Italia denunciata per e-firma, e-fatturazione e PEC

Adiconsum, ANORC e Cittadini di Internet vogliono una procedura di infrazione contro lo Stato Italiano. L'accusa? Le normative italiane, numerose e corpose, confliggono con quelle comunitarie. La PEC? Bocciata
Adiconsum, ANORC e Cittadini di Internet vogliono una procedura di infrazione contro lo Stato Italiano. L'accusa? Le normative italiane, numerose e corpose, confliggono con quelle comunitarie. La PEC? Bocciata

Se ne è parlato per anni, si sono prodotte corpose normative di settore, ci si è prodigati nel lancio di nuovi servizi e non si sono risolte mai del tutto le molte critiche di numerosi addetti ai lavori. Ora, contro la firma elettronica all’italiana, la fatturazione elettronica e anche la posta elettronica certificata si sono scagliate con un provvedimento formale di denuncia tre associazioni: quella dei consumatori Adiconsum , Cittadini di Internet nonché A.N.O.R.C. (Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili Conservazione sostitutiva).

la pagina del CNIPA dedicata alla firma digitale “L’azione non è e non vuole essere un atto contro la Repubblica Italiana – spiegano – ma una provocazione per risolvere un problema che dal 1997 sta facendo spendere miliardi di euro a cittadini e imprese”. Presentata agli uffici dell’Unione Europea, la denuncia chiede l’avvio di una procedura d’infrazione contro lo Stato Italiano per inadempimento delle norme comunitarie in materia di firma elettronica, posta elettronica certificata e fatturazione elettronica.

Nel mirino la PEC , la cosiddetta raccomandata elettronica che ha già suscitato polemiche e apprezzamenti . Le tre associazioni sostengono che in Europa esistano soltanto la firma elettronica e la firma elettronica avanzata mentre l’Italia a suon di norme e regolamenti si sia dotata di firma elettronica, firma digitale e firma elettronica qualificata. “Ciò disorienta tutti i cittadini – dicono i promotori della denuncia – sia nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, sia tra privati ed imprese, sia ancora nei rapporti con soggetti appartenenti ad altre nazioni dell’Unione Europea”.

A detta di Adiconsum, ANORC e CdI l’incongruenza legislativa “si riflette sulla normativa in materia di fatturazione elettronica (e conservazione digitale dei documenti fiscalmente rilevanti) che prevede processi rigidi e formali per i contribuenti, che non trovano giustificazione nel panorama comunitario”. Andrea Lisi – presidente di ANORC – parla della normativa italiana di settore come di “un bellissimo gioiello da indossare per dimostrare a tutti come siamo all’avanguardia, ma che in realtà ha prodotto solo un imbarazzante isolamento dal punto di vista dell’utilizzo di alcuni strumenti”. A suo dire “la foga del legislatore nazionale non ha fatto altro che produrre una moltitudine di regolamentazioni rigide e innovative che non sono allineate con gli strumenti attualmente in uso nel contesto comunitario e internazionale”.

L’idea della denuncia, di questa singolare provocazione, è “sensibilizzare le istituzioni alla esigenza di una migliore e più razionale disciplina”. Lo sottolinea anche Paolo Landi, di Adiconsum, secondo cui “la normativa in materia non può quindi ritenersi realmente all’avanguardia se non si pone questi importanti obiettivi: allineamento con la normativa comunitaria, interoperabilità a livello internazionale e facilità di utilizzo degli strumenti regolamentati, attenzione alla sicurezza informatica”. “Anche con la firma digitale – conclude Landi, – la burocrazia è stata capace di portare l’Italia in un vicolo cieco, dopo che con Frattini eravamo partiti in anticipo e bene”.

La speranza dei promotori è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo che usciranno dalle consultazioni elettorali in corso possano riprendere al più presto le fila su un fronte ritenuto centrale per lo sviluppo della Società dell’Informazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 04 2008
Link copiato negli appunti