IT a scuola, ci pensa Microsoft

Parte la fase due di Mentor Program, programma di formazione pensato per illuminare sulla realizzazione di reti scolastiche, con apprendimento da remoto e dal vivo


Roma – Dopo il coinvolgimento di circa 1.500 docenti di 42 diverse località italiane per il 2001/2002, Microsoft ha presentato nelle scorse ore la nuova edizione del Mentor Program, programma di formazione rivolto agli insegnanti italiani responsabili delle aule e dei laboratori di informatica.

Il progettone Microsoft, che si affianca alle già numerose iniziative con le quali la Casa fa sentire il proprio peso nel mondo scolastico italiano, è rivolto ai docenti già in possesso di competenze tecniche. Oltre all’apprendimento a distanza via internet sono anche previsti una serie di incontri in aula nell’ambito di un corso che Microsoft definisce “corrispondente” al “Percorso Formativo C” contenuto nel “Piano di Formazione per gli insegnanti sulle Tecnologie dell’informazione e della comunicazione” formulato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Tre le fasi del Program. La prima legata a presentazioni ed elementi propedeutici che saranno veicolati attraverso il sito di Apprendere in Rete . La seconda si svolgerà in aula con seminari di mezza giornata “durante i quali saranno illustrate le nozioni per amministrare e gestire una rete di Internet e Intranet all’interno di una scuola”. La terza sarà invece effettuata su piattaforme di e-learning e riguarderà “l’installazione, la configurazione e l’amministrazione di Microsoft Windows 2000 Server, che abilita a sostenere l’esame per la certificazione Microsoft Certified Professional”.

Nell’anno scolastico 2002/2003 l’iniziativa prevede il coinvolgimento di undici regioni con 55 incontri e una partecipazione media di 30 docenti per incontro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E gli studenti italiani ?
    E gli studenti italiani ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E gli studenti italiani ?
      a farsi le ossa con i basilari:DOS 2.11 + Wordstar 3.54 + Lotus 1-2-3 2.1..e pedalare!
    • Anonimo scrive:
      Re: E gli studenti italiani ?
      - Scritto da: Anonimo
      E gli studenti italiani ?In parlamento è stato affossato il provvedimento previsto in finanziaria a favore del software libero.In ringraziamento il patron della microsoft verrà in visita ufficiale in Italia e si recherà proprio, indovina dove?, si proprio in parlamento.
  • Anonimo scrive:
    Inopportuna
    Per correttezza il Ministero dell'Istruzione Danesedovrebbe declinare l'offerta e rivolgere le proprie attenzioni verso OpenOffice.
  • Anonimo scrive:
    Non capisco...
    Vedo gente soddisfatta di questa mossa ma non ne comprendo il motivo;StarOffice è tutto tranne che Open source.Sostituire MS Office con StarOffice non cambia un granche' ... sarebbe stato molto più interessante che le scuole di propria iniziativa avessere adottato Open Office....mi sa che stiamo cadendo dalla padella alla brace...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non capisco...
      - Scritto da: Anonimo

      Vedo gente soddisfatta di questa mossa ma
      non ne comprendo il motivo;StarOffice è
      tutto tranne che Open source.

      Sostituire MS Office con StarOffice non
      cambia un granche' ... sarebbe stato molto
      più interessante che le scuole di propria
      iniziativa avessere adottato Open Office....

      mi sa che stiamo cadendo dalla padella alla
      brace...Beh perlomeno ci dovrebbe essere compatibilità al 100% con OpenOffice a livello di formati. Tieni conto che senza l'esistenza di questi prodotti la M$ avrebbe continuato a imporre i propri formati proprietari per i prossimi 200 anni, almeno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non capisco...

        Beh perlomeno ci dovrebbe essere
        compatibilità al 100% con OpenOffice a
        livello di formati. Vedi è proprio questo "perlomeno" che non mi convince... ... nulla vieta a Sun di cambiare i formati di StarOffice ad un certo punto...
        • Anonimo scrive:
          re: non capisco
          giusto ...pero ' non lo faranno mai se hanno un po' di sale in zucca perche per lo sviluppo dello staroffice la sun si affida per buona partealla community di openoffice.org
        • Anonimo scrive:
          Re: Non capisco...
          - Scritto da: Anonimo


          Beh perlomeno ci dovrebbe essere

          compatibilità al 100% con OpenOffice a

          livello di formati.

