La Cassazione boccia il link a materiale protetto

Pubblicare i link a contenuti coperti da diritto d'autore è illegale: l'alta corte boccia la tesi che aveva assolto i collegamenti a server cinesi su cui gira materiale SKY. Quei link - dicono i magistrati - sono fuorilegge (update)

update in calce ore 15 – Roma – Una nuova mannaia sulla libertà di link si è abbattuta nei giorni scorsi come evidenziato da un articolo di Repubblica.it : la Corte di Cassazione ha infatti stabilito che proporre dei link organizzati a materiali protetti dal diritto d’autore, in questo caso partite di calcio SKY, costituisce concorso nella violazione del diritto d’autore. Anche se i materiali stessi si trovano su server cinesi, gestiti peraltro da società che hanno regolari contratti di riproduzione con SKY.

Ad essere indagati, come ben sanno i lettori di Punto Informatico, sono due webmaster che gestiscono siti che offrono molte diverse tipologie di link legate allo streaming web di materiali pubblicati in rete dalle fonti più diverse . Tra questi, anche una serie di partite di calcio sulle quali SKY ha l’esclusiva.

Secondo la sentenza 33945 della Cassazione “è innegabile che gli attuali indagati hanno agevolato attraverso un sistema di guida online la connessione e facilitato la sincronizzazione con l’evento sportivo: senza l’attività degli indagati, non ci sarebbe stata, o si sarebbe verificata in misura minore, la diffusione delle opere tutelate”.

La Corte si è addentrata anche nel meccanismo di fornitura dei link agli appassionati, informazioni che “per raggiungere il loro obiettivo, devono essere inoltrate agli utenti in epoca antecedente alla immissione delle trasmissioni in via telematica; tale rilievo, se puntuale in fatto, comporta come conseguenza che, in base alle generali norme sul concorso nel reato, gli indagati, pur non avendo compiuto l’azione tipica, hanno posto in essere una condotta consapevole avente efficienza causale sulla lesione del bene tutelato”.

Se, dunque, la fruizione di quei materiali da parte dei singoli utenti rappresenta una violazione del diritto d’autore, il fatto che ciò fosse agevolato dai gestori dei siti predispone, secondo la Corte, l’esistenza di un concorso nella violazione , un reato che può avere conseguenze piuttosto pesanti in un quadro che sposa le tesi dell’accusa . Scrivono i giudici: “L’attività costitutiva del concorso, può essere individuata in qualsiasi comportamento che fornisca apprezzabile contributo alla ideazione, organizzazione ed esecuzione del reato. Non è necessario un previo accordo diretto alla causazione dell’evento, ben potendo il concorso esplicarsi in una condotta estemporanea, sopravvenuta a sostegno dell’azione di terzi anche alla insaputa degli altri agenti”.

La decisione della Corte, che porterà ad un riesame del processo, ribalta quanto stabilito nei precedenti gradi di giudizio , in cui sostanzialmente era prevalsa la tesi secondo cui il reato non sussisteva proprio perché le partite oggetto del provvedimento venivano poste in rete dalle emittenti cinesi, e non dagli imputati. In particolare, il tribunale di Milano che aveva giudicato il caso spiegava che l’accesso alle partite “era consentito non attraverso l’elusione delle misure tecnologiche predisposte dalla società (SKY, ndr.), ma perché le partite erano immesse in rete da alcune emittenti cinesi che avevano acquistato da SKY il diritto di trasmetterle localmente”.

Com’è ovvio, in molti parlano della cosa in queste ore in rete, come Ikaro.net , che nella disamina del caso ventila anche l’ipotesi che si faccia confusione tra Proprietà Intellettuale e Proprietà Industriale .

“Quanti siti nel mondo ospitano il link al sito cinese? Decine di migliaia? – si chiede invece Beppe Grillo – Autodenunciatevi alla Cassazione inviandole una mail. Nel frattempo noi del blog potremmo dare un aiuto ai supremi giudici con un corso gratuito di introduzione a Internet”.

Update ore 15
In relazione a quanto stabilito dalla Cassazione, Coolstreaming ha emesso un comunicato stampa che qui riportiamo:

“Lo staff di Coolstreaming prende atto della recente sentenza della Corte di Cassazione, emanata nella fase cautelare del procedimento penale, pur non condividendone le motivazioni.

La “responsabilità da link” prefigurata dalla sentenza va, infatti, a nostro avviso, a pregiudicare la stessa libertà di manifestazione del pensiero su Internet, andando a colpire la libera circolazione delle informazioni on-line.

Coolstreaming continuerà pertanto a sostenere le sue ragioni nelle sedi competenti al fine di vedere finalmente riconosciuta la propria innocenza”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    esiste già da tempo anche in Italia
    visitate il sito(linux)http://www.fuss.bz.it/e meditate come dare calci in culo ai partiti che andavano (o vanno) per la maggiore in Italia.Guardate quanti fonti alternative risultano in provincia di BZ :'(Guardate come si è introdotto l'obbligo di isolare gli edifici....(idea)
  • Anonimo scrive:
    Qualcuno sviluppa open e magari free
    Tra tutti voi c'e' qualcuno che sviluppa programmi per la PA in formato open e/o free e/o con licenza GPL?ciaop.s. cosa c'entra la storia Windows vs Linux in questo caso?Si conferma ancora il solito forum?
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno sviluppa open e magari free
      - Scritto da:
      Tra tutti voi c'e' qualcuno che sviluppa
      programmi per la PA in formato open e/o free e/o
      con licenza
      GPL?

      ciao


      p.s. cosa c'entra la storia Windows vs Linux in
      questo
      caso?
      Si conferma ancora il solito forum?come vedi nessuna risposta, le galline linare che urlano all'open source in realtà non sono degli sviluppatori (col casso che sarebbero a favore dell'open source) probabilmente sono solo ragazzini universitari abbagliati dai sandali di stallmannel mezzo probabilmente ci sarà pure qualche docente dell'uni stipendiato alla grande ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno sviluppa open e magari free
      Io sto sviluppando una anagrafe canina opensource.
      • Anonimo scrive:
        Re: Qualcuno sviluppa open e magari free
        - Scritto da:
        Io sto sviluppando una anagrafe canina opensource.
        posso avere il tuo software?giusto un cliente mi aveva chiesto la stessa cosa, ma visto che la stai facendo tu, non vedo perchè debba farla pure ioadoro l'open source, adoro lo spirito di collaborazione (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Attenzione a due cose
    Software open-source per la PA non vuol dire anche i sistemi operativi e/o i prodotti stile Office. Qua si fa riferimento ai prodotti che utilizzano le PA per la loro produttività, ad esempio la gestione dell'Anagrafe cittadina o altre simili. Questo genere di iniziativa più che rompere le scatole a MS romperà le scatole alle software house locali (altro che alla MS d'oltre oceano) che sviluppano software per le PA. Del resto non hanno tutti i torti poichè spesso, una volta catturato il cliente, le modifiche/aggiornamenti e assistenza sono carissime.Ad ogni modo non cambierà NULLA perchè, open o no, solo chi ha fatto il software bene o male è in grado di metterci le mani, si tratta di prodotti complessi, mica Notepad.Seconda cosa: le PA spesso fanno cagare. Serve un DHCP server? vuoi un DNS Server? devi mettere un software per la centralina meteo? Ogni cosa un server nuovo!!! basta entrare in certi CED per rendersene conto, ogni minima stronzata un server, già pagato il doppio di quanto lo pagheresti normalmente (chissà perchè si fanno sempre inc...), con contratto di assistenza e giù manutenzione per tenerlo in piedi. Non c'è progettualità, non c'è personale esperto per capire le esigenze e dimensionarle. Per forza poi si buttano via i soldi.Spesso vige la PAURA di fare, "metto un server nuovo perchè così sono affari del fornitore, non si danno la colpa l'uno con l'altro, non ne voglio sapere niente" ecc eccIo ho visto PA che non hanno neppure messo uno switch video/mouse/tastiera perchè avevano paura di interferire con i sistemi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Attenzione a due cose

      Ad ogni modo non cambierà NULLA perchè, open o
      no, solo chi ha fatto il software bene o male è
      in grado di metterci le mani, si tratta di
      prodotti complessi, mica
      Notepad.
      posso quotare gran parte del tuo discorso, ma su questo non so d'accordo.Se il codice non è scritto da cani (e a volta ciò viene fatto apposta) anche altre persone ci possono mettere le mani sopra.Nel mondo open source è pieno di progetti con modifiche, fork etc effettuati da chi, fino ad allora, non aveva per niente lavorato al progetto.Per le biblioteche (settore di cui mi occupo) mi vengono in mente le varie personalizzazioni e nuove feature "a domanda" richieste ai vari openbiblio, koha o evergreen...certo se poi invece il codice è come quello di sendmail, tanti saluti ... ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Attenzione a due cose
        - Scritto da:


        Ad ogni modo non cambierà NULLA perchè, open o

        no, solo chi ha fatto il software bene o male è

        in grado di metterci le mani, si tratta di

        prodotti complessi, mica

        Notepad.



        posso quotare gran parte del tuo discorso, ma su
        questo non so
        d'accordo.

        Se il codice non è scritto da cani (e a volta ciò
        viene fatto apposta) anche altre persone ci
        possono mettere le mani
        sopra.

        Nel mondo open source è pieno di progetti con
        modifiche, fork etc effettuati da chi, fino ad
        allora, non aveva per niente lavorato al
        progetto.

        Per le biblioteche (settore di cui mi occupo) mi
        vengono in mente le varie personalizzazioni e
        nuove feature "a domanda" richieste ai vari
        openbiblio, koha o
        evergreen...

        certo se poi invece il codice è come quello di
        sendmail, tanti saluti ...
        ;)Si ok, ma si tratterà di casi rari. Tu stesso mi fai l'esempio di software per la gestione della biblioteca dove, anche in casi gravi, al massimo non trovi un libro o non lo puoi prestare.Ma per l'anagrafe, ad esempio, chi va a metterci le mani? e la software house che sviluppa come fa a dare supporto se altri hanno modificato il software? Insomma, io non credo che cambierà molto, si avrà il sorgente dei programmi e forse sarà più facile cambiare fornitore, ma a parte questo.Tieni conto poi che molte PA non hanno personale interno capace di fare grandi cambiamenti..
        • Anonimo scrive:
          Re: Attenzione a due cose

          Si ok, ma si tratterà di casi rari. Tu stesso mi
          fai l'esempio di software per la gestione della
          biblioteca dove, anche in casi gravi, al massimo
          non trovi un libro o non lo puoi
          prestare.un libro che non è in catalogo è un libro che non esiste, quindi se per caso non riesci a interrogare o perdi un set di ricordo hai perso X libri.Ma comunque ti posso fare l'esempio di qualunque software open source.Non sono rari i casi in cui il progetto è portato avanti nondai programmatori originari.Se il codice è scritto correttamente, commentato e con documentazione non è un problema.La criticità o meno di un software incide al limite sulla qualità dei programmatori richiesta (almenoin teroia, poi sappiamo che non è così)
          Ma per l'anagrafe, ad esempio, chi va a metterci
          le mani? e la software house che sviluppa come fa
          a dare supporto se altri hanno modificato il
          software?questo è un altro discorso.Non c'entra con "l'impossibilità" di modificare il codice, ma con l'opportunità di farlo. Peraltro non è neanche detto che il supporto sia dato dalla software house, spesso non è così.Ovvio che se tu fai un fork del prodotto che ti è stato dato cambiando il 40%, il supporto te lo darà chi ti ha fatto le modifiche (anche se c'è da interrogarsi sulla qualità di un codice cambiato per il 40%)
          Insomma, io non credo che cambierà molto, si avrà
          il sorgente dei programmi e forse sarà più facile
          cambiare fornitore, ma a parte
          questo.Ed è proprio questo che si vuole. Il non dipendere necessariamente da una software house, da un formato, il poter condividere con le PA le soluzioni e le scelte
          Tieni conto poi che molte PA non hanno personale
          interno capace di fare grandi
          cambiamenti..Ed è giusto che sia così.Open Source non vuol dire necessariamente hobby.Non è perché ho il sorgent posso chimare il vicino di casa a modificarlo.Chiamerò, pagando, opportuni professionisti.
  • Anonimo scrive:
    Facciamo anche "Open Source"...
    ...le prestazioni di idraulici, elettricisti, notai e avvocati?Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei programmatori?L' Open Source è la rovina dell' informatica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamo anche "Open Source"...
      - Scritto da:
      ...le prestazioni di idraulici, elettricisti,
      notai e avvocati?Bhe, mio cognato mi fa da isdraulico open source: da una parte vedo tutto quello che fa a casa mia, e dall'altro gli pago solo i materiali.
      Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei
      programmatori?
      • Anonimo scrive:
        Re: Facciamo anche "Open Source"...
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        ...le prestazioni di idraulici, elettricisti,

        notai e avvocati?

