Italia? Paese del broad band

Così almeno ne parlano quelli dell'Osservatorio sulla Banda Larga promosso dal Dipartimento all'Innovazione. I numeri del successo tricolore secondo Stanca&Co.


Roma – Nel leggere l’ultimo bollettino governativo dell’avanzata della banda larga, e nello studiare le allegate tabelle, non si incappa soltanto in una serie di informazioni utili ma anche in quella che qualche lingua maliziosa potrebbe chiamare omissione. Si analizza il mercato del broad band nostrano ma non si dice quante ADSL oggi attive non sono flat.

Eppure, in pieno 2005 dovrebbe ormai essere chiaro a tutti che l’accesso con una ADSL a consumo è cosa ben diversa da una flat ADSL: significa un’utenza assai meno interessata all’always-on, con conseguenze a cascata sul reale utilizzo delle nuove tecnologie, sull’interesse maturato per i nuovi strumenti di comunicazione o i contenuti che stanno a cuore al governo e via dicendo. Nella stessa nota si afferma che l’always-on è un elemento strategico, ma non si parla di percentuali di always-on sul totale.

Detto questo, i dati forniti parlano di 5,6 milioni di utenze broad band , ovvero un quinto delle famiglie, il 37 per cento delle imprese e il 61 per cento degli uffici della pubblica amministrazione. Non solo: nei prossimi dodici mesi il Dipartimento all’Innovazione si aspetta 1,5 milioni di nuovi accessi.

In una nota si legge come “le famiglie a banda larga si collegano in rete il doppio di quelle a banda stretta, rimangono in rete il triplo del tempo ed effettuano il doppio degli acquisti” e come la banda larga abbia “favorito lo sviluppo della presenza in rete delle imprese italiane e oggi il oltre il 60% delle aziende con 3 o più addetti dispone di un proprio sito (la percentuale sale al 72% se ci si limita alle imprese broadband) e il 17% di queste vende on-line (20% per le imprese broadband)”.

Altre informazioni sono relative alla copertura della popolazione , come viene definita la disponibilità dei servizi broad band: tra il dicembre 2003 e il dicembre 2004 i “non coperti” sono scesi dal 25 al 14 per cento della popolazione. Per essere più precisi, quel 14 per cento viene definito come residente nella “zona rossa”, ovvero dove si impone una “monotecnologia” e dove si verifica una “competizione limitata”. In contrasto dunque con le più fortunate “zona gialla” e “zona verde”.

I dati forniti dal Dipartimento, provenienti dall’ Osservatorio Banda Larga operativo dal 2002 e realizzato in collaborazione con Between , vengono considerati dal ministro all’Innovazione Lucio Stanca l’emblema di un successo. “I risultati – ha dichiarato – testimoniano una storia di successo”, dati che “non solo confermano l’importanza di un fenomeno, che rappresenta un caso emblematico di sviluppo della innovazione digitale in Italia e che ci posiziona ai primi posti in Europa per quanto concerne la crescita; ma dimostrano anche la puntuale attuazione del Piano di espansione di questa così importante infrastruttura immateriale, che il Governo aveva definito sin dall’inizio della legislatura”.