          Vedi è proprio questo "perlomeno" che non mi
          convince... ... nulla vieta a Sun di
          cambiare i formati di StarOffice ad un certo
          punto...Beh, ma i formati di StarOffice sono sempre formati "aperti" e "pubblici" (a differenza di quelli proprietari di M$ Office) e quindi leggibili da qualunque programma alternativo a StarOffice (e non solo da OpenOffice).Se un giorno la Sun dovesse usare formati proprietari per StarOffice nessuno la seguirebbe e tutti gli utenti conserverebbero lo stesso la possibilità di utilizzare tutto il lavoro fatto con questo programma.
        • Parliamone scrive:
          Re: Non capisco...
          - Scritto da: Anonimo

          Vedi è proprio questo "perlomeno" che non mi
          convince... ... nulla vieta a Sun di
          cambiare i formati di StarOffice ad un certo
          punto...Ok. Facciamo un esempio ipotetico: metti che un domani ci troviamo con MSOffice che ha il 30% del mercato, Staroffice col 20%, Lotus Smartsuite col 20% ed OpenOffice col 30%...Ms ha formati proprietari, Staroffice invece pure, e così Lotus, con openOffice che si arrabatta per tenere dietro a tutti: la situazione, di per sè, porterebbe all'uso di un formato comune, perché nessuna delle parti avrebbe la forza commerciale per obbligare gli utenti a scegliere il proprio prodotto, ed ad esempio MS non vorrebbe ritrovarsi nella situazione di avere un fidato utente che si trova a dover abbandonare Office per Staroffice causa l'incompatibilità di formati (vale anche il viceversa, ovviamente) con altri utenti con cui, per lavoro o altri motivi, è obbligato a interagire. Il discorso sul formato "dominante" può avere senso solo se il prodotto che lo supporta ha una schiacciante maggioranza sul mercato, e non penso proprio che Staroffice riesca a sostituire MSOffice (e nemmeno me lo auguro...).
          • Anonimo scrive:
            Re: Non capisco...
            Il discorso sul formato
            "dominante" può avere senso solo se il
            prodotto che lo supporta ha una schiacciante
            maggioranza sul mercato, e non penso proprio
            che Staroffice riesca a sostituire MSOffice
            (e nemmeno me lo auguro...).Parto con una distinzione per me fondamentale e molto pratica; il formato proprietario è un formato inaccessibile con strumenti prodotti da altre persone/società; il modo in cui Oracle salva i dati è proprietario(stesso dicasi per SQL Server, Exchange,DB2)Ad oggi mi risulta che, OpenOffice(e quindi StarOffice) siano in grado di maneggiare correttamente i file in formato Excel e Word.Tutto questo vantaggio di passare da MSOffice a StarOffice non lo vedo...Ripeto ... avrei preferito che la scuola avessse adottato OpenOffice...
          • Parliamone scrive:
            Re: Non capisco...
            - Scritto da: Anonimo
            Parto con una distinzione per me
            fondamentale e molto pratica; il formato
            proprietario è un formato inaccessibile con
            strumenti prodotti da altre persone/società;
            il modo in cui Oracle salva i dati è
            proprietario(stesso dicasi per SQL Server,
            Exchange,DB2)Mah, una definizione univoca è difficilmente raggiungibile, in ogni campo. Comunemente, però, con l'accezione "formato proprietario" si definisce un formato le cui specifiche non sono pubbliche: Il .doc di Word è proprietario, .rtf no. Quanto all'inaccessibile, a meno che il formato non sia esso stesso criptato, può essere sempre analizzato con varie tecniche
            Ad oggi mi risulta che, OpenOffice(e quindi
            StarOffice) siano in grado di maneggiare
            correttamente i file in formato Excel e
            Word.Risulta anche a me, per lo meno per il 98% (escluse formattazioni e funzioni "esoteriche" che la maggior parte dell'utenza ignora)
            Tutto questo vantaggio di passare da
            MSOffice a StarOffice non lo vedo...Intrinsecamente nessuno. Ovvio che, a parità di condizioni, accettare una donazione di copie di MSOffice o StarOffice dipende solo dai gusti di chi deve scegliere. In questo caso, credo che pesino di più le varie condizioni di contorno
            Ripeto ... avrei preferito che la scuola
            avesse adottato OpenOffice...Qui mi trovi d'accordo. Io replicavo semplicemente all'affermazione secondo la quale Sun avrebbe potuto, una volta conquistata una quota di mercato importante, "virare" su formati proprietari, ipotizzando un'egemonia sostitutiva al .doc attuale
    • Anonimo scrive:
      Re: Non capisco...

