Kickstarter, non è sempre successo

Un progetto per sviluppare un gioco di ruolo, Shaker, naufraga. Nonostante i fondi raccolti

Roma – Una dichiarazione di fallimento chiara: è quella rilasciata in merito al naufragio del progetto di crowdfunding di Kickstarter relativo a Shaker: An Old-School RPG , gioco di ruolo fantasy che in 14 giorni era riuscito ad raccogliere fondi pari a 250mila dollari (oltre 190mila euro).

Con un messaggio indirizzato ai fan del progetto, i gestori del progetto si sono limitati a dire che Shaker “non è stato forte abbastanza per ottenere la spinta necessaria a proseguire”. Il riferimento sembra essere al milione di dollari previsto per la realizzazione del progetto che, a questo punto, non sarà mai raggiunto .

I creatori del videogioco, tuttavia, hanno aggiunto che una nuova idea è in arrivo. Questa volta, si spera, più fortunata. ( C.S. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Marco Carol scrive:
    iTorrent
    Da molto tempo, molti motori di ricerca file .torrent come KickAssTorrents (KAT.PH) & ThePirateBay (THEPIRATEBAY.se) non sono più direttamente accessibili dall'Italia.Tuttavia, grazie al servizio offerto da iTorrent si può raggiungere tali siti utilizzando dei proxy.Basterà cliccare su uno degli accessi desiderati e se compare la scritta online vuol dire che funziona.Il sito è questo ed è completamente gratuito: http://itorrent.altervista.orgSi possono scaricare film, musica, programmi crackati ecc. in modo anonimo (dati cryptati in 128bit) e in pochissimo tempo!!!Spero vi possa essere d'aiuto ^^- Marco Carola
  • no pirates scrive:
    I pirati in cella!
    I pirati in cella!
  • Alberto Bianchi scrive:
    Ah, la legalita'..
    .. viene sempre invocata come sacra protettrice dell'ormai fallimentare business del copyright, sacro usbergo dei profitti e scudo dalle ingerenze dei malintenzionati pirati. Quando invece e' piu' comodo, essa risulta un intralcio e un impiccio: perche' dover rispettare le regole procedurali previste dal sistema legale, quando piangendo, frignando o - peggio - minacciando, si puo' ottenere un risultato piu' rapido?Che orrida ipocrisia.. dinnanzi a una falsita' cosi' spudorata, l'unica cosa che posso augurare all'industria dei contenuti e' di fallire miseramente. Poi ci si chiede perche' stappiamo lo champagne quando un videotecaro chiude la saracinesca (ci fosse poi qualcosa di interessante da trafugare, nei loro polverosi bugigattoli)!
Chiudi i commenti