        Bhe, mio cognato mi fa da isdraulico open source:
        da una parte vedo tutto quello che fa a casa mia,
        e dall'altro gli pago solo i
        materiali.


        Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei

        programmatori?già, paghi solo i materiali... quindi non mi pare tanto open sourceinoltre quasi tutti i materiali e i ferri da lavoro di tuo cognato saranno tutelati da brevetti, quindi in quello che paghi c'è anche una piccola parte di royaltiesno, se voi foste dei veri informatici non potreste andare contro i vostri stessi interessi in questo modo, la vostra sarebbe solo follia di autostinzioneprobabilmente siete un po' come stallman, stipendio da 5 mila dollari al mese per una cattedra che forse non ha mai visto in tutta la sua vita, visto che passa il suo tempo a gettare fango verso chi, non avendo il suo lauto stipendio, cerca di campare ugualmente
        • Anonimo scrive:
          Re: Facciamo anche "Open Source"...
          - Scritto da:
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          ...le prestazioni di idraulici,


          elettricisti, notai e avvocati?

          Bhe, mio cognato mi fa da isdraulico open

          source: da una parte vedo tutto quello

          che fa a casa mia, e dall'altro gli pago

          solo i materiali.


          Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei


          programmatori?

          già, paghi solo i materiali... quindi non mi
          pare tanto open sourceSi invece... Perche' se ti stampi il manuale di qualcosa open la carta non ce la metti tu ? E l'inchiostro ?
          inoltre quasi tutti i materiali e i ferri da
          lavoro di tuo cognato saranno tutelati da
          brevetti, quindi in quello che paghi c'è anche
          una piccola parte di royaltiesI ferri mica glie li pago, li aveva gia' e glie li pagano i clienti paganti, esattamente come un programmatore open non mi fa pagare il pc su cui ha scritto il programma.
          no, se voi foste dei veri informatici non
          potreste andare contro i vostri stessi
          interessi in questo modo, la vostra
          sarebbe solo follia di autostinzioneIl livello dei programmatori di cui parli e' decisamente basso se non e' in grado di reggere la concorrenza di 4 hobbisti.
          probabilmente siete un po' come stallman,
          stipendio da 5 mila dollari al mese per una
          cattedra che forse non ha mai visto in
          tutta la sua vita,
          visto che passa il suo
          tempo a gettare fango verso chi, non avendo
          il suo lauto stipendio, cerca di campare
          ugualmenteGuarda che stai descrivendo quello che stai facendo tu in questo post.
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            - Scritto da:




            ...le prestazioni di idraulici,



            elettricisti, notai e avvocati?



            Bhe, mio cognato mi fa da isdraulico open


            source: da una parte vedo tutto quello


            che fa a casa mia, e dall'altro gli pago


            solo i materiali.




            Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei



            programmatori?



            già, paghi solo i materiali... quindi non mi

            pare tanto open source

            Si invece... Perche' se ti stampi il manuale di
            qualcosa open la carta non ce la metti tu ? E
            l'inchiostro
            ?


            inoltre quasi tutti i materiali e i ferri da

            lavoro di tuo cognato saranno tutelati da

            brevetti, quindi in quello che paghi c'è anche

            una piccola parte di royalties

            I ferri mica glie li pago, li aveva gia' e glie
            li pagano i clienti paganti, esattamente come un
            programmatore open non mi fa pagare il pc su cui
            ha scritto il
            programma.


            no, se voi foste dei veri informatici non

            potreste andare contro i vostri stessi

            interessi in questo modo, la vostra

            sarebbe solo follia di autostinzione

            Il livello dei programmatori di cui parli e'
            decisamente basso se non e' in grado di reggere
            la concorrenza di 4
            hobbisti.ecco un'altro hobbysta che odia chi con la sua passione è riuscito a costruirci un lavoro


            probabilmente siete un po' come stallman,

            stipendio da 5 mila dollari al mese per una

            cattedra che forse non ha mai visto in

            tutta la sua vita,


            visto che passa il suo

            tempo a gettare fango verso chi, non avendo

            il suo lauto stipendio, cerca di campare

            ugualmente

            Guarda che stai descrivendo quello che stai
            facendo tu in questo
            post.getto fango per autodifesa, io non ho attaccato chi produce software per passione e poi lo regala, ma chi oggi vuole addirittura rendere il software commerciale nelle PA fuori leggee perchè mai io dovrei continuare a pagare le tasse, per far contenti i miliardari di bruxelles?
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            ma chi oggi vuole addirittura rendere il
            software commerciale nelle PA fuori
            leggesi parla di software proprietario non di "commerciale" (che poi cosa significa lo sai solo tu).Se tu ti fai la tua aziendina e produci software open source, pagato dalle PA nessuno ti dice niente, anzi welcome...Ci rendiamo conto che si parla di software nuovo...non del fatto che office viene cestinato in favore di openoffice???
            e perchè mai io dovrei continuare a pagare le
            tasse, per far contenti i miliardari di
            bruxelles?Quelle ti conviene pagarle perché visco ha le palle girate
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            ma chi oggi vuole addirittura rendere il

            software commerciale nelle PA fuori

            legge

            si parla di software proprietario non di
            "commerciale" (che poi cosa significa lo sai solo
            tu).

            Se tu ti fai la tua aziendina e produci software
            open source, pagato dalle PA nessuno ti dice
            niente, anzi
            welcome...

            Ci rendiamo conto che si parla di software
            nuovo...non del fatto che office viene cestinato
            in favore di
            openoffice???


            e perchè mai io dovrei continuare a pagare le

            tasse, per far contenti i miliardari di

            bruxelles?
            Quelle ti conviene pagarle perché visco ha le
            palle
            giratechi è sto visco? probabilmente sarà un'altro ultra stipendiato dal governoche vada a lavorare pure lui
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...

            chi è sto visco? probabilmente sarà un'altro
            ultra stipendiato dal
            governo

            che vada a lavorare pure luinon ti preoccupare che lavora...ah se lavora... e mi raccomando... caccia gli sghei che devi altrimenti te ne accorgi che lavora...
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:

            Il livello dei programmatori di cui parli

            e' decisamente basso se non e' in grado

            di reggere la concorrenza di 4 hobbisti.
            ecco un'altro hobbysta che odia chi con
            la sua passione è riuscito a costruirci
            un lavoroBhe, se il tuo lavoro da bravo programmatore stipendiato da 8 ore + strordinari con tutte le risorse che l'azienda ti mette a disposizione io lo distruggo con le mie 2 orette di programmazione hobbistica serale sei messo male, molto male, forse e' un bene per tutti che vieni licenziato.
            getto fango per autodifesa, io non ho
            attaccato chi produce software per passione
            e poi lo regala, ma chi oggi vuole
            addirittura rendere il software commerciale
            nelle PA fuori leggeE secondo te si prende un branco di volontari per farlo ? Cioe' secondo la tua visione il comune mette a disposizione stanza e Pc con un cartello all'esterno: programmatori open entrate e programmate per la PA...Sei ridicolo...Certo che se i vertici di RedHat fossero preparati come te sai le risate...
            e perchè mai io dovrei continuare a pagare le
            tasse, per far contenti i miliardari di
            bruxelles?Per farti pagare gli istituti psichiatrici e per farti tutelare come individuo dal sistema, ne hai bisogno ti assicuro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:

            e perchè mai io dovrei continuare a pagare le

            tasse, per far contenti i miliardari di

            bruxelles?

            Per farti pagare gli istituti psichiatrici e per
            farti tutelare come individuo dal sistema, ne hai
            bisogno ti
            assicuro.bella battuta, soprattutto utile a evitare una risposta che non avevi
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...

            bella battuta, soprattutto utile a evitare una
            risposta che non
            avevimi sembra invece che lui abbia toccato degli argomenti giusti a cui tu non hai risposto...strano
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            e perchè mai io dovrei continuare a pagare


            le tasse, per far contenti i miliardari di


            bruxelles?

            Per farti pagare gli istituti psichiatrici e

            per farti tutelare come individuo dal sistema,

            ne hai bisogno ti assicuro.
            bella battuta, soprattutto utile a evitare una
            risposta che non aveviNon dare del tuo agli altri: visto che hai quotato via 2 delle 3 affermazioni che avevo fatto ed hai tenuto solo la battuta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamo anche "Open Source"...
      - Scritto da:
      ...le prestazioni di idraulici, elettricisti,
      notai e
      avvocati?
      Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei
      programmatori?
      L' Open Source è la rovina dell' informatica.si, mi sono infatti sempre chiesto quale maledizione divina ha voluto che l'autodistruzione, per opera di certi fanatici e incapaci studenti-stipendiati, iniziasse proprio dal mio lavoroche possa l'inferno risucchiarvi nel suo vortice rosso con tutta l'europa dei deputati da 170 mila euro all'anno
      • Anonimo scrive:
        Re: Facciamo anche "Open Source"...
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        ...le prestazioni di idraulici,

        elettricisti, notai e avvocati?

        Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei

        programmatori?

        L' Open Source è la rovina dell'

        informatica.
        si, mi sono infatti sempre chiesto quale
        maledizione divina ha voluto che
        l'autodistruzione, per opera di certi
        fanatici e incapaci studenti-stipendiati,
        iniziasse proprio dal mio lavoroProbabilmente perche' il tuo lavoro e' cosi' banale che potrebbe farlo una macchina o una scimmia, quindi era scontato che morisse prima o poi all'aumento dell'automazione o dell'intelligenza delle scimmie.
        che possa l'inferno risucchiarvi nel suo
        vortice rosso con tutta l'europa dei
        deputati da 170 mila euro all'anno
        • Anonimo scrive:
          Re: Facciamo anche "Open Source"...
          - Scritto da:

          si, mi sono infatti sempre chiesto quale

          maledizione divina ha voluto che

          l'autodistruzione, per opera di certi

          fanatici e incapaci studenti-stipendiati,

          iniziasse proprio dal mio lavoro

          Probabilmente perche' il tuo lavoro e' cosi'
          banale che potrebbe farlo una macchina o una
          scimmia, quindi era scontato che morisse prima o
          poi all'aumento dell'automazione o
          dell'intelligenza delle
          scimmie.
          intanto sarei interessato a capire qual è il tuo moventepoi non mi risulta che lo sviluppo del software abbia conosciuto una qualche automazione meccanical'unica differenza è che oggi ho molti amici-conoscenti che passano ore a lavorare su progetti open source nella speranza prima o poi di fare qualche soldo, e per il momento di accontentano di distruggere il mercato, la loro vita, il loro tempo e regalare il loro sudore ai furbastri come te
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            si, mi sono infatti sempre chiesto quale


            maledizione divina ha voluto che


            l'autodistruzione, per opera di certi


            fanatici e incapaci studenti-stipendiati,


            iniziasse proprio dal mio lavoro

            Probabilmente perche' il tuo lavoro e'

            cosi'banale che potrebbe farlo una macchina

            o una scimmia, quindi era scontato che

            morisse prima o poi all'aumento

            dell'automazione o dell'intelligenza delle

            scimmie.
            intanto sarei interessato a capire qual
            è il tuo moventeFaccio il maggiordomo: l'ho uccisa perche' non mi pagava lo stipendio da 3 mesi, il fatto e' successo nella biblioteca usando il candelabro.
            poi non mi risulta che lo sviluppo del
            software abbia conosciuto una qualche
            automazione meccanicaGli editor visuali non li definisci tali ? Da quanto non scrivi tutto il codice relativo ad un button ?E si che ce ne sono per ogni linguaggio.
            l'unica differenza è che oggi ho molti
            amici-conoscenti che passano ore a lavorare
            su progetti open source nella speranza prima
            o poi di fare qualche soldo, e per il
            momento di accontentano di distruggere il
            mercato, la loro vita, il loro tempo e
            regalare il loro sudore ai furbastri come
            teE si, regalatemi regalatemi, nella mia carriera di maggiordono saranno utilissimi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...

            poi non mi risulta che lo sviluppo del software
            abbia conosciuto una qualche automazione
            meccanicaE il Visual Basic dove lo metti? Quattro clic e due copia incolla e tutti sanno fare il gestionale...
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:


            poi non mi risulta che lo sviluppo del software

            abbia conosciuto una qualche automazione

            meccanica

            E il Visual Basic dove lo metti? Quattro clic e
            due copia incolla e tutti sanno fare il
            gestionale...non ho mai usato visual basic per lavoro, ma leggendo il tuo commento capisco bene perchè l'italia è vista all'estero come la nazione delle banane del 2006luoghi comuni e tanta incompetenza
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            Tu pensa per te. Io il mio software gestionale del sistema qualità ISO open source sono riuscito già a venderlo a 2 aziende senza averlo ancora finito.Forse tali aziende avrebbero potuto aspettare che lo mettessi sul web o glielo desse qualcun'altro. Ma a loro serve adesso e sono disposte a pagare.Quando sarà diffuso ed ormai gratuito sarà il momento di dedicarmi ad un altro progetto. Questo fa l'opensource, non fare vivere di rendita vendendo migliaia di volte sempre la stessa cosa.Ho già pronta l'analisi del prossimo progetto...Tu cosa fai sei ancora lì che assembli componenti VB?
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            Tu pensa per te. Io il mio software gestionale
            del sistema qualità ISO open source sono riuscito
            già a venderlo a 2 aziende senza averlo ancora
            finito.

