iOS 7.1, finalmente

L'aggiornamento tanto atteso del sistema operativo Apple apporta molti cambiamenti. Soprattutto per quanto riguarda stabilità e prestazioni

Roma – Nella nottata Apple ha rilasciato l’aggiornamento 7.1 del suo sistema operativo mobile iOS: oltre alle consuete sistemazioni di rito per ovviare a bug che minano la stabilità, Cupertino ha approfittato anche per far debuttare ufficialmente CarPlay, nonché per cambiare qui e lì alcune caratteristiche grafiche e funzionali dell’OS che sin dal lancio di questa major release lasciavano a desiderare. Nel complesso la release 7.1 è una sorta di service pack per iOS: è iOS 7 come sarebbe dovuto essere sin dal suo rilascio avvenuto lo scorso settembre , problemi di sicurezza a parte .

Nella pagina dedicata al rilascio, un evento raro per Apple, l’azienda della Mela mette in risalto la novità costituita da CarPlay : in una automobile dotata di sistema di intrattenimento di bordo compatibile (nessuna al momento, ma i primi esemplari sono attesi quest’anno) la nuova funzione permetterà di riprodurre alcune app di iOS sullo schermo del veicolo, consentendo ad esempio di sfruttare le mappe per la navigazione GPS o di interrogare Siri per scegliere che musica ascoltare, chiamare un contatto della propria rubrica, leggere messaggi e rispondervi dettando il testo. È presto per stabilire se questa novità sarà un successo: occorrerà vedere su strada come si comporteranno le prime vetture che incorporeranno CarPlay, e se il prezzo non sarà proibitivo (per scelta di Apple o del marketing delle case automobilistiche).

Annunci sensazionali a parte, iOS 7.1 si fa soprattutto notare per quanto è stato “sistemato” nell’intero sistema operativo rispetto alla release iniziale: il fatto stesso che Apple sottolinei come le prestazioni su iPhone 4 , il più vecchio tra i melafonini supportati dall’attuale versione di iOS, siano decisamente migliorate rende l’idea dell’ottimizzazione a cui in questi mesi l’intero pacchetto sia stato sottoposto. E lo stesso vale per il bug lamentato da alcuni utenti che addirittura mandava in crash la home, costringendo a riavviare il terminale (se non lo faceva da solo), il miglioramento nel funzionamento del riconoscimento tattile di TouchID, oppure la tanto attesa reintroduzione della vista mensile degli appuntamenti con l’elenco degli impegni in formato lista. Per iPhone 5S invece, il primo della classe, Apple ha apportato una modifica alla app fotocamera che permette di abilitare automaticamente la modalità HDR se il sensore lo giudica appropriato.

Diversi cambiamenti sono stati apportati anche all’interfaccia: la schermata di risposta alle chiamate, quella di spegnimento, l’utilizzo di Siri si sono fatti più razionali. In particolare l’assistente vocale ora può essere richiamato con le solite modalità, ma si possono anche impartire istruzioni vocali tenendo premuto il tasto home: il sistema rileverà in maniera più chiara l’inizio e la fine del comando, un vantaggio soprattutto in condizioni nelle quali i rumori di fondo impediscono a Siri di rilevare correttamente la fine del parlato. Per il resto i cambiamenti sono quasi esclusivamente estetici: pulsanti rotondi invece di rettangolari, che rendono più semplice selezionare quello giusto, o colori leggermente variati per aumentare ad esempio il contrasto delle lettere sulla tastiera alfanumerica e migliorare la digitazione.

