Italia, pagamento mobile unico

Piattaforma unica di pagamento via credito telefonico per TIM, Vodafone, Wind, 3 Italia, Postemobile e Fastweb. Una svolta per l'e-commerce e il commercio mobile italiano?

Roma – TIM, Vodafone, Wind, 3 Italia, Postemobile e Fastweb hanno lanciato una piattaforma unica di pagamento disponibile per i clienti di tutti gli operatori. Gli operatori coinvolti nel progetto mettono così a disposizione un servizio atteso vista la diffusione che hanno avuto i dispositivi cellulari in particolare in Italia: grazie ad uno standard unico il numero di cellulare diventa la chiave di autenticazione dei clienti, così da permettere di utilizzare il proprio dispositivo (non solo smartphone e tablet ma anche cellulari e PC) per il pagamento di contenuti e servizi digitali online attraverso il credito telefonico.

Inoltre gli italiani rappresentano una popolazione ideale per questo tipo di piattaforma: ha una bassa propensione all’utilizzo delle carte di credito (il 90 per cento delle transazioni avviene ancora in contanti contro una media UE inferiore al 70 per cento), e al contrario ha un’alta penetrazione di cellulari , di cui uno su tre, secondo gli ultimi dati Ipsos (aprile 2011), è uno smartphone spesso già utilizzato per l’acquisto di contenuti o servizi.

Il sistema pensato ora dalle sei compagnie telefoniche funziona “con un click” se si effettua un acquisto attraverso il proprio dispositivo, o con l’inserimento di numero di cellulare e password sulla piattaforma di acquisto se effettuato attraverso altro device. Una soluzione tecnologicamente e concettualmente semplice in attesa dell’implementazione di soluzioni come quelle sperimentate di Google, Visa e altri , legate a risorse tecniche come Near Field Communication (NFC) e che puntano a rendere i pagamenti via smartphone non limitati al mondo digitale.

Si tratta di un passo importante per il settore mobile e per l’e-commerce anche perché la collaborazione dei sei operatori telefonici significa, secondo un’anteprima del Rapporto Assinform 2011, un bacino d’utenza potenziale, al netto di chi possiede più di una SIM, di 46,6 milioni di italiani .

Per questo sono già diverse le aziende che si sono dette interessate a partecipare come partner commerciali dell’iniziativa per impiegare questo tipo di soluzione nel mercato italiano: le prime sono state Gruppo Caltagirone Editore, Class Editori, Guida Monaci, L’Espresso, Il Sole 24 Ore, La Stampa, Microsoft Italia, Mondadori, Monrif/Poligrafici Editoriale, Paperlit, RCS, Shenker, L’Unione Sarda.

Le interfacce di utilizzo, che garantiscono una user experience semplice ed immediata, sono state sviluppate dalle italiane Engineering , che si occupa di software, e Reply, che si occupa di soluzioni basate sui nuovi canali di comunicazione e media digitali.

Gli sviluppatori e le sei compagnie telefoniche lo definiscono un sistema sicuro e aperto: in particolare perché garantirebbe “i più avanzati standard di sicurezza che gestiscono i dati in modo criptato”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Czarny scrive:
    Fisso?
    Il telefono fisso e' obsoleto. Da quando ho solo il cellulare ricevo saltuariamente qualche sms di pubblicita' che decido io di cancellare quando voglio. Mia madre ha ancora il telefono 'normale' e riceve giornalmente una o due chiamate di televendita. Sabato incluso. Mediamente sono almeno 30 chiamate inutili al mese.
  • Peter Gabriel scrive:
    Comprate stufe ecologiche
    Tra poco avremo carburante a sufficienza per abbandonare definitivamente il riscaldamento a metano.
  • amedeo scrive:
    a quando il registro per le rapine ?
    Proporrei ai nostri validi politici di istituire un registro per chi non vuole essere rapinato. Magari anche uno per i politici che non vogliano farsi legnare dai cittadini infuriati. Quest'ultimo con in più un reset automatico settimanale.
  • Oracle Guru scrive:
    sì ma...
    Se la fondazione Ugo Bordoni lo facesse gratis, potrei anche capire l'entusiasmo, ma siccome penso che piglino dei soldi per gestire l'ennesimo inutile monumento alla stupidità umana e italica in particolar modo, ecco, il mio entusiasmo è molto ridotto.Parliamoci chiaro, quale ditta di informatica non farebbe carte false per gestire un registro che non conta niente, che se va nessuno se ne accorge e se non va, neppure?Ditemi, come cavolo fa un cittadino ad accorgersi se questo bel registro sta funzionando o se è la solita cattedrale nel deserto pagata coi soldi del contribuente e che non serve a un tubo?Si accettano spiegazioni.
    • Picchiatell o scrive:
      Re: sì ma...
      - Scritto da: Oracle Guru