            Forse tali aziende avrebbero potuto aspettare che
            lo mettessi sul web o glielo desse qualcun'altro.
            Ma a loro serve adesso e sono disposte a
            pagare.

            Quando sarà diffuso ed ormai gratuito sarà il
            momento di dedicarmi ad un altro progetto. Questo
            fa l'opensource, non fare vivere di rendita
            vendendo migliaia di volte sempre la stessa
            cosa.scusa, ma sei un fesso se lo pubblichi sul web e lo regali al mondo interoio di te non regalerei manco un rigo del mio software, chi lo vuole lo paga oppure se lo crea da solo, fanculo i sandali di stallmanrilasciare i sorgenti al cliente è poi un altro discorso

            Ho già pronta l'analisi del prossimo progetto...ottimo, ma non vedo perchè tu debba regalare il tuo lavoro, puoi dargli un prezzo minino, una specie di contributose lo regali sei imho solo un sognatore al quale è stato fatto per benino il lavaggio del cervellopoi naturalmente sei libero di fare quello che vuoi, ma ricorda, l'uomo è avido e furbo, è nel suo dna, fa parte ed è causa della sua evoluzione

            Tu cosa fai sei ancora lì che assembli componenti
            VB?
            qualsiasi cosa io faccia in ambito lavorativo è destinata a guadagnare soldini, dopodicchè io posso pure spenderli tutti lo stesso giorno, fermo restando che i veri valori della vita, i valori belli della vita per cui vale vivere, non sono i soldi, ne il software, ne l'open, ne il closed
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            Tu pensa per te. Io il mio software

            gestionale del sistema qualità ISO open

            source sono riuscito già a venderlo a 2

            aziende senza averlo ancora finito.

            Forse tali aziende avrebbero potuto

            aspettare che lo mettessi sul web o

            glielo desse qualcun'altro.

            Ma a loro serve adesso e sono disposte

            a pagare.

            Quando sarà diffuso ed ormai gratuito

            sarà il momento di dedicarmi ad un altro

            progetto. Questo fa l'opensource, non

            fare vivere di rendita vendendo migliaia

            di volte sempre la stessa cosa.
            scusa, ma sei un fesso se lo pubblichi
            sul web e lo regali al mondo interoNon dare del tuo agli altri: e' comunque un modo per avere una notevole pubblicita' gratuita ad esempio...
            io di te non regalerei manco un rigo del
            mio software, chi lo vuole lo paga oppure
            se lo crea da solo, fanculo i sandali di
            stallmanEcco il tuo e' il tipico stile del programmatore sconosciuto tra 10.000 che tenta di venderti un gestionale di cui non ti da' neanche uno straccio di demo, non ti fa vedere una riga di codice, non ti fa personalizzazioni...Perche' dovrei comprare il tuo e non scaricare, provare quello free ed eventualmente farmi personalizzare le cose dagli autori ?
            rilasciare i sorgenti al cliente è poi un
            altro discorso

            Ho già pronta l'analisi del prossimo

            progetto...
            ottimo, ma non vedo perchè tu debba
            regalare il tuo lavoro, puoi dargli
            un prezzo minino, una specie di contributoProbabilmente il contributo che riceve e' la pubblicita' gratuita, la pubblicita' di solito e' una bella spesa a cui molte ditte rinunciano.
            se lo regali sei imho solo un sognatore
            al quale è stato fatto per benino il
            lavaggio del cervelloNon dare del tuo agli altri: mi sembra che alla fine ci stia guadagnando.
            poi naturalmente sei libero di fare quello
            che vuoi, ma ricorda, l'uomo è avido e furbo,
            è nel suo dna, fa parte ed è causa della sua
            evoluzioneE quindi lo sara' un po' anche lui no ? O credi di essere furbo solo tu ???

            Tu cosa fai sei ancora lì che assembli

            componenti VB?
            qualsiasi cosa io faccia in ambito
            lavorativo è destinata a guadagnare
            soldini, dopodicchè io posso pure
            spenderli tutti lo stesso giorno,
            fermo restando che i veri valori della
            vita, i valori belli della vita per cui
            vale vivere, non sono i soldi, ne il
            software, ne l'open, ne il closedPer quel che si capisce dalla tua risposta potresti anche essere uno studentello che vive con la paghetta dei suoi o un novantenne in pensione...Fatto sta che, pare, lui stia guadagnando con il suo programma, tu semplcemente non hai abbastanza fiducia o capacita' di farti apprezzare altrettanto, visto che sostieni che non daresti mai per primo il programma senza vedere deio guadagni: quindi hai paura che se vedono i tuoi programmi non ti diano piu' i soldi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            Fatto sta che, pare, lui stia guadagnando con il
            suo programma, tu semplcemente non hai abbastanza
            fiducia o capacita' di farti apprezzare
            altrettanto, visto che sostieni che non daresti
            mai per primo il programma senza vedere deio
            guadagni: quindi hai paura che se vedono i tuoi
            programmi non ti diano piu' i
            soldi.ho sempre rilasciato i sorgenti di tutti i miei lavori, ma questo non li autorizza a ridistribuirli, niente GPL, vado a benzinainoltre le demo le ho sempre rese disponibili, queste sono più che sufficienti a fare pubblicitàci sono troppi sciacalli là fuori e solo i sognatori illuminati che vogliono andare in paradiso regalano il loro softwarevi siete mai chiesti perchè le aziende che hanno iniziato con l'open 4-5 anni fa oggi sono quasi tutte tornate al closed, o usano l'open source solo come esca?A volte penso che alcune aziende si riempiono la bocca di open source solo perche è di moda o hanno paura di perdersi l'ennesimo treno di fuffa e marketing, ma poi in pratica si guardano bene da regalare il loro codice per il bene dell'umanitàed evitate per favore di fare gli esempi di IBM, Sun oppure di qualche communità di appassionati
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            Fatto sta che, pare, lui stia guadagnando

            con il suo programma, tu semplcemente non

            hai abbastanza fiducia o capacita' di

            farti apprezzare altrettanto, visto che

            sostieni che non daresti mai per primo il

            programma senza vedere dei guadagni:

            quindi hai paura che se vedono i tuoi

            programmi non ti diano piu' i soldi.
            ho sempre rilasciato i sorgenti di tutti
            i miei lavori, ma questo non li autorizza
            a ridistribuirli, niente GPL, vado a
            benzina
            inoltre le demo le ho sempre rese disponibili,
            queste sono più che sufficienti a fare
            pubblicitàFatti un po' di pubblicita' gratuita: su che lavori ?
            ci sono troppi sciacalli là fuori e solo i
            sognatori illuminati che vogliono andare in
            paradiso regalano il loro softwarePuo' darsi... Oppure c'e' gente che non riesce a capire questo tipo di business.
            vi siete mai chiesti perchè le aziende che
            hanno iniziato con l'open 4-5 anni fa oggi
            sono quasi tutte tornate al closed, o usano
            l'open source solo come esca?Non ho presente : link ?
            A volte penso che alcune aziende si riempiono
            la bocca di open source solo perche è di moda
            o hanno paura di perdersi l'ennesimo treno di
            fuffa e marketing, ma poi in pratica si
            guardano bene da regalare il loro codice per
            il bene dell'umanità.Ovvio che tanti si illudono e cascano nella fuffa, ma altri centrano la questione e trovano i metodi di guadagno.
            ed evitate per favore di fare gli esempi di
            IBM, Sun oppure di qualche communità di
            appassionatiEccoti il primo esempio beccato da google: http://web.opzione.com/E-commerce/index.php?p=productsMore&iProduct=16Una azienda medio piccola che vive con personalizzazioni per vari prodotti free, ce ne sono anche in italia che lavorano con portali come xoops.
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            Fatto sta che, pare, lui stia guadagnando


            con il suo programma, tu semplcemente non


            hai abbastanza fiducia o capacita' di


            farti apprezzare altrettanto, visto che


            sostieni che non daresti mai per primo il


            programma senza vedere dei guadagni:


            quindi hai paura che se vedono i tuoi


            programmi non ti diano piu' i soldi.


            ho sempre rilasciato i sorgenti di tutti

            i miei lavori, ma questo non li autorizza

            a ridistribuirli, niente GPL, vado a

            benzina


            inoltre le demo le ho sempre rese disponibili,

            queste sono più che sufficienti a fare

            pubblicità

            Fatti un po' di pubblicita' gratuita: su che
            lavori
            ?più o meno uguale all'esempio che hai ftto con l'unica differenza che quella da te indicata non è una software house ma un'azienda installatrice di prodotti di terze parti... come tante altre in italiaovvio che a loro piace l'open source, mica scemi
            Puo' darsi... Oppure c'e' gente che non riesce a
            capire questo tipo di
            business.non ci vuole molto a capire cosa è a chi è indirizzato l'open source, ma non spacciamolo come progresso, per carità


            vi siete mai chiesti perchè le aziende che

            hanno iniziato con l'open 4-5 anni fa oggi

            sono quasi tutte tornate al closed, o usano

            l'open source solo come esca?

            Non ho presente : link ?
            fatti un giro nei siti di chi produce software per davvero e non di chi si limita a utilizzarlo e reinstallarlo ai suoi clienti
            Ovvio che tanti si illudono e cascano nella
            fuffa, ma altri centrano la questione e trovano i
            metodi di
            guadagno.si, già immagino la fila di clienti presso una web Agency come quella che hai indicato, tutti anziosi di pagare 60 euro per farsi installare il cms di turnoammetti per una volta che l'open source è solo una bufala, un'esca per far abboccare i clienti più tirchi, ma i clienti non sono meno fessi di quanto pensi...il closed sarà pure proibitivo, ma è schietto, se ti va ok, paghi licensa e hai tutta l'assistenza inclusa, altrimenti ti butti sull'open con gli occhi chiusi
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:

            il closed sarà pure proibitivo, ma è schietto, se
            ti va ok, paghi licensa e hai tutta l'assistenza
            inclusa, altrimenti ti butti sull'open con gli
            occhi
            chiusiaggiungo...e comunque se ritieni che oggi i clienti pretendono tutti i sorgenti puoi anche rilasciarli a chi paga la licenza, ma non per questo tu debba autorizzarli a spacciare il tuo codice a chiunquerispetto la tua posizione e riconosco pure che è un modo alternativo per guadagnare e lavorare ma personalmente rimango diffidente dalla GPL e similaribye
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:

            Fatti un po' di pubblicita' gratuita: su

            che lavori ?
            più o meno uguale all'esempio che hai ftto
            con l'unica differenza che quella da te
            indicata non è una software house ma
            un'azienda installatrice di prodotti di
            terze parti... come tante altre in
            italiaE' la prima che ho beccato su google, e immagino faccia come le altre : offrono anche plighin personalizzati, soprattutto dedicati a groupware e collaborazione interna aziendale, e se li fanno pagare cari e salati.
            ovvio che a loro piace l'open source, mica
            scemiAltri usano come base iis, loro preferiscono php e xoops, non mi sembra tanto diverso da altri venditori di web, certo hanno meno costi da ribaltare al cliente.

