La bufala degli hacker anti-G8

Il gruppo che ha attaccato minindustria.it non ha manifestato contro il G8. Ma le agenzie battono veloci la notizia. Falsa


Roma – Craccano alcuni siti e diventano “eroi” del movimento anti-globalizzazione: è accaduto ieri con l’incredibile complicità dei mezzi di informazione italiani, pronti a pubblicare qualsiasi cosa riguardi il G8, anche quando il G8 non c’entra affatto.

Domenica, come riportato ieri da Punto Informatico, campeggiava sulla home page del sito del ministero delle Attività produttive, minindustria.it, una breve frase in inglese su sfondo bianco. La home page era stata sostituita e la frase recitava:

“Checkmate C0BR4S… Pimpshiz Lives!”, liberamente traducibile con: “C0BR4S ha fatto scaccomatto… Pimpshiz vive!”

Una frase che è diventata, sulle pagine di molti giornali ed ezine, un attacco contro il G8. E questo perché nello stesso giorno sono stati bucati anche altri siti in qualche modo legati ad istituzioni o al commercio (oltre a decine di spazi web che nulla hanno a che vedere con le une o con l’altro).

Mai bufala fu più grande, però, visto che gli stessi C0BR4S – che sono dei cracker e non degli hacker – in queste settimane non solo hanno colpito html.it senza fare alcun riferimento al G8 ma hanno aggredito con successo decine di siti italiani ed internazionali senza alcun genere di riferimento al vertice internazionale. Lo stesso dicasi per gli altri gruppi di cracker che hanno agito in queste ore e che sembrano estranei a rivendicazioni politiche di qualsiasi tipo.

La cronaca de “Il Messaggero” ha parlato di “triplice attacco” descrivendo aggressioni, compresa quella a minindustria.it, che nulla avevano a che fare con il G8. Ma il pezzo si apriva con: “Gli hackers scaldano il mouse in vista del G-8”. Repubblica.it invece spiegava che i C0BR4S sono tra “i migliori pirati in circolazione”. Addirittura, la Gazzetta di Parma insisteva : “Tutto fa ritenere che l’azione sia da mettere in relazione con il prossimo G8 di Genova”.

A dispetto di quanto effettivamente lasciato in rete dai crackers, cioè messaggi-firma tipici per questo genere di attacchi o dichiarazioni d’amore per Laura, Lynda ed altre ignote ragazze, l’Unione Sarda spiegava : “Alcuni dei messaggi lanciati dagli hackers per attaccare i siti erano per l’antiglobalizzazione e criticavano il prossimo G8 in programma a Genova”. C’è chi ancora sta cercando queste rivendicazioni ma è assai improbabile che le trovi. Ciò nonostante, la stessa tesi viene sostenuta pari pari anche sul Corriere della Sera .

A collegare questi attacchi al G8 e a trascinare in questa convinzione i giornalisti potrebbero essere stati gli esperti dell’AIPA, l’Autorità per l’informatica nella pubblica amministrazione, che si sono fatti sfuggire un: “Troppe coincidenze per non pensare che questi attacchi non siano collegati al prossimo vertice di Genova”.

