Internet chiama, l'Italia risponde?

Come si muoveranno gli operatori nel cruciale passaggio alla fibra ottica? I piccoli provider si associano per investire, Telecom respinge alleanze nelle aree urbane. Manca ancora un piano comune

Roma – Un incontro tra operatori, aziende ed istituzioni, affinché l’Italia alzi al più presto la cruciale cornetta dell’innovazione. Questo l’obiettivo ultimo del recente convegno Internet Chiama Italia , organizzato a Roma dall’ Associazione Italiana Internet Provider (AIIP), a rappresentare gli interessi di circa 50 operatori (tra gli altri, Aruba, Tiscali e Unidata).

Un evento partito da una realtà preoccupante: l’Italia è ai primissimi posti nel settore della telefonia mobile, ma in fondo alle classifiche di Internet. Ultima negli ambiti del commercio elettronico – inteso come effettiva disponibilità delle varie aziende ad investire – nell’Europa a 15. Un primo mattone è stato posto da Paolo Nuti, chairman di AIIP: in Italia sarebbe doveroso investire per il broadband, in infrastrutture che aumentino la marginalità.

Anche perché diversi studi lo avrebbero ormai confermato: un’infrastruttura pervasiva in fibra ottica aumenterebbe il Prodotto Interno Lordo (PIL) nazionale dell’1,6/1,7 per cento . Ecco dunque il progetto presentato da AIIP, una società per azioni chiamata Fibra Ottica , risultato dell’adesione di 13 operatori medio piccoli , tra cui Unidata, Clio, Mc-Link e Maxfone.

Un gruppo aperto a nuovi attori, attualmente detentore di una quota pari al 2,5 per cento del mercato , con un fatturato complessivo pari a 70/80 milioni di euro . Una società non operativa, come spiegato a Punto Informatico dallo stesso Nuti. Fibra Ottica Spa (accorciabile in FOS, che richiama la parola “luce” in greco) avrà l’obiettivo di partecipare a progetti nazionali legati alle infrastrutture, come ad esempio quello annunciato da Wind, Vodafone e Fastweb ( Fibra per l’Italia ).

Un contenitore nel quale inglobare fondi e risorse – come sottolineato da Nuti – per poi andare a partecipare economicamente ad altre società deputate agli effettivi “scavi”. Investire in equity per ottenere successivamente dei vantaggi, in particolare dagli investimenti in unbundling. “Su 45 società presenti in AIIP – ha continuato il chairman – 15 hanno già investito in unbundling. Investito sulla propria pelle. E hanno visto che funziona”.

Investire, ma in quali progetti e soprattutto in quali aree del Belpaese? Nuti ha citato il progetto Trentino – realizzazione di una rete NGN che coprirà l’intera regione entro il 2016 – come uno dei più vicini alla trasformazione in realtà. “Tendenzialmente, AIIP è contenta di promuovere le aree locali. Qualcosa come adotta un comune da mille abitanti . Anche perché sono sicuro che in 4 o 5 anni i piccoli centri pretenderanno la fibra. Vorranno vedere la televisione”. AIIP ha dunque chiesto all’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni (AgCom) di diramare al più presto una serie di regole tecniche chiare, sull’accesso, la transizione dal rame alla fibra, sulla condivisione delle infrastrutture. Regole che dovranno basarsi sulla recente Raccomandazione europea sulle reti di nuova generazione .

In linea con la digital agenda della UE si muoverebbe Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, annunciando il suo progetto per l’Italia Digitale. Una serie di obiettivi da realizzare entro il 2013, tra cui quello relativo all’aumento del numero attuale di “famiglie digitali”, dal 45 all’80 per cento . Oltre ad una copertura di circa il 25 per cento del territorio con infrastrutture NGN a 100 Mbps .

Ma la vera sfida sembra risiedere nel settore business, dove solo il 67 per cento delle aziende italiane ha finora adottato servizi legati al broadband. Nell’Europa dei 15, il Belpaese risulta agli ultimi posti relativamente a quelle dimensioni di business che sfruttano le possibilità dell’ICT. Dati magri risultati per quanto concerne il telelavoro, la formazione a distanza, gli acquisti online.

