Intercettazioni UK, Orwell aveva ragione

Il nuovo piano è quasi pronto: la Grande Mamma potrà intercettare con un clic qualsiasi comunicazione. E registrerà anche tutti i dati di email, telefonate, SMS e via dicendo

Roma – Dodici miliardi di sterline per monitorare ogni mail, SMS, chiamata e accesso al web: questo il costo complessivo che la Gran Bretagna dovrà sostenere per dar vita a quello che se verrà confermato appare a molti come il più invasivo sistema di sorveglianza concepito fino ad oggi nel Regno di Sua Maestà. Accanto al log di tutte le sessioni di comunicazione, gli strumenti ideati dall’intelligence britannica permetteranno alle agenzie governative in qualsiasi momento di intrufolarsi in qualsiasi media di comunicazione: chat, email, telefonate e via dicendo. Di fatto il sistema faciliterebbe enormemente la vita a inquirenti, cybercop e agenti di sorveglianza.

il Grande Fratello Per quanto finora noto, il giochino, Interception Modernisation Programme , permetterebbe di avere accesso live ad ogni singola parola pronunciata al telefono o digitata via mail e SMS nell’intera nazione, così come di avere un occhio puntato su ogni accesso da parte di ogni utente ad un qualsiasi sito o applicazione web-based. Il tutto grazie all’installazione nelle reti telefoniche e digitali di strumenti di intercettazione, snodi che avranno il compito di acquisire e rielaborare i dati in qualsiasi momento, per poi indirizzarli alle forze di sicurezza.

A queste informazioni potrebbero accedere funzionari ed agenti dei servizi delle comunicazioni governativi Government Communications Head Quarters (GCHQ), membri di organi di intelligence come MI5 e MI6, ma anche la polizia ed altri organismi di sicurezza.

Se davvero sarà realizzato, tutto questo com’è ovvio richiederà importanti capacità tecnologiche. Del resto, i numeri parlano chiaro: la mole di dati in circolazione è impressionante. Nel Regno Unito sono presenti 18 milioni di connessioni ad internet a banda larga, le email inviate raggiungono una cifra di circa 3 miliardi ogni anno e gli SMS arrivano a quota 57 miliardi. Ciò che manca attorno a tutto questo sono le conferme ufficiali: sebbene il GCHQ abbia già ricevuto un miliardo di sterline per iniziare i lavori, ulteriori dettagli si avranno solo il prossimo dicembre con il discorso di Sua Maestà relativo al programma legislativo del Governo.

Ma sono bastate queste indiscrezioni e mezze notizie a scatenare l’opinione pubblica britannica: c’è chi ritiene il piano un ottimo metodo per incrementare in maniera decisiva la sicurezza del paese ma i più temono che il tutto si traduca in un metaforico inceneritore di diritti civili. “Sono del tutto d’accordo con le attività di controllo, ma credo che non ci sia bisogno di ulteriori misure speciali per tracciare i sospetti di terrorismo” dichiara ad esempio Jacky Fletcher, consigliere di stampo conservatore. “Questo tipo di provvedimenti esiste già: basta ottenere l’ordinanza di un giudice per tracciare messaggi e telefonate per un periodo limitato di tempo. Credo fermamente che se non si ha nulla da nascondere, non si debba temere nulla, ma mi piacerebbe sapere quale necessità ci sia nel dover leggere e conservare tutto ciò che è detto o scritto” – continua. Gli fa eco Michael Parker del gruppo anti-carta d’identità No2ID : “Questa è una vera e propria intrusione nella vita dei cittadini. Questo è puro stalking : se un individuo qualsiasi facesse lo stesso, sarebbe incriminato”.

Ed è proprio quello della privacy il tema caldo su cui si discute: sono in molti a chiedere che il Governo porti tutto sulla pubblica piazza nella massima trasparenza per chiarire la situazione e poterne parlare a ragion veduta. Come è stato fin qui raccontato, il nuovo strumento appare andare oltre alle direttive UE sulla data retention . Tra i vari interrogativi suscitati anche quello sui tempi di conservazione dei dati. Nel 2005 l’allora ministro dell’Interno britannico Charles Clarke riteneva indispensabile un periodo di 5 anni , salvo poi arrivare alla direttiva fornita dall’Home Office, che individua in 12 mesi il periodo ottimale per l’archiviazione dei soli dati delle comunicazioni.

