Italia.it, tutto fermo fino a metà 2009

Nonostante le dichiarazioni della Brambilla

Roma – Il progettone fallimentare più famoso del web italiano, Italia.it , nonostante le recenti dichiarazioni di esponenti governativi, non rivedrà la luce prima dell’anno prossimo, con forme, modi e contenuti sui quali per il momento rimangono fitte le nebbie.

Lo evidenzia ancora una volta Million Portal Bay che rileva come al giornale Italia Oggi Armando Peres, consigliere del sottosegretario al Turismo Michela Vittoria Brambilla, abbia fatto sapere che “sul portale Italia.it sembra ulteriormente slittare a metà 2009 la fase di start-up, nella quale lo stesso Peres non ha escluso un costruttivo contributo della ricerca universitaria, come lo stesso professor Francesco Adamo, coordinatore delle Giornate del turismo, ha sollecitato”.

Come si ricorderà all’inizio di luglio proprio Brambilla sullo stesso giornale aveva parlato di una possibile apertura di Italia.it entro la fine dell’anno, affermando: “per quanto riguarda i tempi della messa in rete del portale, oggi non sono in grado di dirglielo. Però quello che posso garantirle è che saranno i tempi miei, che come voi sapete sono abbastanza celeri”.

“A parte la ricerca universitaria per un portale del turismo, che come idea fa piuttosto scompisciare – chiosa ora Million Portal Bay – la NON novità è che ancora una volta i tempi slittano. Quindi se qualcuno per caso si aspettava che per la stagione turistica 2009 ci fosse finalmente un portale italiano capace di attrarre i turisti nel nostro paese, si metta l’anima in pace sin d’ora”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • why scrive:
    non li perseguono su larga scala?
    I ragazzotti p2p fun sembrano pluriomicidi tanto sono inseguiti mentre questa gente non e' altrettanto azzannata dalle varie polizie.Why?Forse perche' se circola denaro (anche illecito) fa comunque bene al PIL? Insomma anche lo SPAM, Phishing, truffe varie sono una tassa.
    • bah scrive:
      Re: non li perseguono su larga scala?
      - Scritto da: why
      I ragazzotti p2p fun sembrano pluriomicidi tanto
      sono inseguiti mentre questa gente non e'
      altrettanto azzannata dalle varie
      polizie.

      Why?

      Forse perche' se circola denaro (anche illecito)
      fa comunque bene al PIL? Insomma anche lo SPAM,
      Phishing, truffe varie sono una
      tassaNo, piu' che altro mi sa che e' perche' le varie polizie sanno (specie in Italia) sanno inseguire solo ragazzotti, non hanno certo le capacita' tecniche per inseguire questi qua (e non solo perche' stranieri -- ci sono stati e ci sono tuttora truffatori, spammer e malavitosi "digitali" italianissimi).
  • sadfdasgf scrive:
    La rete funziona così..
    Si può fermare un attività online non cancellarla.Fa parte della libertà/anarchia digitale. Bisognerebbe istruire l'utenza visto che non si può fermare chi non ha un nome.
  • SiN scrive:
    Mi ricorda TIn e Usenet
    Sembra passata un'eternità... e invece sono meno di 8 anni...
  • maverick scrive:
    E' gia' tornato on line
    Atrivo/intecage è gia' di nuovo online. Attraverso un nuovo fornitore di accesso UNITEDLAYER - Unitedlayer, IncAS23342 E' una cosa che potetevate verificare gia' prima della pubblicazione dell'articolo. Evitate di fare solo semplici traduzioni da articoli fatti su siti stranieri. Grazie.Estdomains (il registro della cybercriminalita' russa) con base in Estonia, Tartu (ma la compagnia è registrata in USA, delaware) ha gia' spostato il suo sito da atrivo a server olandesi.Hostfresh (HK), UkrTeleGroup ex inhoster (Ucraina), Cernel (USA) e tutti altri tentacoli della piovra sono attualmente attivi
    • S P A M scrive:
      Re: E' gia' tornato on line
      - Scritto da: maverick
      Atrivo/intecage è gia' di nuovo online.
      Attraverso un nuovo fornitore di accesso
      UNITEDLAYER - Unitedlayer,
      Inc
      AS23342

      E' una cosa che potetevate verificare gia' prima
      della pubblicazione dell'articolo. Evitate di
      fare solo semplici traduzioni da articoli fatti
      su siti stranieri.
      Grazie.

