Internet.org, efficienza prima di tutto

L'iniziativa per portare Internet (con Facebook e advertising incorporati) al resto della popolazione mondiale produce un documento in cui i protagonisti descrivono gli sforzi compiuti per raggiungere l'obiettivo

Roma – Dopo aver lanciato l’ iniziativa Internet.org per contrastare il digital divide e connettere gli altri 5 miliardi di esseri umani al network telematico mondiale, Facebook e le altre corporation coinvolte nel progetto passano ora alla fase propositiva rilasciando un white paper che sottolinea l’importanza dell’efficienza nello sviluppo e nello sfruttamento delle infrastrutture di rete.

Nato dal contributo di Facebook, Qualcomm ed Ericsson, il documento A Focus on Efficiency prova a dare le prime risposte al problema dell’efficienza nella distribuzione di app, dati e informazioni via connessioni TCP/IP: gli attuali costi di distribuzione sono 100 volte più ingenti di quanto sostenibile nell’ottica dell’obiettivo fissato da Internet.org, dice lo studio, ma con uno “sforzo organizzato” sarebbe possibile incrementare l’efficienza media di distribuzione di 100 volte entro i prossimi 5-10 anni.

La lotta al digital divide dei proponenti di Internet.org non è certamente una iniziativa umanitaria , e nel caso del nuovo white paper efficienza fa rima soprattutto con risparmio nei costi e nello scambio di grandi volumi di dati telematici attraverso l’uso di tecnologie di compressione e ottimizzazione dei suddetti dati.

Per gestire i 250 Petabyte di informazioni digitali archiviati nei suoi datacenter (con mezzo Petabyte in più in arrivo ogni giorno), Facebook parla ad esempio del tool HipHop per la transcodifica di script PHP in codice nativo in C++ e dell’uso di una virtual machine per PHP in grado di interpretare il codice cinque volte più velocemente di Zend PHP.

E ancora altre tecnologie efficienti operano per ottimizzare l’immane lavoro delle macchine al cuore del social network più popolare del pianeta, mentre per il mobile si parla di app ottimizzate per ridurre al minimo lo spreco di byte trasferiti sulle reti wireless. Riguardo il wireless, Qualcomm lavora invece alla “1000x Challenge” per realizzare infrastrutture globali in grado di soddisfare una domanda di connettività 1000 volte superiore a quella attuale.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Francesco_Holy87 scrive:
    Altro che look...
    Dovrebbe migliorare i risultati della ricerca, è ancora molto indietro rispetto a Google.
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Altro che look...
      Più che altro dovrebbe fare Bing anche in lingue diverse dall'inglese e ottimizzato anche per altre nazioni. In Italia propone ancora la vecchia versione (Bing beta).
    • panda rossa scrive:
      Re: Altro che look...
      - Scritto da: Francesco_Holy87
      Dovrebbe migliorare i risultati della ricerca, è
      ancora molto indietro rispetto a
      Google.Il motore di ricerca di M$ si rivolge ad una utenza che bada molto di piu' all'estetica che alla funzionalita'.Quindi la scelta di M$ e' perfettamente coerente.Poche pagine di risultato, ma belle colorate.
      • Il grande sgabbio scrive:
        Re: Altro che look...
        :-o :-o :-o
      • Ivano scrive:
        Re: Altro che look...
        E' per questo che nessuno usa Bing e quel qualcuno che lo usa probabilmente sta cercando cose futili. In questo Bing è straordinario...Io confesso che ogni tanto ci provo ad usarlo, solo che poi mi accorgo che incomincio a sfogliare i risultati trovati, senza ottenere nulla di utile.Alla fine apro Google e il primo risultato è ciò che mi serviva.Brava M$ pensa all'estetica va... ma vaff....- Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Francesco_Holy87

        Dovrebbe migliorare i risultati della
        ricerca,
        è

        ancora molto indietro rispetto a

        Google.

        Il motore di ricerca di M$ si rivolge ad una
        utenza che bada molto di piu' all'estetica che
        alla
        funzionalita'.

        Quindi la scelta di M$ e' perfettamente coerente.

        Poche pagine di risultato, ma belle colorate.
      • krane scrive:
        Re: Altro che look...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Francesco_Holy87

        Dovrebbe migliorare i risultati della

        ricerca, è ancora molto indietro rispetto

        a Google.
        Il motore di ricerca di M$ si rivolge ad una
        utenza che bada molto di piu' all'estetica che
        alla funzionalita'.
        Quindi la scelta di M$ e' perfettamente coerente.
        Poche pagine di risultato, ma belle colorate.Io rivoglio un motore di ricerca che si limiti a cercare le parole che ho inserito SENZA cercare un senso, senza mostrare risultati correlati, senza ricordarsi cosa ho cercato ieri.
Chiudi i commenti