Intel, gli Atom a 64 bit per micro-server

Intel presenta la nuova linea di processori super-efficienti per scenari server e micro-server: gli Atom abbracciano l'architettura x86 a 64 bit, e secondo gli analisti faranno piazza pulita di AMD e delle speranze di ARM nel settore

Roma – In una mossa che ha fatto innervosire AMD, eccitare gli analisti e incrementare il valore delle azioni in borsa, Intel ha svelato la nuova linea di CPU SoC (System-on-Chip) Atom dotati di caratteristiche specifiche per sistemi server e micro-server.

Precedentemente nota col nome in codice di Centerton , la serie Atom S1200 segna il debutto dell’architettura x86 (declinazione SoC) nell’era delle istruzioni a 64 bit (x86-64) con funzionalità specifiche pensate per l’impiego nei data center e nei server dove il risparmio economico vale più delle prestazioni assolute raggiungibili con le CPU Intel più performanti (Xeon).

Disponibile in tre diverse versioni con vari livelli di TDP e velocità di clock (da 1,6 GHz a 2,0 GHz), gli Atom S1200 consumano un minimo di 6W in una configurazione dual-core con Hyperthread (quindi 4 thread eseguibili contemporaneamente) e sono dotati di caratteristiche specifiche per i server come il controllo degli errori (ECC), un controller di memoria DDR3 per 8 GB in totale, ipervisore per la virtualizzazione (Intel VT) e naturalmente il supporto alle istruzioni a 64 bit.

Intel sostiene che il nuovo chip SoC sia l’unico disponibile al momento con “caratteristiche fondamentali” per i datacenter, un processore in grado di favorire l’evoluzione del concetto stesso di CED verso configurazioni e scenari sempre più attenti al risparmio energetico ed economico. Il costo di un singolo processore Atom S1200 parte da 54 dollari per ordini minimi da 1.000 unità.

In attesa di verificare coi numeri la reazione del mercato server e micro-server al SoC x86 a 64 bit, il nuovo Centerton è al momento una “star” soprattutto nelle considerazioni degli analisti: il passaggio ai 64 bit con un TDP così basso darebbe a Intel un vantaggio di almeno un anno e forse più su ARM, dicono i suddetti analisti, anche se i margini di profitto sono destinati a scendere vista l’economicità della nuova tecnologia per micro-server. Un settore che, sia come sia, si prevede arrivi al 20 per cento del totale dei prodotti CED di qui a 3 anni.

A chi l’introduzione di Centerton non è andata proprio giù è AMD, il competitor di sempre di Intel, sempre più costretto a fronteggiare la crisi: per Sunnyvale i nuovi Atom sono “troppo poco, troppo tardi”, e l’azienda tiene a sottolineare le mancanze della strategia di Intel in una email spedita alla stampa che denota un certo irrituale ma comprensibile nervosismo.

La verità potrebbe risiedere nel fatto che AMD non abbia ancora nulla di pronto, sul lato dei micro-server, né prodotti basati su ARM (i fantomatici server SeaMicro ancora di là da venire) né CPU a 64 bit che possano reggere il confronto tecnologico e commerciale con Intel. Anche Facebook, da tempo impegnata per far scendere i costi dei suoi CED, dice che la strada percorsa dagli Atom S1200 è quella giusta anche se l’azienda non userà le CPU.

