Il miglior lavoro del mondo? Sole, mare e blogging

Singolare iniziativa di un'agenzia di promozione turistica australiana, che offre al fortunato vincitore della riffa una permanenza spesata in un paradiso della barriera corallina. Il lavoro? Andare a zonzo e scriverne su un blog

Sarà anche una trovata pubblicitaria che lascia il tempo che trova, ma la proposta di Tourism Queensland di passare sei mesi a fare il custode su un’isola della Grande Barriera Corallina non è affatto male soprattutto considerando la situazione economica mondiale e la gragnola di licenziamenti che colpisce praticamente in ogni comparto produttivo e dei servizi.

l'isola Non solo si passa il tempo a dar da mangiare ai pesci e a fare immersioni col respiratore in uno degli oceani più belli del mondo, ma in più si viene pagati una cifra sostanziosa per compiti non particolarmente gravosi come aggiornare settimanalmente un blog tematico con tanto di video e immagini su escursioni, tour e altro.

Chi abbia i requisiti richiesti può proporsi per il lavoro come custode di Hamilton Island entro il 22 febbraio, inviando un breve video che spieghi le eventuali attitudini per la posizione. I sei mesi iniziano dal prossimo 1 luglio 2009, e le selezioni prevedono la scelta di 10 potenziali custodi da parte di Tourism Qeensland così come una vera e propria votazione da parte dei visitatori di www.islandreefjob.com per scegliere un ulteriore candidato.

Occorre passione per la biodiversità e la ricchezza di uno dei posti più belli del mondo, attitudine all’avventura e una buona padronanza della lingua inglese scritta e parlata; in cambio TQ offre 150mila dollari australiani, Internet, computer e digital camera garantiti, viaggi tra le altre isole della Grande Barriera Corallina e una modesta sistemazione in una casa con tre bagni e piscina.

Oltre all’aggiornamento del blog tematico su Hamilton Island, gli altri compiti richiesti al fortunato vincitore del “lavoro più bello del mondo” includono: dare da mangiare ai pesci, pulire la piscina presente nell’abitazione e partecipare alla raccolta della posta a bordo del servizio aereo.

Sullo sfondo, naturalmente, ci saranno i 2.600 chilometri della Grande Barriera Corallina composta da 2.900 scogliere e 900 isole, habitat di balene, coralli, delfini, tartarughe marine e 1.500 diverse specie di pesci. Un vero e proprio paradiso in terra, un patrimonio dell’umanità visitato annualmente da circa 2 milioni di turisti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Contadino scrive:
    Ma andate a raccogliere i pomodori
    Come le pecore. Sempre ad inseguire gli altri, mai che riusciamo a proporre qualcosa di nuovo e innovativo. Sempre a scimmiottare americani e inglesi. Ma basta. Il Social Bookmark è una vera str....ata. Così come il social networking. Sono stupide mode che ci vengono imposte dai soliti noti, sempre per gli stessi motivi: i soldi. Questi tizi vengono visti come pionieri (ma di che?) come degli eroi, ma in realtà sono degli speculatori che approfittano delle debolezze della nostra società per arricchirsi a dismisura.Ma che vadano a raccogliere pomodori e patate. Loro e chi li esalta.
    • Stein Franken scrive:
      Re: Ma andate a raccogliere i pomodori
      La gente (maggior parte) ama esibirsi e sentirsi più importante di quello che è, per i "soliti" motivi.Quindi la creazione di questi siti è qualcosa che ha senso.La maggior parte della gente è stupida, ingenua e vive di sogni. Perchè non sfruttare questo?
    • quoto scrive:
      Re: Ma andate a raccogliere i pomodori
      - Scritto da: Contadino
      Come le pecore. Sempre ad inseguire gli altri,
      mai che riusciamo a proporre qualcosa di nuovo e
      innovativo. Sempre a scimmiottare americani e
      inglesi. Ma basta. Il Social Bookmark è una vera
      str....ata. Così come il social networking. Sono
      stupide mode che ci vengono imposte dai soliti
      noti, sempre per gli stessi motivi: i soldi.
      Questi tizi vengono visti come pionieri (ma di
      che?) come degli eroi, ma in realtà sono degli
      speculatori che approfittano delle debolezze
      della nostra società per arricchirsi a
      dismisura.
      Ma che vadano a raccogliere pomodori e patate.
      Loro e chi li
      esalta.Se tu lavorassi nell'IT non la penseresti cosi...Ma evidentemente per i peracottari come te è più proficuo vendere carciofi piuttosto che Information Technology
  • Manfri scrive:
    Comprano tutto e tutti
    Scremati dalla crisi rimangoono su solo i migliori e se li accaparrano loro per il dopocrisi. Geniale
  • Bubba_Smith scrive:
    Correzione
    1) non si chiamava deli.cio.us bensì del.icio.us2) dal 2007, si chiama Delicious (senza più puntini) e il sito è ora soltanto delicious.com
Chiudi i commenti