Intel e Lenovo: Big Data contro il Coronavirus

Intel e Lenovo mettono a disposizione della BGI Genomics nuove tecnologie di high-performance computing e analisi genomica per sfidare il Coronavirus
Intel e Lenovo mettono a disposizione della BGI Genomics nuove tecnologie di high-performance computing e analisi genomica per sfidare il Coronavirus

L’allarme internazionale sul Coronavirus, la velocità del contagio e la situazione di stress che la COVID-19 è in grado di arrecare ai servizi sanitari impone uno sforzo collettivo nella ricerca scientifica. Nasce da questa necessità lo sforzo congiunto che Intel, Lenovo e BGI Genomics hanno annunciato “per accelerare l’analisi delle caratteristiche genomiche del SARS-CoV-2“.

Big Data per sfidare il Coronavirus

Il Coronavirus potrebbe avere un nemico in più rispetto alle epidemie del passato: la ricerca scientifica: quando la minaccia si fa mondiale e tutti i grandi i gruppi sono tirati congiuntamente in ballo, infatti, il contesto è quello migliore per favorire la cooperazione nella lotta al nemico comune.

La tecnologia che Intel e Lenovo forniscono a BGI comprende un ampio cluster di high-performance computing (HPC) per processare le combinazioni ad elevato parallelismo dal Sequencer BGI DNBSEQ-T7. I ricercatori di BGI Genomics avranno accesso alle più recenti tecnologie di high-performance computing (HPC) e analisi genomica, e alle risorse e l’esperienza di Intel e Lenovo, per accelerare ulteriormente la loro ricerca delle caratteristiche genomiche del coronavirus. Questa tecnologia supporta gli scienziati per investigare la virulenza, i pattern di trasmissione, e le interazioni fra ospite e patogeno, che daranno informazioni per gli studi epidemiologici e di creazione del vaccino. Questo lavoro è necessario per creare migliori metodi diagnostici e per progettare un vaccino efficace o altre misure protettive, come l’immunoterapia.

L’obiettivo è quello di giungere nel minor tempo possibile ad una conoscenza tale del virus da consentire lo sviluppo di un protocollo diagnostico prima e di un vaccino poi, affinché l’epidemia non possa evolvere e se ne possano limitare i prevedibili reflussi della stagione autunnale. Gli strumenti informatici saranno fondamentali per affiancare l’intelligenza e la conoscenza umana in questo percorso: Intel e Lenovo diventano quindi due risorse extra che BGI Genomics ha ora a disposizione per accelerare nell’analisi dei dati raccolti sul campo, arrivando laddove la semplice osservazione clinica non è in grado di portare in tempi brevi.

L’elaborazione che dovrà essere effettuata sui campioni a disposizione della BGI implicano l’analisi di dati nell’ordine dei petabyte, il che non è compatibile con strumenti tradizionali (o quantomeno non lo è se l’obiettivo è quello di arrivare con massima velocità ad un qualche risultato apprezzabile): le infrastrutture HPC (High-Performance Computing) di Intel e Lenovo possono invece consentire un’elaborazione dei big data disponibili con performance di ben altra scala, rendendo così possibile quel che altrimenti sarebbe impraticabile.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 03 2020
Link copiato negli appunti