INPS: ecco il Consulente Digitale delle Pensioni

INPS: ecco il Consulente Digitale delle Pensioni

È online il Consulente Digitale delle Pensioni di INPS, in fase sperimentale: entro le prossime settimane sarà esteso a tutti i pensionati.
È online il Consulente Digitale delle Pensioni di INPS, in fase sperimentale: entro le prossime settimane sarà esteso a tutti i pensionati.

Al debutto oggi un nuovo servizio INPS, seppur ancora in fase sperimentale: si tratta del Consulente Digitale delle Pensioni. Torna utile a tutti i potenziali titolari di diritti a prestazioni integrative che aumentano con l’importo ricevuto mensilmente, ma che ancora non ne hanno fatto domanda.

Consulente Digitale delle Pensioni (INPS): cos’è e a cosa serve

Più nel dettaglio, in un primo momento, aiuta il cittadino a capire se ha la facoltà di chiedere un’integrazione al trattamento minimo, il bonus quattordicesima oppure il supplemento di pensione. L’utente è guidato in un percorso semplificato per la verifica dei requisiti e per la compilazione degli eventuali moduli necessari all’inoltro della richiesta. Riportiamo di seguito un estratto dal comunicato stampa dell’Istituto.

Con questo servizio, INPS si prende cura del cittadino non solo offrendo delle opportunità, ma anche riducendo gli errori in fase di istanza, evitando  domande prive dei necessari requisiti normativi.

Il Consulente Digitale delle Pensioni di INPS

Per accedere al Consulente Digitale delle Pensioni di INPS è sufficiente visitare l’indirizzo dedicato. Ci si trova davanti alla schermata visibile nell’immagine qui sopra, con la possibilità di selezionare le tre sezioni che lo compongono.

  • Vuoi verificare se hai i requisiti per ottenere l’integrazione al trattamento minimo?
  • Vuoi verificare se hai i requisiti per ottenere il bonus quattordicesima?
  • Vuoi verificare se hai i requisiti per ottenere il supplemento di pensione?

Come scritto in apertura, al momento si trova in fase sperimentale. Entro poche settimane la sua fruizione sarà estesa a tutti i pensionati. È inoltre previsto l’invio, ai potenziali beneficiari delle integrazioni, di un invito ad accedere al servizio per effettuare la verifica. Il messaggio sarà recapitato via email a coloro che l’hanno specificata nell’area riservata MyINPS.

Le modalità di autenticazione previste sono quelle ormai di rito e ben note: SPID (Sistema Pubblico di identità Digitale), CIE (Carta d’Identità Elettronica) e CNS (Carta Nazionale dei Servizi).

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 8 apr 2022
Link copiato negli appunti