            Puo' darsi... Oppure c'e' gente che non

            riesce a capire questo tipo di business.
            non ci vuole molto a capire cosa è a chi è
            indirizzato l'open source, ma non spacciamolo
            come progresso, per caritàProgresso ? E' solo una strada parallela... Nessuno pretende di essere piu' avanti o piu' indietro in tutti i campi.


            vi siete mai chiesti perchè le aziende


            che hanno iniziato con l'open 4-5 anni


            fa oggi sono quasi tutte tornate al


            closed, o usano l'open source solo come


            esca?

            Non ho presente : link ?
            fatti un giro nei siti di chi produce software
            per davvero e non di chi si limita a
            utilizzarlo e reinstallarlo ai suoi clientiIo girando in siti che fanno siti web vedo gente che si appoggia su prodotti free invece che su prodotti a pagamento, e guadagnano pure bene...Non vuol dire molto il tuo "chi produce software per davvero"... Che vuol dire ?

            Ovvio che tanti si illudono e cascano

            nella fuffa, ma altri centrano la questione

            e trovano i metodi di guadagno.
            si, già immagino la fila di clienti presso
            una web Agency come quella che hai indicato,
            tutti anziosi di pagare 60 euro per farsi
            installare il cms di turnoCerca xoops su un motore di ricerca e vedrai quanti siti professionali ci si appoggiano, e questi si saranno pur fatti fare il sito da qualcuno, visto che non danno l'idea di esserseli autoprodotti.
            ammetti per una volta che l'open source è
            solo una bufala, un'esca per far abboccare
            i clienti più tirchi, ma i clienti non sono
            meno fessi di quanto pensi...Perche' invece tu non ammetti di essere un fesso che non e' in grado di staccare le radici dal vecchio sistema di business ? Anche a Henry Ford i vecchi businessman davano del visionario...
            il closed sarà pure proibitivo, ma è
            schietto, Adesso il software oltre ad essere di destra o di sinistra e' anche schietto ?? E ti da' anche il 5 quando ti avvicini ?
            se ti va ok, paghi licensa e hai tutta
            l'assistenza inclusa, altrimenti ti
            butti sull'open con gli occhi chiusiCapisco che puoi essere abituato a ragionare in questo modo : buttarsi ad occhi chiusi o schifare. Ma persone piu' illuminate, che sono in grado di informarsi senza essere prevenute prima di prendere decisioni, hanno visto che e' possibile fare business senza bisogno di appoggiarsi a prodotti proprietari.
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            Capisco che puoi essere abituato a ragionare in
            questo modo : buttarsi ad occhi chiusi o
            schifare. Ma persone piu' illuminate, che sono in
            grado di informarsi senza essere prevenute prima
            di prendere decisioni, hanno visto che e'
            possibile fare business senza bisogno di
            appoggiarsi a prodotti
            proprietari.è possibile fare business anche appoggiandosi a prodotti di propria fatturapeccato che in italia non è un'usanza molto diffusa
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            Capisco che puoi essere abituato a

            ragionare in questo modo : buttarsi

            ad occhi chiusi o schifare. Ma persone

            piu' illuminate, che sono in grado

            di informarsi senza essere prevenute prima

            di prendere decisioni, hanno visto che e'

            possibile fare business senza bisogno di

            appoggiarsi a prodotti proprietari.
            è possibile fare business anche appoggiandosi
            a prodotti di propria fatturaA parte le ditte che ti vendono piccoli devices, nessuno piu' puo' fare business completamente su sw di propria fattura e ultimamente neanche piu' quelle. L'unica differenza e' che invece di usare sistemi proprietari se ne usano di free...Cosa non riesci a capire ?
            peccato che in italia non è un'usanza molto
            diffusaPerche' a parte microsoft chi fa sistemi operativi al mondo ???
      • Anonimo scrive:
        Re: Facciamo anche "Open Source"...
        - Scritto da:

        rosso con tutta l'europa dei deputati da 170 mila
        euro
        all'annoQuelli Italiani?Gli ungheresi, (compresi ex rossi) quando sono state fatte le ultime elezioni, risultavano prendere poco piu' di 800 EUR (come i loro deputati)
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamo anche "Open Source"...
      - Scritto da:
      ...le prestazioni di idraulici, elettricisti,
      notai e
      avvocati?
      Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei
      programmatori?
      L' Open Source è la rovina dell' informatica.Infatti vedo tutti i programmatori italiani impegnati in ms office e vistaanche tu non hai proprio capito nulla
      • Anonimo scrive:
        Re: Facciamo anche "Open Source"...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ...le prestazioni di idraulici, elettricisti,

        notai e

        avvocati?

        Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei

        programmatori?

        L' Open Source è la rovina dell' informatica.

        Infatti vedo tutti i programmatori italiani
        impegnati in ms office e
        vista

        anche tu non hai proprio capito nullaSi, li abbiamo visti tutti nel servizio-spot sul Tg5, qualche sera fa.Un branco di venditori porta a porta che, dopo un corso d'indrottinamento (stile Erbalife...), viene sguinzagliato a vendere il ciarpame made in Redmond nelle aziende.E li pagano a provvigione, come se vendessero le pentole della MondialCasa.
    • pikappa scrive:
      Re: Facciamo anche "Open Source"...
      - Scritto da:
      ...le prestazioni di idraulici, elettricisti,
      notai e
      avvocati?
      Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei
      programmatori?
      L' Open Source è la rovina dell' informatica.Fa un po te, io vengo regolarmente pagato, eppure lavoro con software open source, e sviluppo software open source
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamo anche "Open Source"...
      - Scritto da:
      ...le prestazioni di idraulici, elettricisti,
      notai e avvocati?forse non conosci la differenza tra bene materiale e bene immateriale
      Perchè vogliamo sminuire il lavoro dei
      programmatori?programmatori di che?Vorrei capire una cosa ... quanti programmatori di prodotti destinati al mercato (== vendita in negozio) conosci? Probabilmente neanche uno.La maggior parte dei programmatori (probabilmente il 98-99%) fanno customizzazioni o prodotti ad hoc per il cliente ... e queste persone avranno lavoro sia con il software libero che con quello proprietario, con l'unica differenza che chi programma su software libero di solito è pagato molto meglio (molti più soldi arrivano al programmatore perché non ci sono i mille balzelli del software proprietario).
      L' Open Source è la rovina dell' informatica.veramente la rovina dell'informatica è il software proprietario.Basta vedere Sony con il suo rootkit, i prodotti microsoft con i loro spyware, backdoor, ...Quasi tutti i software proprietari racchiudono o hanno racchiuso o racchiuderanno parti che sono lesive dei diritti degli utenti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Facciamo anche "Open Source"...
        - Scritto da:

        veramente la rovina dell'informatica è il
        software
        proprietario.
        Basta vedere Sony con il suo rootkit, i prodotti
        microsoft con i loro spyware, backdoor,
        ...
        Quasi tutti i software proprietari racchiudono o
        hanno racchiuso o racchiuderanno parti che sono
        lesive dei diritti degli
        utenti.
        semmai quindi il software proprietario è la rovina degli utenti, ma siccome io sono uno sviluppatore eppure scarso, tiro per i miei interessi e di quelli della mia categoria e non quelli degli utenti come te, pazienza, me ne andrò all'inferno @^non mi pare che finora gli utenti si siano tanto preoccupati del futuro degli sviluppatori
        • Anonimo scrive:
          Re: Facciamo anche "Open Source"...
          - Scritto da:
          - Scritto da:
          semmai quindi il software proprietario è la
          rovina degli utenti, ma siccome io sono uno
          sviluppatore eppure scarso, tiro per i miei
          interessi e di quelli della mia categoria e
          non quelli degli utenti come te, pazienza,
          me ne andrò all'inferno
          @^
          non mi pare che finora gli utenti si siano tanto
          preoccupati del futuro degli sviluppatoriSoprattutto degli sviluppatori che per loro ammissione sono scarsi e se ne fregano degli utenti, per me (utente) se non sai fare bene il tuo mestiere sarebbe meglio che andassi ad asfaltare strade.
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            semmai quindi il software proprietario è la

            rovina degli utenti, ma siccome io sono uno

            sviluppatore eppure scarso, tiro per i miei

            interessi e di quelli della mia categoria e

            non quelli degli utenti come te, pazienza,

            me ne andrò all'inferno

            @^


            non mi pare che finora gli utenti si siano tanto

            preoccupati del futuro degli sviluppatori

            Soprattutto degli sviluppatori che per loro
            ammissione sono scarsi e se ne fregano degli
            utenti, per me (utente) se non sai fare bene il
            tuo mestiere sarebbe meglio che andassi ad
            asfaltare
            strade.finora hai pagato licenze senza fiatare, se quelli come me si faranno sentire, allora stai tranquillo che continuerai a pagare licenze per il resto della tua vita, bocca chiusa e piegato a 90° @^
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo anche "Open Source"...
            - Scritto da:
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            - Scritto da:


            semmai quindi il software proprietario è


            la rovina degli utenti, ma siccome io


            sono uno sviluppatore eppure scarso, tiro


            per i miei interessi e di quelli della


            mia categoria e non quelli degli utenti


            come te, pazienza, me ne andrò


            all'inferno


            @^


            non mi pare che finora gli utenti si


            siano tanto preoccupati del futuro degli


            sviluppatori

            Soprattutto degli sviluppatori che per

            loro ammissione sono scarsi e se ne

            fregano degli utenti, per me (utente)

            se non sai fare bene il tuo mestiere

            sarebbe meglio che andassi ad asfaltare

            strade.
            finora hai pagato licenze senza fiatare, Pagare le licenze nel paese che e' riuscito ad essere contemporaneamente dopo lo Zimbawe nell'acquisto di software originale e dopo gli stati uniti per i floppy vuoti...
            se quelli come me si faranno sentire, allora
            stai tranquillo che continuerai a pagare
            licenze per il resto della tua vita, bocca
            chiusa e piegato a 90°
            @^ Fatti sentire, va' che vediamo....
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamo anche "Open Source"...
      Di informatica non hai capito proprio un cazzo.Sei piu' gnucco di mia suocera...
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamo anche "Open Source"...
      La triste via del programmatore e' l'estinzione.Oggigiorno i programmi si aquistano gia' fatti in India.Svegliati a cambiar mestiere se sei un programmatore :-(
  • pikappa scrive:
    wehaveawayout
    Ma unisys non era quella della mega alleanza con microsoft e del portale www.wehaveawayout.com che proponeva l'abbandono di unix in favore di windows server?http://punto-informatico.it/p.aspx?i=39674-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 ottobre 2006 13.40-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    ma basta........
    ........con questa storia dell'open soure...il baraccone di linux non lo vuole nessunoquei pochi che lo vogliono cambiano idea in un anno
    • Anonimo scrive:
      Re: ma basta........
      - Scritto da:
      ........con questa storia dell'open soure...


      il baraccone di linux non lo vuole nessuno
      quei pochi che lo vogliono cambiano idea in un
      anno(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
    • Anonimo scrive:
      Re: ma basta........
      - Scritto da:
      ........con questa storia dell'open soure...


      il baraccone di linux non lo vuole nessuno
      quei pochi che lo vogliono cambiano idea in un
      annol'assurdo è che a portare avanti questo trendy non possono che essere stipendiati o installatori cacciavitariè improbabile infatti che una software house nostrana che sviluppa soluzioni software proprietarie/commerciali consigli alla PA di rifiutare qualsiasi prodotto di terze parti, come se a pagare le tasse, che finanziano la PA, non fossero le stesse aziende private che tanto odia l'europa e la sinistra chic italianaquesto è comunismo puro, camuffato da liberismoma alla fine non conviene poi tanto arrabbiarsi, in fondo la barca europa affonderà ugualmente, troppi stronzi e cannaioli (45%) riscaldano i banchi di bruxelles tutti i giornie mentre la cina ci fa il culo, i nostalgici europei di stalin pensano a come abbattere domani un'altra fabbrica occidentale
      • Anonimo scrive:
        Re: ma basta........
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ........con questa storia dell'open soure...