Non contenta dei risultati (tecnologici) ottenuti con Centerton, Intel pensa già (e sempre) al futuro prossimo dell’architettura x86 in declinazione SoC: e il futuro, dice Intel, sarà basato su transistor tridimensionali (tri-gate) realizzati con processo produttivo a 22 nanometri e specificatamente configurati per l’impiego in scenari in cui l’efficienza energetica vale più delle prestazioni assolute.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Notizia incompleta o sottintesa?
    L'articolo parla di 11 milioni di pc infettati.Siamo su PI quindi manca qualcosa. Oppure il qualcosa che manca e' sottinteso?Lascio la parola ai winari.
    • Francesco scrive:
      Re: Notizia incompleta o sottintesa?
      Ovvio che fossero windows... se si scorporano i server e le lavapiatti con linux embedded, non ci sono in tutto il pianeta 11 milioni di computer attivi operanti con linux. @^
      • panda rossa scrive:
        Re: Notizia incompleta o sottintesa?
        - Scritto da: Francesco
        Ovvio che fossero windows... se si scorporano i
        server e le lavapiatti con linux embedded, non ci
        sono in tutto il pianeta 11 milioni di computer
        attivi operanti con linux.
        @^Fai bene a scorporare i server dal tuo conto.Perche' un server ha bisogno di solidita', sicurezza, affidabilita' ed efficienza.E c'e' un solo sistema in grado di offrire tutto questo a costo zero.
        • ABC scrive:
          Re: Notizia incompleta o sottintesa?

          Perche' un server ha bisogno di solidita',
          sicurezza, affidabilita' ed
          efficienza.
          E c'e' un solo sistema in grado di offrire tutto
          questo a costo
          zero.E si chiama FreeBSD.
        • Francesco scrive:
          Re: Notizia incompleta o sottintesa?
          Che sia gratis è una barzelletta per i XXXXXXXmanger, l'ultimo che conosco c'è cascato giusto a giugno e se ne sono già pentiti.In quanto a solidità sicurezza affidabilità si lo so sono io l'unico sfigato a cui i server windows non danno mai problemi... non so cosa farci. L'ultimo crash SW di cui ho memoria fu la corruzione di un file EDB di Exchange, era il 2002 o 2003.Sull'efficienza sono d'accordo... windows è molto più accrocchiato lento e complesso di Linux, ma fa molte più cose e garantisce una retrocompatibilità quasi assurda.E per favore sii tanto onesto da non confrontare il kernel di Linux con l'intero windows... se si confrontano le distribuzioni con windows non so chi perde.Server oracle montati su redhat fermi ogni settimana ne conosco parecchi.... lo so è colpa del sistemista che non capisce nulla, ti risparmio la risposta!
          • panda rossa scrive:
            Re: Notizia incompleta o sottintesa?
            - Scritto da: Francesco
            Che sia gratis è una barzelletta per i
            XXXXXXXmanger, l'ultimo che conosco c'è cascato
            giusto a giugno e se ne sono già
            pentiti.Di che cosa stai parlando, di grazia?

            In quanto a solidità sicurezza affidabilità si lo
            so sono io l'unico sfigato a cui i server windows
            non danno mai problemi... non so cosa farci.Te lo dico io che cosa farci: attaccali alla rete.Poi ne riparliamo...
            L'ultimo crash SW di cui ho memoria fu la
            corruzione di un file EDB di Exchange, era il
            2002 o 2003.Dopodiche' macchine sempre rigorosamente spente?
            Sull'efficienza sono d'accordo... windows è molto
            più accrocchiato lento e complesso di Linux, ma
            fa molte più cose e garantisce una
            retrocompatibilità quasi
            assurda.Devo convenire: ancora oggi non e' possibile creare una directory aux per garantire compatibilita' col dos 1.0
            E per favore sii tanto onesto da non confrontare
            il kernel di Linux con l'intero windows... se si
            confrontano le distribuzioni con windows non so
            chi perde.Io confronto un sistema open basato sul kernel linux, col groviera basato sui buchi.
            Server oracle montati su redhat fermi ogni
            settimana ne conosco parecchi.... lo so è colpa
            del sistemista che non capisce nulla, ti
            risparmio la risposta!Non voglio dare la colpa a nessun sistemista.Vorre solo capire qualcosa in piu', perche' pure io ho a che fare con dei server oracle su linux, e venire a sapere di problemi altrui aiuta a prevenirli altrove.
          • Francesco scrive:
            Re: Notizia incompleta o sottintesa?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Francesco

            Che sia gratis è una barzelletta per i

            XXXXXXXmanger, l'ultimo che conosco c'è
            cascato

            giusto a giugno e se ne sono già

            pentiti.