Altre novità riguardano iTunes Radio, un servizio che non è ancora attivo in Italia, che diventa più facile da usare, e la chiusura dei buchi nell’OS che fino a questo punto consentivano di effettuare il jailbreak : chi desidera avvalersi di questa possibilità non deve aggiornare il proprio device, mentre tutti gli altri possono effettuare il download dalla voce “Aggiornamento Software” nel menù “Generali” delle Impostazioni, oppure possono scaricare e aggiornare via iTunes. I dispositivi compatibili con iOS 7.1 sono gli stessi della release 7: iPad 2 e successivi, iPhone 4, 4S e successivi.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pino scrive:
    Sono 14 anni che li aspetto.....
    http://punto-informatico.it/5820/Hardware/News/uao-super-dvd-un-terabyte.aspxHEHEHEHE!!!!!!!!!!
  • Enjoy with Us scrive:
    Non mi sembra un granchè!
    125 Gb per faccia? E con che durata nel tempo e a che costi? Francamente a sto punto meglio un BluRay!Ma non si parlava insistentemente di sistemi olografici da un Tbit per pollice resistenti anche a graffi profondi? Dove sono finiti?
  • TADsince1995 scrive:
    Affidabilità nel tempo
    Mah, speriamo bene, io ho CD masterizzati nel 2001, chiusi, posati e mai usati che se provo a leggerli oggi non funzionano più. Forse solo alcuni Kodak Gold sono sopravvissuti...
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Affidabilità nel tempo
      - Scritto da: TADsince1995
      Mah, speriamo bene, io ho CD masterizzati nel
      2001, chiusi, posati e mai usati che se provo a
      leggerli oggi non funzionano più. Forse solo
      alcuni Kodak Gold sono
      sopravvissuti...Hai usato dei CD ben strani!Io ho dei CD masterizzati dal 1996 al 1999 sono circa 130 che si leggono ancora benissimo e si tratta di CD dati di varie marche certo non prestigiose... tuttavia quando scrivo un CD od un DVD ho sempre l'accortezza di fare una verifica di quanto scritto e della velocità media a cui viene letto, in modo da scartare qualsiasi CD/DVD che abbia anche la solo minima incertezza di lettura.Masterizzo i CD oggi a velocità 16X (nel 1996 li masterizzavo a 2X) e i DVD a velocità 8X sempre con l'attenzione di evitare buffer underrun.E tali supporti non li ho chiusi in qualche santuario, li utilizzo!
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Affidabilità nel tempo
        Sarò stato sfigato, ma sono CD di marca masterizzati al massimo a 2x con un masterizzatore Waitec (all'epoca il top assoluto) con buffer underrun abilitato. CD chiusi bene nella confezione e lasciati in uno scaffale fermi e immobili per 13 anni.
        • panda rossa scrive:
          Re: Affidabilità nel tempo
          - Scritto da: TADsince1995
          Sarò stato sfigato, ma sono CD di marca
          masterizzati al massimo a 2x con un
          masterizzatore Waitec (all'epoca il top assoluto)
          con buffer underrun abilitato. CD chiusi bene
          nella confezione e lasciati in uno scaffale fermi
          e immobili per 13
          anni.Sei sfigato.Io non ho ancora avuto il problema di un cd masterizzato non piu' leggibile, a parte quelli che sono usciti male dalla masterizzazione.E ormai siamo a piu' di 10 anni di vita, in alcuni casi anche 15.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Affidabilità nel tempo
          - Scritto da: TADsince1995
          Sarò stato sfigato, ma sono CD di marca
          masterizzati al massimo a 2x con un
          masterizzatore Waitec (all'epoca il top assoluto)
          con buffer underrun abilitato. CD chiusi bene
          nella confezione e lasciati in uno scaffale fermi
          e immobili per 13
          anni.Allora sei proprio sfigato!Pensa che Io ho dei DVD princo (78), in assoluto i peggiori possibili, masterizzati nel 2000 e che ancora oggi leggo tranquillamente!Per aloni e macchie Io di solito mi trovo molto bene a pulire con alcool etilico e fazzolettino di carta.E secondo me i DVD sono i supporti più sicuri oggi esistenti:1. lo strato riflettente è annegato fra due dischi di policarbonato2. in caso di graffi lo strato riflettente lo puoi perfino lucidare3. Non temono i campi magnetici4. Hanno raggiunto una diffusione tale che la compatibilità è assicurata ancora per decenni
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Affidabilità nel tempo
            Ragazzi mi fate quasi venir voglia di riprovare a leggerli, chissà che forse non era colpa del lettore CD con cui provai, un Samsung, in assoluto la marca peggiore della terra quanto a lettori ottici.Riproverò con il mio attuale LG...
    • Guybrush scrive:
      Re: Affidabilità nel tempo
      - Scritto da: TADsince1995
      Mah, speriamo bene, io ho CD masterizzati nel
      2001, chiusi, posati e mai usati che se provo a
      leggerli oggi non funzionano più. Forse solo
      alcuni Kodak Gold sono
      sopravvissuti...Il dato c'è ancora, ma s'è opacizzato il supporto.Soluzione di alto profilo: li mandi da Kroll Ontrack o servizi analoghi e te li fai ricopiare su supporti nuovi.Soluzione di medio profilo: utilizzi uno dei tanti kit per la pulizia dei CD.Soluzione becera: spargi il dentifricio sul CD.Sull'ultima non garantisco. ;-)
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Affidabilità nel tempo

        Soluzione di medio profilo: utilizzi uno dei
        tanti kit per la pulizia dei
        CD.Sono pulitissimi, come dicevo li ho chiusi nella confezione, posati in uno scaffale e lasciati lì dentro per 13 anni!
        Soluzione becera: spargi il dentifricio sul CD.

        Sull'ultima non garantisco. ;-) :| :s
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Affidabilità nel tempo
        - Scritto da: Guybrush
        Soluzione becera: spargi il dentifricio sul CD.Per unire l'utile al dilettevole si può provare con un bello schizzo di s****a calda.
    • bancai scrive:
      Re: Affidabilità nel tempo
      - Scritto da: TADsince1995
      Mah, speriamo bene, io ho CD masterizzati nel
      2001, chiusi, posati e mai usati che se provo a
      leggerli oggi non funzionano più. Forse solo
      alcuni Kodak Gold sono
      sopravvissuti...sisi con i cd è normale, con dei princo ho avuto simili problemi dopo qualche mese.....
    • Joe Tornado scrive:
      Re: Affidabilità nel tempo
      Anche a me qualche CD su molte e molte centinaia è diventato, nel corso degli anni, non leggibile, o leggibile con difficoltà. Purtroppo, scoprire che supporti non utilizzati di frequente dopo qualche anno sono in tali condizioni ha generato un'insicurezza che mi portava a fare verifiche su tutti quelli di quella data marca masterizzati in quello specifico periodo.Alla fine ho risolto scegliendo i dischi rigidi come supporti di archiviazione principale.
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Affidabilità nel tempo
        Per questo io dico sempre a chi si sposa di fare un backup su HD delle foto che gli consegnano in CD...
        • Joe Tornado scrive:
          Re: Affidabilità nel tempo
          La diversificazione, in linea di principio, è sempre un buon principio ... supporti di diversa natura, conservati in posti distinti, sarebbe l'ideale.
    • Ignorante scrive:
      Re: Affidabilità nel tempo
      Sono anni che non masterizzo CD, ormai con 130 vi portate a casa 2TB portatili, quanti CD ci puoi mettere?Ne prendi 2 ed hai anche un backup, vuoi mettere il tempo di acXXXXX, e la ricerca del CD di dove è quel dato, sinceramente non credevo ci fossero ancora persone che masterizzano cd o provano rileggerli.E non mi dite perdi un harddisk perdi tutto.
    • Shiba scrive:
      Re: Affidabilità nel tempo
      - Scritto da: TADsince1995
      Mah, speriamo bene, io ho CD masterizzati nel
      2001, chiusi, posati e mai usati che se provo a
      leggerli oggi non funzionano più. Forse solo
      alcuni Kodak Gold sono
      sopravvissuti...Pensa che io ho un riscrivibile Verbatim che uso dal 2002 XD
  • panda rossa scrive:
    14.50 solo di equo compenso
    Sulla base dell'attuale normativa, un supporto con capacita' superiore ai 250 GB deve pagare 14.50 euro di equo compenso, se comprato in italia.Solo per questo motivo il numero di pezzi che verranno venduti sul mercato italiano sara' zero (o qualcosa di meno).
    • tinez scrive:
      Re: 14.50 solo di equo compenso
      - Scritto da: panda rossa
      Sulla base dell'attuale normativa, un supporto
      con capacita' superiore ai 250 GB deve pagare
      14.50 euro di equo compenso, se comprato in
      italia.

      Solo per questo motivo il numero di pezzi che
      verranno venduti sul mercato italiano sara' zero
      (o qualcosa di
      meno).ma con le nuove tariffe di gino paoli?
    • G,G scrive:
      Re: 14.50 solo di equo compenso
      Si parla di nuove tecnologie... che c'entra l'italia?
  • Quelo scrive:
    E a che serve ?
    Visto che il supporto blueray è usato in pratica esclusivamente per l'industria cinematografica e per altro sempre meno (oggi è molto più usata la rete), la questione è che se ne fanno di un supporto da 1TB.Ci mettono i film non compressi ?Perché come storage di dati visto l'insucXXXXX (meritatissimo) del blueray non servono assolutamente a nulla.
    • cicciobello scrive:
      Re: E a che serve ?
      - Scritto da: Quelo
      Visto che il supporto blueray è usato in pratica
      esclusivamente per l'industria cinematografica e
      per altro sempre meno (oggi è molto più usata la
      rete), la questione è che se ne fanno di un
      supporto da
      1TB.Prova a leggere l'articolo, prima di commentarlo, e magari scoprirai che c'era scritto: questo supporto è per i backup aziendali e professionali, non per la distribuzione di contenuti multimediali.
      • tinez scrive:
        Re: E a che serve ?
        - Scritto da: cicciobello
        - Scritto da: Quelo

        Visto che il supporto blueray è usato in
        pratica

        esclusivamente per l'industria
        cinematografica
        e

        per altro sempre meno (oggi è molto più
        usata
        la

        rete), la questione è che se ne fanno di un

        supporto da

        1TB.

        Prova a leggere l'articolo, prima di commentarlo,
        e magari scoprirai che c'era scritto: questo
        supporto è per i backup aziendali e
        professionali, non per la distribuzione di
        contenuti
        multimediali."...ma nulla vieta che il formato possa arrivare anche sul mercato consumer"FYIAd ogni modo "ambito aziendale e professionale" si può tradurre liberamente in "costo spropositato". Forse verrà adottato da qualche multinazionale o dalla PA di turno (previa mazzetta consegnata a chi decide) ma le piccole e medie aziende o i professionisti se ne staranno bellamente alla larga.
        • Guybrush scrive:
          Re: E a che serve ?
          - Scritto da: tinez
          - Scritto da: cicciobello[...]E' una questione di Costo per Gigabyte/durata in anni.25GB su BR costano mediamente 2 euro (fonte: Amazon.it), vale a dire 8 cent. per giga e, se opportunamente conservati, possono durare tra i 20 e i 50 anni.Un HDD da 1TB (WD10EZEX) sta sui 60 eur, ovvero 6 cent per giga con tempi di conservazione dell'informazione assai più elevati e ingombro ridotto.Il nuovo supporto da 1 TB ottico deve avere un ingombro pari al collega da 25GB, tempi di scrittura/lettura paragonabili all'HDD da 1 tera e durata del supporto uguale se non superiore.Solo così può giustificare un prezzo per GB superiore. Se no farà un bel tonfo.Punto.GT
          • ZLoneW scrive:
            Re: E a che serve ?
            - Scritto da: Guybrush
            Il nuovo supporto da 1 TB ottico deve avere un
            ingombro pari al collega da 25GB, tempi di
            scrittura/lettura paragonabili all'HDD da 1 tera
            e durata del supporto uguale se non
            superiore.
            Solo così può giustificare un prezzo per GB
            superiore. Se no farà un bel tonfo.Sono d'accordo. Inoltre, 500 GB + 500 GB fa 1 TB solo dal punto di vista aritmetico, da quello di chi deve fare i backup la doppia faccia è una rogna, se l'unità non lavora su entrambe contemporaneamente, cosa di cui dubito.Qualcuno se li ricorda ancora, i magneto-ottici da 1,2 GB?
          • intenditore scrive:
            Re: E a che serve ?
            - Scritto da: ZLoneW
            - Scritto da: Guybrush

            Il nuovo supporto da 1 TB ottico deve avere un

            ingombro pari al collega da 25GB, tempi di

            scrittura/lettura paragonabili all'HDD da 1 tera

            e durata del supporto uguale se non

            superiore.

            Solo così può giustificare un prezzo per GB

            superiore. Se no farà un bel tonfo.

            Sono d'accordo. Inoltre, 500 GB + 500 GB fa 1 TB
            solo dal punto di vista aritmetico, da quello di
            chi deve fare i backup la doppia faccia è una
            rogna, se l'unità non lavora su entrambe
            contemporaneamente, cosa di cui
            dubito.

            Qualcuno se li ricorda ancora, i magneto-ottici
            da 1,2
            GB?intendi i drive jaz di iomega?
          • ZLoneW scrive:
            Re: E a che serve ?
            - Scritto da: intenditore

            Qualcuno se li ricorda ancora, i magneto-ottici

            da 1,2 GB?

            intendi i drive jaz di iomega?No, quelli erano magnetici a singola faccia...I MO erano supporti a doppia faccia, grandi come un CD ma contenuti all'interno di una cartuccia in plastica.A casa ho ancora sia un Jaz che un MO da 240 MB a singola faccia, in ufficio ho ancora l'unità e qualche disco MO da 1.2 GB.:)
      • Quelo scrive:
        Re: E a che serve ?
        - Scritto da: cicciobello
        - Scritto da: Quelo

        Visto che il supporto blueray è usato in
        pratica

        esclusivamente per l'industria
        cinematografica
        e

        per altro sempre meno (oggi è molto più
        usata
        la

        rete), la questione è che se ne fanno di un

        supporto da

        1TB.

        Prova a leggere l'articolo, prima di commentarlo,
        e magari scoprirai che c'era scritto: questo
        supporto è per i backup aziendali e
        professionali, non per la distribuzione di
        contenuti
        multimediali.E tu, visto che leggi gli articoli, prova a leggerli fino in fondo, più o meno dove c'è scritto : I dischi AD sono destinati all'uso in ambiti professionali e aziendali, dicono le corporation, ma nulla vieta che il formato possa arrivare anche sul mercato consumer soprattutto in vista, sul medio-lungo periodo, di una diffusione crescente dei contenuti in Ultra-HD difficili - se non impossibili - da trasmettere in streaming anche su connessioni a banda ultra larga. Il resto era una mia considerazione pessimistica sulla affidabilità dei supporti ottici che è iniziata tanti anni fa, quando lessi un articolo più o meno con le stesse parole per illustrare le meraviglie dei CD che non si sarebbero mai degradati nel tempo in quanto ottici.
    • MacGeek scrive:
      Re: E a che serve ?
      - Scritto da: Quelo
      Visto che il supporto blueray è usato in pratica
      esclusivamente per l'industria cinematografica e
      per altro sempre meno (oggi è molto più usata la
      rete), la questione è che se ne fanno di un
      supporto da
      1TB.

      Ci mettono i film non compressi ?

