iPhone 4G, mistero sulla perquisizione

Un giudice ha respinto la richiesta di varie testate giornalistiche che volevano la pubblicazione del mandato. Resta il buio fitto sulle indagini, montano le supposizioni
Un giudice ha respinto la richiesta di varie testate giornalistiche che volevano la pubblicazione del mandato. Resta il buio fitto sulle indagini, montano le supposizioni

Dall’Europa agli Stati Uniti, quando un giudice ordina alle forze dell’ordine di compiere una perquisizione è solito fornire una o più motivazioni che giustifichino tale atto. Il giudice Stephen Hall della contea di San Mateo evidentemente non la pensa così, dal momento che ha rifiutato una richiesta presentata da alcune testate per conoscere le ragioni che hanno portato alla perquisizione della casa di Jason Chen , l’editor di Gizmodo coinvolto nella vicenda iPhonegate .

Tra i firmatari della richiesta volta a capire se sia stata violata o meno la Shield Law californiana vi erano il Los Angeles Times , Associated Press , Bloomberg e Cnet , che rimarranno tutta via a becco asciutto: a meno che il giudice Hall non riveda la sua posizione in materia. Secondo quanto riferito da un avvocato che ha parlato con il vice-procuratore distrettuale Stephen Wagstaffe, il documento conterrebbe i nomi di altri due personaggi apparentemente coinvolti ma finora mai menzionati , sui quali le autorità non vogliono mettere pressione: inoltre, come ricordato dallo stesso Wagstaffe, questo tipo di documentazione non è pubblica di per sè e quindi non ne può esserne chiesta la pubblicazione.

Le indagini nel frattempo proseguono, e questo secondo gli inquirenti è un altro motivo per cui sarebbe preferibile che i termini del mandato di perquisizione rimangano celati alla vista della stampa: al momento i personaggi coinvolti nella faccenda sono Gray Powell, l’ingegnere di Apple che ha smarrito il prototipo, Jason Chen, il blogger che ha fatto lo scoop su iPhone 4G, e Brian J. Hogan, lo studente che ha venduto lo smartphone all’editor di Gizmodo.

Apple dal canto suo è invece coinvolta sia come azienda, lamentando il furto di una sua proprietà intellettuale, sia come membro della task force REACT (Rapid Enforcement Allied Computer Team), una sorta di polizia, nata nel 1997 per tutelare gli interessi delle aziende hi-tech che iniziavano a essere determinanti per l’economia della California, e di cui fanno parte gli uomini che hanno sequestrato i computer di Chen dopo avergli sfondato la porta di casa.

Non è chiaro se a Cupertino si siano avvalsi della posizione privilegiata all’interno del comitato di controllo della task force per accelerare le procedure di indagine , ma non sarebbe la prima volta, come ha fatto notare John Cook, ex blogger di Gawker ora parte dello staff di Yahoo! News, che gli uomini di REACT sembrino operare direttamente per conto di un membro del comitato di controllo: nel 2006 un’indagine portata avanti dalla task force mise fine a un giro di copie pirata di Norton Antivirus, e Symantec, l’azienda che lo produce, era ed è tuttora una delle aziende comprese nel cartello sodalizio californiano.

Giorgio Pontico

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 05 2010
Link copiato negli appunti