Guardando alla storia degli attacchi firmati C0BR4S, più di 200 da aprile ad oggi, in nessun caso si è registrato un attacco esplicitamente anti-globalizzazione. Ma da oggi, per i media italiani i crackers C0BR4S sono tra i più noti rappresentanti del cosiddetto “popolo di Seattle”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma che confusione !!!!
    1) La CIE non conterrà dati prettamente privati, tipo inclinazioni sessuali, religione adottata, etc.. etc.. etc. vedi 675.2) I dati sanitari, eventualmente inseriti, riguarderanno solo ed esclusivamente...gruppo RH, farmaci allergici etc... in modo da "facendo corna" dare in tempi relativamente brevi a chi di un pronto soccorso, le direttive per non farVi morire prima a causa di una somministrazione errata.3) Il resto dei dati sono solo dei riferimenti ID relativi ai mega database.4) Per quanto riguarda la privacy...... non credete a nessuno che ve la propone come soluzione inviolabile. Oggi.... ma pure ieri si può sapere vita morte e miracoli di qualsiasi individuo..... almeno chè quando eravate nati i Vostri genitori non vi hanno rivelato..... solo in questo caso sareste anonimi, ma non potreste beneficiare di nessun supporto STATALE, (che poi forse è meglio).Scherzi a parte, il dipartimento delle Entrate del Ministero delle Finanze è per Legge autorizzato vedere il vostro C/C. Il ministero della Sanità è autorizzato per Legge a sapere le cause di decesso o di quasiasi altra informazione di chiunque, im modo da programmarsi sul da fare per il V/Nostro futuro.Secondo me... se si ha la coscienza a posto.. non vedo qual'è il problema. Anzi in questo modo se qualcuno sbaglia (non parlo dei cittadini) non ha alibi alcuno per giustificarsi.. tipo "non sapevamo che era allergico alla Novalgina, così per alleviare il dolore l'abbiamo somministrata....è...purtroppo ci ha lasciati !!!!"Siate più ottimisti, è ricordatevi che ogni strumento può avere doppie funzioni, a seconda dell'uso che se ne fà..
  • Anonimo scrive:
    Che se la tengano
    I motivi:Non posso sapere che cosa ci mettono dentroe se si rompe il chipChi di noi non mette il portafogli sotto il culo ?e se viene rotta apposta ?preferisco quella di carta stracciaalmeno se mi fermano quello che leggo io lo leggono anche gli agenti ma con quella elettonica possono mettere informazioni che quegli agenti non devono vedere o che in un ufficio l'impiegato venga a sapere fatti che non lo riguardano o che ci mettano l'impronta genetica all'internose questo dovesse accadere siamo rovinati !!!!!pensate uno che e contro l'attuale governo lo troverebbero e ne farebbero mangime per porci !
  • Anonimo scrive:
    Specifiche aperte
    A me piace l'idea della carta d'identità elettronica, però sono altrettanto convinto che il primo requisito da soddisfare per un progetto del genere è quello di avere le specifiche software e hardware di tutto il progetto liberamente consultabili da chiunque, in primis da coloro che veramente se ne intendono.Del resto questo è anche un principio basilare su cui si fonda la crittografia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Specifiche aperte
      ahahahahahhahahhahahahahahahahhahahahahhahahahahaahahahahahahahhahahahahahhahahahahahhahahahahahahma ci credi davvero o stai scherzando ??? ma quando mai ???
      A me piace l'idea della carta d'identità
      elettronica, però sono altrettanto convinto
      che il primo requisito da soddisfare per un
      progetto del genere è quello di avere le
      specifiche software e hardware di tutto il
      progetto liberamente consultabili da
      chiunque, in primis da coloro che veramente
      se ne intendono.

      Del resto questo è anche un principio
      basilare su cui si fonda la crittografia.
  • Anonimo scrive:
    Help!
    Volevo segnalarvi in merito all'avvento della Carta d'Identità Elettronica un passaggio contenuto nel documento:http://www.ancitel.it/cie/documenti/sw.htmlIl passaggio incriminato e':"Il software, unitamente alla chiave privata del comune, la prima volta dovrà essere ritirato presso il Ministero dell?Interno. Le release successive, invece, grazie alla disponibilità della chiave privata potranno essere prelevato direttamente via Web."Qui si parla del fatto che la chiave PRIVATA del Comune sarà creata dal Ministero dell'Interno. A questo punto mi vien da chiedere: come garantire tutto il sistema quando il primo requisito per l'affidabilità del sistema è che OGNUNO si crei la PROPRIA chiave privata? Come fidarsi?Grazie per la vostra attenzione.
  • Anonimo scrive:
    Help!
    Volevo segnalarvi in merito all'avvento della Carta d'Identità Elettronica un passaggio contenuto nel documento:http://www.ancitel.it/cie/documenti/sw.htmlIl passaggio incriminato e':"Il software, unitamente alla chiave privata del comune, la prima volta dovrà essere ritirato presso il Ministero dell?Interno. Le release successive, invece, grazie alla disponibilità della chiave privata potranno essere prelevato direttamente via Web."Qui si parla del fatto che la chiave PRIVATA del Comune sarà creata dal Ministero dell'Interno. A questo punto mi vien da chiedere: come garantire tutto il sistema quando il primo requisito per l'affidabilità del sistema è che OGNUNO si crei la PROPRIA chiave privata? Come fidarsi?Grazie per la vostra attenzione.Buon lavoro.--Davide
  • Anonimo scrive:
    abbi dubbi
    messa giù come è messa giù, sembra tutto molto professionale.perlomeno so chi sono i responsabili tecnici, insomma.Questo, lo capisco, non mi dice se sia un progetto valido.Ma:se tra un mese e mezzo un bel gruppetto di hacker capaci e/o di cracker bastardi si mette in testa che "nulla può essere loro nascosto", anche se dentro la MIA carta d'identità, magari dove c'è scritto che avevo lo scolo e la sifilide e l'aids tutti annodati assieme...io, come cittadino, non posso scegliere una via ANALOGICA invece che digitale?Non voglio essere OBBLIGATO dallo stato a DOVER seguire la tecnologia.Magari me ne vado in biblioteca ... e poi ZAC, ad Azzano Decimo il signor Pindarella sa che io ho avuto la sifilide e quindi, basandosi su un suo prospetto statistico, deduce che io sono un puttaniere, che si avero o meno.Lo trasmette via e-mail a Saguso Portadelli che sta a Minzano sul Tronfio e poi (mentre l'e-mail viene intercettata da qualcun altro) quest'ultimo mi mette nel "database dei MAIALI".a parte queste ipotesi assurde (ma quanto?)vi faccio un altro esempio:il mio datore di lavoro NON mi da lo stipendio in contanti (scomodo! ... e poi gli da la possibilità di pagarmi in ritardo...)Al massimo mi da un assegno.Me lo da sempre di una banca che non c'è nel mio paese.Allora io provo con il mio paese, ma 1) o mi fanno pagare una commissione molto alta oppure 2) non mi danno niente e mi fanno andare da un'altra parte perchè non ho il conto da loro.Certo perché io NON HO IL CONTO DA NESSUNA PARTE.Perché se per qualche cagata elettronica mi dovessi trovare senza i MIEI SOLDI... hai voglia protestare!Quanto ci vuole a cancellare un file?e tutta la mia vita elettronica?non ci vuole niente.Io voglio più sicurezza, e la copia cartacea di tutto quello che mi riguarda. Ricevute, documenti sostitutivi.e poi -anche- la card elettronica.
    • Anonimo scrive:
      Re: abbi dubbi
      - Scritto da: Golimberto Piglianculi
      Ma:

