Il vespone hacker che annusa le reti WiFi

Un UAV, un aereo-drone che volteggia sui centri urbani alla ricerca di reti wireless non cifrate. Costruito con pezzi avanzati all'esercito, l'hanno assemblato due hacker statunitensi

Roma – Le reti WiFi non sono mai completamente sicure, e questo è un dato di fatto più volte evidenziato in passato. Men che meno i network wireless possono dirsi al sicuro quando in giro c’è il vespone-drone di “Mike” e “Rich”, hacker noti per il loro Rabbit Hole e per aver appunto realizzato un UAV in grado di scovare reti wireless non protette .

In pieno rispetto della tradizione hacker americana, i promotori di Rabbit Hole si sono costruiti il proprio ricognitore WiFi in garage partendo da pezzi rabberciati di un dispositivo preesistente – un residuato di drone in dotazione all’esercito statunitense.

Di loro i “cappelli bianchi” ci hanno messo un computer con form factor ITX , un microchip VIA C7 a 500 MHz e la suite di test di intrusioni basata su Linux Backtrack 4 . Aggiungendo un po’ di vernice e qualche piallata il risultato ha preso la forma di W.A.S.P. , WiFi Aerial Surveillance Platform .

Dal peso di 6 chilogrammi circa, WASP è in grado di andarsene a zonzo per i cieli statunitensi alla ricerca di reti WiFi non opportunamente blindate, riportando poi il risultato dei test – con la prevedibile posizione geolocalizzata del network vulnerabile – ai suoi creatori.

A quel punto la scelta del da farsi spetta a loro, Mike e Rich di Rabbit Hole e alla loro etica hacker . Il fatto che il progetto sia stato presentato all’ultima conferenza Defcon di Las Vegas sembra chiarire i possibili dubbi sulle finalità “white hat”, dunque benevole, del duo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti