iPod, di tutto di più

Le voci si rincorrono su possibili anticipazioni. Tanti rumors, nulla di concreto

Roma – A poche ore dall’evento che si presume lancerà i nuovi iPod, la Rete si scatena sulle ultime indiscrezioni. Notizie e smentite si rincorrono e lasciano ancora tutto avvolto nella nebbia.

Citando una canzone dei Rolling Stone nel titolo della festa , sembrava già chiaro che fosse incentrato sulla musica (come la tradizione a settembre per Apple). Ma già sui Beatles le voci sono diventate discordanti. Prima sembrava certa la presenta dell’opera dei Fab Four rimasterizzata per iTunes: annunciata da Yoko Ono, sembrava quasi possibile vedere sul palco Paul, Ringo, Julian Lennon e Dhani Harrison per una eccezionale reunion.

Subito dopo quella che sembrava un’indiscrezione della vedova pronta a rovinare la sorpresa architettata da Apple, è giunta la smentita di EMI, detentrice dei diritti, e ora sembra che non sarà l’ intero catalogo Beatles la punta di diamante del nuovo progetto Cocktail .

Più certezza sulla mancata novità tablet e sembra anche momentaneamente smentita la presenza di Steve Jobs sul palco.

Mistero invece sulle novità tecniche. C’è addirittura chi pronostica una nuova Apple TV e un MacBook a 700 dollari .

Notizie contrastanti anche sulla presenza o meno delle fotocamere sul nuovo iPod : vari indizi portavano a confermare la novità, poi voci hanno riferito di problemi tecnici che costringevano al rinvio dell’operazione, infine queste voci sono state smentite . Nel frattempo sono circolate presunte foto di iPod Touch e iPod Nano con obbiettivi simili a quelli di iPhone 3GS.

C’è comunque chi parla di un abbandono di un marchio troppo legato esclusivamente alla fruizione della musica, e il conseguente ritiro di iPod Classic . Ma anche su questo punto il dibattito è aperto . Mentre su Best Buy sarebbero già in vendita custodie per iPod Touch di terza generazione .

Insomma, tante voci, nessuna conferma, qualche smentita e molta attesa. Suspense assicurata. Non resta che aspettare.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • angros scrive:
    Ma che pirateria
    Se ho ben capito, il controllo verrà fatto sulla musica importata legalmente (che quindi sarà più difficile da comprare), mentre non cambierà nulla per quella piratata (che tanto era illegale anche prima).Un incoraggiamento in più a scaricare la musica illegalmente, e intanto le major sperano che riduca la pirateria? Ma come ragionano?
Chiudi i commenti