Stanca ha anche parlato dei “vari interventi” compiuti e voluti dal Governo, “quali il sostegno alla domanda privata, il ruolo strategico della domanda pubblica, le misure particolari per le zone geografiche remote e del Mezzogiorno in generale, e la cui realizzazione da un lato ha contribuito a questi risultati certamente positivi e, dall’altro, costituisce la premessa per le attività future”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Prima o poi FLAT pure su mobile
    E' un atteggiamento "limite". Anche col VoIP Vodafone può farsi pagare la terminazione sulla sua rete, poichè solo ricevendo la chiamata attraverso un gateway di fonia tradizionale può inoltrare la chiamata all'utente finale, non è chiaro come possa rifiutare l'inerconnessione su Gateway IP/TDM se chi si interconnette ha una licenza di operatore.Nel caso di chiamata originata da rete Mobile, senza opportuni accorgimenti, la chiamata originata tramite un eventuale client IP (es. su un PDA) e che passi su GPRS e/o UMTS a oggi farebbe abbastanza schifo, oltre a utilizzare male le risorse. Se una fetta dell'utenza (direi soprattutto le nuove generazioni) si muoverà sempre più su VoIP su rete fissa, sarà bene che gli operatori mobili si attrezzino per offrire delle formule flat "Nazionali" e magari delle formule flat "Europe", per non essere spazzati via dalle innovazioni tecnologiche nel settore. In particolare se il roaming internazionale non scende a tariffe umane, prevedo che standard come SIP potrebbero offrire alternative di grande successo e sottrare traffico (strapagato) agli operatori mobili.
  • THe_ZiPMaN scrive:
    Boicottaggio
    Come sempre Boicott!!!
  • Anonimo scrive:
    E' tutta intorno a te.. la fregatura!
    Che fregatura! Ma che scherziamo? Io uso Skype mattina e sera... dirò a tutti i miei amici e parenti di non farsi vodafone MAI e poi MAI...
  • Anonimo scrive:
    Scommettiamo che Tim e Wind seguiranno?
    Mica lavorano per la gloria ma per fare tanti bei soldini..
  • Anonimo scrive:
    Meglio cosi'
    Meglio, cosi' gli utenti per poter ricevere le chiamate dagli utenti Skype dovranno installarsi a loro volta Skype, e in questo modo invece di spendere soldi (anche se pochi) da Skype verso cellulari con Skype out (dei quali immagino che la vodafone se ne prenda un pezzo), la connessione sarà Skype su Skype e quindi gratuita.Naturalmente il traffico degli utenti non sarà su gprs/umts, visti i costi, ma su wi-fi o (visto che si parla del 2007) meglio ancora su wi-max
  • Anonimo scrive:
    Pu**anaphone: i soldi per me sono tutto!
    Anche oggi la cara multinazionale inglese T*oiaphone, ha deciso di farsi riconoscere: "i clienti? Solo polli da spennare!".Gli italiano pero' si sà, il cervello è un optional, e cosi' mer*tri*ephone ha la strada libera da qualsiasi problema, dato che l' antitrust non funziona, e il governo attuale ha come capo un imprenditore ladro e i suoi fidi soci.Continua ad usare il cellulare, caro italiano medio, che bag*s*iaphone ti aspetta!
  • Anonimo scrive:
    BALLISTI!
    Le reti telefoniche non sono fatte per sostenere molto traffico??? Ma non dite caxxate! Skype occupa una banda inferiore a 6 kilobit/s e una telefonata GSM ne richiede 9.6 ! Ma non dite balle per favore! Tutti gli operatori di telefonia mobile hanno di quei guadagni da paura, esosi, esagerati! Io sono un cliente vodafone, ma se iniziano a rompere chiudo immediatamente il contratto ed invito tutti a fare così. Un servizio è un servizio, e non dovete pilotarci come marionette, avete capito?!???!?!?!Mi auguro che TRE ad esempio (che pochi sanno che è CINESE) vi faccia un mazzo come una capanna. Avete straguadagnato e dove avete messo tutti quei soldi anzichè investirli per creare nuovi servizi, e pagare meglio quella gente che lavora per voi pagata con pochi spiccioli??? Mi domando io... abbiamo ancora il GSM ed il GPRS ZOPPO quando gli altri hanno UMTS, servizi di rete, wifi e molto molto altro, a prezzi decisamente inferiori. Fate schifo, sapete solo inventarvi nuovi profili tariffari in cui la media di guadagno sulle telefonate da 1,2,3,5 è sempre la stessa. Spendono MILIONI di EURO in pubblicità per pubblicizzare cose (per me inutili) piuttosto che aggiornarsi. Sono davvero stanco di tanta immondizia. So che alla fine il VOIP vincerà, perchè il VOIP è un business incredibile, solo che chi si è fossilizzato e preferisce grattare il fondo del barile per ora ha anche il controllo (lo chiamerei quasi CARTELLO o MONOPOLIO in forma nuova) sulle comunicazioni.W gli HOT SPOT e W il Wimax! Preparatevi alla rivoluzione.MindZ.
    • Anonimo scrive:
      Re: BALLISTI!
      Hai pienamente ragione ma... Siamo nella Repubblica delle Banane...dove il Wi-Fi ha avuto inspiegabili limitazioni ed il Wi-Max è agli albori...Continuo però a sperare in un miglioramento (Gianni, l'ottimismo è il profumo della vita...)
  • Anonimo scrive:
    E' come tirarsi la zappa sui piedi
    sai che male ?
  • Sparrow scrive:
    Brodaphone vergognati
