Italia, liste nere contro le liste nere

Mentre in Commissione Giustizia si discute di un disegno di legge che potrebbe mettere a rischio per la libertà online nel nome della lotta all'odio razziale, l'Italia mette di nuovo a tacere Stormfront

Roma – Sulla scia delle misure disposte nei confronti dei portali holywar.org e holywar.tv e del forum nazista Stormfront, è stato identificato un altro sito Internet legato a quest’ultimo, i cui utenti sono accusati di odio razziale e religioso: già 35 le perquisizioni eseguite dalla polizia di Roma nei confronti di altrettante persone sparse in 22 diverse province italiane .

Come nei casi di Holywar e nelle precedenti operazioni con al centro il forum internazionale Stormfront, l’accusa è legata in particolare alla pubblicazione di una “lista nera” contenenti nominativi di personalità di fede ebraica. Nel mirino del nuovo sito anche lo scrittore Roberto Saviano, il sindaco di Lampedusa Giuse Nicoli e Carla Di Veroli, già assessore alle politiche culturali, giovanili e pari opportunità di un municipio di Roma.

Il GUP di Roma Carmine Castaldo aveva già condannato i quattro amministratori della sezione italiana del forum neonazista Stormfront ad un totale di oltre 10 anni di arresti domiciliari per associazione a delinquere di stampo neonazista, per le attività di promozione e direzione di un gruppo votato alla discriminazione razziale e alla violenza etnico-religiosa.

Tra le accuse nei confronti del nuovo sito, inoltre, la diffusione di un filmato intitolato “il nemico occulto”, realizzato dagli utenti della sezione italiana di Stormfront con lo scopo di accusare gli ebrei della crisi economica mondiale. Nel corso delle indagini sono stati individuati , diversi post con forti incitamenti alla violenza, pubblicati da autori nascosti dietro pseudonimo.

Come negli altri casi è stato disposto il sequestro preventivo tramite inibizione all’accesso dall’Italia ai suoi indirizzi web e ai relativi IP statici “nonché ogni altro indirizzo IP eventualmente associato anche in futuro”.

Per affrontare il problema , peraltro, il Parlamento italiano rischia di creare pericolosi ricadute sulla Rete: è stato infatti assegnato alla Commissione di Giustizia un disegno di legge , presentato lo scorso 3 luglio da un gruppo di parlamentari di Scelta Civica, Pd, Pdl e Sel, che con l’ obiettivo di rafforzare il sistema di repressione delle discriminazioni razziali online propone sanzioni fino a 150 mila euro, disponibili non da un giudice ma dal Ministero dello Sviluppo Economico, ai danni dei fornitori di servizi internet (ISP) che non segnalino tempestivamente alla Polizia Postale i reati connessi a discriminazione razziale, etnica o religiosa che gli vengono notificati.

Una legge che appare pericolosa per diverse ragioni: innanzitutto perché si tratta di reati (gravi) di opinione, quindi per definizione di difficile identificazione e dimostrazione , poi perché prevede una sanzione attivabile dal potere esecutivo e non da quello giudiziario, infine perché prevede altresì che la Polizia Postale (apparentemente anche senza l’ordine dell’autorità giudiziaria) possa segnalare agli ISP un elenco di siti da bloccare . Una vera e propria black list di siti stilata senza che un giudice possa valutare preventivamente la bontà della decisione.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il.gem scrive:
    Boh...
    Prima fanno l'europa unita, la moneta unica e permettono che le aziende possano far circolare liberamente a proprio piacimento capitali e merci all'interno della stessa. E poi perseguitano le aziende se fanno cio che gli hanno permesso di fare, con le leggi da loro stessi create?Incoerenza ai massimi livelli.Ma del resto da quella banda di cerebrolesi ignoranti che ci governano non ci si può aspettare di più.il.gem
  • Michele scrive:
    che scandalo!
    E' proprio uno scandalo!lavorano in italia e pagano le tasse dove vogliono!ma questo succede anche per i supermercati: c'e' una catena, in particolare, che paga le tasse in francia anche se fisicamente sta in italia.non vi e' mai capitato di prendere uno scontrino e di leggerci su "non vale come scontrino fiscale" ? magari scritto in piccolo alla fine ???ho chiesto il motivo di tutto cio' e mi e' stato confermato che fanno lo stesso giochino.e vi sto parlando di anni e anni fa!!!!non vedo perche' se pago le tasse in italia lavorando qui non le debbano pagare anche queste multinazionali!
    • collione scrive:
      Re: che scandalo!
      - Scritto da: Michele
      E' proprio uno scandalo!
      lavorano in italia e pagano le tasse dove
      vogliono!benvenuto nel mondo globalizzato, ovvero il fascismo economico
    • Pietro scrive:
      Re: che scandalo!
      - Scritto da: Michele
      E' proprio uno scandalo!
      lavorano in italia e pagano le tasse dove
      vogliono!
      ma questo succede anche per i supermercati: c'e'
      una catena, in particolare, che paga le tasse in
      francia anche se fisicamente sta in
      italia.
      non vi e' mai capitato di prendere uno scontrino
      e di leggerci su "non vale come scontrino
      fiscale" ? magari scritto in piccolo alla fine
      ???
      ho chiesto il motivo di tutto cio' e mi e' stato
      confermato che fanno lo stesso
      giochino.
      e vi sto parlando di anni e anni fa!!!!
      non vedo perche' se pago le tasse in italia
      lavorando qui non le debbano pagare anche queste
      multinazionali!Dipende dalle leggi che ci siamo dati
    • Trollollero scrive:
      Re: che scandalo!
      - Scritto da: Michele
      E' proprio uno scandalo!
      lavorano in italia e pagano le tasse dove
      vogliono!
      ma questo succede anche per i supermercati: c'e'
      una catena, in particolare, che paga le tasse in
      francia anche se fisicamente sta in
      italia.
      non vi e' mai capitato di prendere uno scontrino
      e di leggerci su "non vale come scontrino
      fiscale" ? magari scritto in piccolo alla fine
      ???Dicasi "trasmissione telematica dei corrispettivi fiscali".Ovvero, la cassa (solitamente di grandi catene, ma anche il piccolo esercizio puo' farlo) trasmette in tempo reale all'agenzia delle entrate ogni singolo incasso.
      ho chiesto il motivo di tutto cio' e mi e' stato
      confermato che fanno lo stesso
      giochino.Giochino regolarmente autorizzato e perfettamente legale.
      e vi sto parlando di anni e anni fa!!!!
      non vedo perche' se pago le tasse in italia
      lavorando qui non le debbano pagare anche queste
      multinazionali!Questa e' gia' una domanda piu' sensata...Anche perche' mi pare sia stato ampiamente dimostrato dai fatti che una politica fiscale di favore per le aziende NON produca alcun beneficio per la popolazione, anzi spesso e volentieri e' il contrario...
      • nome e cognome scrive:
        Re: che scandalo!

        Questa e' gia' una domanda piu' sensata...
        Anche perche' mi pare sia stato ampiamente
        dimostrato dai fatti che una politica fiscale di
        favore per le aziende NON produca alcun beneficio
        per la popolazione, anzi spesso e volentieri e'
        il
        contrario...XXXXXXX, è stato dimostrato esattamente il contrario... Svizzera, Irlanda, Olanda tutti paesi dove una politica di favore per le corporation ha portato enormi benefici alla popolazione.
        • uTonto scrive:
          Re: che scandalo!
          - Scritto da: nome e cognome
          XXXXXXX, è stato dimostrato esattamente il
          contrario... Svizzera, Irlanda, Olanda L'Irlanda non è quello stato che è messo peggio del portogallo ed è a rischio crack ?
          • nome e cognome scrive:
            Re: che scandalo!