Confindustria ha dipinto il suo quadro. Il 4 per cento delle attuali centrali è senza fibra e banda larga, un altro 4 per cento ha velocità inferiori a 1 megabit al secondo. Il totale così calcolato per il digital divide tricolore si assesta sul 9 per cento . Bisognerebbe allora cooperare sulle infrastrutture – e non sulle reti – per un futuro risparmio di 30 miliardi di euro all’anno sui costi di Pubblica Amministrazione, imprese e famiglie. Il tutto a fronte di un investimento iniziale calcolato sui 15 miliardi di euro .

Se per Confindustria “i conti tornano”, per Romano Righetti – deputy COO di Wind Telecomunicazioni – ci sarebbe bisogno di condividere gli investimenti iniziali per poi andare a competere singolarmente. Una “cooperazione competitiva” annunciata insieme al progetto Fibra Ottica per l’Italia , attualmente in attesa di conoscere le regole del gioco mutuate dalla raccomandazioni dell’Unione Europea.

Gli operatori così riuniti non vorranno permettere a Telecom Italia di imporre una sorta di veto, qualora il colosso delle TLC continui a rifiutare la sua partecipazione al progetto. La questione è tra le più delicate: trovare un’armonia regolamentata di investimento nella fibra tra pubblico e privato. A partire dall già noto interrogativo: dove dovrà o potrà intervenire lo Stato?

Secondo Giovanni Amendola, responsabile regolamentazione UE di Telecom Italia, non ci sarebbe alcun bisogno di intervento pubblico nelle aree urbane, dove si è già sviluppata una concorrenza (ad esempio da parte di Fastweb). Sarebbe pertanto inutile formare qui delle alleanze per la fibra. Il finanziamento statale costituirebbe inoltre una violazione delle norme europee sugli aiuti pubblici .

“Un euro dato a Roma è un euro tolto alla Calabria”. Così ha parlato Amendola, che ha invece suggerito d’investire nelle aree del digital divide , in quelle aree bianche (a fallimento di mercato) o in quelle grigie, dove permane la possibilità di sviluppo di una sola rete.

Non dello stesso avviso Bianca Maria Martinelli di Vodafone, che ha sottolineato come l’UE permetta il pubblico intervento in qualità di operatore privato anche nelle aree nere . Il modello di Vodafone consiste nella copertura in fibra ottica delle principali aree metropolitane, prima di passare al resto del territorio attraverso le connessioni mobile in banda larga.

Ma nella lotta al digital divide del Belpaese non bisognerebbe affatto sottovalutare un prezioso alleato, il wireless. Verso la fine del dibattito di Internet Chiama Italia si è inserita l’esperienza concreta della Provincia di Roma, rappresentata dal suo presidente Nicola Zingaretti. 403 hot spot finora attivati sul territorio – 500 annunciati entro la fine dell’anno – 64 comuni coperti e 40mila utenti registrati.