    Nel 1995 entra nel mercato italiano e rompe il monopolio Telepozz mibile, offrendo effettivamente ai clienti maggiori servizi, qualità, un call center di prim'ordine.Poi dopo il boom di clienti, inizia a fare tariffe sempre meno convenienti, diventa una fotocopia della Tiz come Tiz diventa fotocopia di Brodaphone.L'UMTS si rivela un mezzo flop, però gli utili sono sempre stratosferici, circa 1 Miliardo di Euro all'anno !Adesso i clienti iniziano a mangiare la foglia:- usare il cellulare per chiamare costa parecchio- i messaggini costano eccome- usare il cellulare per navigare o scaricare contenuti è un puro salasso- toh, visto che abbiamo la flat ADSL perchè non usare voIP per chiamare ?in Brodaphone si scatena il PANICO !Come faremo se in futuro col voIP ci saranno chiamate meno costose per l'utenza e, sopratutto, di un mercato che potrebbe non essere più controllato come oggi dai carrier di telefonia mobilea pagare le mercedes e le rolls del top mannaggement ?BANNARE il VoIp, ecco la soluzione !Interruzione di pubblico servizio dico IO !Per una volta, guardati dentro (o attorno ....) e vergonati Brodaphone.:@
  • Anonimo scrive:
    Da Skype o da tutti?
    Non capisco una cosa... questo tipo di blocco, ferma indistintamente sia i sistemi tipo skype che le linee telefoniche classiche ma basate su commutatoriVOIP (tipo parla.it, tiscali voce, etc...)?
    • Anonimo scrive:
      Re: Da Skype o da tutti?
      In pratica chi usa Skype-out per chiamare con Skype telefoni terrestri e cellulari, non potrà raggiungere utenti Vodafone.La qual cosa fa capire quanto poco di tecnico e molto politico ci sia in questa decisione, e la giustificazione "le reti mobili non sono fatte per sostenere moltissimo traffico" non sta ne in cielo ne in terra.
  • midori scrive:
    La loro soluzione è semplice
    Faranno in modo che le tariffe dati costino piu' o meno quanto quelle voce.Appena il voip si diffonde cesseranno ad una ad una tutte le offerte sul traffico dati...Oppure il traffico voce si adeguerà ai costi di quello dati, ma la vedo dura, senza concorrenza...
  • Anonimo scrive:
    basta cambiare operatore e hop.
    se hai contatti che diventano poco costosi, cambi eccome
    • Anonimo scrive:
      Re: basta cambiare operatore e hop.
      Vai a vedere su www.tariffe.it , sono tutti d'accordo perchè adesso il GPRS FLAT è sparito, allora che te ne fai di skype se non puoi essere in rete almeno 8h al giorno? Hanno fatto apposta!
  • Anonimo scrive:
    lo si aspettava...
    Ed è anche normale, prima forniscono accessi flat dati come umts e gprs, poi esce skype per pda... se uno + uno fa due si sono incartati mani e piedi da soli :)LoL! Ps: buttateli i cellulari ;)
  • Anonimo scrive:
    Vodafone avida di denaro
    Credo che Vodafone con questo fatto dimostri di aver paura del mercato e teme di non essere più competitiva.Inoltre come da titolo, vuole solo fare cassa senza proporsi al futuro con innovative e migliori tecnologie.Povera VodafoneScarlight
    • Anonimo scrive:
      Re: Vodafone avida di denaro
      Infatti, però bisognerebbe boicottare chi limita i servizi piuttosto che migliorarli ed offrire ciò che la gente vuole.Alla fine arriveremo ad un contratto con un fisso mensile e telefonate illimitate. Negli USA, dove c'è VERA CONCORRENZA e non un CARTELLO come QUI hanno da tempo questi contratti, e parlo di quasi 10 anni. Anche in CANADA è lo stesso. Io ormai telefono solo con skype e piuttosto di chiamare dal cellulare, lo faccio dopo da casa o ufficio, senza l'ansia di fare tutto subito per forza.Adesso ho bollette di 10-15 eur al mese + i costi fissi di telecoma che spero di abbattere presto. Qualcuno dirà che mi comporto da spilorcio, ma si sbaglia. Ho ottimi guadagni, solo che preferisco pagare servizi e tutto il resto il prezzo che valgono. Ogni cosa la valuto attentamente e spendo bene i miei ?.Adesso ottengo gli stessi risultati, con un decimo di spesa. Non credo di essere il solo, e spero che saremo sempre di più così saremo rispettati e avremo un trattamento sicuramente migliore di oggi, perchè non siamo solo bestiame con un numero si SIM!MindZ
  • Anonimo scrive:
    Peccato che vogliono guadagnarci sempre
    Ridicola la posizione della vodafone tedesca, si sono accorti che i costi inizieranno a scendere con il loro nulla osta o senza. Quindi corrono hai ripari cercando di bloccare il VoIP, non sarebbe piu' sensato iniziare a parlare di flat?
  • Anonimo scrive:
    Hanno paura delle nuove tecnologie!!
    I big della telefonia mondiale hanno paure del VOIP e della vera liberalizzazione del mercato ecco perchè cercano di inventarsele tutte pur di bloccare la diffusione delle innovazioni, quando possono facendosi approvare leggi di parte che strozzano il progresso tecnologico, quando non riescono a far questo cercano di ottenere lo stesso risultato bloccando qua e là o aumentando i prezzi di uso di certe nuove soluzioni con canoni e balzelli vari.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno paura delle nuove tecnologie!!
      Si fa così con tutto anche col petrolio. Abbiamo motori che sviluppano 130 cv con consumi di 2-3 L / 100km e sbattono queste TECNOLOGIE in un MUSEO DELL'AUTO a PARIGI! Un motore RENAULT!L'europa ha i mezzi ma gente ANTI-TECNOLOGICA che preferisce la poltrona + soldi, d'altra parte gli stipendi se li fanno da soli no? E allora... 1+1...
  • Anonimo scrive:
    Ma non doveva pronunciarsi il Garante?
    non si è più saputo niente della proposta di un nuovo canone da parte di Telecom Italia per ottenere la ADSL senza voce.Ma il garante delle telecomunicazione non doveva pronunciarsi entro il 10 luglio ?
  • Anonimo scrive:
    sarà come un boomerang
    per l'ennesima volta...vodafone prenderà un granchio
    • Giambo scrive:
      Re: sarà come un boomerang
      - Scritto da: Anonimo
      per l'ennesima volta...

