Il Web ha i giorni contati?

Lo sostiene il Times, che predice una morte lenta e dolorosa entro il 2012. Ma, dall'altra parte dell'Atlantico, gli yankee fanno di tutto per smentire i corvi britannici

Internet vivrà ancora a lungo, nonostante le voci sulla sua fine imminente. Un articolo apparso di recente sulla versione online del Times mette in guardia i netizen da un futuro di connettività sempre più limitata che a lungo andare declasserà il Web al ruolo di unreliable resource , risorsa inaffidabile.

Da quando la Rete ha incominciato a farsi largo tra le mura domestiche si sono susseguiti, con cadenza arbitraria, proclami apocalittici che la davano per spacciata in un lasso di tempo più o meno ristretto e per le cause più svariate.

Citando uno studio effettuato nel 2007 da Nemertes il quotidiano britannico è giunto alla conclusione che l’ Internet Crunch avverrà nel 2012 e ne elenca le fasi con toni apocalittici, simili a quelli del prologo di Resident Evil. Dapprima si noterà un lentezza crescente nella trasmissione di dati: i periodi di congestione che conosciamo oggi si allungheranno sempre più fino a ricoprire l’intero arco della giornata. Si arriverà poi al collasso totale quando la Rete non avrà più la capacità di veicolare denaro, perdendo l’interesse di chi prima fosse intenzionato a creare business grazie ad essa.

Sempre secondo il Times l’attuale crisi economica potrebbe aver rallentato il processo di saturazione di Internet (un sito come YouTube oggi genera un traffico mensile pari a quello dell’intera Rete nel 2000), regalando agli utenti ancora un anno di navigazione.

Tuttavia alcuni esponenti dell’istituto che ha compilato la cartella clinica del Web hanno dichiarato che l’autore dell’articolo ha interpretato molto liberamente i dati estrapolati dalla ricerca. Proseguono inoltre dicendo che la banda non è in pericolo ma le preoccupazioni sorgono solamente quando si parla della banda dell’ultimo miglio , dove si potrebbero verificare delle anomalie, spesso a causa di infrastrutture obsolete.

La realtà è che i fornitori di banda si sono accorti che offrire connettività illimitata ai propri clienti non è più così conveniente come qualche anno fa. Se una volta l’utente medio non sarebbe mai riuscito a portare al limite la sua ADSL oggi l’avvento di YouTube e i suoi fratelli consente anche al più inesperto di navigare consumando byte in grande quantità. C’è chi sostiene che distribuire banda illimitata per pochi spiccioli non faccia bene al Web. L’anno scorso AT&T fu tra i primi ISP statunitensi a ritoccare i prezzi verso l’alto per scoraggiare chi volesse sottoscrivere un contratto ADSL flat, temendo l’operatore che questa categoria possa infine “intasare” il Web.

Combinando i fattori reali con le ipotesi, Time Warner ha provato a reintrodurre abbonamenti a consumo , portando a 150 dollari mensili il costo di un contratto flat, per poi trovarsi costretta a fare marcia indietro di fronte alle proteste dei consumatori . Consumatori che in alcuni casi si sono visti addirittura negare la connettività , già pagata, a causa di uso giudicato troppo massiccio da Comcast, provider USA che poi ha fissato una soglia di 250 Gigabyte mensili oltre la quale gli utenti non potranno avventurarsi: pena la disconnessione.

Ma non tutti i provider d’oltreoceano lavorano alla banda a consumo. C’è anche chi, come Cablevision, ha invece introdotto nuovi servizi per i suoi abbonati, i quali potranno presto scaricare un film in alta definizione in meno di dieci minuti . Chi avrà la possibilità di elargire allo ISP statunitense cento dollari mensili avrà infatti velocità massima di download aumentata fino a 101 Mbps, mentre in upload arriverà fino a 15 Mbps grazie all’introduzione del recente protocollo DOCSIS3.0 .