      Perché come storage di dati visto l'insucXXXXX
      (meritatissimo) del blueray non servono
      assolutamente a nulla.Beh, mica vero. Esistono anche Bluray "Archivial Grade" (o qualcosa del genere) garantiti per decenni. Perfino Facebook pensa di utilizzarli (li sta testando, non sono sicuro siano già online). L'idea del disco ottico non è del tutto superata, secondo me. Tenere tutto su Hard Disk è più rischioso o, quanto meno, impegnativo (per via della necessaria ridondanza, visto che non ti puoi fidare).
  • iRoby scrive:
    Velocità?
    A che velocità masterizzeremo 500GB o 1TB?
    • pippo75 scrive:
      Re: Velocità?
      - Scritto da: iRoby
      A che velocità masterizzeremo 500GB o 1TB?e quanto per perdere i dati?
      • Quelo scrive:
        Re: Velocità?
        - Scritto da: pippo75
        - Scritto da: iRoby

        A che velocità masterizzeremo 500GB o 1TB?

        e quanto per perdere i dati?Ricordo il periodo d'oro dei CD low cost che in realtà costavano una fortuna, avevano un lifetime inferiore a quello di un floppy disc e delle incompatibilità da un lettore all'altro. Il blueray ha in più che il formato è pure proprietario.
        • tinez scrive:
          Re: Velocità?
          - Scritto da: Quelo
          - Scritto da: pippo75

          - Scritto da: iRoby


          A che velocità masterizzeremo 500GB o 1TB?



          e quanto per perdere i dati?

          Ricordo il periodo d'oro dei CD low cost che in
          realtà costavano una fortuna, avevano un lifetime
          inferiore a quello di un floppy disc e delle
          incompatibilità da un lettore all'altro.perché non hai provato i floppy di oggi (anonimo) (esistono ancora :| )
        • Fulmy(nato) scrive:
          Re: Velocità?
          - Scritto da: Quelo
          - Scritto da: pippo75
          Ricordo il periodo d'oro dei CD low cost che in
          realtà costavano una fortuna, avevano un lifetime
          inferiore a quello di un floppy disc e delle
          incompatibilità da un lettore all'altro.ricordo dei dischi nei quali lo strato argentato non solo si graffiava se premevi troppo forte col pennarello, ma veniva via semlicemente sfregando con il polpastrello, lasciando un bel disco trasparente.
          • MacGeek scrive:
            Re: Velocità?
            - Scritto da: Fulmy(nato)
            - Scritto da: Quelo

            - Scritto da: pippo75


            Ricordo il periodo d'oro dei CD low cost che
            in

            realtà costavano una fortuna, avevano un
            lifetime

            inferiore a quello di un floppy disc e delle

            incompatibilità da un lettore all'altro.

            ricordo dei dischi nei quali lo strato argentato
            non solo si graffiava se premevi troppo forte col
            pennarello, ma veniva via semlicemente sfregando
            con il polpastrello, lasciando un bel disco
            trasparente.Ma che robaccia compravate???Mai arrivato a quei livelli, anche se sì, i mitici PRINCO facevano veramente schifo.Ma una volta passato a Verbatim (o anche TDK se capitava), mai avuto più problemi.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Velocità?
            Purtroppo a me sono risultati non leggibili anche alcuni TDK ... forse una partita rovinata.
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: Velocità?
            - Scritto da: MacGeek

            ricordo dei dischi nei quali lo strato
            argentato

            non solo si graffiava se premevi troppo
            forte
            col

            pennarello, ma veniva via semlicemente
            sfregando

            con il polpastrello, lasciando un bel disco

            trasparente.

            Ma che robaccia compravate???
            Mai arrivato a quei livelli, anche se sì, i
            mitici PRINCO facevano veramente
            schifo.
            Ma una volta passato a Verbatim (o anche TDK se
            capitava), mai avuto più
            problemi.mica li compravo io, a volte mi arrivavano da qualcuno che pensava di risparmiare comprando millemila dischi a soli 2 Euro.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Velocità?
          Ehm... il bluray e tenuto insieme da un consorzio.....
    • prova123 scrive:
      Re: Velocità?
      Masterizzare ? è da una vita che non ho più CD/DVD ... uso solo hd rimovibili. Ora su amazon vendono il WD da 2 TB con USB3 a 100 euro ... perchè martellarsi gli zebedei ?
Chiudi i commenti