E-reader, un mercato incandescente

Mentre e-ink scommette ancora sull'e-paper, Amazon insegue iPad e incalza Nook Color. Giovedì dovrebbe fare il suo debutto il tablet di Jeff Bezos: nome in codice "Fire"

Roma – eInk Holding, uno dei principali produttori di schermi e-paper, guarda in prospettiva al mercato degli ebook reader e nel 2011 conta di raggiungere le 25-30 milioni di unità vendute , con un incremento notevole nel terzo trimestre.

Proprio dalla seconda metà del 2011, infatti, i suoi clienti esordiranno con nuovi modelli di e-reader e anche per questo le previsioni di vendita parlano di 1,5 unità per ogni device di questo tipo venduto nella prima metà dell’anno (un totale di circa 11,4 milioni di unità).

A farla sempre da padrone è peraltro Amazon Kindle, che nel secondo trimestre detiene il 51,7 market share (rispetto al 53 per cento del periodo precedente). A seguire vi è Barnes&Noble che con il Nook detiene il 21,2 per cento, in calo dal 23 per cento nel periodo precedente.

Accanto a loro, naturalmente, vi sono altri produttori, con Pandigital al terzo posto con una percentuale compresa tra il 5 e il 6 per cento, Sony al quarto con circa il 3,8 per cento e Kobo scesa dal 3,2 all’1,8 per cento di market share: tutti hanno possibilità di veder crescere la loro fetta con un mercato in espansione.

Sempre che sappiano approfittare celermente dell’espansione di mercato, su cui i grandi stanno già puntando: si stanno concretizzando le ipotesi che volevano Amazon alle prese con il lancio di un tablet Android targato Kindle, un prodotto che si discosterebbe dagli e-reader classici ma che risponderebbe almeno in parte, come Nook Color, alle necessità di lettura dei periodici (in particolare per quanto riguarda le riviste), puntando al contempo ad affascinare chi fino a oggi si è trovato a pensare soltanto a tablet “costosi”.

Secondo le ultime indiscrezioni, la sorpresa Amazon si dovrebbe chiamare “Kindle Fire” e dovrebbe arrivare sul mercato la seconda settimana di novembre accanto ai Kindle con schermo eInk bianco e nero.

La presentazione ci sarà il 28 di questo mese a New York: il Fire dovrebbe essere un tablet da 7 pollici simile al BlackBerry PlayBook e le prime impressioni in anteprima sembrano positive, sia per i contenuti su cui può contare Amazon, sia per come ha lavorato su Android per adattarlo al suo prodotto.

Per quanto riguarda i contenuti, infatti, oltre al bookstore Kindle può contare sull’app store già messo a disposizione sui dispositivi Android, sul servizio MP3 e su un accordo dell’ultimo minuto con Fox per portare sul suo servizio di streaming video film e programmi televisivi. Infine, a quanto pare i primi editori sarebbero già saliti a bordo per proporre le proprie riviste ai futuri clienti del tablet Amazon.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • david adamovich scrive:
    i rotoli del mar morto
    se voleter saper di più ecco un servizio di soli 14 min, ma molto chiarohttp://youtu.be/1Pj6YJ2lR3A (1° parte)
  • ZioBill scrive:
    Il Second Impact si avvicina...
    ...e la Seele non e' poi' cosi' contenta.
  • Gendo Ikari scrive:
    Tanto si sa...
    ...che i rotoli originali sono in mano alla SEELE.
    • Ego scrive:
      Re: Tanto si sa...
      - Scritto da: Gendo Ikari
      ...che i rotoli originali sono in mano alla SEELE.ssssssshhhhhhhttttt la NERV potrebbe leggere sto forum
    • Arthur Pewtey scrive:
      Re: Tanto si sa...
      - Scritto da: Gendo Ikari
      ...che i rotoli originali sono in mano alla SEELE.Ma con la crisi che c'e' in giro, lo sanno tutti che la SEELE ha dovuto venderli a Google per pagarsi i debiti contratti con la Cina per la costruzione degli EVA (che attualmente sono stati pignorati) !!!E poi Google le ha prese per portare avanti la sua versione del Progetto per il Perfezionamento dell'Uomo, anticipando Apple (che bramava le pergamene per costruire i suoi iVangelion) e per far rosicare i soliti buzzurri di Redmond.Intanto Larry Ellison gli ha gia' denunciati per violazione brevettuale (che pare sia inesistente) nell'implementazione dell'interfaccia neurale del Dummy Plug, a suo dire copiata dai sorgenti di Oracle.Anche RIAA sta indagando per presunta violazione di copyright sul suono dei peti di Lilith (chiedendo un risarcimento pari al debito pubblico statunitense al legittimo autore che secondo fonti njon confermate pare essere Alvaro Vitali).Zuckerberg si dispera e inneggia al terrorismo contro quella che potrebbe essere la fine dei social networking e Silvio Berlusconi ha dichiarato che nonostante questi duri attacchi alla sua persona il governo andra' avanti.Pierluigi Bersani, commentando alla notizia, dichiara che e' un fatto gravissimo e chiede le dimissioni del governo, mentre George Walker Bush ha prontamente telefonato a Obama per convincerlo a bombardare gli Oompa-Loompa che a suo dire sono in combutta con Ahmadinejad, il Dalai Lama, Topo Gigio e il fantasma di Mao Tze-Tung (per fare cosa non lo sa neanche lui, ma qualcosa si inventera').Nel frattempo BigG prosegue nei suoi loschi piani per il Progetto per il Perfezionamento dell'Uomo, e quando avra' finito sara' solo l'Advertisement...
    • SDU scrive:
      Re: Tanto si sa...
      Quindi?
    • Funz scrive:
      Re: Tanto si sa...
      - Scritto da: Gendo Ikari
      ...che i rotoli originali sono in mano alla SEELE.Me lo aspettavo questo commento :D
Chiudi i commenti