Si tratta ovviamente di dati di targa , valori teorici che difficilmente troveranno autentico riscontro nella vita di tutti i giorni: ma si tratta, in ogni caso, di valori che vanno nella direzione opposta rispetto alle previsioni apocalittiche del Times . Evidentemente, non tutti i provider condividono il pessimismo della testata britannica: a che scopo altrimenti aumentare la possibilità dei navigatori di scaricare sempre di più, rischiando di accelerare l’avvento del giorno del giudizio?

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Oceania scrive:
    Solo per la precisione
    Nicolas Sarkozy non è primo ministro ma Presidente della repubblica, il primo ministro francese è François Fillon.
  • D. D. scrive:
    Perchè P.I.?
    Sinceramente, più che il tri carlucci - grillo - telecom, mi chiedo che c'azzecca PI con autistici/inventati e EFF...D.
    • RObba scrive:
      Re: Perchè P.I.?
      opinione personale, poichè molte manovre scomode ed insabbiate/mai divulgate dai media tradizionali sono apparse in prima pagina su questo sito...Per me l'informazione è uno dei massimi valori e in Italia se ne sente pesantemente la mancanza...
      • Joliet Jake scrive:
        Re: Perchè P.I.?
        Sono d'accordo.PI merita il premio. Un giusto riconoscimento visto che è l'unica testata giornalistica italiana che sta dalla parte degli utenti e che parla di queste cose.
  • Linus scrive:
    Deluso
    Beppe Grillo avrà i suoi difetti, ma paragonarlo alla Carlucci e a Telecom ce ne vuole.Senza considerare gli aspetti positivi di Grillo per quanto riguarda le libertà civili che agli altri due mancano completamente.
    • deactive scrive:
      Re: Deluso
      Sono d'accordo. Le cantonate le hanno prese tutti. sinceramente preferisco le min***ate sulla biowash ball di Grillo che le barzellette del nano malefico.In realta' non sto con nessuno dei due, ma meglio grillo del piduista bugiardo ( e anche amante delle teens ).
      • Gino scrive:
        Re: Deluso
        Se ti riferisci alla 18enne napoletana... all'estero si dice che è sua figlia...
        • deactive scrive:
          Re: Deluso
          bah se e' cosi' c***i suoi, non giudico fatti privati in realta'. Quanto alla mignottocraziada lui instaurata, alle balle e alla P2 credo ci sia poco da disquisire invece.
        • Peppe scrive:
          Re: Deluso
          - Scritto da: Gino
          Se ti riferisci alla 18enne napoletana...
          all'estero si dice che è sua
          figlia...Che si siano schifati cosi' tanto all'estero da aver avuto pieta' di noi che ce lo dobbiamo tenere??
  • auz scrive:
    sempre la stessa italia
    certo che per paragonare carlucci-telecom-grillo ce ne vuole di ignoranza.
    • echoesp1 scrive:
      Re: sempre la stessa italia
      O di senso di autocritica e realismo...Perchè scusa, che differenza c'è tra loro?No no, sul serio.
      • gips scrive:
        Re: sempre la stessa italia
        dunque.. ci provo...una dice XXXXXXX... l'altro ricicla cose altrui... telecom mi passa un servizio pessimo...io li premierei tutti e tre!saluti!
        • Giambo scrive:
          Re: sempre la stessa italia
          - Scritto da: gips
          una dice XXXXXXX... l'altro ricicla cose
          altrui... A volte prendendo cantonate pazzesche (telefonini per cuocere le uova, biowashball) che ne minano tutta la credibilita' :
          io li premierei tutti e tre!Io premerei tre volte la Carlucci :@ !!
          • pippo scrive:
            Re: sempre la stessa italia


            una dice XXXXXXX... l'altro ricicla cose

            altrui...

            A volte prendendo cantonate pazzesche (telefonini
            per cuocere le uova, biowashball) che ne minano
            tutta la credibilita'
            :Beh errare è umano ;)Almeno lui ci prova a suonarci la sveglia!

            io li premierei tutti e tre!

            Io premerei tre volte la Carlucci :@ !!QUOTO!!!
          • The Bishop scrive:
            Re: sempre la stessa italia
            - Scritto da: pippo[...]

