La tastiera morirà nel 2012. Di nuovo

Pubblicata l'ennesima funesta previsione per il futuro delle tradizionali interfacce hardware. Voce e touch cambieranno il mondo. Ma morirà anche il DRM

Roma – Fine anno, si moltiplicano com’è tradizione le occasioni di stendere bilanci, fare previsioni più o meno sballate ed esercitarsi in fantasiose letture della sfera di plastica vetro cristallo sullo stato del mondo digitale prossimo venturo. Il Pew , dopo aver “scoperto” che i videogame sono roba da adulti , delizia ora le audience di tutto il mondo con una statistica ricavata dalle opinioni di attivisti digitali, giornalisti ed esperti tecnologi su quello che sarà “hot” e quello che non lo sarà entro il vicinissimo anno 2012 .

Sono 1.000 le persone intervistate dal Pew Institute, chiamate a dire la loro su 20 scenari futuri concernenti soprattutto la tecnologia, i mezzi di comunicazione e i temi caldi del momento come le protezioni anticopia e le nuove modalità di interazione uomo-macchina, o per meglio dire uomo-IA.

Da qui a quattro anni i dispositivi mobili quali smartphone, melafonini e googlefonini assortiti saranno diventati la principale porta di accesso alla rete globale, dicono molti degli intervistati, mentre le tecnologie DRM spariranno dalla circolazione e dai tanti contenuti ora imbrigliati da protezioni anticopia inutili per i “pirati” e fastidiose per i consumatori.

Tra i trend attuali che più si affermeranno ci sarà poi la scomparsa di una distinzione netta tra tempo libero e tempo da dedicare alle professioni , una prospettiva che piuttosto che spaventare verrà adottata con entusiasmo dai lavoratori impegnati nel mondo tecnologico moderno.

L’altro grande tema “hot” del momento, e che secondo gli auguri consultati dal Pew acquisterà sempre più peso, è la diffusione delle interfacce touch, multi-touch e via voce, arrivate soprattutto le prime a un livello di maturità tale da poterne prevedere con facilità l’adozione mainstream naturalmente a discapito di mouse e tastiera , quest’ultima sostituita da proiezioni virtuali su ogni genere di superficie nei rari casi in cui non si fosse nel “mood” giusto per rivolgersi al PC direttamente con la voce.

Il rapporto del Pew, per quanto già di suo rappresenti soprattutto un esercizio di stile sembra per una volta avere la medesima consistenza di altri “tuffi” in un futuro inconoscibile per definizione come ad esempio quello recentemente tentato da IBM .

A voler far fuori lo storico mouse , infine, sono in parecchi, ma il domani incerto preconizzato per una delle periferiche più standardizzate e usate di sempre, rimane al momento soprattutto un sogno degli esperti tecnologi di cui sopra, mentre dall’alto del suo miliardesimo controller Logitech prevede una pacifica convivenza tra interfacce vecchie e nuove per il personal computing degli anni a venire.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AHAHAAH scrive:
    AHAHAHA
    ahahaha sei molto sveglio Ricky, ma bravo...
  • XYZ scrive:
    London Bridge Is Falling Down!
    Inutile spesa di soldi:1. A lungo andare sarebbe un investimento che peserebbe e basta sulle tasche di chi lo finanzia. Non durerebbe un anno, a mio parere. 2. Vista l'"Internettizzazione" dell' Utonto medio, creerebbe più panico un provvedimento simile che un altro 11/09...... O forse è esattamente questo a cui puntano?3. L'avessero fatto in gran bretagna 10 anni fà, lo avrebbero già fatto saltare in aria la serverfarm in un attentato dopo meno di una settimana di funzionamento. Inutile dire che spero che in UK ci sia ancora qualcuno che tengo alla propria libertà... O dobbiamo accontentarci di Bansky?Dio Salvi l'Utenza della Regina!
    • Ricky scrive:
      Re: London Bridge Is Falling Down!
      Ok, risolvono i problemi della fame nel mondo portando 1Kg di pane per tutti...Ma che senso ha?Guardiamo le statistiche reali, non quelle spalmate in tv perche' fa notizia o perche' FA COMODO A QUALCUNO.Se la realta' e' che la gente BEVE, una bella sanzione + il ritiro della patente per 1 anno potrebbe essere un deterrente sufficente.Se la realta' invece e' piu' complessa, si parla di dipendenza dall'alchool e dalla DROGA, quelli tornano a guidare anche senza patente.Le pene in questo caso devono essere adeguate,perche' chi sale su di un bolide di metallo FATTO o stordito dal bere, diventa un'arma.Usi l'arma per uccidere , a volte persino decine di persone ferme in attesa di un BUS!non puoi cavartela con il ritro della patente...e' come se ti ritirassero il porto d'armi se con un UZI mi pialli 10 persone...ma siamo fuori!?A me non interessano le motivazioni che hanno portato un essere umano a distruggersi la vita con alalchool e droga,mi spiace per lui e spero che esistano strutture in grado di aiutarlo ma NON POSSO PERMETTERE CHE GIRI PER LE STRADE A FALCIARE LA GENTE INNOCENTE!Quindi, lo devo levare da mezzo...in un modo o nell'altro o per la propieta' transitiva, evitando di prendere decisioni ne facilito il compito e ne divento COMPLICE.Preferisco un drogato/fumato/bevuto in carcere a vita o in un luogo di recupero piuttosto che avere N persone sulal coscienza.
      • olandese volante scrive:
        Re: London Bridge Is Falling Down!
        Ehm...Ma hai letto l'articolo, o ti sei limitato al titolo?
        • XYZ scrive:
          Re: London Bridge Is Falling Down!
          - Scritto da: olandese volante
          Ehm...

          Ma hai letto l'articolo, o ti sei limitato
          al
          titolo?Uhm... Misa che i troll di oggi si limitano solo ai titoli!I lati "positivi" (in questo caso e SOLO in questo caso) dell'eccessiva informatizzazione :D
Chiudi i commenti