            Di che cosa stai parlando, di grazia?Ultimo caso passaggio da Exchange a Zimbra... Invece di una licenza di Exchange 2010 una tantum su un nuovo ferro con W2008, migrazione a Zimba su Linux... solo con i canoni di manutenzione annuali di Zimbra e Linux in due anni ci pagavano Exchange + Windows, più il costo della migrazione con messaggi persi per settimane ed utenti inferociti. Però è open, cheXXXXXta!



            In quanto a solidità sicurezza affidabilità
            si
            lo

            so sono io l'unico sfigato a cui i server
            windows

            non danno mai problemi... non so cosa farci.

            Te lo dico io che cosa farci: attaccali alla rete.
            Poi ne riparliamo...


            L'ultimo crash SW di cui ho memoria fu la

            corruzione di un file EDB di Exchange, era il

            2002 o 2003.

            Dopodiche' macchine sempre rigorosamente spente?
            Quando scrivevo avevo in mente una ventina scarsa di server fisici in vari siti in varie nazioni, diciamo 30 virtuali, alcuni agiscono da web server, altri servizi RDP, altri ancora Exchange... credo che se forniscono i servizi che forniscono, lo fanno grazie alla connessione ad internet.

            Sull'efficienza sono d'accordo... windows è
            molto

            più accrocchiato lento e complesso di Linux,
            ma

            fa molte più cose e garantisce una

            retrocompatibilità quasi

            assurda.

            Devo convenire: ancora oggi non e' possibile
            creare una directory aux per garantire
            compatibilita' col dos
            1.0
            Ogni volta che ti rifai a questo esempio dimostri la tua ignoranza su windows... non possono nemmeno esistere cartelle che si chiamano COM1, COM2, LPT1, PRN e tante altre. Se esiste ancora la fame nel mondo è colpa di questa limitazione di windows, anche se i grandi tycoon della terra fanno di tutto per nascondere questa orribile verità lo so e me ne vergogno.

            E per favore sii tanto onesto da non
            confrontare

            il kernel di Linux con l'intero windows...
            se
            si

            confrontano le distribuzioni con windows non
            so

            chi perde.

            Io confronto un sistema open basato sul kernel
            linux, col groviera basato sui
            buchi.Cioé confronti il groviera con lo stracchino posto sul tagliere? Almeno il groviera ha uan struttura.


            Server oracle montati su redhat fermi ogni

            settimana ne conosco parecchi.... lo so è
            colpa

            del sistemista che non capisce nulla, ti

            risparmio la risposta!

            Non voglio dare la colpa a nessun sistemista.
            Vorre solo capire qualcosa in piu', perche' pure
            io ho a che fare con dei server oracle su linux,
            e venire a sapere di problemi altrui aiuta a
            prevenirli
            altrove.Non li gestisco io, io mi limito a sentirmi rispondere al telefono che non mi arrivano i flussi o che non li posso uploadare perché hanno qualcosa fermo.
          • Francesco scrive:
            Re: Notizia incompleta o sottintesa?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Francesco

            Che sia gratis è una barzelletta per i

            XXXXXXXmanger, l'ultimo che conosco c'è
            cascato

            giusto a giugno e se ne sono già

            pentiti.

            Di che cosa stai parlando, di grazia?Ultimo caso passaggio da Exchange a Zimbra... Invece di una licenza di Exchange 2010 una tantum su un nuovo ferro con W2008, migrazione a Zimba su Linux... solo con i canoni di manutenzione annuali di Zimbra e Linux in due anni ci pagavano Exchange + Windows, più il costo della migrazione con messaggi persi per settimane ed utenti inferociti. Però è open, cheXXXXXta!



            In quanto a solidità sicurezza affidabilità
            si
            lo

            so sono io l'unico sfigato a cui i server
            windows

            non danno mai problemi... non so cosa farci.

            Te lo dico io che cosa farci: attaccali alla rete.
            Poi ne riparliamo...


            L'ultimo crash SW di cui ho memoria fu la

            corruzione di un file EDB di Exchange, era il

            2002 o 2003.