      se tra un mese e mezzo un bel gruppetto di
      hacker capaci e/o di cracker bastardi si
      mette in testa che "nulla può essere loro
      nascosto", anche se dentro la MIA carta
      d'identità, magari dove c'è scritto che
      avevo lo scolo e la sifilide e l'aids tutti
      annodati assieme...I dati medici non sono obbligatori da inserire cosi' come ora come ora non puoi ancora usare la carta di identita' elettronica come mezzo di pagamento.
      io, come cittadino, non posso scegliere una
      via ANALOGICA invece che digitale?Certo che puoi, almeno per ora. Poi credo di no. cerca di vedere la cosa da questo lato: gli attuali database che contengono le tue informazioni personali che vengono inserite quando vai a fare patente passaporto o carta di identita' analogica, non credere siano migliori delle future tecnologie... anzi... c'e' da tenere conto che se tu svieni io ti apro il tuo porta documenti dove ci sono i tuoi documenti "anologici" e: leggo direttamente tutto su di te, indirizzo, e altro; se hai la schedina medica so anche leggere le tue disfunzioni fisiche e se non ce l'hai allora sono cazzi tuoi perche' a fare le analisi ci impiegano una vita... che in questo caso puo' essere la tua.Con la carta elettronica si e' vero che ci possono essere gli hacker... ma quelli gia' ci sono e possono attaccare quei database in qualunque momento... ma la cosa che mi fa piu' paura e' che chiunque sappia leggere ora come ora puo' leggere i miei dati... mentre dopo solo i medici autorizzati e dotati delle apparecchiature di lettura lo potranno fare.
      Non voglio essere OBBLIGATO dallo stato a
      DOVER seguire la tecnologia.
      Magari me ne vado in biblioteca ... e poi
      ZAC, ad Azzano Decimo il signor Pindarella
      sa che io ho avuto la sifilide e quindi,
      basandosi su un suo prospetto statistico,
      deduce che io sono un puttaniere, che si
      avero o meno.se tu hai la sifilide quello oggi come oggi con un paio di telefonate lo scopre comunque... metodi di indagine che semplificano la vita (la loro). anzi oggi e' peggio perche' gli basta trovare un archivista corrotto e non analfabeta, apre la tua cartella e legge. Dopo ci vorra' un documento di identita' elettronico che stabilisca chi e quando e perche' e' stata aperta la tua cartella, anche se penso ci sara' sempre la possibilita' di cancellare questi passaggi.
      Lo trasmette via e-mail a Saguso Portadelli
      che sta a Minzano sul Tronfio e poi (mentre
      l'e-mail viene intercettata da qualcun
      altro) quest'ultimo mi mette nel "database
      dei MAIALI".VAbbe' qui tu stai allargando troppo... oppure no? c'e' un sito famosissimo per la marea di denunce che ha ricevuto ed e' ancora in piedi che pubblica dati e foto di persone malate, incidentate o morte in modo atroce o strano... Il 90% delle foto pero' non sono prese da archivi elettronici ... ma sono scannerizzate da archivi della polizia, archivi medici e libri di medicina... scannerizzate illegalmente... Quindi come vedi anche l'analogico, puo' essere manipolato, anzi non rimane nessunissima traccia delle scansioni, neanche volendolo.
      vi faccio un altro esempio:
      Me lo da sempre di una banca che non c'è nel
      mio paese.
      Allora io provo con il mio paese, ma 1) o mi
      fanno pagare una commissione molto alta
      oppure 2) non mi danno niente e mi fanno
      andare da un'altra parte perchè non ho il
      conto da loro.Stupido esempio: io incasso regolarmente assegni da banche mai sentite o rare e non mi fanno pagare nessuna commissione. solo devo attendere 10 giorni per l'accredito.
      Certo perché io NON HO IL CONTO DA NESSUNA
      PARTE.Ah be allora e' un conto. ti basta mettere 500mila lire per aprire un conto...
      Perché se per qualche cagata elettronica mi
      dovessi trovare senza i MIEI SOLDI... hai
      voglia protestare!Ti faccio io due esempi: in canada nel 98 sono rimasto 4 giorni senza soldi per un guasto al sistema visa di tutto il mondo. Mio zio negli anni 80, non aveva la carta visa, non usava bancomat perche' non si fidava, prima e' stato derubato in banca alla cassetta di sicurezza (probabilmente un dipendente che liconosceva) poi e' stato derubato a casa e con il fatto che non aveva mezzi elettronici, teneva molti contanti che se ne sono andati con tanti saluti.
      Quanto ci vuole a cancellare un file?
      e tutta la mia vita elettronica?
      non ci vuole niente.Certo che non ci vuole niente, ma la cosa piui' triste non e' quanto ci vuole a cancellare un file, ma quanto ce ne vuole ora a scriverne uno manualmente, perche' i burocrati sono pigri e a volte non ti segnano che sei fabico ti mandano militare e torni mezzo moribondo... oppure non ti segnano che hai cambiato abitazione perche' sono procedure lunghe e risulti morto.