      Estdomains (il registro della cybercriminalita'
      russa) con base in Estonia, Tartu (ma la
      compagnia è registrata in USA, delaware) ha gia'
      spostato il suo sito da atrivo a server
      olandesi.

      Hostfresh (HK), UkrTeleGroup ex inhoster
      (Ucraina), Cernel (USA) e tutti altri tentacoli
      della piovra sono attualmente
      attivicon buona pace per spamhouse 8)
      • Ricky scrive:
        Re: E' gia' tornato on line
        PErche'...qualcuno pensava che bastasse tagliare dei cavi per metterli fuori gioco?Sono cosi' ingenui?Questi hanno profitti enormi e pressioni dalla malavita...o li metti tutti in carcere o non ne esci.E quando dico tutti, intendo tuttiquelli che hanno benefici dall loro attivita'...ci vorra' un carcere nuovo per contenerli tutti :)
        • maverick scrive:
          Re: E' gia' tornato on line
          Mai pensato. Visto che il fenomeno è noto almeno da 4 anni.Credo che sia quasi impossibile fermarli. Forse atrivo/intercage. Ma gli altri no.Atrivo ha ospitato anche parecchi attacchi specifici per il traffico italiano come ad esempio italianprogrammi.net e tutti i suoi cloni archivio su varie tematiche (musica, film ecc.) Aveva degli exploit che funzionavano esclusivamente con IP del nostro paese e spesso soltanto alla prima visita per renderne piu' difficile l'individuazione
    • asasa scrive:
      Re: E' gia' tornato on line
      Il sito è attivo, ma intecage non è più un provider. c'è una bella differenza...è come dire che qualcuno è ancora autista dell'autobus perché l'hai visto in autobus, senza preoccuparsi se stava o meno guidando lui
      • maverick scrive:
        Re: E' gia' tornato on line
        Se sicuro di quello che dici? Se Atrivo è on line significa che anche i server della sua rete sono attivi. E possono continuare la loro attivita' di hosting.Comunque adesso Atrivo/intercage è sotto l'occhio del ciclone. Tutti sapevano quali fossero le loro attivita'. Sono anni che le osservo speciamente quelle che avevano come target in nostro paese.Quello che è davvero interessante invece è che estdomains si è trasferito. E anche tutte le attivita' criminali molto probabilmente si sposteranno su sever nei paesi dell'est e nel sud est asiatico come in realta' gia' accade.Pero l'idea che atrivo/intecage chiuda i battenti mi farebbe molto piacere anche perche' deve essere di insegnamento a chi fa affari con la cybercriminalita' negli USA ed in Europa
  • Anonimo Veneziano scrive:
    Fatto bene...
    Sarebbe da fare anche con molti altri ISP. Altro che pirateria. Becchino gli spammer ed i pedofili piuttosto.
    • palle scrive:
      Re: Fatto bene...
      - Scritto da: Anonimo Veneziano
      Sarebbe da fare anche con molti altri ISP. Altro
      che pirateria. Becchino gli spammer ed i pedofili
      piuttosto.Beh, quando sbatteranno fuori la Svezia dalla rete perché non chiude la Baia, vedremo se sarai ancora felice...
      • Gauss scrive:
        Re: Fatto bene...
        Più che la svezia colpiranno il suo ISP soprattutto se è usato specialmente dai malavitosi!
      • lufo88 scrive:
        Re: Fatto bene...
        Piano. Non è la stessa cosa. Qui si parla di un ISP che fa SOLO attività illegali, cioè è una società con scopo a delinquere, non di lucro. Inoltre stava sulle balle a tutti gli utenti.The Pirate Bay è un sito, non un ISP, non è illegale (trovatemi fuori una sentenza definitiva che dimostri il contrario) e non sta sulle balle ad alcun utente, solo alle major.ciao ciao.
Chiudi i commenti