      Ditemi, come cavolo fa un cittadino ad accorgersi
      se questo bel registro sta funzionando o se è la
      solita cattedrale nel deserto pagata coi soldi
      del contribuente e che non serve a un
      tubo?

      Si accettano spiegazioni.il cittadino che paga le tasse sa gia' che questo registro e' l'ennesima truffa in quanto non conta nulla ed anche se sei iscritto ti chiamano a qualsiasi ora dalla mattina alla sera... sopratutto gli operatori si fingono addetti alle asl comunali ect ect ect pur di venderti qualcosa la polizia dovrebbe intervenire invece la legge e' sempre dalla parte di chi truffa...
    • OldDog scrive:
      Re: sì ma...
      - Scritto da: Oracle Guru
      Se la fondazione Ugo Bordoni lo facesse gratis,
      potrei anche capire l'entusiasmo, ma siccome
      penso che piglino dei soldi per gestire
      l'ennesimo inutile monumento alla stupidità umana
      e italica in particolar modo, ecco, il mio
      entusiasmo è molto
      ridotto.

      Parliamoci chiaro, quale ditta di informatica non
      farebbe carte false per gestire un registro che
      non conta niente, che se va nessuno se ne accorge
      e se non va,
      neppure?Non solo: hai un ottimo registro aggiornato di persone esistenti che ti lasciano i loro dati per dirti di non usarli. "Si, si, non si preoccupi dottò, le tengo io le chiavi della macchina.La rivendita di dati sarà comodissina (e non dico che serva chissaché: basta un dipendente senza etica e i dati sono estratti e venduti).Comunque perché preoccuparsi: rilassatevi con un bel gioco su Sony network... non è attivo? Perché? ;-)
      • volta ren scrive:
        Re: sì ma...

        "Si, si, non si preoccupi dottò, le tengo io le
        chiavi della
        macchina.
        La rivendita di dati sarà comodissina (e non dico
        che serva chissaché: basta un dipendente senza
        etica e i dati sono estratti e
        venduti).

        Comunque perché preoccuparsi: rilassatevi con un
        bel gioco su Sony network... non è attivo?
        Perché?
        ;-)I dati di chi nega il consenso valgono 12,75 volte di più sul mercato nero.
        • Picchiatell o scrive:
          Re: sì ma...
          - Scritto da: volta ren

          I dati di chi nega il consenso valgono 12,75
          volte di più sul mercato
          nero.a parte i valori sicuramente sono utenti "veri" ... e controllati da poco
    • Taldi scrive:
      Re: sì ma...
      Questo il tariffario pubblicato sul sito del Registro delle Opposizioni:DIMENSIONI TARIFFA (Iva esclusa)"PACCHETTODI NUMERAZIONI" 1.500 45 50.000 1.500 300.000 9.000 1.000.000 23.000 5.000.000 105.00010.000.000 150.00015.000.000 195.00025.000.000 245.000Le liste filtrate, alla tariffa indicata, hanno validità quindicinale (15 giorni)Penso che a queste tariffe chiunque ucciderebbe per gestire il registro.
      • Rina Aspi scrive:
        Re: sì ma...
        - Scritto da: Taldi
        Questo il tariffario pubblicato sul sito del
        Registro delle
        Opposizioni:

        DIMENSIONI TARIFFA (Iva esclusa)
        "PACCHETTO
        DI NUMERAZIONI"
        1.500 45
        50.000 1.500
        300.000 9.000
        1.000.000 23.000
        5.000.000 105.000
        10.000.000 150.000
        15.000.000 195.000
        25.000.000 245.000

        Le liste filtrate, alla tariffa indicata, hanno
        validità quindicinale (15
        giorni)

        Penso che a queste tariffe chiunque ucciderebbe
        per gestire il
        registro.Lader!
  • Baffo52 scrive:
    A me chiamano ancora
    MI sono iscritto al registro opposizioni, ma continuano a chiamarmi. Proprio oggi, la Vodafone "Potrei parlare col titolare?" prima rispondevo "Sono io, mi faccia parlare col SUO titolare" oggi mi levo la (magra) soddisfazione di dire "Sono iscritto al registro opposizioni, controlli e non mi chiami più".. purtroppo continuano a chiamarmi. Che fo? gli faccio causa?
    • Orfheo scrive:
      Re: A me chiamano ancora
      - Scritto da: Baffo52
      MI sono iscritto al registro opposizioni, ma
      continuano a chiamarmi. Proprio oggi, la Vodafone
      "Potrei parlare col titolare?" prima rispondevo
      "Sono io, mi faccia parlare col SUO titolare"
      oggi mi levo la (magra) soddisfazione di dire
      "Sono iscritto al registro opposizioni, controlli
      e non mi chiami più".. purtroppo continuano a
      chiamarmi. Che fo? gli faccio
      causa?Piu' a lungo rispondi, piu' l'operatore dell call center guadagna.E non credo ci sia "registro" che tenga ...L'unico modo per avere una qualche soddisfazione e, alla lunga, un qualche effetto "pratico" e' di sbattere giu' il telefono non appena realizzato che e' una chiamata di questo tipo. Senza neppure dire ciao.Piu' l'intervallo di tempo e' breve, piu' e' efficace il "deterrente": se ho capito bene gli operatori sono incentivati sia nel numero, sia nella durata che nell'efficacia delle chiamate.Ovviamente fanno statistiche e' se il tuo numero e' sistematicamente breve ed inefficace, per un semplice computo dei costi dovrebbero, ragione permettendo, depennare il numero dai loro "registri".Con me ha funzionato: numero rigorosamente non in elenco, conversazioni sistematicamente interrotte nel piu' breve tempo possibile.Non ricevo una chiamata non so da quando ...Orfheo.
      • Baffo52 scrive:
        Re: A me chiamano ancora
        - Scritto da: Orfheo

        Piu' a lungo rispondi, piu' l'operatore dell call
        center
        guadagna.
        Lo so, e mi fanno un po pena gli operatori, a volte gli chiedo "Lei guadagna a tempo?" se risponde di si, gli dico,. ok. io appoggio la cornetta, lei faccia finta di chiaccherare..Poveri cristi, loro non hanno colpa
        • Orfheo scrive:
          Re: A me chiamano ancora
          - Scritto da: Baffo52
          - Scritto da: Orfheo



          Piu' a lungo rispondi, piu' l'operatore dell
          call

          center

          guadagna.



          Lo so, e mi fanno un po pena gli operatori, a
          volte gli chiedo "Lei guadagna a tempo?" se
          risponde di si, gli dico,. ok. io appoggio la
          cornetta, lei faccia finta di
          chiaccherare..
          Poveri cristi, loro non hanno colpaLi compiango anche io. Non ne faccio una colpa "personale" all'operatore "umano" dell call center.Ma non desidero essere chiamato e cerco di disincentivarli. Punto.Alla lunga non chiameranno piu' e non ne assumeranno piu', spero per loro, per me stesso e per la nostra, povera, societa' dei consumi.Orfheo.
      • krane scrive:
        Re: A me chiamano ancora
        - Scritto da: Orfheo
        - Scritto da: Baffo52

        MI sono iscritto al registro opposizioni, ma

        continuano a chiamarmi. Proprio oggi, la

        Vodafone "Potrei parlare col titolare?" prima

        rispondevo "Sono io, mi faccia parlare col

        SUO titolare" oggi mi levo la (magra)

        soddisfazione di dire "Sono iscritto al

        registro opposizioni, controlli e non mi

        chiami più".. purtroppo continuano a

        chiamarmi. Che fo? gli faccio causa?
        Piu' a lungo rispondi, piu' l'operatore dell
        call center guadagna.
        E non credo ci sia "registro" che tenga ...
        L'unico modo per avere una qualche soddisfazione
        e, alla lunga, un qualche effetto "pratico" e' di
        sbattere giu' il telefono non appena realizzato
        che e' una chiamata di questo tipo. Senza neppure
        dire ciao.Io uso un fischietto e poi aggiungo: scusi e' il bambino...
        • mela marcia doc scrive:
          Re: A me chiamano ancora
          - Scritto da: krane
          Io uso un fischietto e poi aggiungo: scusi e' il
          bambino...Io ultimamente fingo di non sentire niente e faccio così:Se è donna:Ma chi è? Marta sei tu? Perché non parli? Te l'ho detto, è finita. Ti prego non chiamarmi più, se per caso risponde mia moglie lo sai che succede?Se è uomo:Ma chi è? Tanto lo so che sei tu Marco. Smettila di importunarci; mia moglie non vuole più saperne nbiente di te; io l'ho perdonata ed ora siamo una famiglia felice.
    • Valeren scrive:
      Re: A me chiamano ancora
      Questa me la stampo :D
      • Night Guru scrive:
        Re: A me chiamano ancora
        - Scritto da: Valeren
        Questa me la stampo :DSprechi carta, di solito interrompono la comunicazione appena arrivi a dire privacy.
    • gerry scrive:
      Re: A me chiamano ancora
      - Scritto da: Baffo52
      MI sono iscritto al registro opposizioni, ma
      continuano a chiamarmi. Comunque se tu hai dato il consenso con altri mezzi ti possono chiamare lo stesso.
  • Andrea Jatta scrive:
    involuzione
    In sostanza non serve nulla (o quasi):"È importante ricordare che il Registro Pubblico delle Opposizioni mette lAbbonato al riparo dalle chiamate indesiderate degli operatori di telemarketing che utilizzano come fonte dei propri contatti gli elenchi telefonici pubblici. Liscrizione di un abbonato nel Registro non esclude il trattamento dei suoi dati per finalità di telemarketing da parte dei singoli soggetti che abbiano raccolto i dati forniti consenzientemente dagli Abbonati da fonti diverse dagli elenchi telefonici pubblici (per esempio tessere di fidelizzazione, tessere per raccolta punti, promozioni eccetera), purché ciò sia avvenuto nel rispetto della normativa vigente."http://abbonati.registrodelleopposizioni.it/abbonati/home-abbonato
  • Il_Lamantino2 scrive:
    Un falso problema
    A me sembra che il numero di missive pubblicitarie con l'indirizzo sia molto modesto a favore di quelle di massa inviate a tutti senza indirizzo. Comunque, preferisco ricevere un busta che magari metto li e ci dedico un qualche secondo quando voglio io che un telefonata che 9 su 10 rompe proprio.
    • Valeren scrive:
      Re: Un falso problema
      Perdonami, ma da ecologista l'idea di tutta quella carta sprecata ( quindi alberi tagliati ) mi rode parecchio.Al telefono posso insultare intere generazioni di chi mi chiama e spaventarlo abbastanza da desistere la volta successiva, e senza tagliare alberi.
      • PGStargazer scrive:
        Re: Un falso problema
        almeno così gli ecologisti ora si sentiranno presi per il cu#opeccato solo che imho gli italiani in generale non si sono resi conto ancora chi han votato e con chi hanno a che fareIo non sono ecologista ma mi son reso conto cosa ci sta dietro con la panzanata del risparmio energetico e le loro lampadine che durano 1 anno se va bene oltre che costare molto più (al cittadino si intende)Riguardo alla pubblicità io già da tempo uso dei link sui volantini dove io intendo acquistare e gli stessi cartaecei rimangono a decomporsi col tempo nella cassetta pubblicitaria condominialeSarebbe il top ora se anche qui sulla pubblicità cartace a il ministero promuove la pubblicità come quella sull'iscrizione al registro di spam telefonico e ti viene a dire "cittadino registrato un po' meno informato"Il fatto che ti obbligano per forza a informarti è proprio curioso :D
        • Algoritmico scrive:
          Re: Un falso problema
          Ciccio, fatti controllare l'impianto elettrico che le lampadine a basso consumo hanno anche il pregio di avere una lunga durata.A me succedeva uguale, si bruciavano quelle piccole al neon, ho chiamato l'elettricista, ha verificato che c'era un problema con l'enel ed ora tutto ok, le ho tutte da oltre tre anni e non se ne è fulminata più nessuna
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Un falso problema

            ora tutto ok, le ho tutte da oltre tre anni e non
            se ne è fulminata più
            nessunaConfermo, in 6 anni, su 20 se ne sono bruciate 3.
        • Valeren scrive:
          Re: Un falso problema
          Lampadine a risparmio energetico che durano un anno?Hai un problema.A me ne sono partite due in cinque anni ed il problema era del portalampade.Cambiato quello, risolto il problema.Le altre non sono ancora state toccate.
      • sentinel scrive:
        Re: Un falso problema
        - Scritto da: Valeren
        Perdonami, ma da ecologista l'idea di tutta
        quella carta sprecata ( quindi alberi tagliati )
        mi rode
        parecchio.Se la usi come carta igienica non è sprecata...Oppure chi ha il camino la può usare come accendi fuocogratis. Non sai che soddisfazione c'è nell'accendere ilcamino con un dépliant pubblicitario... ;)
        Al telefono posso insultare intere generazioni di
        chi mi chiama e spaventarlo abbastanza da
        desistere la volta successiva, e senza tagliare
        alberi.Si ma è un'impresa ciclopica per non dire eterna...Al limite metti un nastro registrato che sbrodoliil tutto e così non sprechi nemmeno fiato...
        • Joe Tornado scrive:
          Re: Un falso problema

          Se la usi come carta igienica non è sprecata...

          Oppure chi ha il camino la può usare come accendi
          fuoco
          gratis. Non sai che soddisfazione c'è
          nell'accendere
          il
          camino con un dépliant pubblicitario... ;)Ma così ne consumi poca :) Io, che mi faccio i lavoretti in casa da solo, ne faccio scorta e poi la uso tutta insieme per tappezzare pavimento, muri e mobili ! Ho ancora dei volantini di Cityper del 2009 ... aperti avranno l'estensione di un metro quadrato !
      • ndr scrive:
        Re: Un falso problema
        - Scritto da: Valeren
        Perdonami, ma da ecologista l'idea di tutta
        quella carta sprecata ( quindi alberi tagliati )
        mi rode
        parecchio.Eh già, perchè da "bravo ecologista" hai letto nel libro delle fate che la carta si fa con gli alberi dell'Amazzonia...o che l'alternativa all'arboricoltura da carta è il meno inquinante e più ecologicamente sostenibile "mais"...
      • ndr scrive:
        Re: Un falso problema

        Al telefono posso insultare intere generazioni di
        chi mi chiama e spaventarlo abbastanza da
        desistere la volta successiva, e senza tagliare
        alberi.Curioso, ti preoccupi di alberi cresciuti ormai in maniera ecologicamente sostenibile apposta per fare carta (FSC...?) e provi invece soddisfazione nell'insultare centralinisti che vivono da precari schiavizzati, costretti in batteria come polli, a prendere bestemmie da tutti per un prodotto del quale non se ne fregano niente e per le vendite del quale non guadagnano niente...ma cercano solo di portare a casa il pane...Certo, gran paura gli fai...Ma tu sei un "bravo ecologista", quindi devi essere di certo nel giusto, probabilmente siamo noi a non capire le vostre battaglie...
        • Valeren scrive:
          Re: Un falso problema
          - Scritto da: ndr
          Curioso, ti preoccupi di alberi cresciuti ormai
          in maniera ecologicamente sostenibile apposta per
          fare carta (FSC...?) Questa l'ho già sentita in altre forme.Combattere per la pace, esportare la democrazia, XXXXXXX per la verginità...
          e provi invece soddisfazione
          nell'insultare centralinisti che vivono da
          precari schiavizzati, costretti in batteria come
          polli, a prendere bestemmie da tutti per un
          prodotto del quale non se ne fregano niente e per
          le vendite del quale non guadagnano niente...Oh yes, perchè se capissero la prima frase di esordio ( " No grazie, non mi interessa e non mi richiami " ) eviterebbero il corollario di insulti.Ma visto che insistono, mi prendo l'onere di fargli comprendere il significato di ogni parola.Alla fine capiscono :D
          Ma tu sei un "bravo ecologista", quindi devi
          essere di certo nel giusto, probabilmente siamo
          noi a non capire le vostre battaglie...Rompere i testicoli alle persone non è un lavoro, nel caso ti fosse sfuggito.L'ufficio di collocamento più vicino a casa tua saprà aiutarti.A noi ( resto del paese ) non interessa se rimanete a casa.Interessa solo che non ci disturbiate.
          • Valeren scrive:
            Re: Un falso problema
            Fuori dal vaso per niente.Voi disturbate, noi non desideriamo scocciature.Fine.Oppure metti qui il tuo numero e ogni giorno ti chiamiamo a turno.
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Un falso problema
        - Scritto da: Valeren
        Perdonami, ma da ecologista l'idea di tutta
        quella carta sprecata ( quindi alberi tagliati )
        mi rode
        parecchio.
        Al telefono posso insultare intere generazioni di
        chi mi chiama e spaventarlo abbastanza da
        desistere la volta successiva, e senza tagliare
        alberi.io piazzerò il mio bidone per la raccolta differenziata direttamente sotto la cassetta postale, con un cartello "pubblicità qui"
  • Ginoy PC scrive:
    Riforme a costo zero
    Questo ci porterà fuori dalla crisi, perché al semplice costo di un po' di posta massiva gli italiani riempiranno di ordini le industrie.Qui ci vorrei scrivere una parolaccia, ma poi mi bannano..
    • Deus Ex scrive:
      Re: Riforme a costo zero
      Io non riesco a capire perchè Tremonti sia così stimato, quando è risaputo che in materia economica a livello macro è un perfetto incompetente. Al limite ne capisce qualcosa di fisco, ma chi se ne intende di fisco di solito è bravo a trovare escamotage per non pagare le tasse, piuttosto che escogitare modi per farle pagare a chi evade (infatti adesso puniranno chi fa troppi controlli alle imprese per l'evasione fiscale).
  • lobbystico scrive:
    Ancora una volta...
    ...le lobby contano (sopratutto da un punto di vista economico...) molto di più dei diritti dei cittani (violati senza consenso e senza alcuna difesa da parte di governo e enti difensori dei diritti dei consumatori). E tra un pò ci aumenteranno anche la tassa dei rifiuti perchè dobbiamo smaltire la merd (è un francesismo...) che ci spediscono a casa.Bene, bravi, bis.
  • mela marcia doc scrive:
    ma qual'è l'elenco pubblico?
    Quello della telecom?Mi spiego: fino a qualche anno fa comparivo anche io poi, cambiando operatore telefonico, non ci sono più ma ho mantenuto lo stesso numero. Il problema è che non posso iscrivermi al registro delle opposizioni perché mi informa che il mio nominativo non è presente però continuo a ricevere telefonate perché il mio numero era stato inserito nei database dei call center precedentemente al cambio di operatore.Fino a che era in vigore il consenso preventivo potevo pretendere di non essere più disturbato ma ora?Giusto per scrupolo ho riprovato: "Non è possibile procedere con l'operazione richiesta in quanto la numerazione non risulta presente negli elenchi pubblici aggiornati: si ricorda che il servizio è riservato agli abbonati che hanno dato il consenso all'inserimento della propria utenza telefonica negli elenchi pubblici."Non ho mai negato il consenso alla pubblicazione del numero di rete fissa (mentre la diedi per l''email ed il cellulare), semplicemente il mio nominativo è sparito da quando ho cambiato gestore.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 maggio 2011 14.57-----------------------------------------------------------
    • Valeren scrive:
      Re: ma qual'è l'elenco pubblico?
      Andiamo per logica:1) i provider hanno inviato alla fondazione l'elenco dei numeri che accettano di essere pubblicati2) la fondazione appone un flag di diniego se qualcuno lo chiede3) i telemarkettari stralciano i numeri che corrispondono.Il problema, nel tuo caso come nel mio, è il punto 1.Se avessero inviato tutti i numeri, sarebbe stato possibile togliersi.Non essendo pubblicati, chi ha acquisito il numero in altra maniera (...) può tempestarti perché starà a te andare di opt-out, ma non puoi!L'unica soluzione paradossale è quella di accettare la pubblicazione, opt-out e sparire di nuovo.Ma essere visibile per una settimana ti inserisce in tutti i DB immaginabili.
      • Picchiatell o scrive:
        Re: ma qual'è l'elenco pubblico?
        - Scritto da: Valeren
        L'unica soluzione paradossale è quella di
        accettare la pubblicazione, opt-out e sparire di
        nuovo.
        Ma essere visibile per una settimana ti inserisce
        in tutti i DB
        immaginabili.ti posso assicurare che la cosa non funziona in quanto ti contattano lo stesso...
    • gerry scrive:
      Re: ma qual'è l'elenco pubblico?
      - Scritto da: mela marcia doc
      Fino a che era in vigore il consenso preventivo
      potevo pretendere di non essere più disturbato ma
      ora?Come tutte le leggi, vale da quando è stata promulgata. Non credo si possa applicare agli indirizzi recuperati precedentemente.Paradossalmente credo che dovresti rimetterti in elenco e poi fare opt-out.
      • mela marcia doc scrive:
        Re: ma qual'è l'elenco pubblico?
        - Scritto da: gerry
        Paradossalmente credo che dovresti rimetterti in
        elenco e poi fare
        opt-out.Anche volendo farlo, non saprei come. Come ho detto non ho mai chiesto che il numero di telefono fisso venisse cancellato dall'elenco ma è stato tolto in automatico nel momento in cui ho cambiato operatore.
        • bruno scrive:
          Re: ma qual'è l'elenco pubblico?
          Non è corretto. I telemarketer prendono i numeri dell'elenco, sottraendo chi si è iscritto al registro delle opposizioni, per cui chi non è in elenco semplicemente non viene preso. Il punto, piuttosto, è che i telemarteter possono lecitamente prendere i numeri anche da tutti gli altri elenchi pubblici (come gli albi), possono acquisire elenchi di altre aziende, ed eventualmente utilizzare i numeri dei loro clienti che nel contratto si sono dimenticati di negare il consenso all'invio di comunicazioni pubblicitarie. Cioè vi sono mille altri rivoli dai quali possono prendere lecitamente (ai sensi della riforma) i numeri e per tutti questi casi l'iscrizione al registro delle opposizioni non ha alcun valore. L'utente può solo contattare il gestore di quel particolare elenco e chiedere la rimozione del suo numero, ma il problema maggiore è che l'utente non ha nemmeno diritto di sapere da chi hanno recuperato il numero. Quindi mettiamoci l'animo in pace che le telefonate arriveranno sempre. L'unica possibilità per limitare i danni è togliersi dall'elenco telefonico, l'iscrizione al registro è assolutamente inutile.
          • mela marcia doc scrive:
            Re: ma qual'è l'elenco pubblico?
            - Scritto da: bruno
            L'unica possibilità per limitare i danni è
            togliersi dall'elenco telefonico, l'iscrizione al
            registro è assolutamente
            inutile.Dipende poi da quale elenco consultano. Nel mio caso, visto che il numero telefonico è sempre rimasto lo stesso dal '75 ad oggi, basta che prendano un elenco telefonico di un anno qualsiasi antecedente al mio cambio di operatore.
  • panda rossa scrive:
    La scottex subira' grosse perdite!
    Se cominciano a riempire le cassette della posta di depliand e comunicazioni pubblicitarie, il primo effetto che si otterra' sara' un pesante calo di acquisti di carta igienica.I cittadini, per una volta, ringraziano.
    • Mi ci pulisco il Q scrive:
      Re: La scottex subira' grosse perdite!
      - Scritto da: panda rossa
      Se cominciano a riempire le cassette della posta
      di depliand e comunicazioni pubblicitarie, il
      primo effetto che si otterra' sara' un pesante
      calo di acquisti di carta
      igienica.Non so tu, ma io credo che in gran parte usino tipi di carta poco adatti all'uso, troppo liscia e il rischio di intasare il XXXXX è altissimo.
      I cittadini, per una volta, ringraziano.Quando si poteva, io mettevo da parte e poi rispedivo al mittente con affrancatura insufficiente (basta un bollo da 10 L.), adesso non si può perché mandano al macero.
      • Il_Lamantino2 scrive:
        Re: La scottex subira' grosse perdite!
        ma c'hai voglia di apporre un francobollo da 10 lire
        • Mi ci pulisco il Q scrive:
          Re: La scottex subira' grosse perdite!
          - Scritto da: Il_Lamantino2
          ma c'hai voglia di apporre un francobollo da 10
          lireErano altri tempi, l'euro non c'era e per affrancatura insufficiente il destinatario pagava una tassa. Adesso non funziona più, va tutto al macero.
          • policy del polemizzat ore di fagiani scrive:
            Re: La scottex subira' grosse perdite!
            - Scritto da: Mi ci pulisco il Q
            - Scritto da: Il_Lamantino2