        il baraccone di linux non lo vuole nessuno

        quei pochi che lo vogliono cambiano idea in un

        anno

        l'assurdo è che a portare avanti questo trendy
        non possono che essere stipendiati o installatori
        cacciavitari

        è improbabile infatti che una software house
        nostrana che sviluppa soluzioni software
        proprietarie/commerciali consigli alla PA di
        rifiutare qualsiasi prodotto di terze parti, come
        se a pagare le tasse, che finanziano la PA, non
        fossero le stesse aziende private che tanto odia
        l'europa e la sinistra chic
        italiana

        questo è comunismo puro, camuffato da liberismo

        ma alla fine non conviene poi tanto arrabbiarsi,
        in fondo la barca europa affonderà ugualmente,
        troppi stronzi e cannaioli (45%) riscaldano i
        banchi di bruxelles tutti i
        giorni

        e mentre la cina ci fa il culo, i nostalgici
        europei di stalin pensano a come abbattere domani
        un'altra fabbrica
        occidentaleIL TUO POSTO E' LA COREA DEL NORD A TESTARE SU TE STESSO LE RADIAZIONI PER LA GRANDEZZA DELLO STATO TOTALITARIO
    • Anonimo scrive:
      Re: ma basta........
      - Scritto da:
      ........con questa storia dell'open soure...


      il baraccone di linux non lo vuole nessuno
      quei pochi che lo vogliono cambiano idea in un
      annoEh si se vuoi continuare a lavorare ti tocca studiare qualcosa di nuovo
      • Anonimo scrive:
        Re: ma basta........
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ........con questa storia dell'open soure...





        il baraccone di linux non lo vuole nessuno

        quei pochi che lo vogliono cambiano idea in un

        anno

        Eh si se vuoi continuare a lavorare ti tocca
        studiare qualcosa di
        nuovoe chi lo decide, sua santità unione europea? e in ogni caso il problema chiave non è l'aggiornamento del tecnico e del personale ma bensì il rifiuto dell'europa "per principi" a prodotti software proprietarie bravi i linari comunisti, finalmente ci siete riusciti, siete riusciti a darvi la zappata sui piedi (ammesso che voi siate davvero dei lavoratori) come nessun pazzo ha mai saputo fare di peggio a "difesa" della sua categoriail software in europa morirà del tutto, da oggi è solo questione di mesi
        • Anonimo scrive:
          Re: ma basta........


          il software in europa morirà del tutto, da oggi è
          solo questione di
          mesise avessi 1 per ogni volta che su PI ho sentito è la morte del... riferito al software, a firefox, a gnu-linux, a windows, a office, a openofficesarei paperone...
        • Anonimo scrive:
          Re: ma basta........
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          ........con questa storia dell'open soure...








          il baraccone di linux non lo vuole nessuno


          quei pochi che lo vogliono cambiano idea in un


          anno



          Eh si se vuoi continuare a lavorare ti tocca

          studiare qualcosa di

          nuovo

          e chi lo decide, sua santità unione europea? e in
          ogni caso il problema chiave non è
          l'aggiornamento del tecnico e del personale ma
          bensì il rifiuto dell'europa "per principi" a
          prodotti software
          proprietari

          e bravi i linari comunisti, finalmente ci siete
          riusciti, siete riusciti a darvi la zappata sui
          piedi (ammesso che voi siate davvero dei
          lavoratori) come nessun pazzo ha mai saputo fare
          di peggio a "difesa" della sua
          categoria

          il software in europa morirà del tutto, da oggi è
          solo questione di
          mesise hai letto qualcosa del genere, è solo perché sei bevuto: il software in europa non c'è ora, e quello che c'è perlopiu è già opensource, il resto sono stronzatine in vbsecondo me tu vivi in corea del nord e scrivi da la senza mai essere venuto in europa
          • Anonimo scrive:
            Re: ma basta........
            - Scritto da:

            sei bevuto: il software in europa non c'è questo è vero
            ora, e
            quello che c'è perlopiu è già opensourcese io sto in corei, tu non ci stai proprio nella realtà
            il
            resto sono stronzatine in
            vbprobabilmente per te software vuol dire solo wordprocessor, browser e sistema operativo

            secondo me tu vivi in corea del nord e scrivi da
            la senza mai essere venuto in
            europainvece secondo me tu vivi in una cantina masturbandoti ad ogni caricamento del KDE, di software non ci hai capito proprio un cazzo, come tutti quelli che urlano linux e open source a tutto spiano
    • Anonimo scrive:
      Re: ma basta........
      - Scritto da:
      ........con questa storia dell'open soure...


      il baraccone di linux non lo vuole nessuno
      quei pochi che lo vogliono cambiano idea in un
      annoIn effetti l'open source ha vizi e virtu'.Dipende tutto come e dove viene applicato.Per quanto riguarda il tuo sfogo meriti che ti mettano windows a 3000 EU ed Office a 5000 EU.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma basta........
      purtroppo o per fortuna è un diritto essere anche incapaci e ignoranti
    • Anonimo scrive:
      basta cosa? sta giusto appena inziando
      - Scritto da:
      ........con questa storia dell'open soure...


      il baraccone di linux non lo vuole nessuno
      quei pochi che lo vogliono cambiano idea in un
      annohahahahaahahahahaha!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!a monaco, se ti riferisci a questo caso, è iniziata ufficialmente la migrazione totale a linuxahahahahaha!!!!!!!!!!!!!!rosica pure, ti ci dovrai abituare e che ti venga la gastrite
      • Anonimo scrive:
        Re: basta cosa? sta giusto appena inzian
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ........con questa storia dell'open soure...





        il baraccone di linux non lo vuole nessuno

        quei pochi che lo vogliono cambiano idea in un

        anno
        hahahahaahahahahaha!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
        a monaco, se ti riferisci a questo caso, è
        iniziata ufficialmente la migrazione totale a
        linux
        ahahahahaha!!!!!!!!!!!!!!rosica pure, ti ci
        dovrai abituare e che ti venga la
        gastritemonaco ha abbandonato la migrazione qualche settimana faPI si guarda bene da pubblcare queste news ovviamente
        • Anonimo scrive:
          Re: basta cosa? sta giusto appena inzian

          monaco ha abbandonato la migrazione qualche
          settimana
          fa

          PI si guarda bene da pubblcare queste news
          ovviamentee ovviamente tu puoi fornire un link che certifichi questo tuo tentativo di fud...
        • Anonimo scrive:
          Re: basta cosa? sta giusto appena inzian
          - Scritto da:
          monaco ha abbandonato la migrazione qualche
          settimana faLink ????No perche' io ero rimasto che aveva rinunciato a farsi una distro personalizzata per installare Debian.
  • Anonimo scrive:
    manca una cosa
    l'ente dovrebbe avere anche la funzione di pubblicare linee guida per il codice da condivideresenza arrivare a livelli eccessivi , come le notazioni, quantomeno dovrebbe fissare alcuni punti chiave per agevolare il riuso, tipodisaccopiamento accessi al database e ogni altro strato applicativo per consentire un agile cambio di DBMS, web server, application server eccprocedure di localizzazione per accelerare l'uso in altre lingueeccse tutto si limita a essere un indice eun contenitore, quanti pensate possano riusare una web application fortemente accoppiata con websphere , zeus e tamino su piattaforma plan9 magari scritta in ada ?
    • Anonimo scrive:
      Re: manca una cosa
      - Scritto da:
      l'ente dovrebbe avere anche la funzione di
      pubblicare linee guida per il codice da
      condividere

      senza arrivare a livelli eccessivi , come le
      notazioni, quantomeno dovrebbe fissare alcuni
      punti chiave per agevolare il riuso,
      tipo

      disaccopiamento accessi al database e ogni altro
      strato applicativo per consentire un agile cambio
      di DBMS, web server, application server
      ecc

      procedure di localizzazione per accelerare l'uso
      in altre
      lingue

      ecc


      se tutto si limita a essere un indice eun
      contenitore, quanti pensate possano riusare una
      web application fortemente accoppiata con
      websphere , zeus e tamino su piattaforma plan9
      magari scritta in ada
      ?Complimenti, ma non ha molto senso perchè il progetto riguarda le PA italiane e non casa nostra o il mondo intero. Le PA adotteranno ovviamente Hw simile, useranno uno Application Server unificato e scelto tra quelli disponibili OpenSource ed altrettanto faranno con lo DBMS. Io lavoro da anni nello IT ed anche se tutti i clienti continuano a richiedere software usando nomi che riempiono la bocca come Java, SOA, WebService, portabilità e multi-piattaforma, una volta che hanno scelto lo Hw, il DBMS ed lo Application Server, non se ne staccano mai più e dato che nel 99% dei casi (compreso questo), in italia, si producono Sw gestionali ad hoc per il cliente, sta sicuro che non potrai "rivenderlo" ad altri... è la solita manfrina.
      • Anonimo scrive:
        Re: manca una cosa

        non ha molto senso perchè il
        progetto riguarda le PA italiane e non casa
        nostra o il mondo intero. ma non c'é scritto europee ?
        Le PA adotteranno
        ovviamente Hw simile, useranno uno Application
        Server unificato e scelto tra quelli disponibili
        OpenSource ed altrettanto faranno con lo DBMS. e se nessuno lo dice che dovranno adottare hardware e piattaforma similare, cosa ti rende così sicuro che lo faranno ? quello che intendevo esprimere era appunto che oltre a essere un repository queste linee guida che tu sostieni verranno "ovviamente adottate" dovrebbe esplicitate e se comunque il codice dovrà essere ritoccato per l'esecuzione su altra piattaforma, linee guida per disaccoppiamento alla scrittura minimizzeranno tale lavoro
        • Anonimo scrive:
          Re: manca una cosa

          ma non c'é scritto europee ?Si, scusami, dice europee, mi era sfuggito.Ti risulta che la procedura per il cambio di residenza in Italia sia uguale o riconducibile a quell Francese, Tedesca o Spagnola?La manfrina resta...
          e se nessuno lo dice che dovranno adottare
          hardware e piattaforma similare, cosa ti rende
          così sicuro che lo faranno ?L'esperienza di tanti anni nell'ambito IT. Conosco i miei polli.
          quello che intendevo esprimere era appunto che
          oltre a essere un repository queste linee guida
          che tu sostieni verranno "ovviamente adottate"
          dovrebbe esplicitate e se comunque il codice
          dovrà essere ritoccato per l'esecuzione su altra
          piattaforma, linee guida per disaccoppiamento
          alla scrittura minimizzeranno tale
          lavoroSe questa cosa si farà, le piattaforme saranno scelte tutte uguali, proprio per evitare che ognuno faccia come gli pare introducendo delle probabili incompatibilità e rischiando di compromettere l'integrità dei dati di tutte le PA europee (non stiamo giocando o tirando su un progetto universitario, qui deve esserci una "sicurezza" del 100%). Usare tutti la stessa piattaforma (qualunque essa sia) garantisce al 100% che il codice non debba essere ritoccato (per girare su altre piattaforme, visto che non ce ne sono) e se proprio si deve farlo, sarà fatto solo una volta ed andrà bene a tutti perchè usano la stessa piattaforma, DBMS, Application Server e quant'altro. Per quanto anti-filosofico, anti-java, anti-sportivo, anti-liberale e anti-quelchetipare, la realtà sarà questa (se sarà).
      • Anonimo scrive:
        Re: manca una cosa

        è la solita manfrina.concordo
  • Anonimo scrive:
    Scegliere SW WC-Closed nella PA
    è semplicemente immorale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
      Sarà, ma l'ente dove lavoro (che si vanta di essere la regione pilota in italia) ha tutto basato su M$.
      • Anonimo scrive:
        Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
        ..non per niente qualche tempo fa è venuto zio Bill a fargli una visitina, che tra Future Zoo e politici locali, ha preso una occhiata delle saccocce da dragare.. :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
        - Scritto da:
        Sarà, ma l'ente dove lavoro (che si vanta di
        essere la regione pilota in italia) ha tutto
        basato su
        M$.forse non è la stessa regione dove lavoro io ... la Lombardia ... qui almeno sul lato server il software libero è più che diffuso.Sul lato client si sta lavorando ... speriamo di avere buone notizie a breve ...
        • Anonimo scrive:
          Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA


          Sarà, ma l'ente dove lavoro (che si vanta di

          essere la regione pilota in italia) ha tutto

          basato su

          M$.

          forse non è la stessa regione dove lavoro io ...
          la Lombardia ... qui almeno sul lato server il
          software libero è più che
          diffuso.e probabilemnte non è la stessa con la quale collaboro io, il Piemonte, dove come nel caso riportato della Lombardia sui server si trova raramente M$.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
      - Scritto da:
      è semplicemente immorale.è invece immorale, nonchè stalinista, che io debba pagare le tasse allo stato e lo stato debba snobbare il mio prodotto proprietario per far contenti i sognatori assistiti/stipendiati nullafacenti open source della domenicaci avete rotto con questa storia dello stato e della PA dei miei coglioni, andate a lavorarenessuno finora lo ha fatto per me
      • Anonimo scrive:
        Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        è semplicemente immorale.