L’intensificazione e la massificazione delle procedure di ritenzione dei dati risale al maggio di quest’anno, periodo in cui hanno iniziato a circolare rumors sulla nascita di un sistema di controllo globale. Va inoltre ricordato che l’Europa non è del tutto nuova a tali proposte: basti citare la vicenda svedese con la sua legge Orwell , di recente ammorbidita e ridimensionata .

Altro fattore da non sottovalutare è quello relativo ai costi: il progetto britannico costerà 12 miliardi di sterline . Chi sborserà tutti questi soldi? È questa la domanda che si pongono in molti, preoccupati dall’idea che il Governo attinga al portafoglio dei cittadini aumentando le tasse per potersi permettere di farsi gli affari, privati e non, degli amati sudditi.

Vincenzo Gentile

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Hmmmm mmmmH scrive:
    Abbasso tecnologie
    falliti, non siete capaci di controllarvi state distruggendo tutto viva 2d vecchi televisioni abbasso oloTV è uno zero, se crerete queste assurde tecnologie che distruggeranno il mondo, siete pazzi e falliti falliti falliti
  • per i porno scrive:
    Funzionerà alla grande
    Se è pure interattiva :D
  • ... scrive:
    Re: non certo per la tv.

    Forse i videogame ma per quelli sto ancora
    aspettando che ripropongano una volta per tutte
    l'ottima idea dei caschi immersivi come il vrfx1
    del
    1997-98.???il vrfx1 è stato messo fuori produzione perché causava crisi epilettiche e nausea a chiunque (non solo a chi soffriva di epilessia), la società che li produceva finì sotto inchiesta e quelli messi in giro smantellati (tra cui uno al luneur di roma, che provai, apparte che ti intrecciavi con i cavi, non era sto gran che e dava noia)tra l'altro pare che danneggiasse anche la vista, data la vicinanza con lo schermomagari con la tecnologia attuale, si potrebbe rifare, ma considerando il tempo che oggi i ragazzi stanno davanti ad un videogame, non penso sia salutare
  • juri g scrive:
    come monitor interattivo
    sarebbe una figatametti le mani sull'immagine e questa reagisceaddio monitor, mouse e tastiera
    • pippo scrive:
      Re: come monitor interattivo

      sarebbe una figata
      metti le mani sull'immagine e questa reagisce
      addio monitor, mouse e tastieraNon vedo l'ora di vedere la carfagna in 3D :p
    • Antonio Montemurro scrive:
      Re: come monitor interattivo
      resto in dubbio circa la precisione e il dettaglio che si raggiungerà fra qualità video e precisione per gli input.
  • Sarah Connor scrive:
    ti nove
    a proposito di terminator, bisognerà vedere questa nuova serie tv, che ne pensate? eh? si guarda? dai, tutti insieme.
  • Stephan scrive:
    lettore di Ingegneria Elettronica??
    Sarebbe mica la traduzione dall'inglese di 'lecturer'? :s
    • Marco V. Principato scrive:
      Re: lettore di Ingegneria Elettronica??
      Grazie, ha ragione, ci scusi ma è proprio una svista bella e buona, è in coda la correzione e in mattinata risulterà corretto.SalutiMarco V. Principato
  • Roby10 scrive:
    e i microcosi?
    Un campo ologrammi alla startrek sarebbe molto immersivo come videogame, ma mancherebbe di contatto fisico.La mia idea è più estrema: ricordate i cosini che sta progettando Intel?? Quei nanorobot che insieme possono formare diverse forme? Beh, se davvero come dicono un giorno saranno più piccoli di un millimetro, se ne potrebbero buttare qualche miliardo dentro una stanza 5x5 e poi attraverso un super computer (che per allora sarà una console) muoverli e creare forme e oggetti reali con cui interagire in una vera simulazione!Scommetto che giochi come GTA XXVI non venderebbero molto con la scritta in piccolo: "Attenzione, il gioco può causare bruciature, ferite da arma da fuoco, e morte..."Pensandoci meglio, per quando sarà disponibile una tecnologia del genere, probabilmente saranno stati interpretati molto meglio i meccanismi del cervello e degli impulsi del corpo, e per avere una vera simulazione, basterà una macchina che mandi degli impulsi finti al cervello facendogli credere quello che vuole, tatto compreso (tipo matrix diciamo)
    • Giovanni scrive:
      Re: e i microcosi?
      Poi vi immaginate i pornazzi con sta cosa????
    • hey scrive:
      Re: e i microcosi?
      bella idea.. diciamo che "ci sono già".Si chiamano T-1000, e ci avevano pensato quando ancora non si parlava di nanorobot :Dhttp://en.wikipedia.org/wiki/T-1000
    • Antonio Montemurro scrive:
      Re: e i microcosi?
      in una puntata di star trek contro i borg, si scopre che sbloccando il blocco sicurezza delle stanze olografiche, l'energia che genera le immagini può diventare materia e quindi ferire. (picard in uno scenario olografico gangster, secca un botto di borg sparando con un bellissimo thompson.In effetti..chi si fiderebbe a essere circondato da tale tecnologia?Decisamente preferisco gli ottimi (e vetusti) caschi RV con relativi sensori, in un futuro non lontano superati da sensori decisamente più piccoli e più efficienti.Ritornando a questa tecnologia. Son comunque contento che venga sviluppata e perfezionata, ne prevedo un largo uso in oggetti diversi dalla tv come sistemi di monitoraggio di dati e progettazione, oggettistica di consumo lato "fun", e in negozi vari con ampi spazi tipo cinema 3D.Boh.vedremo come si evolverà e con che future tecnologie.
    • ndr scrive:
      Re: e i microcosi?