      Vedo gente soddisfatta di questa mossa ma
      non ne comprendo il motivo;StarOffice è
      tutto tranne che Open source.

      Sostituire MS Office con StarOffice non
      cambia un granche' almeno la presenza di altri prodotti da ufficio garantisce un minimo di pluralita che non puo che far bene al mercato,e il fatto che i formati di star office siano aperti (bastai su xml ) toglie anche il problema della compatibilita.Insomma una buona notizia per tutti che si vada diffondendo :-)
  • Anonimo scrive:
    concorrenza sleale?
    ma offrire la roba gratis non è concorrenza sleale?sia da parte di microsoft che di sun, per me pari sono.
    • Anonimo scrive:
      Re: concorrenza sleale?
      alle scuole e a altri enti no profit passano come donazioni ... se si mette a regalare copia alle aziende forse il discorso cambia.
    • Anonimo scrive:
      Re: concorrenza sleale?
      - Scritto da: Anonimo
      ma offrire la roba gratis non è concorrenza
      sleale?
      sia da parte di microsoft che di sun, per me
      pari sono.In un libero mercato uno può vendere quello che vuole al prezzo che vuole e quindi anche a prezzo zero (oppure, nei paesi dove la legislazione non consente il regalo, ad un prezzo simbolico).Eugenio Filograna nel gennaio del 1999 ha acquistato la PostalMarket S.p.A. dal gruppo tedesco Otto Versand al prezzo di un euro, fai tu :-)
  • Anonimo scrive:
    ovviamente..
    ovviamente NON in Italia, visto che è ancora talmente arretrata in cultura informatica da non concepire l'esistenza di qualcosa di diverso dal mondo M$...E allora sorbiamoci pure i vari "Mentor Program" (cfr. articolo successivo), continuiamo ad insegnare a scuola come si configura windows e che nulla esiste nell'informatica che non sia targato M$... tanto siamo l'ultima roccaforte ;)e via così.. popolo di pecoroni :)
    • Anonimo scrive:
      Re: ovviamente..
      Scritto da: Anonimo

      ovviamente NON in Italia, visto che è ancora
      talmente arretrata in cultura informatica da
      non concepire l'esistenza di qualcosa di
      diverso dal mondo M$...
      E allora sorbiamoci pure i vari "Mentor
      Program" (cfr. articolo successivo),
      continuiamo ad insegnare a scuola come si
      configura windows e che nulla esiste
      nell'informatica che non sia targato M$...
      tanto siamo l'ultima roccaforte ;)

      e via così.. popolo di pecoroni :)Condivido pienamente quello che dici.Mettiamo nelle scuole dei Mac, dei PC con dentro windows, linux, freebsd, qnx, beos e pure uae. Direi anche qualche sun e spark e almeno una Irix.Che i nostri figli si facciano una cultura informatica non solo sul sistema della M$. Eccheccazzo!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: ovviamente..
        - Scritto da: Anonimo

        e via così.. popolo di pecoroni :)

        Condivido pienamente quello che dici.
        Mettiamo nelle scuole dei Mac, dei PC con
        dentro windows, linux, freebsd, qnx, beos e
        pure uae. Direi anche qualche sun e spark e
        almeno una Irix.