        è invece immorale, nonchè stalinista, che io
        debba pagare le tasse allo stato e lo stato debba
        snobbare il mio prodotto proprietario per far
        contenti i sognatori assistiti/stipendiati
        nullafacenti open source della
        domenica

        ci avete rotto con questa storia dello stato e
        della PA dei miei coglioni, andate a
        lavorare

        nessuno finora lo ha fatto per meperché dovevi creare un prodotto opensource...
        • Anonimo scrive:
          Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          è semplicemente immorale.



          è invece immorale, nonchè stalinista, che io

          debba pagare le tasse allo stato e lo stato
          debba

          snobbare il mio prodotto proprietario per far

          contenti i sognatori assistiti/stipendiati

          nullafacenti open source della

          domenica



          ci avete rotto con questa storia dello stato e

          della PA dei miei coglioni, andate a

          lavorare



          nessuno finora lo ha fatto per me
          perché dovevi creare un prodotto opensource...ma vai a cag*arx... vacomunque tranqui, fra qualche anno mangeremo open source anche a cena, ma solo quello peròvoglio proprio vedere quanto sarai contento quel giorno
          • Anonimo scrive:
            Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
            Se il tuo prodotto closed è peggiore del mio open e ratuito è giusto che tu chiuda. è l'azienda che si adatta al mercato non il contrario. Se non hai capito questo non sei tagliato per vendere software...Ad oggi il mercato si adatta all'azienda perchè c'è il monopolio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
            - Scritto da:
            Se il tuo prodotto closed è peggiore del mio open
            e ratuito è giusto che tu chiuda. è l'azienda che
            si adatta al mercato non il contrario. Se non hai
            capito questo non sei tagliato per vendere
            software...

            Ad oggi il mercato si adatta all'azienda perchè
            c'è il
            monopolio.non mi sembra che tu abbia capito un gran che della discussionebye
          • Anonimo scrive:
            Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA


            comunque tranqui, fra qualche anno mangeremo open
            source anche a cena, ma solo quello
            però

            voglio proprio vedere quanto sarai contento quel
            giornomosaico è opensource ma tutt'altro che gratuito...tendete troppo spesso a confondere sorgenti aperti (o formati standard) con gpl
          • Anonimo scrive:
            Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
            - Scritto da:

            mosaico è opensource ma tutt'altro che gratuito...mosaico è gratuito eccome...l'unica differenza è che le nuove versioni le rilasciano gratuitamente solo dopo qualche mese... furbi i tipi ;)open source... open source... tutta moda... tutta fuffa autodistruttiva

            tendete troppo spesso a confondere sorgenti
            aperti (o formati standard) con
            gplse leggi bene la notizia capisci che l'europa ha le idee chiare, chiudere la porta a chiunque produce software come attività finalizzata al lucro... uhhh che brutta parola... "lucrrr..."viva l'europa, viva la morte del capitalismo e del benessere economico diffuso!
          • Anonimo scrive:
            Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            mosaico è opensource ma tutt'altro che
            gratuito...

            mosaico è gratuito eccome...

            l'unica differenza è che le nuove versioni le
            rilasciano gratuitamente solo dopo qualche
            mese... furbi i tipi
            ;)

            open source... open source... tutta moda... tutta
            fuffa
            autodistruttiva




            tendete troppo spesso a confondere sorgenti

            aperti (o formati standard) con

            gpl

            se leggi bene la notizia capisci che l'europa ha
            le idee chiare, chiudere la porta a chiunque
            produce software come attività finalizzata al
            lucro... uhhh che brutta parola...
            "lucrrr..."

            viva l'europa, viva la morte del capitalismo e
            del benessere economico
            diffuso!certo che tu non hai davvero capito neppure la lettera iniziale, figuriamoci il sensocomplimenti, stai pure nella tua tana da topi
          • Anonimo scrive:
            Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
            - Scritto da:

            certo che tu non hai davvero capito neppure la
            lettera iniziale, figuriamoci il
            senso
            complimenti, stai pure nella tua tana da topimi sa che invece sei proprio tu quello che non hai capito nulla, soprattutto la parte centrale della newsl'europa spinge verso il riuso del software e le licenze GPLevidentemente, quei miliardari stipendiati di bruxelles non hanno capito un cazzo di come l'occidente ha potuto raggiungere l'attuale sviluppo, pensano che risparmiare sul software sfruttando migliaia di programmatori sognatori sia la chiave per lo sviluppo futuro tecnologico (rotfl)ma che vuoi che ne capiscano del mondo, loro danno per scontanto che ogni fine mese si ritrovano un accredito di 40 mila euro nel conto corrente senza nemmeno capire da dove spunta tutto questo benessere, per alcuni non meritato
          • Anonimo scrive:
            Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            mosaico è opensource ma tutt'altro che
            gratuito...

            mosaico è gratuito eccome...ah sì?e mi dici, di grazia la versione 8 da dove si scarica?a me sembra necessario un abbonamento con relativi sghei da cacciare.

            se leggi bene la notizia capisci che l'europa ha
            le idee chiare, chiudere la porta a chiunque
            produce software come attività finalizzata al
            lucro... questo non l'ho trovato scritto.Puoi quotare la parte incriminata?
          • Anonimo scrive:
            Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            mosaico è opensource ma tutt'altro che

            gratuito...



            mosaico è gratuito eccome...

            ah sì?

            e mi dici, di grazia la versione 8 da dove si
            scarica?

            a me sembra necessario un abbonamento con
            relativi sghei da
            cacciare.




            se leggi bene la notizia capisci che l'europa ha

            le idee chiare, chiudere la porta a chiunque

            produce software come attività finalizzata al

            lucro...

            questo non l'ho trovato scritto.
            Puoi quotare la parte incriminata?leggi la news e capirail'europa spinge verso open source e GPL, in buona o mala fede questo vuol dire appiattimento del mercato del software nell'ambito della PAebbene, la PA è pagata con i miei soldi, con le mie tasse, ergo se l'europa non accetta il prodotto di un privato, non vedo perchè un privato dovrebbe pagare le tasse alla PA
          • Anonimo scrive:
            Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA

            l'europa spinge verso open source e GPL, in buona
            o mala fede questo vuol dire appiattimento del
            mercato del software nell'ambito della
            PAquesto può voler dire riuso del software certo.Di sicuro non si esaurisce qui il mercato.
            ergo se l'europa non accetta il
            prodotto di un privatoe perchè, un privato è obbligato a sviluppare closed? non può sviluppare open e vendere il suo software?
            non vedo perchè un
            privato dovrebbe pagare le tasse alla
            PAperché se no visco ti sfonda il piloro...è finita la pacchia ormai
      • Anonimo scrive:
        Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
        Perche' tu cosa avresti scritto?Dai manda un link di un software che hai scritto e che hai messo in vendita.Un altro tutto chiacchiere e distintivo, va a scrivere gestionali in VB per gestire 4 tabelle di 100 record ciascuna...
    • Anonimo scrive:
      Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
      - Scritto da:
      è semplicemente immorale.quando ci sara' quello open e se questo costera' meno, in base al livello del programma ed alle funzioni, si potra' usare anche quello.....Nel frattempo, tolto openoffice e firefox, cosa proproni come soluzione per una PA ( lato client )
    • Anonimo scrive:
      Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
      - Scritto da:
      è semplicemente immorale.Dopo aver scoperto (grazie ai forum di PI) che il software e' di partito, ora scopro anche che e' morale / immorale...(rotfl)
      • pane@rita scrive:
        Re: Scegliere SW WC-Closed nella PA
        - Scritto da:
        - Scritto da:


        è semplicemente immorale.

        Dopo aver scoperto (grazie ai forum di PI) che il
        software e' di partito, ora scopro anche che e'
        morale /
        immorale...

        (rotfl)il freesoftware è incentrato sull'idea di moralità (a differenza dell'open source)...lo stesso stallman dice (in os revolution) "volevo continuare a programmare e al contempo essere un buon cittadino"Poi si può essere d'accordo o meno, ma dire di scoprirlo oggi... boh...
  • Anonimo scrive:
    UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisce
    Tutti gli anni viene caricata su una grossa nave una montagna di denaro che assomma a oltre 10 MILIARDI DI EURO, la quale prende la rotta verso gli USA e costituisce una PERDITA NETTA NELLA BILANCIA COMMERCIALE dell'UE nei confronti dell'esteroQuesto enorme e sconsiderato esborso di una somma incredibile di denaro NON SERVE A CREARE POSTI DI LAVORO IN EUROPA MA IN ALTRE PARTI DEL MONDO, dove si progettano e producono i software micrsofregEppure, nonostante sia chiarissimo che l'UE sta facendo gli interessi dell'europa contro un'azienda che tra l'altro è condannata per ABUSI DI POSIZIONE DOMINANTE E CONCORRENZA SLEALE in tutto il mondo, persino in alcuni stati di casa sua, c'è chi si stupisce e VORREBBE CHE L'UE FACESSE GLI INTERESSI DI B.GATES CONTRO QUELLI DEI CITTADINI EUROPEISo che ci sono molti sverminatori di pc di parrucchiere e affini che visitano questo forum, i quali guadagnano il pane sulle schifezze di casa microsfot, ma questo non mi sembra un motivo sufficiente per fare gli interessi della stessa contro gli europei e il sistema economico europeoD'altra parte l'UE non fa altro che promuovere il libero mercato, la concorrenza giusta e leale, i propri interessi economici, e chi ha la pretesa masochistica che invece si persegua la sodomizzazione degli europei per mantenere in vita un monopolio nord-americano che tra l'altro non rispetta le leggi, non paga le multe comminate, etc, evidentemente dovrà risolversi a imparare un mestiere serio e a fare qualcosa di utile nella vita
    • Anonimo scrive:
      Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisce
      - Scritto da:
      Tutti gli anni viene caricata su una grossa nave
      una montagna di denaro che assomma a oltre 10
      MILIARDI DI EURO, la quale prende la rotta verso
      gli USA e costituisce una PERDITA NETTA NELLA
      BILANCIA COMMERCIALE dell'UE nei confronti
      dell'estero

      Questo enorme e sconsiderato esborso di una somma
      incredibile di denaro NON SERVE A CREARE POSTI DI
      LAVORO IN EUROPA MA IN ALTRE PARTI DEL MONDO,
      dove si progettano e producono i software
      micrsofreg

      Eppure, nonostante sia chiarissimo che l'UE sta
      facendo gli interessi dell'europa contro
      un'azienda che tra l'altro è condannata per ABUSI
      DI POSIZIONE DOMINANTE E CONCORRENZA SLEALE in
      tutto il mondo, persino in alcuni stati di casa
      sua, c'è chi si stupisce e VORREBBE CHE L'UE
      FACESSE GLI INTERESSI DI B.GATES CONTRO QUELLI
      DEI CITTADINI
      EUROPEI

      So che ci sono molti sverminatori di pc di
      parrucchiere e affini che visitano questo forum,
      i quali guadagnano il pane sulle schifezze di
      casa microsfot, ma questo non mi sembra un motivo
      sufficiente per fare gli interessi della stessa
      contro gli europei e il sistema economico
      europeo