      La mia idea è più estrema: ricordate i cosini che
      sta progettando Intel?? Quei nanorobot che
      insieme possono formare diverse forme? Beh, se
      davvero come dicono un giorno saranno più piccoli
      di un millimetro, se ne potrebbero buttare
      qualche miliardo dentro una stanza 5x5 e poi.........ecciù!
  • sandro scrive:
    NON FUNZIONERA'
    Sinceramente.... che senso ha tutto cio'? A cosa serve realmente l'olografia? Capisco i giochi di laboratorio, ma passato lo stupore iniziale a chi mai puo' giovare una cosa del genere? Oggi le televisioni si fanno sempre piu' piatte, ed è questo cio' che la gente vuole: l'immagine portabile, non ingombrante. Vi immaginate solo che per la tv olografica ci si dovrebbe dedicare una stanza intera della propria casa? Sempre in ordine e pulita naturlamente.noo... lasciate perdere che e' meglio. E poi se uno è miope deve tenersi sempre su gli occhiali? Io ad esempio da vicino ci vedo bene mentre con l'olografia non ci sarebbe modo di correggere gli eventuali difetti visivi dell'occhio.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: NON FUNZIONERA'
      A te daranno semplicemente una rivista :D
      • cacao scrive:
        Re: NON FUNZIONERA'
        Appunto... :-DMa che discorsi sono? Basterá avere una cosa tipo proiettore, te lo appendi al soffito e non hai neanche il problema dell'ingombo.La differenza sará che ci sará una persona seduta davanti a te a leggerti le notizie
    • Andonio scrive:
      Re: NON FUNZIONERA'
      L'immagine della TV olografica di P.I. mi ricorda le fotogafie delle prime immagini che venivano fuori dai dischi di Nipkov a scansione meccanica negli anni 20-30 del secolo scorso durnate i primi esperimenti di trasmissione delle immagini in movimento in bianco e nero a distanza, anzi mi sembrano gia' migliori. Il passo successivo fu la telecamera e cosi' via. Per cui penso che fra 15 o 20 anni ci sara' la TV a 3 dimensioni dove, se tu vuoi vedere una ballerina di "spalle, basta che giri attorno al televisore.......che stara' in mezzo alla camera e non piu' contro il muro.
      • ndr scrive:
        Re: NON FUNZIONERA'
        Bah. E' come dire che fra vent'anni farò le ferie di ferragosto sulla base lunare. Teoricamente possibile ma.....FUFFA, Parole al vento.
    • WInternet scrive:
      Re: NON FUNZIONERA'
      E se la televisione fosse il tavolino al centro del nuovo divano rotondo? Che spazio ti ruberebbe???Accendiamo la testa prima di sputare sentenze ( che tra l'altro sono sempre di malcontento... non è tutto nero!)
    • ninjaverde scrive:
      Re: NON FUNZIONERA'
      Suppongo che non ci vorranno proiettori altrimenti che senso ha chiamarla olo-tv?...Certo l'articolo non è molto approfondito...
    • asd scrive:
      Re: NON FUNZIONERA'
      Ehm ioc aro, immagina che con un quadraticno di 5 centimetri ti genera un ologramma 42 pollici (quadrati) hai risparmiato 50 volte los pazio di qualsiasi plasma e hai una qualita' e una tridimensionalita' reale, penmsa il pc portatile..... sei in metro tiri fuori un ocso delle dimensioni di un eepc e ti apapre unologramma 22 pollici.............. regolabile.......... godi
Chiudi i commenti