        Che i nostri figli si facciano una cultura
        informatica non solo sul sistema della M$.
        Eccheccazzo!!!!Ecco!! la dimostrazione vivente di quello che affermavo poc'anzi.. non solo popolo di pecoroni, ma anche di minimalisti!! ;) :*"Chisto è, e tanto basta.. famose nu baba'!" :Dp.s. come vedi all'estero funziona diversamente.. lo so che il tuo mondo finisce al cancello.. ti capisco sai.. non credere..
      • Skaven scrive:
        Re: ovviamente..
        - Scritto da: Anonimo
        Direi anche qualche sun e spark e
        almeno una Irix.Sparc
    • Anonimo scrive:
      Re: ovviamente..
      Quando devi scegliere che lingua far imparare a tuo figlio, scegli l'inglese o il pashtun (sulla base del fatto che sei un convinto anti-americano)?Io non solo voglio ma PRETENDO che la scuola insegni a mio figlio a saper lavorare sul sistema che adottano la maggior parte dei computer che sono in giro per il mondo. Se poi sarà un professionista imparerà anche a utilizzare altri sistemi. Se invece gli insegnassero a usare un sistema che adotta lo zerovirgola dei PC in giro per il mondo, appena si metterà ad una tastiera dovrà ri-imparare: vale a dire che il tempo speso a scuola (o a re-imparare) è tempo buttato via. E' soprattutto una questione di praticità, non di "pecoraggine". Al contrario il tuo è un ottuso apriorismo. Del tipo :chissenefrega se si scrive da sinistra a destra, io scrivo da destra a sinistra!3dots
      • Anonimo scrive:
        Re: ovviamente..
        - Scritto da: Anonimo....
        E' soprattutto una questione di praticità,
        non di "pecoraggine". No. E' proprio questione di pecoraggine...C'è chi preferisce che i propri figli imparino a pigiare dei tasti a memoria e chi magari preferisce che imparino a capire....Se imparano a capire, riescono ad utilizzare MSOffice, StarOffice e OpenOffice. Se invece imparano solo a pigiare i tasti magari si trovano in difficoltà a fare "Apri File..." da StarOffice invece che fare "Apri File..." da MSOffice.... (o, ovviamente, viceversa...).Questione di opinioni ovviamente....Ma se a questo aggiungi la cronica mancanza di fondi della scuola italiana capisci che probabilmente l'alternativa è fra fare "Apri File" su StarOffice e veder fare "Apri File" su MSOffice dal compagno che sa già usare il programma perchè lo usa a casa (probabilmente piratato...).....Come dicevo prima, questione di opinioni....
        • Anonimo scrive:
          Re: ovviamente..
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo
          ....

          E' soprattutto una questione di praticità,

          non di "pecoraggine".

          No. E' proprio questione di pecoraggine...

          C'è chi preferisce che i propri figli
          imparino a pigiare dei tasti a memoria e chi
          magari preferisce che imparino a capire....Quando uso il telefono non mi interessa cosa succede quando schiaccio il #, mi interessa quello che devo dire.Smettiamola di pensare al PC (o all'Office) come un oggetto di studio e cominciamo a considerarlo uno STRUMENTO di studio.3dots
          • Anonimo scrive:
            eh?
            secondo te usare staroffice o ms office a livello base e' cosi ' differente ?se poi uno vuole usare le funzioni avanzate , beh , allora tra due anniuscira' office 12 che sara' diverso da office 11, e quindi secondo me a livelloavanzato il problema non si pone ...p.s.: io ho imparato a usare gnumeric con un manuale dell'ECDLche parlava di excel !
          • Anonimo scrive:
            Re: eh?
            - Scritto da: Anonimo
            secondo te usare staroffice o ms office a
            livello base
            e' cosi ' differente ?No, secondo me no. E' che mi sorprende sentire argomentare che bisogna usare StarOffice perché una persona "deve evitare di premere tasti a casaccio ma deve capire". Cosa c'è mai da cpire? Office è uno strumento, non un argomento di studio.Per quanto riguarda l'utilizzo che se ne dovrebbe fare nelle scuole, tuttavia, non trovo che si tratti di un utilizzo base. Se consideri le potenzialità dell'utilizzo di uno strumento come Office dove posso disporre delle piene potenzialità di VBA per integrare in un banale foglio elettronico o documento di testo delle funzioni evolute, ritengo che MS Office detenga ancora un notevole vantaggio rispetto a StarOffice proprio per gli utilizzi didattici.Altro discorso è per le utenze casalinghe dove StarOffice può effettivamente contare sulla ridondanza di funzioni di MS Office e contare sul vantaggio di un prezzo inferiore.
          • Anonimo scrive:
            re: eh?
            pero' io ho anche openoffice e c'e "openoffice basic" che dovrebbe essere + o - la stessa cosa diVBA (visual basic for applications ,giusto ?)(anche se io non uso nessuno dei due)inoltre secondo me il problema e' che visto che i programmi cambiano, e' inutilefare un corso approfondito _ora_ su excel (o openoffice) a un ragazzo che magari andra' a lavorare tra 3/4 anni
          • Anonimo scrive:
            Re: eh?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            secondo te usare staroffice o ms office a

            livello base

            e' cosi ' differente ?

