Java, anche Microsoft sotto lo schiaffo cracker

Anche Redmond finita nel mirino del malware distribuito attraverso la falla zero-day tappata da Oracle. Nessuna fuga di dati, rassicura BigM
Anche Redmond finita nel mirino del malware distribuito attraverso la falla zero-day tappata da Oracle. Nessuna fuga di dati, rassicura BigM

Si allunga il numero delle vittime tra le principali aziende della Silicon Valley, finite nel mirino dei cracker tramite il malware distribuito sfruttando la falla zero-day di Java (ora tappata da Oracle). In un breve comunicato pubblicato sul blog Security Response Center , Microsoft ha confermato una intrusione informatica simile a quelle che avevano coinvolto Facebook, Twitter e poi Apple .

L’azienda di Redmond ha infatti ammesso che “un piccolo numero” di postazioni è stato infettato dallo stesso malware che aveva colpito i due colossi social e una pur esigua quantità di dispositivi Macintosh nel quartier generale di Cupertino. Anche Microsoft ha rassicurato i suoi clienti: nessuna fuga di dati personali dai computer aziendali .

I violatori dei giganti high-tech avevano colpito attraverso il forum che raccoglie gli sviluppatori in ambito iOS iphonedevsdk.com – non è ancora chiaro se il sito sia ora completamente fuori pericolo, nel dubbio se ne sconsiglia la visita – sfruttando la specifica vulnerabilità risolta da Oracle. L’attacco non ha sorpreso Microsoft, obbligata a fronteggiare ostinati avversari nell’ambito della cybersicurezza. ( M.V. )

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 02 2013
Link copiato negli appunti