L'antrace si combatte col peer-to-peer

Le reti di calcolo distribuito tornano a macinare dati in favore di una ricerca scientifica che, questa volta, potrebbe contribuire a rendere inoffensiva una letale arma del bio-terrorismo
Le reti di calcolo distribuito tornano a macinare dati in favore di una ricerca scientifica che, questa volta, potrebbe contribuire a rendere inoffensiva una letale arma del bio-terrorismo


Austin (USA) – Quasi un milione e trecentomila computer in tutto il mondo si metteranno presto al lavoro per trovare una cura che possa vanificare gli attentati terroristici e le armi chimiche basate sul pericoloso batterio dell’antrace.

Questo sarà possibile grazie all’impegno dell’Anthrax Research Project (ARP), fra i cui membri si contano Intel, Microsoft e la National Foundation for Cancer Research, e l’utilizzo del supercomputer “virtuale” a cui Intel ha dato vita la scorsa primavera con il Philanthropic Peer-to-Peer Program , un progetto di calcolo distribuito P2P che già ospita ricerche per la cura di gravi malattie come il cancro.

Per partecipare all’iniziativa è sufficiente scaricare uno screen-saver da questa pagina : come in progetti analoghi, quali SETI@home o FightAIDS@home, il software sfrutta i tempi morti del computer per contribuire al completamento di elaborazioni finalizzate alla ricerca.

I ricercatori, che possono accedere in questo modo ad una potenza di calcolo superiore a quella combinata dei primi 10 supercomputer al mondo, sperano di trovare il più presto possibile una molecola che possa bloccare la letale tossina dell’antrace. In questo momento l’unica cura è data dagli antibiotici, efficaci però solo se la malattia viene diagnosticata nel suo stato iniziale.

“Nel caso particolare dell’antrace e di altre minacce legate al bio-terrorismo, la velocità nello scoprire una cura è essenziale”, ha dichiarato Graham Richards dell’Oxford University, una delle università che partecipa al progetto: “Senza questa tecnologia – ha aggiunto – potrebbero non esserci altri modi per affrontare un così imponente lavoro”.

Il risultato di questa ricerca, secondo quanto spiegato dall’ARP, verrà messo liberamente a disposizione di quei governi, fra cui quello americano ed inglese, che vorranno partecipare allo studio di una cura per l’antrace.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

22 01 2002
Link copiato negli appunti