Kim Dotcom, vittoria in tribunale contro la Nuova Zelanda

Kim Dotcom, vittoria in tribunale contro la Nuova Zelanda

Il patron di Mega si prende la rivincita contro le autorità neozelandesi, condannate per aver violato il suo "diritto a sapere" le informazioni che avevano su di lui. E adesso è finita anche per l'estradizione, sostiene Dotcom
Il patron di Mega si prende la rivincita contro le autorità neozelandesi, condannate per aver violato il suo "diritto a sapere" le informazioni che avevano su di lui. E adesso è finita anche per l'estradizione, sostiene Dotcom

Il raid del 2012 contro Kit Dotcom e i server di Megaupload avrebbero dovuto rappresentare la fine della pirateria a mezzo cyber-locker e la conclusione della carriera imprenditoriale dell’imprenditore, e invece oggi i cyber-locker sono più attivi che mai – con contenuti legali e altri molto meno – mentre Dotcom si prende una rivincita alla volta in attesa di sapere se verrà essere estradato negli USA.

Un nuovo “colpo” a favore di Dotcom è in questi giorni arrivato a opera del Tribunale per i Diritti Umani della Nuova Zelanda, che ha condannato il governo del paese per la violazione del Privacy Act dopo aver negato a Dotcom l’accesso alle informazioni che avevano raccolto su di lui.

Il caso nasce da una richiesta formulata da Dotcom nel 2015, e indirizzata a 28 fra ministri e dipartimenti governativi con l’obiettivo di far pubblicare la documentazione che lo riguardava. La richiesta era stata negata, e ora il Tribunale per i Diritti Umani ha sancito l’illegittimità di quel comportamento.

Il governo della Corona ha violato i diritti di Dotcom e dovrà ricompensarlo con una cifra di circa $90.000, ha deciso il Tribunale, ma per il fondatore di Megaupload e Mega questa sentenza rappresenta solo una tappa di un percorso con un “premio” molto più prezioso.

Dotcom ha salutato con entusiasmo la sentenza sottolineando quella che a suo dire c’è stato un intralcio alla giustizia perpetrato dall’Avvocatura Generale della Nuova Zelanda, e in conseguenza di questo ostacolo inopportuno anche il processo di estradizione verso gli USA – un procedimento che si ancora si trascina dal lontano 2012 – non potrà che finire in un nulla di fatto.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 04 2018
Link copiato negli appunti