            L'Irlanda non è quello stato che è messo peggio
            del portogallo ed è a rischio crack
            ?Tutti i paesi europei sono a rischio crack, l'Irlanda è quella che ha subito di più di tutti l'inizio della crisi ma è quella che ne è uscita prima e meglio, il loro pil ora è in crescita mentre il nostro è ancora in calo. E comunque l'Irlanda è quello stato che in 10 anni ha triplicato il suo PIL (in Italia è cresciuto di un terzo nello stesso periodo) ed è passato da un'economia 100% agricola ad essere il più importante esportatore di software e servizi.
    • nome e cognome scrive:
      Re: che scandalo!
      - Scritto da: Michele
      E' proprio uno scandalo!
      lavorano in italia e pagano le tasse dove
      vogliono!Non è affatto uno scandalo, potrebbe essere una cosa fantastica perché si introduce la concorrenza fiscale: ovvero i governi competono tra loro per attrarre le società offrendo vantaggi fiscali. L'Irlanda l'ha fatto ed è stato un eccezionale sucXXXXX, la Svizzera lo sta facendo e sta portando via all'Italia (ma anche alla Germania e Francia) migliaia di aziende. Gli altri paesi europei invece di cercare di competere, incrementando l'efficienza della macchina statale hanno deciso di usare le vie giudiziarie e come unico risultato si vedranno ridurre ancora di più la presenza di multinazionali sul territorio.
  • bubba scrive:
    il pezzo piu' divertente e' la fine dell
    il pezzo piu' divertente e' la fine dell'articolo... come si fa a "non capacitarsi che gli Appleuser siano livorosi?" e' l'unica azienda dotata di una Religione Certificata dal 1981. :Dcfr. "reality distortion field"
  • uTonto scrive:
    ma adesso
    perche avete cancellato il mio post pure qui ?Ho detto "Purtroppo a livelli di immagine per l'italiano medio l'evasione non è vista come una cosa negativa, quindi a livello di immagine queste aziende perdono poco"se si censura pure un commento del genere, per favore cambiate mestiere
    • Lemmy Kilmister scrive:
      Re: ma adesso
      - Scritto da: uTonto
      perche avete cancellato il mio post pure qui ?

      Ho detto "Purtroppo a livelli di immagine per
      l'italiano medio l'evasione non è vista come una
      cosa negativa, quindi a livello di immagine
      queste aziende perdono
      poco"


      se si censura pure un commento del genere, per
      favore cambiate
      mestiereEvidentemente qualcuno in redazione si è sentito coinvolto nella descrizione di italiota medio
  • Experience scrive:
    basta apple
    La succursale di melablog, slidetomac, spidermac, osxdaily, rumorsapple :)
    • buba bubu scrive:
      Re: basta apple
      buba buba- Scritto da: Experience
      La succursale di melablog, slidetomac, spidermac,
      osxdaily, rumorsapple
      :)
  • Be&O scrive:
    Depenalizzazione !
    Non vedo Ruppolo e Brunetta a proporre la depenalizzazione del reato di evasione fiscale in questo articolo....Sono Malati ?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 novembre 2013 13.35-----------------------------------------------------------
    • bertuccia scrive:
      Re: Depenalizzazione !
      - Scritto da: Be&O
      Non vedo Ruppolo e Brunetta a proporre la
      depenalizzazione del reato di evasione fiscale in
      questo articolo....Sono Malati
      ?
      --------------------------------------------------
      Modificato dall' autore il 14 novembre 2013 13.35
      --------------------------------------------------io credo che (purtroppo) queste multinazionali conoscano la legge meglio dei giudici che devono farla rispettarenon credo proprio che sarà riscontrato alcun reato, in compenso sarebbe bello vedere quanto sarà costato l'inutile proXXXXX... oltre il danno la beffa
      • uTonto scrive:
        Re: Depenalizzazione !
        - Scritto da: bertuccia
        io credo che (purtroppo) queste multinazionali...Il problema che per l'italiano medio "evadere" le tasse non è visto in maniera negativa, quindi queste aziende a livello di immagine non perdono nulla, continueranno a fare le loro solite campagne di beneficenza che ancora nel nostro paese fanno colpo.
        • Leguleio scrive:
          Re: Depenalizzazione !


          io credo che (purtroppo) queste
          multinazionali...

          Il problema che per l'italiano medio "evadere" le
          tasse non è visto in maniera negativa, In generale è assolutamente vero. In tempi di ristrettezze, ahinoi, gli italiani diventano particolarmente forcaioli laddove erano estremamente indulgenti, e reggevano volentieri il gioco a conoscenti e fornitori. Ed è questo il fenomeno preoccupante: o si è sempre indulgenti con gli evasori, o non li si è mai. Qui non si tratta di diritto di cambiare idea: sono tutti i valori e le reti sociali, che vengono cambiati!
        • bradipao scrive:
          Re: Depenalizzazione !
          - Scritto da: uTonto
          Il problema che per l'italiano medio "evadere" le
          tasse non è visto in maniera negativa, quindi
          queste aziende a livello di immagine non perdono
          nulla, continueranno a fare le loro solite
          campagne di beneficenza che ancora nel nostro
          paese fanno colpo.In realtà non è visto in modo negativo nemmeno all'estero. Se vai a leggere come è stata commentata (ieri) questa notizia su appleinsider.com, trovi tantissimi luoghi comuni e insulti sugli italiani. Gran parte della community "appliana" straniera vede l'italia come XXXXX e gli italiani come indegni di avere prodotti apple venduti nel loro paese.
          • mezzano scrive:
            Re: Depenalizzazione !

