L'Authority TLC indaga su DVB-H

Dopo l'accordo Mediaset-TIM, L'Agcom valuta una regolamentazione. La soddisfazione e le aspettative dei consumatori


Roma – In seguito alle notizie dell’ accordo siglato tra Mediaset e TIM per la diffusione di contenuti audiovisivi, il Consiglio dell’ Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha comunicato di voler avviare un’indagine conoscitiva sul DVB-H, la tecnologia che consente la fornitura di servizi televisivi broadcasting su terminali mobili di nuova generazione, a cominciare dalle partite di calcio.

Lo scopo dichiarato dall’Agcom è quello di integrare tempestivamente il quadro regolamentare, in vista dell’introduzione dei nuovi servizi a partire dalla fine del 2006, ma dovrebbe servire anche a valutare, a tutela dei consumatori, i profili di qualità dei servizi e di corretta informativa agli utenti.
Per questo motivo, l’indagine è mirata ad acquisire dagli operatori informazioni sui modelli di offerta dei servizi, le modalità di accesso ai contenuti, l’utilizzo delle frequenze per i servizi DVB-H e l’interazione tra fornitori di contenuti televisivi e operatori di rete mobile.

Tempestivamente, innanzitutto, sono arrivate le reazioni dei consumatori: il Movimento Difesa del Cittadino condivide le motivazioni e le finalità espresse dall’Autorità, convinta che l’iniziativa servirà ad evitare nuove forme di monopolio e a stimolare le aziende a fornire agli utenti servizi di qualità adeguata, con particolare attenzione alla tutela dei minori, di contenuti e dei servizi, maggiori garanzie per gli utenti e una maggiore tutela per i minori (che sono tra i maggiori “utilizzatori” dei cellulari).

“Finalmente – ha dichiarato Francesco Luongo, responsabile del dipartimento TLC del Movimento Difesa del Cittadino – l’Autorità interviene con dovuto anticipo per regolamentare la fruizione di un nuovo servizio come la tecnologia DVB-H”. Il riferimento esplicito è al ritardo con cui l’Authority si è mossa all’introduzione della tecnologia del digitale terrestre, “per cui i diritti degli utenti sono stati stabiliti solo dopo la vendita dei decoder e delle smart card”.

L’auspicio dei consumatori, quindi, è che tutto avvenga prima del “fischio d’inizio”.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    esibizionisti e integrati
    "Scott Cherkin, direttore strategico di questa alleanza, sostiene che le attività più a rischio e più controllate sono "P2P e messaggistica istantanea": gli amministratori, a suo dire, riusciranno a conciliare libertà d'uso e sicurezza bloccando semplicemente la lista degli IP più pericolosi pubblicata da Dshield. "non ho ben capito se bloccheranno tutti i proxy anonimi o e' solo l'ultima trovata per fermare lo scambio di file.le attivita' piu' a rischio sono quelle che ti controllano, immaginate quanti bagni ci sono in un'universita', li' gli utenti sono soli, chissa' cosa potrebbero combinare, controlliamoli!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: esibizionisti e integrati
      Non ci vorrebbe poi molto a fermare il P2P. Sarebbe sufficiente limitare l'upload a 16kb/s per le utenze indistinte, obblgare gli admin universitari a fare traffic shaping e content filtering come si deve, e se non basta portare il prezzo dell'ADSL per utonti ad almeno 100 euro/mese.
    • Anonimo scrive:
      Re: esibizionisti e integrati
      - Scritto da: Anonimo
      non ho ben capito se bloccheranno tutti i proxy
      anonimi o e' solo l'ultima trovata per fermare lo
      scambio di file.
      le attivita' piu' a rischio sono quelle che ti
      controllano, immaginate quanti bagni ci sono in
      un'universita', li' gli utenti sono soli, chissa'
      cosa potrebbero combinare, controlliamoli!!!Aspettavamo tutti quanti questo illuminante commento per riflettere e chiederci perchè esiste DShield e a cosa serve. Ora, grazie al tuo intervento e alla tua intelligenza sottosviluppata lo sappiamo. Grazie.NB: occhio a non farti piu le seghe e le cannette in bagno d'ora in poi eh?
      • Anonimo scrive:
        Re: esibizionisti e integrati

        Aspettavamo tutti quanti questo illuminantenon parlare a nome di chi non conosci e non mettere parole tue in bocca ad altri.
        commento per riflettere e chiederci perchè esiste
        DShield e a cosa serve. Ora, grazie al tuo
        intervento e alla tua intelligenza
        sottosviluppata lo sappiamo. mi sembra gentile e garbato, per una scimmia.
        Grazie.ma ti pare, quando vuoi.
        NB: occhio a non farti piu le seghe e le cannette
        in bagno d'ora in poi eh?a parte la volgarita', le seghe nei bagni scolastici sono la cosa piu' eccitante che esista, specie se davanti hai la solita piu' studipa della classe che guarda caso e' anche la piu' bbona.riguardo alle canne e' meglio il cortile o il terrazzo della scuola durante la ricreazione, ma raccomando solo maria, il fumo imparanoia troppo e rischiate di farvi sgamare.ps: la prossima volta ti aspetto in bagno ... qualunque cosa tu sia.
Chiudi i commenti