      D'altra parte l'UE non fa altro che promuovere il
      libero mercato, la concorrenza giusta e leale, i
      propri interessi economici, e chi ha la pretesa
      masochistica che invece si persegua la
      sodomizzazione degli europei per mantenere in
      vita un monopolio nord-americano che tra l'altro
      non rispetta le leggi, non paga le multe
      comminate, etc, evidentemente dovrà risolversi a
      imparare un mestiere serio e a fare qualcosa di
      utile nella
      vitaaspetta di vedere i costi invece come aumenteranno. Vedrai il debito come aumenta
      • =Blackout= scrive:
        Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
        - Scritto da:

        aspetta di vedere i costi invece come
        aumenteranno. Vedrai il debito come
        aumentae chi te l'ha detto? il macellaio di fiducia?ne capisci di informatica? guarda che sistema operativo non si mangia, non e' mica un pasticcino
        • Eddie_81 scrive:
          Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc


          aspetta di vedere i costi invece come

          aumenteranno. Vedrai il debito come

          aumentaPuò darsi che in un primo momento sia cosi ma col passare del tempo questo sistema non può che fare del bene.
          • Anonimo scrive:
            Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
            - Scritto da: Eddie_81


            aspetta di vedere i costi invece come


            aumenteranno. Vedrai il debito come


            aumenta
            Può darsi che in un primo momento sia cosi ma col
            passare del tempo questo sistema non può che fare
            del
            bene.Esatto! Spesso il debito e' classificato come qualche cosa di assolutamente negativo....in realta' (chiedete a chi di impresa ne sa piu' di noi) e' indice di investimento a favore dello sviluppo.Molti di noi sono dei "forzati" della monocultura informatica che esiste nel vecchio continente...nessun problema quindi se domani si passasse,per esempio,a Linux,gia' lo usiamo ampiamente quando e dove non siamo obbligati al solo windows.
      • Anonimo scrive:
        Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
        Guarda che i Get the Facts di Micro$oft sono stati tutti sconfessati e contraddetti.Non c'è stata una ricerca di M$ che non sia stata contraddetta e scoperta come mirata.Solo pochissime aziende avrebbero maggiori spese passando ad altro, aziende che non avevano Unix ed avevano basato tutto su Winzozz.C'è da dire che di queste aziende se sono americane è un conto, ma se sono europee è un altro conto, nel senso che anche se per alcune fosse fosse paticolarmente dispendioso il passaggio all'opensource, comunque contribuirebbe al solo solstrato economico locale, risultando un beneficio per la comunità locale, e quindi comunque un beneficio (in senso lato ovviamente).
        • Anonimo scrive:
          Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
          - Scritto da:
          Guarda che i Get the Facts di Micro$oft sono
          stati tutti sconfessati e
          contraddetti.
          Non c'è stata una ricerca di M$ che non sia stata
          contraddetta e scoperta come
          mirata.

          Solo pochissime aziende avrebbero maggiori spese
          passando ad altro, aziende che non avevano Unix
          ed avevano basato tutto su
          Winzozz.

          C'è da dire che di queste aziende se sono
          americane è un conto, ma se sono europee è un
          altro conto, nel senso che anche se per alcune
          fosse fosse paticolarmente dispendioso il
          passaggio all'opensource, comunque contribuirebbe
          al solo solstrato economico locale, risultando un
          beneficio per la comunità locale, e quindi
          comunque un beneficio (in senso lato
          ovviamente).
          Infatti il punto è proprio questo: perché io devo dare soldi a un'azienda americana, quando posso benissimo darli ad una europea? Guardate il caso tedesco dove moltissime amministrazioni pubbliche (non solo il comune di Monaco) sono passate a Linux: costerà anche di più la manutenzione ma almeno questa viene fatta da personale locale non andando a peggiorare la bilancia commerciale UE - USA
          • Anonimo scrive:
            Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
            - Scritto da:

            Guardate il caso
            tedesco dove moltissime amministrazioni pubbliche
            (non solo il comune di Monaco) sono passate a
            Linux: costerà anche di più la manutenzione E perché mai dovrebbe costare di più? Da che Windows è Windows i sistemi basati su linux sono + affidabili, quindi...
          • Anonimo scrive:
            Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
            Ma si parla sul lungo periodo...Una cosa comunque sembra sconosciuta alle P.A. il concetto di libertà e completo distacco da un monopolio ingerente e pluri-pregiudicato.Sembra che rimanere legati a Micro$oft alla fine sia solo un atto di codardia, da parte di una dirigenza che sa di certo dei benefici dell'opensource ma che non vuole rischiare e utilizza il nome di Micro$oft come capro espiatorio per problemi, inefficienze e altro.Nessun dirigente pubblico, per lo meno quelli italiani, ha le palle di prendere iniziative importanti di introduzione dell'opensource che non sia qualche installazione di openoffice.org.Solo nel trentino forse, e in qualche piccola realtà locale con qualche dirigente più intelligente.
          • =Blackout= scrive:
            Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
            - Scritto da:
            Infatti il punto è proprio questo: perché io devo
            dare soldi a un'azienda americana, quando posso
            benissimo darli ad una europea? Guardate il caso
            tedesco dove moltissime amministrazioni pubbliche
            (non solo il comune di Monaco) sono passate a
            Linux: costerà anche di più la manutenzione ma
            almeno questa viene fatta da personale locale non
            andando a peggiorare la bilancia commerciale UE -
            USAscusate ma come li fate i conti?mettiamo che i costi di aggiornamento del "personale" lievitino a 400 euro di corso..e' un prezzo una tantum che si fa solo 1 volta..mentre le licenze le paghi e molto salate...poi, fra tutte le patch, antivirus, antispyware, antimalware... fra tutti i crash e blocchi di sistema e chiamare il tecnico (e so almeno 30 euro all'ora)... secondo voi il "risparmio"..cosa eh?avere un calcolatore efficiente non ha prezzo.. in ambito lavorativo si usa linux sui server.. anche red hat enterprise (che ha un costo per la sua licenza) secondo voi le aziente perche "pagano" la licenza e anche un system administrator competente?per l'affidabilita!!!avere lo stesso sistema con windows server, con regolare licenza, non ti da le stesse sicurezze.. e anche se linux costasse di piu (non e' vero) in termini di uso, la gente lo userebbe cmq perche piu affidabile
          • Anonimo scrive:
            Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
            Sveglia e leggete gli articoli porca miseria! costi di aggiornamento?? a cosa?? non si parla di *OS* open source (e relativa migrazione ad essi) ma di *applicativi* realizzati *ad hoc* per esigenze specifiche! software NUOVI che a prescindere dal fatto che siano open o closed richiedereanno comunque l'addestramento del personale! dove cavolo stanno i costi in più in questo se il software è open, soprattutto se almeno un'altra PA potrà riutilizzarlo?KaysiX
      • Anonimo scrive:
        Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Tutti gli anni viene caricata su una grossa nave

        una montagna di denaro che assomma a oltre 10

        MILIARDI DI EURO, la quale prende la rotta verso

        gli USA e costituisce una PERDITA NETTA NELLA

        BILANCIA COMMERCIALE dell'UE nei confronti

        dell'estero



        Questo enorme e sconsiderato esborso di una
        somma

        incredibile di denaro NON SERVE A CREARE POSTI
        DI

        LAVORO IN EUROPA MA IN ALTRE PARTI DEL MONDO,

        dove si progettano e producono i software

        micrsofreg



        Eppure, nonostante sia chiarissimo che l'UE sta

        facendo gli interessi dell'europa contro

        un'azienda che tra l'altro è condannata per
        ABUSI

        DI POSIZIONE DOMINANTE E CONCORRENZA SLEALE in

        tutto il mondo, persino in alcuni stati di casa

        sua, c'è chi si stupisce e VORREBBE CHE L'UE

        FACESSE GLI INTERESSI DI B.GATES CONTRO QUELLI

        DEI CITTADINI

        EUROPEI



        So che ci sono molti sverminatori di pc di

        parrucchiere e affini che visitano questo forum,

        i quali guadagnano il pane sulle schifezze di

        casa microsfot, ma questo non mi sembra un
        motivo

        sufficiente per fare gli interessi della stessa

        contro gli europei e il sistema economico

        europeo



        D'altra parte l'UE non fa altro che promuovere
        il

        libero mercato, la concorrenza giusta e leale, i

        propri interessi economici, e chi ha la pretesa

        masochistica che invece si persegua la

        sodomizzazione degli europei per mantenere in

        vita un monopolio nord-americano che tra l'altro

        non rispetta le leggi, non paga le multe

        comminate, etc, evidentemente dovrà risolversi
        a

        imparare un mestiere serio e a fare qualcosa di

        utile nella

        vita

        aspetta di vedere i costi invece come
        aumenteranno. Vedrai il debito come
        aumentaIn generale e' vero, ma la maggior parte di software commodity come le varie incarnazioni di win sono ben lontane da essere interessate a 'cambiamenti epocali' nel medio periodo. Quindi buona parte di quei soldi continueranno a viaggiare. Piuttosto e' vergognoso che nel 3 millennio le PA non abbiano fatto nessuno sforzo di sharing delle risorse e di interoperabilita', soprattutto in merito a software custom.
      • Anonimo scrive:
        Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
        La questione non e' un ipotetico aumento di spesa,ma a chi andranno i soldi... i dobloni resteranno alle aziende europee... che e' gia' un vantaggio.
    • MandarX scrive:
      Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
      straquoto
    • Anonimo scrive:
      Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisce
      - Scritto da:
      Tutti gli anni viene caricata su una grossa nave
      una montagna di denaro che assomma a oltre 10
      MILIARDI DI EURO, la quale prende la rotta verso
      gli USA e costituisce una PERDITA NETTA NELLA
      BILANCIA COMMERCIALE dell'UE nei confronti
      dell'esteroche genio della finanza e del commercio internazionale!per essere così intelligente e istruito non puoi che usare linux!sarebbe infatti il caso di consigliare agli USA di non importare più abbigliamento e vini italiani o europei, così la montagna di denaro rimane tutta a washingtono no?
      • Anonimo scrive:
        Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Tutti gli anni viene caricata su una grossa nave

        una montagna di denaro che assomma a oltre 10

        MILIARDI DI EURO, la quale prende la rotta verso

        gli USA e costituisce una PERDITA NETTA NELLA

        BILANCIA COMMERCIALE dell'UE nei confronti

        dell'estero

        che genio della finanza e del commercio
        internazionale!

        per essere così intelligente e istruito non puoi
        che usare
        linux!

        sarebbe infatti il caso di consigliare agli USA
        di non importare più abbigliamento e vini
        italiani o europei, così la montagna di denaro
        rimane tutta a
        washington

        o no?E no !!! Siamo noi che dobbiamo incul@rli a sangue, gli faremo spendere cosi' tanto per 4 straccetti firmati dai nostri stilisti che si dovranno svendere la statua della liberta' hahahahahahahahahaha @^
        • Anonimo scrive:
          Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
          Vedrete che con le nuove limitazioni della Eula di Vista, l'open source tenderà a diffondersi sempre di più, sia in ambito industriale che nella pubblica amministrazione, una volta che i requisiti di conoscenza informatica richiesti non saranno più MS office (vedi patente europea di informatica) ma Open Office o simili, cosa credete che useranno gli utenti a casa loro?Se poi MS VISTA sarà anche difficile da trovare craccato meglio ancora! Ricordatevene fra 4 - 5 anni, MS si sta scavando la fossa da sola, rischia di fare la fine dell'IBM a metà anni '90, ve lo ricordate OS2?
          • Anonimo scrive:
            Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
            - Scritto da:
            Vedrete che con le nuove limitazioni della Eula
            di Vista, l'open source tenderà a diffondersi
            sempre di più, sia in ambito industriale che
            nella pubblica amministrazione, una volta che i
            requisiti di conoscenza informatica richiesti non
            saranno più MS office (vedi patente europea di
            informatica) ma Open Office o simili, cosa
            credete che useranno gli utenti a casa
            loro?
            Se poi MS VISTA sarà anche difficile da trovare
            craccato meglio ancora!