            Gran parte della
            community "appliana" straniera vede l'italia come
            XXXXX e gli italiani come indegni di avere
            prodotti apple venduti nel loro
            paese.Ed hanno ragione, siamo pieni di debiti e compriamo ancora prodotti di lusso, voi dareste da mangiare a popolazioni del terzo mondo se sapeste che questi signori vestono di marca? io penso di no, e poichè l'Italia è prossima alla fame il ragionamento è equivalente. Attenzione, parlo di prodotto di lusso rivolto alla massa, il problema non è il lusso in sé, un Rolex non lo comprano tutti, i telefoni si.
          • passaporto scaduto scrive:
            Re: Depenalizzazione !
            - Scritto da: bradipao
            - Scritto da: uTonto

            Il problema che per l'italiano medio "evadere"
            le

            tasse non è visto in maniera negativa, quindi

            queste aziende a livello di immagine non perdono

            nulla, continueranno a fare le loro solite

            campagne di beneficenza che ancora nel nostro

            paese fanno colpo.

            In realtà non è visto in modo negativo nemmeno
            all'estero. Se vai a leggere come è stata
            commentata (ieri) questa notizia su
            appleinsider.com, trovi tantissimi luoghi comuni
            e insulti sugli italiani. Gran parte della
            community "appliana" straniera vede l'italia come
            XXXXX e gli italiani come indegni di avere
            prodotti apple venduti nel loro
            paese.come quando vedi un vucumprà ghanese appena sbarcato dal barcone con un iphone 5s in mano.
          • collione scrive:
            Re: Depenalizzazione !
            - Scritto da: bradipao
            all'estero. Se vai a leggere come è stata
            commentata (ieri) questa notizia su
            appleinsider.com, trovi tantissimi luoghi comunichiedere a dei macachi come loro di commentare questa notizia, è come chiedere ad un fondamentalista religioso cosa pensa dell'ateismo
      • gnammolo scrive:
        Re: Depenalizzazione !
        nessun dubbio sull'innocenza apple vero? (rotfl)Cmq viste le pene inflitte le multinazionali approfittano della situazione. Tanto una pacca sulle spalle e una multa inferiore a quanto evaso e tutto risolto.
        • bertuccia scrive:
          Re: Depenalizzazione !
          - Scritto da: gnammolo

          nessun dubbio sull'innocenza apple vero? (rotfl)nessun dubbio sul fatto che se l'hanno fatto, è perchè hanno la certezza assoluta che la legge lo permette.ma non apple, le multinazionali in generale

          Cmq viste le pene inflitte le multinazionali
          approfittano della situazione. Tanto una pacca
          sulle spalle e una multa inferiore a quanto evaso
          e tutto risolto.è una guerra persa, le multinazionali saranno sempre un passo avanti alla burocrazia e arretratezza di uno statosai qual'è il vero problema secondo me? che tu e quelli come te vi inXXXXXXX con le multinazionali anzichè con lo stato. Se c'è un buco nella legge, è *ovvio* che chi può lo andrà a sfruttareSe un software è bacato, tu ti inXXXXX con gli hacker o con chi ha scritto il software?
      • passaporto scaduto scrive:
        Re: Depenalizzazione !
        - Scritto da: bertuccia
        io credo che (purtroppo) queste multinazionali
        conoscano la legge meglio dei giudici che devono
        farla
        rispettarenon importa, una volta che un giudice ha deciso che una cosa (anche priva di fondamento) è vera, è così è basta. Fino al 3° grado di giudizio.dopodiché saluti e baci.
        • Anonimo per finta scrive:
          Re: Depenalizzazione !
          No! Non me lo dire, so di che partito sei!:-/
          • passaporto scaduto scrive:
            Re: Depenalizzazione !
            se vuoi proprio saperlo sono di sinistra ecologia è libertà :)
          • collione scrive:
            Re: Depenalizzazione !
            - Scritto da: passaporto scaduto
            se vuoi proprio saperlo sono di sinistra ecologia
            è libertà
            :)difficile da credere, visto cosa pensi dei giudici
          • passaporto scaduto scrive:
            Re: Depenalizzazione !
            eppure è così, si vede che non ne hai avuto ancora esperienza :)
Chiudi i commenti