Questi i numeri presentati da Zingaretti, che ha inoltre annunciato la possibilità da parte di esercizi commerciali di fornire un contributo economico per entrare nel progetto “Provincia WiFi”. La Provincia di Roma ha dunque annunciato l’apertura entro due anni di 5 centri per l’innovazione , una sorta di scuole per l’alfabetizzazione digitale a disposizione di studenti, gruppi di ricerca e creativi.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ephestione scrive:
    I più sXXXXXccioni sono sempre gliutenti
    Si può evitare di mettere PVC BFR CCP PPT JCH SVR e quello che vi pare nei circuiti stampati, ma il problema virale e scandaloso è il menefreghismo della gente.Compri una TV nuova? Mettiamo quella vecchia dentro il cassonetto di nascosto durante la notte.Compri la cassettiera nuova? Sfasciamo quella vecchia e parcheggiamola vicino all'immarcescibile cassonetto.Il telefono/stampante/amplificatore funziona ancora bene? Ma mica sarai così pulciaro, out e pezzente da non comprartene comunque uno nuovo e buttare quello vecchio.E anche se siamo su PI e questo è offtopic, perché se hai ospiti a cena non compri il giusto, oppure semplicemente quello che avanza non te lo tieni per il giorno dopo? Ma è ovvio, perché è meglio buttare tutti gli avanzi ancora buoni nel secchio.Cose del genere continueranno a disintegrare gli effetti anche dei più brillanti sforzi di ecofriendliness delle aziende (ammazza che espressione che t'ho coniato), e mi sa che se non si bastona a sangue "il popolo", queste sono cose che non capirà mai.E per finire un pizzico di promozione: http://www.reecycle.it :D
  • SCF IS EVIL scrive:
    Ma...
    Le altre: HTC, Google, Facebook, ecc.?
    • Joliet Jake scrive:
      Re: Ma...
      Facebook?E da quando produce hardware?
      • Me Stesso scrive:
        Re: Ma...
        - Scritto da: Joliet Jake
        Facebook?
        E da quando produce hardware?Anche Google non produce hardware. Android è un software. e l'N1 di Google l'ha prodotto HTC il futuro N2 sarà prodotto da Samsung.
        • Callisto Software scrive:
          Re: Ma...
          si ma tra google e facebook, con le decine di migliaia di server che hanno consumano una quantità spaventosa di elettricità e di conseguenza inquinano anche loro
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma...
            - Scritto da: Callisto Software
            si ma tra google e facebook, con le decine di
            migliaia di server che hanno consumano una
            quantità spaventosa di elettricità e di
            conseguenza inquinano anche
            loroMica detto. Dipende come viene generata quella elettricita'.Google usa pannelli solari.M$ usera' nafta probabilmente.
          • kurdt scrive:
            Re: Ma...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Callisto Software

            si ma tra google e facebook, con le decine di

            migliaia di server che hanno consumano una

            quantità spaventosa di elettricità e di

            conseguenza inquinano anche

            loro

            Mica detto.
            Dipende come viene generata quella elettricita'.
            Google usa pannelli solari.
            M$ usera' nafta probabilmente.Balle, google usa nafta quanto microsoft, i pannelli di google sono insufficienti per produrre tutta la corrente necessaria.
  • il bi e il ba scrive:
    Chi è greenpeace
    Secondo me Nintendo è più verde di Greenpeace"Greenpace fu fondata nel 1971 da una coalizione di maoisti, Troskysti e membri canadesi del Sierra Club. Il suo primo capo fu Ben Metcalfe, un esponente dellintelligence britannico durante la guerra. Lidea era quella di creare una struttura legate al WWF ma capace di azioni dirette. Attualmente Greenpace ha sezioni in 24 paesi, la sede centrale in Norvegia e un buget annuale di 157 milioni di dollari. Suo direttore è stato anche Lord Peter Melchett, ereditiero delle Imperial Chemical Industries."
  • hp sucks scrive:
    ma che articolo di parte
    vedendo http://www.greenpeace.org/international/en/news/features/Greener-electronics-guide-updated/salta subito all'occhio, e doveva essere messo nell'articolo, tanto per rispettare un pò greenpace visto che sta classifica c'è da un bel pl ma ogni 6 mesi si prendono la briga di aggiornala!che nokia è 7.5 e sony solo 7-, ed sono stabiliapple inquina un sacco col suo 5-, ed è stabilenintendo è ultima col suo 2-, stabile ma occorre dire che è stata raggiunta da microsoft (prima era al 3-, ma quanto inquina sto window phone 7?) mi stupisce la samsung che passa dal 6.5 al 5.5balzo record per toshiba che passa dal 4.5 al 2.5 e perdite rilevanti pure per lenovo e dellil 10, (che dovrebbe essere inteso come risultato da raggiungere TUTTI E SUBITO) è ancora troppo lontanto!
    • ercole69 scrive:
      Re: ma che articolo di parte
      - Scritto da: hp sucks
      mi stupisce la samsung che passa dal 6.5 al
      5.5Si è beccata una penalità per non aver informato i clienti di non essere riuscita a mantenere le promesse fatte sulle scadenze per l'eliminazione del PVC (cosa che è successa ad un sacco di altre ditte per altro)
Chiudi i commenti