            Ricordatevene fra 4 - 5 anni, MS si sta scavando
            la fossa da sola, rischia di fare la fine
            dell'IBM a metà anni '90, ve lo ricordate
            OS2?bah, da quanto ne so IBM è l'azienda hi tech più ricca del mondoIBM è parecche volte più ricca di MSma quante leggende e luoghi comuni, qui su PI :s
          • Anonimo scrive:
            Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc

            bah, da quanto ne so IBM è l'azienda hi tech più
            ricca del mondo

            IBM è parecche volte più ricca di MS
            ma quante leggende e luoghi comuni, qui su PI non è proprio vero per niente !!IBM è un'azienda hi tech, ms è un venditore di cd che hanno un ricarico unitario assolutamente enorme, che moltiplicato per un nr enorme gli assicura una ricchezza senza ugualiIBM è completamente diversa e ha dei laboratori da cui sono usciti premi nobel, ma pur fatturando molto di piu fa meno profitti
      • Anonimo scrive:
        Re: UE pro_Europa, ma c'è chi si stupisc
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Tutti gli anni viene caricata su una grossa nave

        una montagna di denaro che assomma a oltre 10

        MILIARDI DI EURO, la quale prende la rotta verso

        gli USA e costituisce una PERDITA NETTA NELLA

        BILANCIA COMMERCIALE dell'UE nei confronti

        dell'estero

        che genio della finanza e del commercio
        internazionale!

        per essere così intelligente e istruito non puoi
        che usare
        linux!

        sarebbe infatti il caso di consigliare agli USA
        di non importare più abbigliamento e vini
        italiani o europei, così la montagna di denaro
        rimane tutta a
        washington

        o no?poveretto, tu credi che se il vino californiano costa meno del nostro ed è piu buono loro sono cosi deficenti da importare il nostro a costi molto maggiori ? gli americani badano al centesimo, non sono scemi come te
    • Anonimo scrive:
      Stupito...
      di vedere ogni tanto un messaggio postato da uno che accende i neuroni prima di scrivere! :D
  • Anonimo scrive:
    Traduzione di "progetti comuni"
    C'è bisogno di specificare o bisogna ripetere la solita logorroica soluzione per la vittoria del mondo open ? Una base commerciale comune a tutte le distro tale da far sparire qualsiasi incompatilità reale o dubbia che sia ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Traduzione di "progetti comuni"
      - Scritto da:
      C'è bisogno di specificare o bisogna ripetere la
      solita logorroica soluzione per la vittoria del
      mondo open ? Una base commerciale comune a tutte
      le distro tale da far sparire qualsiasi
      incompatilità reale o dubbia che sia
      ?e rompere le uova nel paniere ad IBM?stai scherzando, dopo come fa a controllare il mercato dell'informatica se linux gira bene su ogni hardware invece che solo con il suo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Traduzione di "progetti comuni"
        Ibm deve ringraziare che nel vocabolario dei fanatici open non esiste la parola commercio altrimenti starebbe a vendersi le sedie come sgi
        • Anonimo scrive:
          Re: Traduzione di "progetti comuni"
          - Scritto da:
          Ibm deve ringraziare che nel vocabolario dei
          fanatici open non esiste la parola commercio
          altrimenti starebbe a vendersi le sedie come
          sgise i programmatori iniziano a farsi pagare il giusto il gioco non funziona più. Aspettiamo,l'hardware diventerà chiuso, le licenze non accessibili alle distro gratuite ed IBM prenderà il posto di microsoft.Non c'è problema, ci si aggiorna
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            Speriamo sia veramente così... fino adesso tra IBM, Novell, Canonical (Shuttleworth che regala ubuntu a botte di 40 cd a privato non è paragonabile a bill pusher in Brasile ?) RedHat ecc. non mi sembra che la lezione sia stata molto capita. Va a finire che quando ci si sveglierà sarà troppo tardi
          • Alucard scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            - Scritto da:
            Speriamo sia veramente così... fino adesso tra
            IBM, Novell, Canonical (Shuttleworth che regala
            ubuntu a botte di 40 cd a privato non è
            paragonabile a bill pusher in Brasile ?) RedHat
            ecc. non mi sembra che la lezione sia stata molto
            capita. Va a finire che quando ci si sveglierà
            sarà troppo
            tardiNon penso che quelli di Ubuntu (da cui ho mandato a prendere i cd anche io) facciano tutto ciò a scopo di lucro. Sugli intenti di Bill invece ho una piccola idea.
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            Ubuntu è di Canonical. Canonical stessa come Novell o IBM ha tutto l'interesse a tirare acqua al suo mulino non collaborando ad un progetto comune perchè così lei è sempre un passo avanti sull'assistenza alla sua distro rispetto chiunque altro.Più subdola ma sempre guerra commerciale è...
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            - Scritto da:
            Ubuntu è di Canonical.Ma non era basata su Debian ?
          • ciko scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Ubuntu è di Canonical.

            Ma non era basata su Debian ?si... e che c'entra?!?Canonical ha preso Debian e l'ha riadattata per farci ubuntu...
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"

            Non penso che quelli di Ubuntu (da cui ho
            mandato
            a prendere i cd anche io) facciano tutto ciò a
            scopo di lucro. Sugli intenti di Bill invece
            ho una piccola idea.
            Non mi dire, una azienda che lavora a fine di lucro. Non c'è più religione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            prima che cominciate a litigare vorrei sottolinerare il fatto che si parla di progetti open source non di pacchetti inscatolati a codice chiuso (e la cosa mi pare fondamentale!)
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            - Scritto da:
            prima che cominciate a litigare vorrei
            sottolinerare il fatto che si parla di progetti
            open source non di pacchetti inscatolati a codice
            chiuso (e la cosa mi pare
            fondamentale!)Da un punto di vista commerciale non cambia nulla.
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"


            prima che cominciate a litigare vorrei

            sottolinerare il fatto che si parla di progetti

            open source non di pacchetti inscatolati a
            codice

            chiuso (e la cosa mi pare

            fondamentale!)

            Da un punto di vista commerciale non cambia nulla.cambia: non puoi vendere in esclusiva il prodotto che non é tuo e di cui le competenze per produrlo sono pubbliche
          • ciko scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            prima che cominciate a litigare vorrei

            sottolinerare il fatto che si parla di progetti

            open source non di pacchetti inscatolati a
            codice

            chiuso (e la cosa mi pare

            fondamentale!)

            Da un punto di vista commerciale non cambia nulla.dal punto di vista commerciale vuol dire che CHIUNQUE e non solo canonical puo' venderti assistenza... se la ditta "Anonymous Soft." e' migliore di Canonical probabilmente stipulera' + contratti di assistenza di Canonical... la differenza e' sostanziale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            Peccato che non potrà mai essere così perchè nel momento in cui Canonical rilascierà una nuova vers di ubuntu avrà già pronta tutta la documentazione per il supporto che altri invece dovranno procurarsi, se poi vorrà fare la furba e la licenza glielo permette si spara quattro modifiche anomale "simil-proprietarie" e la mette in (__I__) ad Anonymous Soft. che non potrà fare affidamento su quello che già conosce per fornire assistenza.Come già detto è sempre una guerra commerciale solamente più subdola. Di certo non il mondo perfetto alla star trek/villaggio dei puffi immaginato da Stallman
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            - Scritto da:
            Peccato che non potrà mai essere così perchè nel
            momento in cui Canonical rilascierà una nuova
            vers di ubuntu avrà già pronta tutta la
            documentazione per il supporto che altri invece
            dovranno procurarsi, se poi vorrà fare la furba e
            la licenza glielo permette si spara quattro
            modifiche anomale "simil-proprietarie" e la mette
            in (__I__) ad Anonymous Soft. che non potrà fare
            affidamento su quello che già conosce per fornire
            assistenza.
            Come già detto è sempre una guerra commerciale
            solamente più subdola. Di certo non il mondo
            perfetto alla star trek/villaggio dei puffi
            immaginato da
            StallmanVero, solo un enorme e decisivo passo avanti per la PA e tutti i cittadini europei rispetto alla situazione attuale
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            Ma senza l'altro passo sarà solamente verso un burrone
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            I programmatori si oggi fanno pagare a tariffe Indiane, visto che sono tutti li
          • Anonimo scrive:
            Re: Traduzione di "progetti comuni"
            - Scritto da:
            Aspettiamo, l'hardware diventerà chiuso, le
            licenze non accessibili alle distro gratuite ed
            IBM prenderà il posto di microsoft.
            Secondo me ti sbagli di grosso.Al contrario presto l'open source "contagierà" (è questa la sua vera potenza, la viralità) anche l'hw (vedi http://en.wikipedia.org/wiki/Open_source_hardware) e chi non si prepara fin d'ora verrà spazzato via.Si può tentare di rallentare il progresso ma è impossibile fermarlo.Marco Ravich
  • Anonimo scrive:
    UE antiMicrosoft
    E' ben evidente. La commissione europea da un lato continua a punzecchiare l'azienda del DRAGA, dall'altro spinge allo sviluppo e all'adozione di software open source.Forse noi europei non siamo poi così tanto idioti...
    • Anonimo scrive:
      Re: UE antiMicrosoft
      - Scritto da:
      E' ben evidente. La commissione europea da un
      lato continua a punzecchiare l'azienda del DRAGA,
      dall'altro spinge allo sviluppo e all'adozione di
      software open
      source.

      Forse noi europei non siamo poi così tanto
      idioti...l'importante è non obbligare le PA a nessuna scelta. Dare la possibilità è un conto, obbligare un altro, sia dall'uno che dall'altro lato
      • Anonimo scrive:
        Re: UE antiMicrosoft

        l'importante è non obbligare le PA a nessuna
        scelta. Dare la possibilità è un conto, obbligare
        un altro, sia dall'uno che dall'altro latovero, l'importante è che si diano degli indirizzi ben definiti che assicurino la tutela dei dati dei cittadini e la trasparenza della comunicazione digitale: ovvero, formati dei documenti aperti, software sotto il controllo della PA e non di aziende terze, magari extraeuropee, economicità della scelta a pari requisiti, etcPer il resto, fatti salvi questi minimi parametrila PA potrà scegliere quello che vuole.
        • Anonimo scrive:
          Re: UE antiMicrosoft
          - Scritto da:

          l'importante è non obbligare le PA a nessuna

          scelta. Dare la possibilità è un conto,
          obbligare
          un altro, sia dall'uno che dall'altro
          lato
          vero, l'importante è che si diano degli indirizzi
          ben definiti che assicurino la tutela dei dati
          dei cittadini e la trasparenza della
          comunicazione digitale: ovvero, formati dei
          documenti aperti, software sotto il controllo
          della PA e non di aziende terze, magari
          extraeuropee, economicità della scelta a pari
          requisiti,
          etc
          Per il resto, fatti salvi questi minimi parametri
          la PA potrà scegliere quello che vuole.lo stato non deve limitare la concorrenza.altrimenti avrebbero ragione a bloccare le importazioni di pasta da noi
          • Anonimo scrive:
            Re: UE antiMicrosoft

            lo stato non deve limitare la concorrenza.
            altrimenti avrebbero ragione a bloccare le
            importazioni di pasta da noiinfatti per non limitarla ha condannato per abusi di posizione dominante e per concorrenza sleale la microsoftl'europa è un'unione di stati liberalila PA può solo dettare delle specifiche di base per tutelare i dati dei cittadini e la trasparenza nelle transazioni entro i suoi uffici e con i cittadini stessi, come richiedono parametri minimi di civiltà e rispetto per le persone: chi in base a queste specifiche fà il prodotto migliore in termini di costo/qualità sbaraglia la concorrenza
    • Anonimo scrive:
      Re: UE antiMicrosoft
      - Scritto da:
      E' ben evidente. La commissione europea da un
      lato continua a punzecchiare l'azienda del DRAGA,
      dall'altro spinge allo sviluppo e all'adozione di
      software open
      source.

      Forse noi europei non siamo poi così tanto
      idioti...L' UE si è presa la mega mazzetta da Gates, è tutta una farsa.
      • Anonimo scrive:
        Re: UE antiMicrosoft
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        E' ben evidente. La commissione europea da un

        lato continua a punzecchiare l'azienda del
        DRAGA,

        dall'altro spinge allo sviluppo e all'adozione
        di

        software open

        source.



        Forse noi europei non siamo poi così tanto

        idioti...

        L' UE si è presa la mega mazzetta da Gates, è
        tutta una farsa.Le mazzette del DRAGA sono infette da virus. Occhio!
        • Anonimo scrive:
          Re: UE antiMicrosoft
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          E' ben evidente. La commissione europea da un


          lato continua a punzecchiare l'azienda del

          DRAGA,


          dall'altro spinge allo sviluppo e all'adozione

          di


          software open


          source.





          Forse noi europei non siamo poi così tanto


          idioti...



          L' UE si è presa la mega mazzetta da Gates, è

          tutta una farsa.

          Le mazzette del DRAGA sono infette da virus.
          Occhio!embè? ti vende pure l'antivirus e antispyware!è un circolo vizioso
Chiudi i commenti