Come proteggersi da Inno Stealer e dalla finta ISO di Windows 11

Come proteggersi dalla finta ISO di Windows 11

Un calo di attenzione può costare caro: come proteggersi dalla minaccia Inno Stealer, nascosta in una finta ISO per passare a Windows 11.
Un calo di attenzione può costare caro: come proteggersi dalla minaccia Inno Stealer, nascosta in una finta ISO per passare a Windows 11.

Molti di coloro che possiedono un PC e ancora non hanno effettuato l’aggiornamento a Windows 11 stanno guardando con interesse al nuovo sistema operativo. È merito dell’impegno profuso da Microsoft con l’obiettivo di migliorare le prestazioni della piattaforma, la sua affidabilità e per introdurre funzionalità esclusive. Bisogna però prestare attenzione a non inciampare in una delle tante trappole tese dai cybercriminali: è infatti stata segnalata la presenza di una falsa ISO contenente un codice maligno battezzato Inno Stealer. Dotarsi di un antivirus efficace come Norton garantisce la possibilità di bloccare automaticamente la minaccia.

Windows 11 e la minaccia Inno Stealer: occhio alla ISO

La violazione prende il via con un inganno, proponendo all’utente, attraverso un portale contraffatto, il download di un pacchetto .ZIP che solo apparentemente include quanto necessario per effettuare l’upgrade. Neanche a dirlo, anziché avviare il processo, la sua apertura e il lancio dell’eseguibile incluso danno in un istante il via all’infezione e al conseguente furto dei dati sensibili. Per tutti i dettagli relativi al funzionamento di Inno Stealer rimandiamo a un articolo dedicato, pubblicato nelle ore scorse.

La risorsa online a cui far riferimento per il download del sistema operativo è esclusivamente quella ufficiale gestita dalla software house, raggiungibile attraverso il dominio microsoft.com, nel dettaglio microsoft.com/it-it/windows/get-windows-11. Solamente in questo modo (oppure attraverso l’utility Windows Update), chi è già in possesso di una licenza valida e legittima, può dare il via alla procedura certificata ed eseguire il passaggio senza correre alcun rischio.

Il malware è stato scovato all’interno di una finta ISO di Windows 11, ma i cybercriminali intenzionati a sfruttarlo per rubare informazioni possono averlo nascosto anche altrove. Prestare dunque la massima attenzione a ciò che si scarica. Chi invece desidera mettersi al sicuro da questa minaccia informatica, così come da tutti gli altri pericoli che prendono di mira privacy e dati, può affidarsi all’esperienza Norton, oggi in forte sconto.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 19 apr 2022
Link copiato negli appunti