            No, secondo me no. E' che mi sorprende
            sentire argomentare che bisogna usare
            StarOffice perché una persona "deve evitare
            di premere tasti a casaccio ma deve capire".
            Cosa c'è mai da cpire? Office è uno
            strumento, non un argomento di studio.Rileggiti il post in questione e forse ne capisci il significato...---------------Se imparano a capire, riescono ad utilizzare MSOffice, StarOffice e OpenOffice. Se invece imparano solo a pigiare i tasti magari si trovano in difficoltà a fare "Apri File..." da StarOffice invece che fare "Apri File..." da MSOffice.... (o, ovviamente, viceversa...). ---------------
            Per quanto riguarda l'utilizzo che se ne
            dovrebbe fare nelle scuole, tuttavia, non
            trovo che si tratti di un utilizzo base. Se
            consideri le potenzialità dell'utilizzo di
            uno strumento come Office dove posso
            disporre delle piene potenzialità di VBA per
            integrare in un banale foglio elettronico o
            documento di testo delle funzioni evolute,
            ritengo che MS Office detenga ancora un
            notevole vantaggio rispetto a StarOffice
            proprio per gli utilizzi didattici.Mi chiedo cosa serva, dal punto di vista didattico, studiare degli script VBA in un "banale" foglio elettronico....Banale fra virgolette perchè lo studio a medio livello di un generico foglio elettronico è sicuramente al di fuori dei limiti temporali di qualsiasi scuola..... Il VBA vorrebbe dire aggiungere altra carne al fuoco distogliendo tempo ai fondamenti e alle applicazioni...Nel mondo del lavoro facilmente ci si trova ad utilizzare un foglio elettronico, ma ben più difficilmente VBA. Inoltre VBA non è di certo il massimo per studiare la programmazione.Comunque sia per la didattica che per il mondo del lavoro, se un foglio elettronico è insufficiente per certi compiti, piuttosto che utilizzare VBA & C. forse è meglio pensare ad utilizzare altri applicativi....
            Altro discorso è per le utenze casalinghe
            dove StarOffice può effettivamente contare
            sulla ridondanza di funzioni di MS Office e
            contare sul vantaggio di un prezzo
            inferiore.Io non distinguerei tanto le due cose.... il concetto che uno studente possa ripassare a casa quello che affronta a scuola non mi sembra poi fuori dal mondo....
          • Anonimo scrive:
            Re: ovviamente..
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo

            ....


            E' soprattutto una questione di
            praticità,


            non di "pecoraggine".



            No. E' proprio questione di pecoraggine...



            C'è chi preferisce che i propri figli

            imparino a pigiare dei tasti a memoria e
            chi

            magari preferisce che imparino a
            capire....

            Quando uso il telefono non mi interessa cosa
            succede quando schiaccio il #, mi interessa
            quello che devo dire.

