcari scrive:
            Re: possono cacciarselo...
            - Scritto da: BatRoberto-Ruppella
            - Scritto da: 17ca368053

            - Scritto da: lollorespin i


            - Scritto da: Andrea






            Sono ingegnere e fare MOLTO
            volentieri
            a


            meno


            di



            Win 7





            Non sei ingegnere se per usare e
            lavorare

            con


            dei software commerciali installati
            devi


            "preferire" un altro sistema ma sei
            solo
            un


            fanboy di quell'altro sistema dato che i

            sofwtare


            multipiattaforma sarebbero identici e
            si

            lavora


            coi software non col sistema operativo
            che
            e'


            solo il


            mezzo.





            mmmm agli ingengeri di solito interessano gli

            obiettivi, usare win o osx o linux poco
            cambia
            se

            la funzionalità si manntiene (o meglio ancora

            migliora)
            Certo, e poi il calcolo di una palazzina in 3d
            agli elementi finiti con conseguenti verifica
            agli stati limite come li fai? a mano libera, ma
            osservando il bel desktop
            linux?Accetta un sommesso suggerimento:Magari, invece che osservare il desktop, intanto che il computer fa i calcoli, ti conviene osservare un dizionario e una garammatica italianino?
          • tucumcari scrive:
            Re: possono cacciarselo...
            - Scritto da: BatRoberto-Ruppella
            - Scritto da: 17ca368053

            - Scritto da: lollorespin i


            - Scritto da: Andrea






            Sono ingegnere e fare MOLTO
            volentieri
            a


            meno


            di



            Win 7





            Non sei ingegnere se per usare e
            lavorare

            con


            dei software commerciali installati
            devi


            "preferire" un altro sistema ma sei
            solo
            un


            fanboy di quell'altro sistema dato che i

            sofwtare


            multipiattaforma sarebbero identici e
            si

            lavora


            coi software non col sistema operativo
            che
            e'


            solo il


            mezzo.





            mmmm agli ingengeri di solito interessano gli

            obiettivi, usare win o osx o linux poco
            cambia
            se

            la funzionalità si manntiene (o meglio ancora

            migliora)
            Certo, e poi il calcolo di una palazzina in 3d
            agli elementi finiti con conseguenti verifica
            agli stati limite come li fai? a mano libera, ma
            osservando il bel desktop
            linux?ah dimenticavo...hai tantissimo da attendere se hai un telefonino (con o senza mango)Personalmente non conosco nessuno così ansioso di usare autocad per farci una palazzina, e se lo conoscessi ti assicuro che non affiderei a lui la progettazione! :D
    • Trollolo scrive:
      Re: possono cacciarselo...
      Ti sei evirato per fare dispetto alla signora?Se non ancora sei sulla buona strada.
  • Lumaco Scarafoni scrive:
    Aspettavo
    Ci si aspettava un bel miglioramento di Windows Phone della Microsoft, e mango è arrivato.[img]http://4.bp.blogspot.com/_p3XIipv981Y/TIa8Ph9p8nI/AAAAAAAAAsg/eM9t596M8GI/s1600/Hyena-laughing.jpg[/img]
  • P.Inquino scrive:
    Ricchi premi e "cotigliòni"
    "Windows Phone 7.5 permetterà a certi terminali di funzionare da hotspot WiFi, posto che si abbiamo a disposizione il giusto hardware di rete, i driver di sistema aggiornati (esclusi dall'upgrade di Mango) e il "permesso" degli operatori - che magari potranno concedere l'uso della funzionalità agli utenti dietro il pagamento di una cifra aggiuntiva al piano dati già attivo."MA E' FANTASTICO TUTTO CIO' :D :D :D :D(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(linux)
Chiudi i commenti