            Beh errare è umano ;)
            Almeno lui ci prova a suonarci la sveglia!
            [...]No, lui usa demagogia e qualunquismo a fini di lucro personale...
          • Ricky scrive:
            Re: sempre la stessa italia
            Liquidare il lavoro di Grillo con "demagogia e lucro personale" e' da creature per lo meno superficiali.NESSUNO QUI fara' mai tanto quanto sta' facendo lui per migliorare le cose in Italia, e NESSUNO QUI ne sarebbe in grado.Invede di rosicare per le sue qualita' indiscusse e per la bonta delle sue battaglie,tirando in ballo qualche piccola cantonata, meditate su quanto state facendo VOI per cambiare le cose.Se voltete sfruttare bene il tempo attaccando qualcuno, esiste un intero gruppo di POLITICI a cui attaccarvi, avete materia per anni.Metterlo in mezzo alla Carlucci (pedina prezzolata del Berlusca,sostenitrice di XXXXXte illiberali) e a TELECOM (caliamo un velo pietoso su quello che e' diventata grazie ai famosi POLITICI e agli imprenditori con le pezze al XXXX) e' assurdo ed immotivato.Pero' in fondo la cosa e' semplice:il tempo ci dira' se le cose fatte da Beppe sono valide o meno, mentre ADESSO gia' abbiamo un quadro chiaro di come NON VADANNO AFFATTO BENE.Chi le vuole cambiare, chiunque esso sia, in meglio, per me e' il benvenuto.Ma deve volerlo DAVVERO, non come il solito politucolo menzoniero a cui ci hanno abituato da anni.Staremo a vedere...
          • deactive scrive:
            Re: sempre la stessa italia
            - Scritto da: The Bishop
            - Scritto da: pippo
            [...]



            Beh errare è umano ;)

            Almeno lui ci prova a suonarci la sveglia!


            [...]

            No, lui usa demagogia e qualunquismo a fini di
            lucro
            personale..preferisci lasciare tutta la fetta a berlusconi e amici?Avra' idee a volte diverse dalle mie, ma e' l'unico che parla di cose reali, di problemi veri.O preferisci delegare l'informazione a tg5 e tg1 ?
          • Giambo scrive:
            Re: sempre la stessa italia
            - Scritto da: pippo


            una dice XXXXXXX... l'altro ricicla cose


            altrui...



            A volte prendendo cantonate pazzesche
            (telefonini

            per cuocere le uova, biowashball) che ne minano

            tutta la credibilita'

            :

            Beh errare è umano ;)Purtroppo a volte persevera. Non hai mai ritrattato la storia dei telefonini che cuociono le uova, e con la Biowashball ha pure perseverato nonostante fosse chiara la cantonata presa.
            Almeno lui ci prova a suonarci la sveglia!Di sicuro il bilancio e' positivo, un personaggio come Grillo credo sia fondamentale ;)
          • deactive scrive:
            Re: sempre la stessa italia
            condivido, in parte.Siamo off topic, ma ti consiglio qualche lettura di paolo barnard sul tradimento degli intelletuali.Per me e' stato illuminante.www.paolobarnard.inforegards
    • fred scrive:
      Re: sempre la stessa italia
      In pratica vittoria garantita alla Carlucci.
    • erbeppe scrive:
      Re: sempre la stessa italia
      E' una battaglia impari, la Carlucci andrebbe presa a calci solo per il fatto che ha provato a pensare, infatti si vedono i risultati, Telecom si becca il primo premio come monopolista del non rinnovabile, prima in contrasto con tutte le nuove tecnologie di cui non può avere il monopolio, prima per il servizio più caro e peggio servito del mondo, prima in tutte cose non buone, il povero Grillo invece dice cose con cui tenta di far pensare gli Italiani, ma se non altro ha tolto un po di prosciutto sugli occhi degli Italiani, che poi se lo sia mangiato...vabbè ci sta daiQuindi il premio viene dato per incompetenza o per voluta incopetenza?Nel primo caso vince la Carlucci nel secondo Telecom
Chiudi i commenti