            Smettiamola di pensare al PC (o all'Office)
            come un oggetto di studio e cominciamo a
            considerarlo uno STRUMENTO di studio.Mi togli le parole di bocca..... sono perfettamente daccordo...Ma allora se il sw non è l'oggetto di studio ma solo lo strumento, allora l'importante è capire l'oggetto di studio indipendentemente dallo strumento...Ma allora cosa centrano le "questioni di praticità" ?!?!?!? Mica bisogna imparare un sw che (forse) si utilizzerà quando si entrerà nel mondo del lavoro (ovviamente si utilizzerà una versione molto più recente e probabilmente molto diversa....).Bisogna solo utilizzare il sw più opportuno che permetta di studiare... E fra i paramentri che definiscono il "più opportuno" non mi sembra che il costo sia poi da trascurare.... Costo per la scuola e per lo studente nel caso debba/possa utilizzare il software a casa....
          • Anonimo scrive:
            Re: ovviamente..
            Come ho già scritto a un altro secondo me le potenzialità di un VBA che permetta di integrare funzionalità evolute in un banale foglio elettronico o documento di testo sono senz'altro tra le caratteristiche più appealing per uno strumento di tipo didattico.- Scritto da: Anonimo
            che permetta di studiare... E fra i
            paramentri che definiscono il "più
            opportuno" non mi sembra che il costo sia
            poi da trascurare.... Costo per la scuola e
            per lo studente nel caso debba/possa
            utilizzare il software a casa....
          • Anonimo scrive:
            Re: ovviamente..
            Si, infatti anche OpenOffice e StarOffice dispongono di un linguaggio basic analogo come funzionalità al VBA- Scritto da: Anonimo
            Come ho già scritto a un altro secondo me le
            potenzialità di un VBA che permetta di
            integrare funzionalità evolute in un banale
            foglio elettronico o documento di testo sono
            senz'altro tra le caratteristiche più
            appealing per uno strumento di tipo
            didattico.
          • Anonimo scrive:
            Re: ovviamente..
            - Scritto da: Anonimo
            Come ho già scritto a un altro secondo me le
            potenzialità di un VBA che permetta di
            integrare funzionalità evolute in un banale
            foglio elettronico o documento di testo sono
            senz'altro tra le caratteristiche più
            appealing per uno strumento di tipo
            didattico.Come ti ho già scritto da un'altra parte, ne dubito alquanto....Sarebbero solo argomenti di dispersione....
  • Anonimo scrive:
    Domanda
    Perche qualcuno mi drovrebbe regalare qualcosa?
    • hoff scrive:
      Re: Domanda
      - Scritto da: Anonimo
      Perche qualcuno mi drovrebbe regalare
      qualcosa?Perchè se ti regalo una cosa, tu la usi, non vai certo a comprartene un'altra. Conoscendola, la consiglierai ai tuoi amici che forse la compreranno. Se poi un giorno dovrai procurartene un'altra, dovendo per forza pagare, sceglierai quella che conosci già e non una diversa.Ti assicuro che non è nè un'autopunizione da parte di Sun, nè un trucco diabolico contro di te. E' solo marketing.
      • kensan scrive:
        Re: Domanda
        - Scritto da: hoff

        - Scritto da: Anonimo

        Perche qualcuno mi drovrebbe regalare

        qualcosa?Perché ha interesse a farlo!
        Perchè se ti regalo una cosa, tu la usi, non
        vai certo a comprartene un'altra.Per esempio non usi MS Office.
        Conoscendola, la consiglierai ai tuoi amici
        che forse la compreranno. Se poi un giorno
        dovrai procurartene un'altra, dovendo per
        forza pagare, sceglierai quella che conosci
        già e non una diversa.Questo non è detto, per esempio un giorno in cui non sarà più possibile avere StarOffice gratis o a pochissimi soldi come è attualmente, potrai passare a OpenOffice.org che è la stessa suite ma senza alcuni addons.
        Ti assicuro che non è nè un'autopunizione da
        parte di Sun, nè un trucco diabolico contro
        di te. E' solo marketing.Ma forse non hai considerato la strategia di Sun, se non si vende più MS Office la M$ risulta piegata in due e Sun con la sua Java può spuntarla più facilmente in un mondo senza il monopolio di Bill. I costi di StarOffice sono bassi perche lo sviluppo è free (OS e libero) e sacrificare la suite in cambio della testa di Gates è un bello scambio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Domanda
      - Scritto da: Anonimo
      Perche qualcuno mi drovrebbe regalare
      qualcosa?Perchè vuol dire distribuire un prodotto e creare una base d'utenza che farà mercato.Sempre meglio di chi il mercato ce l'ha e le cose le fa pagare più di quanto realmente valgano.Anche M$ "regala" agli studenti... la differenza è che M$ regala licenze d'uso, Sun regala il prodotto; se masterizzi il software e lo regali ad un amico con Sun non commetti un reato ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Domanda
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Perche qualcuno mi drovrebbe regalare

        qualcosa?