            ma c'hai voglia di apporre un francobollo da 10

            lire

            Erano altri tempi, l'euro non c'era e per
            affrancatura insufficiente il destinatario pagava
            una tassa. Adesso non funziona più, va tutto al
            maceroio tengo tutte quelle del nano-XXXXX e le mando al primo che mi allega una busta pre affrancata ;)
    • Picchiatell o scrive:
      Re: La scottex subira' grosse perdite!
      - Scritto da: panda rossa
      Se cominciano a riempire le cassette della posta
      di depliand e comunicazioni pubblicitarie, il
      primo effetto che si otterra' sara' un pesante
      calo di acquisti di carta
      igienica.

      I cittadini, per una volta, ringraziano.emh....a parte la scarsa qualità della carta e dell'inchiostro usati per i volantini ove pensi che li tengano prima di distribuirli ? prima di pulirsi il deretano avrei qualche pensiero...purtroppo alla base del ragionamento vi sono i soliti markettari che per prendere 10 clienti sfornano milioni di volantini con spese enormi di stampa e distribuzione ( non parlo di quei poveri cristi alle poste o in nero ma delle agenzie) tutto alla fine va a ricadere sul prezzo del prodotto ed infine sul taglio dei servizi al cliente...
    • attonito scrive:
      Re: La scottex subira' grosse perdite!
      - Scritto da: panda rossa
      Se cominciano a riempire le cassette della posta
      di depliand e comunicazioni pubblicitarie, il
      primo effetto che si otterra' sara' un pesante
      calo di acquisti di carta igienica.Ma sei un XXXXX libidinoso! la carta patinata e' liscia e non fa "presa", te ne devi passare un sacco di fogli :D
Chiudi i commenti