Intel e Microsoft, diverse realtà (virtuali)

Santa Clara non conferma né smentisce le indiscrezioni sulla realizzazione di un prototipo di visore per la realtà aumentata, mentre Microsoft lavora a nuovi brevetti teoricamente capaci di fondere l'AR con un'esperienza VR completa

Roma – Fonti anonime raccolte dal Wall Street Journal parlano di una Intel impegnata nello sviluppo di un prototipo per la realtà aumentata (AR), un sistema in grado di mettere a frutto la tecnologia di Santa Clara già disponibile in commercio e di offrire un’esperienza paragonabile a quella dell’ HoloLens di Microsoft .

Il caschetto AR di Santa Clara avrebbe alla base la stessa videocamera RealSense 3D oggi integrata su (alcuni) portatili e monitor per computer, un sistema attualmente capace di misurare la profondità e di permettere la lettura delle caratteristiche biometriche (come i segni del volto) per l’autenticazione sicura.

Intel non conferma né smentisce le indiscrezioni , limitandosi piuttosto a parlare di una cultura aziendale che favorisce lo sviluppo di prototipi più o meno avanti rispetto al mercato o alle mere esigenze di business. AR e VR? Meglio realizzare prima qualcosa di concreto prima di provare a “convincere l’ecosistema”, ha spiegato il vice-presidente del Perceptual Computing Group Achin Bhowmik.

La realtà aumentata offre un’esperienza diversa e meno immersiva rispetto a un caschetto VR come Oculus Rift, e Microsoft avrebbe in programma di realizzare un sistema capace di fondere i due mondi: un nuovo brevetto di Redmond descrive un modulo per l'”attenuazione” della luce proveniente dall’esterno, un apparato teoricamente in grado di passare a comando da un’esperienza AR a una più completa in virtualità tagliando il mondo esterno fuori dalla visuale dell’utente.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • zorrotto scrive:
    automi umani
    I droni delle forze sono già dei droni umani.Infatti si fanno guidare da chiunque abbia il giusto telecomando.E' facile hackerare i droni meccanici dei droni umani, perché hanno lo stesso livello di complessità.
    • Ethype scrive:
      Re: automi umani
      - Scritto da: zorrotto
      I droni delle forze sono già dei droni umani.
      Infatti si fanno guidare da chiunque abbia il
      giusto
      telecomando.
      E' facile hackerare i droni meccanici dei droni
      umani, perché hanno lo stesso livello di
      complessità.il problema è che girano su android.
      • easy scrive:
        Re: automi umani


        il problema è che girano su android.[img]http://4.bp.blogspot.com/_3RbeK2q0yBk/TTnSpolO5pI/AAAAAAAAAIg/FWXuyF8kAxs/s1600/vincere%2Bfacile.jpg[/img]
Chiudi i commenti