La lunga settimana del PNRR: 191,5 miliardi in ballo

La lunga settimana del PNRR: 191,5 miliardi in ballo

Da oggi il PNRR sarà dibattuto per approdare entro fine mese al cospetto delle autorità europee: forti investimenti in digitale e rivoluzione verde.
Da oggi il PNRR sarà dibattuto per approdare entro fine mese al cospetto delle autorità europee: forti investimenti in digitale e rivoluzione verde.

Inizia oggi la lunga settimana di “resistenza e resilienza” che dovrà affrontare il Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza. Se entro il 30 aprile il Piano dovrà essere presentato all'Europa, ma se fin dalla serata di ieri le prime documentazioni hanno iniziato a girare tra ministri, partiti e giornali, allora ecco che inizia da oggi una lunga Via Crucis fatta di richieste e trattative. I partiti (tutti) sono in prima linea nell'avanzare richieste e suggerimenti, ma fin qui il Governo è stato solido nella figura del suo Presidente: questo è il Piano che l'Italia porterà al cospetto dell'UE per attingere ai fondi Next Generation EU. Pochi i dettagli ancora in ballo, ma a livello strutturale Draghi non intende più intaccare alcunché.

PNRR, carte in tavola

Il progetto contempla 221,5 miliardi complessivi di investimento, 191,5 dei quali propri del PNRR. All'interno di questo pacchetto, i progetti più ambiziosi sono senza ombra di dubbio quelli relativi al capitolo “Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura“, dove sono in ballo ben 43,56 miliardi di euro. Spesa più ampia, ma su un maggior numero di progetti, per la “Rivoluzione verde e transizione ecologica“, dove la spesa prevista arriva a 57 miliardi. La terza maggior voce di investimento è relativa ad “Istruzione e ricerca” con 32,32 miliardi.

Le caratteristiche del Piano sembrano dunque essere pienamente in linea con le richieste europee, con l'auspicio di arrivare entro il 2026 ad un aumento del PIL pari a 3 punti percentuali. Ministeri ed enti locali avranno il compito di guidare la realizzazione di opere e riforme, assumendosene le rispettive responsabilità di governance.

Non solo rilancio, ma vera e propria ristrutturazione. Ne sono riprova tanto i lauti investimenti nella banda larga e nel 5G, quanto la scommessa ambientale e le bozze sull'idrogeno (un progetto chiaramente firmato Cingolani). Ancora non sono disponibili i dettagli, che iniziano a trapelare soltanto in queste ore, ma in questa settimana ogni dettaglio verrà alla luce per anticipare quella che sarà la prossima presentazione del Piano in attesa delle valutazioni europee.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 04 2021
Link copiato negli appunti