            Dopodiche' macchine sempre rigorosamente spente?
            Quando scrivevo avevo in mente una ventina scarsa di server fisici in vari siti in varie nazioni, diciamo 30 virtuali, alcuni agiscono da web server, altri servizi RDP, altri ancora Exchange... credo che se forniscono i servizi che forniscono, lo fanno grazie alla connessione ad internet.

            Sull'efficienza sono d'accordo... windows è
            molto

            più accrocchiato lento e complesso di Linux,
            ma

            fa molte più cose e garantisce una

            retrocompatibilità quasi

            assurda.

            Devo convenire: ancora oggi non e' possibile
            creare una directory aux per garantire
            compatibilita' col dos
            1.0
            Ogni volta che ti rifai a questo esempio dimostri la tua ignoranza su windows... non possono nemmeno esistere cartelle che si chiamano COM1, COM2, LPT1, PRN e tante altre. Se esiste ancora la fame nel mondo è colpa di questa limitazione di windows, anche se i grandi tycoon della terra fanno di tutto per nascondere questa orribile verità lo so e me ne vergogno.

            E per favore sii tanto onesto da non
            confrontare

            il kernel di Linux con l'intero windows...
            se
            si

            confrontano le distribuzioni con windows non
            so

            chi perde.

            Io confronto un sistema open basato sul kernel
            linux, col groviera basato sui
            buchi.Cioé confronti il groviera con lo stracchino posto sul tagliere? Almeno il groviera ha uan struttura.


            Server oracle montati su redhat fermi ogni

            settimana ne conosco parecchi.... lo so è
            colpa

            del sistemista che non capisce nulla, ti

            risparmio la risposta!

            Non voglio dare la colpa a nessun sistemista.
            Vorre solo capire qualcosa in piu', perche' pure
            io ho a che fare con dei server oracle su linux,
            e venire a sapere di problemi altrui aiuta a
            prevenirli
            altrove.Non li gestisco io, io mi limito a sentirmi rispondere al telefono che non mi arrivano i flussi o che non li posso uploadare perché hanno qualcosa fermo.
          • bubba scrive:
            Re: Notizia incompleta o sottintesa?
            - Scritto da: Francesco
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Francesco


            Che sia gratis è una barzelletta per i


            XXXXXXXmanger, l'ultimo che conosco c'è

            cascato


            giusto a giugno e se ne sono già


            pentiti.



            Di che cosa stai parlando, di grazia?

            Ultimo caso passaggio da Exchange a Zimbra... yattayattaFrance', riposati.Qua si parla (aka si dovrebbe parlare) del fatto che da facebook/mail/etc ti arriva un msg stile "Aggiornamento Outlook in arrivo: clicka [qui] per installare"... e' di questo che si parla nell'articolo.
        • Francesco scrive:
          Re: Notizia incompleta o sottintesa?
          Che sia gratis è una barzelletta per i XXXXXXXmanger, l'ultimo che conosco c'è cascato giusto a giugno e se ne sono già pentiti.In quanto a solidità sicurezza affidabilità si lo so sono io l'unico sfigato a cui i server windows non danno mai problemi... non so cosa farci. L'ultimo crash SW di cui ho memoria fu la corruzione di un file EDB di Exchange, era il 2002 o 2003.Sull'efficienza sono d'accordo... windows è molto più accrocchiato lento e complesso di Linux, ma fa molte più cose e garantisce una retrocompatibilità quasi assurda.E per favore sii tanto onesto da non confrontare il kernel di Linux con l'intero windows... se si confrontano le distribuzioni con windows non so chi perde.Server oracle montati su redhat fermi ogni settimana ne conosco parecchi.... lo so è colpa del sistemista che non capisce nulla, ti risparmio la risposta!
  • bubba scrive:
    lavoro notevole!
    (invece di andare a caccia di pagine con dei file .torrent ...)Notevole anche il fatto che, stando a cio che leggo, la XXXXXmalware win32, era fornita come link da clickare (e quindi sw, spacciato per altro, da installare volontariamente). Ole!
Chiudi i commenti