Intel, via al valzer delle poltrone

Il CEO avvia una piccola rivoluzione interna. L'azienda avrà una nuova struttura. E forse nuovi timonieri

Roma – Dirigenti storici che se ne vanno. Un rimescolamento delle carte volto a ridare enfasi alla produttività e la creazione di un organismo capace di coordinare i vari comparti aziendali: Intel si riorganizza così .

La piccola giostra delle poltrone del chipmaker di Santa Clara vede coinvolto anche lo stesso CEO Paul Otellini, che pur rimanendo in carica dovrebbe aumentare la sua mole di lavoro per ciò che riguarda il futuro e lo sviluppo dell’azienda.

Tutte quelle che erano le varie divisioni operative sono state raccolte nell’ Intel Architecture Group , la cui direzione è stata affidata ai vicepresidenti Sean Maloney e David Perlmutter. Nel timonare l’azienda i due avranno mansioni separate : il primo si occuperà delle strategie di business mentre il secondo supervisionerà lo sviluppo dei prodotti.

Proprio Maloney è stato indicato da alcuni come il possibile successore di Otellini . Prima di assumere la guida dell’ Intel Architecture Group , Maloney aveva ricoperto l’incarico di responsabile della divisione marketing di Intel: la stessa posizione di Otellini prima della sua nomina a CEO dell’azienda.

Tra le iniziative future sembra esserci anche il rafforzamento dei laboratori di ricerca di Haifa , in Israele, da dove provengono molte tra le ultime innovazioni in materia di processori.

La sequela di avvicendamenti non ha coinvolto però uno dei fautori del successo dei chip Intel, Pat Gelsinger, che ha invece lasciato l’azienda dopo più di 30 anni di servizio per dedicarsi ad altri progetti.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giuseppe M. scrive:
    credo funzioni così..
    La specifica non-commerciale serve ad indicare che l'autore dell'opera non concede lo sfruttamento economico da parte di tutti coloro che possiedono una copia dell'opera ma ciò non esclude che possa egli stesso sfruttare l'opera economicamente o che non lo possano fare altri su autorizzazione scritta da parte dell'autore stesso.. qualsiasi altra opera che non contine la clausola NC è impiegabile commercialmente senza necessità di chiederlo all'autore
  • Dr. Zampetti scrive:
    quindi...
    non posso mettere una musica CC su un video di youtube che a banner che mi fanno guadagnare?
    • ... scrive:
      Re: quindi...
      Credo proprio di no.
    • anonimo scrive:
      Re: quindi...
      - Scritto da: Dr. Zampetti
      non posso mettere una musica CC su un video di
      youtube che a banner che mi fanno
      guadagnare?Ci sono diverse licenze CC. Esistono anche le licenze CC che permettono di avere un lucro.
    • Wolf01 scrive:
      Re: quindi...
      La questione è un po' tanto fumosa.Non ho mai capito bene se non si può proprio usare il contenuto licenziato CC-NC in un prodotto commerciale, oppure se è solo vietato usare un CC-NC COME prodotto commerciale.Cioè mi spiego meglio: faccio un video, voglio mettere qualche pezzo di canzone di sottofondo, non ho voglia di stare a smenarmi tra acquisizione delle licenze varie, richieste a siae e company e così vado in cerca di un contenuto licenziato sotto CC.A questo punto, io ho fatto il video che vorrei vendere per guadagnarci qualche soldo, non posso farlo perchè infrangerei la licenza di una musica di sottofondo licenziata CC-NC?Oppure semplicemente non posso prendere il contenuto CC-NC, rielaborarlo e venderlo?I casi sono diversi, nel primo caso sto vendendo un (pezzo di) contenuto come parte di un prodotto più complesso, nel secondo caso sto rivendendo proprio il contenuto di partenza magari rielaborato (per la licenza posso rielaborarlo ma non utilizzarlo per scopi commerciali)
      • Matteo scrive:
        Re: quindi...
        - Scritto da: Wolf01
        La questione è un po' tanto fumosa.
        Non ho mai capito bene se non si può proprio
        usare il contenuto licenziato CC-NC in un
        prodotto commerciale, oppure se è solo vietato
        usare un CC-NC COME prodotto
        commerciale.Leggere le licenze per esteso magari?http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/legalcodeIn breve: con la BY-NC non puoi vendere il "prodotto più complesso" anche se il pezzo ne è solo una parte.Limitatamente agli usi non commerciali, puoi modificare il pezzo, ridistrubuirlo e/o includerlo in "prodotto più complesso", ma la licenza per il pezzo modificato o per il pezzo nella sua funzione di "parte" del prodotto è ereditaria e va indicata durante la vendita-distribuzione-rappresentazione.Su cosa significhi "vendere" e a tutte le sue possibili sfumature rimando all'articolo che stiamo commentando.Io nel mio blog uso la BY-SA che è meno restrittiva e permette l'uso commerciale, ma è comunque ereditaria. Un autore mi ha contattato per chiedermi di inserire alcuni indovinelli in un libro che pubblicherà (commerciale, ovviamente); no problem -ho risposto- è sufficiente riportare in corpo di testo (o in nota a piè di pagina) le condizioni a cui questi indovinelli sono state rilasciate e in cui saranno, quindi, ulteriormente riproducibili. Mi piace l'idea di aver "iniettato" in un prodotto soggetto a copyright una piccola eccezione, un pezzetto di libertà che viaggerà (disonestà potenziale del prossimo a parte) con le sue gambe. Baci;Matteo
        • Wolf01 scrive:
          Re: quindi...
          Si ok, la parte che non mi era chiara era appunto sulla differenza tra il riutilizzo totale o parziale e se all'interno o meno di un altro prodotto.
Chiudi i commenti