        Perchè vuol dire distribuire un prodotto e
        creare una base d'utenza che farà mercato.
        Sempre meglio di chi il mercato ce l'ha e le
        cose le fa pagare più di quanto realmente
        valgano.Appena SUN avra' piegato in due OFFICE alzera' i prezzi e MS si ritrovera' a regalare office utilizzando la stessa tecnica di Sun.
        Anche M$ "regala" agli studenti... la
        differenza è che M$ regala licenze d'uso,
        Sun regala il prodotto; se masterizzi il
        software e lo regali ad un amico con Sun non
        commetti un reato ;)Con M$ risparmi i soldi del masterizzatore e dici all'amico come si fa a ricevere la sola licenza d'uso senza che tu perda tempo e soldi.:)
        • Anonimo scrive:
          Re: Domanda
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Perche qualcuno mi drovrebbe regalare


          qualcosa?



          Perchè vuol dire distribuire un prodotto e

          creare una base d'utenza che farà mercato.

          Sempre meglio di chi il mercato ce l'ha e le

          cose le fa pagare più di quanto realmente

          valgano.

          Appena SUN avra' piegato in due OFFICE
          alzera' i prezzi e MS si ritrovera' a
          regalare office utilizzando la stessa
          tecnica di Sun.Esattamente!! e non puoi dire che un "mercato aperto" sia meno vantaggioso, in termini di prezzo, di un monopolio; hai appena affermato tale vantaggio dicendo che M$ taglierebbe i prezzi di office.Ti dirò di più.. il formato dei documenti di StarOffice, come quello di OpenOffice è in realtà un file ".zip" che contiene file ".xml" (linguaggio standard. rinomina il file in .zip e scompattalo, lo vedrai da solo); questo permette a chiunque ne abbia voglia di sviluppare applicazioni, lettori, convertitori esattamente come avviene col ".pdf"; che Sun distribuisca pure a pagamento la sua suite con tutti gli ammennicoli alle aziende.. ci sarà sempre un OpenOffice o PincoPallinoOffice per l'utente casalingo, lo studente o per chi si accontenta di meno funzionalità, perfettamente compatibile con la mega-suite aziendale.

          Anche M$ "regala" agli studenti... la

          differenza è che M$ regala licenze d'uso,

          Sun regala il prodotto; se masterizzi il

          software e lo regali ad un amico con Sun

          non commetti un reato ;)

          Con M$ risparmi i soldi del masterizzatore e
          dici all'amico come si fa a ricevere la
          sola licenza d'uso senza che tu perda tempo
          e soldi.

          :)Che risposta del piffero!! :) A parte il fatto che oggi i masterizzatori costano 50 euro e li schiaffano "di serie" anche nel più piccolo piccì che compri.. non volevo fare una questione di soldi, ma una comparazione di "regali" :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Domanda
        - Scritto da: Anonimo
        Perchè vuol dire distribuire un prodotto e
        creare una base d'utenza che farà mercato.La domanda a questo punto è se Sun ha relamente intenzione di investire nel mercato office per avere un giorno un ritorno diretto vendendo la suite a caro prezzo, o se non se sia piuttosto una strategia indiretta per sottrarre risorse preziose alla M$ in uno dei settori in cui è più forte, e indebolirla quindi da un punto di vista più generale.Probabilmente entrambe le cose...Sarebbe simpatico, a questo punto, che la Sony per tagliare le gambe a xbox si mettesse a regalare qualche milione di PS2 con magari quattro-cinque titoli in bundle:D
  • Ekleptical scrive:
    Ottimo!
    Finalmente si crea un po' di concorrenza a Microsoft e le si smette di crocifiggerla con la scusa vittimista di essere monopolista.Che gli altri si diano da fare come Sun e il problema si risolve!Almeno finalmente si abbatono i prezzi con la concorrenza, visto che ormai le applicazioni da ufficio sono un prodotto maturo. Per quanto la menino le novità possono essere molto limitate (tranne rivoluzioni imprevedibili al momento).
    • Anonimo scrive:
      Re: Ottimo!
      Staroffice è commercialese, come succede in US, la MS dona software gratuito alle scuole lo fa per indottrinare e legare a se futuri utenti, pensi che per Sun sia diverso?
Chiudi i commenti