      vodafone prenderà un granchioSono d'accordo. Dopo tanti anni di speculazione, finalmente VoIP e' maturo e sta' decollando.Gia' diversi clienti lo usano, e' di una semplicita' disarmante, funziona benissimo e il risparmio in denaro e' notevole.Credo che Vodafone si ritrovera' a dover fre marcia indietro !
  • Anonimo scrive:
    ci sono le vpn
    ci sono le VPN per trasportare il protocollo voip sulle reti umts che fanno sblocano pure le vpn con le acl su firewall ps. non so se i ci sono i programmi per le vpn su cellulari
  • Anonimo scrive:
    Cosa hanno fumato ? SONO FUORI DI TESTA
    Se non vogliono vedere dimezzare il portafoglio clienti è meglio che il resp.marketing riveda sta stronzata che gli è scappata.
  • MRT scrive:
    peccato perchè va una bomba
    provato qualche mese fa io in umts con vodafone e un mio amico all'estero in isdn, con skype, si sente una favola;)
  • Anonimo scrive:
    cambio di schedaaaaaa
    Se il fenomeno del voip diverrà cosi' diffuso come dicono, non potranno permettersi una mossa cosi' miope.
    • Anonimo scrive:
      Re: cambio di schedaaaaaa
      - Scritto da: Anonimo
      Se il fenomeno del voip diverrà cosi' diffuso
      come dicono, non potranno permettersi una mossa
      cosi' miope.Che ci vuoi fare.Non è la prima volta che qualcuno, per cercare di difendere un monopolio/oligopolio, finisce col darsi una martellata sui cosiddetti.
      • Anonimo scrive:
        Re: cambio di schedaaaaaa
        tanto di offerte per strappare clienti all'uno a all'altro operatore ce ne saranno ancora. Nessuno ne fa per tenersi i clienti. anche io mi sto rompendo le ... di Vodafone.
  • Anonimo scrive:
    Ma come
    Le telefonate verso mobile da voip costano meno che da fisso, ma costano comunque molto, praticamente più di quanto costa usare lo stesso skype per chiamare in Australia...Inoltre i carrier mobili si prendono comunque gli introiti dell'interconnessione, quindi i loro profitti sono al sicuro. Non lo sono al più quelli dei carrier fissi.Riguardo ai sovraccarichi di rete...ma chi vogliono far fesso? L'unico momento in cui non si riesce a prendere la linea è alle 00.01 del primo dell'anno!Tantè che dilagano offerte (degli stessi carrier) per invogliare all'uso di sms e telefonate a prezzi stracciati pur di non mantenere le reti sottoutilizzate...ovvero svendono l'eccessiva disponibilità di offerta a prezzi ridicoli (o regalati) tipo la 1xtutti o la infinity per citare due esempi a caso.
    • localhost scrive:
      Re: Ma come
      Attenzione!Non parlano delle chiamate da utenti skype connessi in ADSL verso utenti mobili, quelle non sono in discussione, sono come tutte le normalissime chiamate fisso-mobileParlano del fatto che non vogliono che la gente cominci a farsi le flat UMTS e poi chiamare gratis altri utenti UMTS tramite skype o, peggio, usare skype per uscire sulla PSTN, che li priverebbe di tutti gli introiti derivanti dalle chiamate su rete telefonica mobile classica
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come
        E pernsare che erano quelli che (quando erano in verde) pubblicizzavano l'opzione per telefonare via internet negli USA con un congruo risparmio rispetto alle fameliche 1500 lit/min!!!D'altra parte vince sempre e solo il Dio Denaro! :| :| :|
Chiudi i commenti