La CNN la fanno i netizen

La media company dedica un proprio sito ai contributi degli utenti: saranno loro a postare i contenuti, saranno loro a definire la linea editoriale
La media company dedica un proprio sito ai contributi degli utenti: saranno loro a postare i contenuti, saranno loro a definire la linea editoriale

CNN è sommersa di contenuti generati dagli utenti, rampanti citizen journalist. Con l’iniziativa iReport è pronta a dare loro spazio, a incoraggiarli a costruire l’agenda e a innescare un meccanismo collaborativo di controllo editoriale.

Video grassroot su CNN Era l’estate 2006 quando la media company aveva proposto a collaboratori grassroot di inviare contenuti audio, video e immagini, perché, vagliati e selezionati dai giornalisti CNN, potessero assurgere a materiale esclusivo, raccolto sul campo. Sono circa 100mila le foto e i documenti audio e video raccolti dagli aspiranti reporter disseminati per il mondo. Solo 10mila i contenuti ai quali CNN ha dato spazio .

Per questo motivo il colosso mediatico ha ampliato il raggio dell’iniziativa: iReport sarà uno spazio web dedicato esclusivamente alle testimonianze raccolte dal basso, catturate da chi si trovava al centro dell’azione, capaci di rappresentare e di dar voce al contesto nel quale il reporter si trova. A differenza di altre iniziative improntate al giornalismo grassroot, la partecipazione sarà aperta a tutti : nessuna commissione a valutare e selezionare i contributori, nessuna scrematura dei contenuti postati.

L’obiettivo e la direzione di iReport è tutta da definire: saranno gli utenti a tracciare e edificare il progetto con i contenuti prodotti, con le idee che faranno emergere, con i dibattiti che li coinvolgeranno. CNN per ora ha investito 750mila dollari nel dominio ireport.com e sta lavorando alla struttura del sito.

Sarà un portale esplorabile per categorie di news, avrà molte affinità con YouTube in termini di aspetto, di semplicità di uploading e sharing, di funzioni dedicate alla community e di regolamentazione.

Non verrà esercitato alcun controllo editoriale, spiega Susan Grant per CNN: “La comunità degli utenti deciderà cosa è notizia e cosa non lo è”. Se CNN effettuerà semplicemente un’operazione di moderazione a posteriori , i netizen, in maniera collaborativa, tracceranno la linea editoriale : gli utenti posteranno contenuti di ogni tipo, ma a guadagnare la prima pagina saranno le testimonianze più votate.

CNN per ora non fa alcun riferimento ad eventuali compensi, uno schema che CNN condivide con Reuters e Yahoo! e con una folta schiera di servizi 2,0 generalisti. È probabile che la media company abbia intenzione di monetizzare l’entusiasmo dei citizen journalist affiancandogli della pubblicità e lasciando ai contributori la gloria imperitura e la soddisfazione di essersi mossi attivamente nella società civile sotto l’egida di una delle più importanti media company del mondo.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 02 2008
Link copiato negli appunti