      Io voglio più sicurezza, e la copia cartacea
      di tutto quello che mi riguarda. Ricevute,
      documenti sostitutivi.Questa e' un'idea che ho avuto anche io da molto, e la sto gia' facendo da anni anche per i documenti importanti che ho al computer. Ma devi anche considerare che se li tieni tu, comunque non possono avere un riscontro aggiornato, e se li tengono loro, sono a rischio smarrimento o incendio di magazzino.Insomma le problematiche di questo tipo si sprecano ma credo che le idee siano sempre benvenute.
  • Anonimo scrive:
    MONOPOLIO
    Visto che in questo periodo si parla tanto di conflitto di interessi, come mai nessun giudice ha la voglia di procedere contro Telecom Italia che, personalmente o tramite sue affiliate (vedi Tin, ...Siel, ...)- ha il monopolio della telefonia fissa- è in duopolio con la telefonia mobile- ha il monopolio della gestione software nei grandi comuni....tradotto in poche righe:Telecom, di fatto, ha già il monopolio dei ns. dati personali...
  • Anonimo scrive:
    arieccola
    ..io aspetterei il parere della consulta in merito alla CI elettronica, ma al di là di ogni aspettativa, perdonatemi, ma in un paese come il nostro dove tutto succede sul cittadino, spionaggio compreso, e l'ultimo a saperlo è proprio lo stesso posso apprezzare lo sforzo delle Hi tech per spiegare il loro ruolo ma....intanto mi rinnovo la mia vecchia CI di stracciona carta senza bande magnetiche.Anti progressista? può darsi, sono della "bit generation", uso i pc da più di 20 anni, sono acerrimo sostenitore del suo uso in ogni applicazione, internet è da anni per me mezzo di informazione, aggiornamento, lavoro, sono rapito e cerco di informarmi su ogni nuova frontiera che viene paventata, ho sempre il patologico terrore di perdermi qualcosa , ma non mi va di viaggiare con ID user e relativo storico log sanitario, fiscale, elettorale, e quanto altroverrà inserito, disponibile (raccontiamocela giusta) alla lettura di ogni ufficio al quale la pubblica amministrazione mi obbligherà a rivolgermi con la mia bella tesserina dichiaratamente innocua.E se un giorno per snellire ed organizzare meglio a mio beneficio la distribuzione di un panino o un caffe sarò costretto ad usarla?Rammentiamoci che per via del persistere delle organizzazioni mafiose l'italia è stato tra i primi paesi a costituire un robustissimo e capillare monitoraggio sui movimenti economici dei cittadini. E' stato un beneficio? Sicuramente si se dedito a combattere il crimine (dati sfornati oggi dicono 1300 miliardi sequestrati dalla Gdf a mafiosi e più di mille restituiti) in compenso ogni milione di titoli di stato e qualsivoglia investimento fatto da un onesto cittadino che sicuramente non ha nulla da nascondere è oggi reperibile, rintracciabile identificabile. Chi visiona i nastri su cui sono da anni registrati i movimenti economici anche insignificanti, al di sotto delle soglie dichiarate dalla legge antimafia? Altro esempio semplice semplice? Per anni alla nostra richiesta di visionare il traffico sul nostro cellulare perchè il costo ci sembrava eccessivo ci veniva risposto che non era possibile, che la cosa poteva essere realizzata solo previa richiesta di attivazione del servizio, poi scoprivi che poteva essere tracciato il movimento di un cellulare sospetto retrogrado addirittura di anni (quelli in cui non veniva registrato il NOSTRO telefono). Ogni azione volta a combattere la criminalità deve essere agevolata e promossa ma..... non ci vengano a raccontare balle contando sulla ignoranza. Molti dubbi costituzionali sulla E-CI possono essere mossi, un rapporto passato più corretto ed onesto nei confronti del cittadino da parte delle istituzioni avrebbe sicuramente potuto neutralizzare gli scettici come il sottoscritto Molte domande dovrebbero ricevere una risposta prima di avventurarci sulla E-CIdentità, ma queste domande non si possono fare.
    • Anonimo scrive:
      Re: arieccola
      Concordo e purtroppo prima o poi saremo obbligati alla tesserina e i nostri figli si diranno "Pensa che quando ero piccolo potevi girare tranquillo senza che nessuno sapeva chi eri e dove andavai."Bye
      • Anonimo scrive:
        Re: arieccola
        - Scritto da: aLeX
        Concordo e purtroppo prima o poi saremo
        obbligati alla tesserina e i nostri figli si
        diranno "Pensa che quando ero piccolo potevi
        girare tranquillo senza che nessuno sapeva
        chi eri e dove andavai."

        Byetanto abbiamo gia tutti il nostro tracciatore elettronico: il cellulare. se poi sovrapponiamo alla cartina con i nostri rilevamenti dalle stazioni a terra dei servizi cellulari, gli acquisti con Visa, Bancomat etc, ti lascio dire
        • Anonimo scrive:
          Re: arieccola
          Il cellulare lo posso spegnere e decidere di non usarlo, la visa o il bancomat pure ma la E-CI probabilmente no perchè escogiteranno un qualche obbligo per il quale non potrai non farla scorrere su qualche lettore.... ed eccomi "omologato" e spiato.Non c'è scampo se verrà intrapresa questa strada.MI rendo conto che non tutti sono sensibilizzati sul problema ed interpretano l'avversione per la ECI come il bisogno di nascondere qualcosa, non tutti hanno dentro di se il senso della libertà, non tutti provano un senso di malessere e disagio nell'essere spiati ma daltronde non tutti meritano di essere liberi - Scritto da: lucius


          - Scritto da: aLeX

          Concordo e purtroppo prima o poi saremo

          obbligati alla tesserina e i nostri figli
          si

          diranno "Pensa che quando ero piccolo
          potevi

          girare tranquillo senza che nessuno sapeva

          chi eri e dove andavai."



          Bye

          tanto abbiamo gia tutti il nostro
          tracciatore elettronico: il cellulare. se
          poi sovrapponiamo alla cartina con i nostri
          rilevamenti dalle stazioni a terra dei
          servizi cellulari, gli acquisti con Visa,
          Bancomat etc, ti lascio dire
    • Anonimo scrive:
      Re: arieccola
      ma di che vi preocupate ??? tanto fra un po ci impiantano il chip direttamente nel cervello, cosi se pensiamo al nostro capo (bella donna nuda), ti dice "processo mentale non autorizzato" e il giorno dopo ti arriva la richiesta danni del capo...
      ..io aspetterei il parere della consulta in
      merito alla CI elettronica, ma al di là di
      ogni aspettativa, perdonatemi, ma in un
      paese come il nostro dove tutto succede sul
      cittadino, spionaggio compreso, e l'ultimo a
      saperlo è proprio lo stesso posso apprezzare
      lo sforzo delle Hi tech per spiegare il loro
      ruolo ma....intanto mi rinnovo la mia
      vecchia CI di stracciona carta senza bande
      magnetiche.
      Anti progressista? può darsi, sono della
      "bit generation", uso i pc da più di 20
      anni, sono acerrimo sostenitore del suo uso
      in ogni applicazione, internet è da anni per
      me mezzo di informazione, aggiornamento,
      lavoro, sono rapito e cerco di informarmi
      su ogni nuova frontiera che viene paventata,
      ho sempre il patologico terrore di perdermi
      qualcosa , ma non mi va di viaggiare con ID
      user e relativo storico log sanitario,
      fiscale, elettorale, e quanto altro
      verrà inserito, disponibile (raccontiamocela
      giusta) alla lettura di ogni ufficio al
      quale la pubblica amministrazione mi
      obbligherà a rivolgermi con la mia bella
      tesserina dichiaratamente innocua.
      E se un giorno per snellire ed organizzare
      meglio a mio beneficio la distribuzione di
      un panino o un caffe sarò costretto ad
      usarla?
      Rammentiamoci che per via del persistere
      delle organizzazioni mafiose l'italia è
      stato tra i primi paesi a costituire un
      robustissimo e capillare monitoraggio sui
      movimenti economici dei cittadini. E' stato
      un beneficio? Sicuramente si se dedito a
      combattere il crimine (dati sfornati oggi
      dicono 1300 miliardi sequestrati dalla Gdf a
      mafiosi e più di mille restituiti) in
      compenso ogni milione di titoli di stato e
      qualsivoglia investimento fatto da un onesto
      cittadino che sicuramente non ha nulla da
      nascondere è oggi reperibile, rintracciabile
      identificabile. Chi visiona i nastri su cui
      sono da anni registrati i movimenti
      economici anche insignificanti, al di sotto
      delle soglie dichiarate dalla legge
      antimafia? Altro esempio semplice semplice?
      Per anni alla nostra richiesta di visionare
      il traffico sul nostro cellulare perchè il
      costo ci sembrava eccessivo ci veniva
      risposto che non era possibile, che la cosa
      poteva essere realizzata solo previa
      richiesta di attivazione del servizio, poi
      scoprivi che poteva essere tracciato il
      movimento di un cellulare sospetto
      retrogrado addirittura di anni (quelli in
      cui non veniva registrato il NOSTRO
      telefono). Ogni azione volta a combattere la
      criminalità deve essere agevolata e promossa
      ma..... non ci vengano a raccontare balle
      contando sulla ignoranza. Molti dubbi
      costituzionali sulla E-CI possono essere
      mossi, un rapporto passato più corretto ed
      onesto nei confronti del cittadino da parte
      delle istituzioni avrebbe sicuramente potuto
      neutralizzare gli scettici come il
      sottoscritto
      Molte domande dovrebbero ricevere una
      risposta prima di avventurarci sulla
      E-CIdentità, ma queste domande non si
      possono fare.
Chiudi i commenti