Lavora per dei cracker, arrestatelo

L'accusa gli è costata il fermo di polizia e già un primo periodo dietro le sbarre. Avrebbe fornito assistenza ai cracker dietro uno dei più imponenti attacchi della storia recente

Roma – È finito in manette un 25enne programmatore newyorkese accusato di aver realizzato un software sniffa dati commissionato dalla cracker crew sgominata di recente con l’accusa di aver messo a segno uno dei più gravi ratti di account sino ad oggi. Stephen Watt, questo il suo nome, adesso rischia grosso: su di lui pendono numerosi capi d’accusa e un processo la cui data non è ancora stata stabilita.

l'uomo Il programma realizzato dal giovane, chiamato blabla secondo gli inquirenti sarebbe stato impiegato da Albert Gonzalez e dai suoi soci in (mal)affari per sniffare, in un periodo di tempo di circa due anni, oltre 45 milioni di dati relativi a carte di credito utilizzate nei negozi della TJX Companies , proprietaria della più grande catena di hard discount statunitense. Stando all’accusa, dopo aver fornito la versione originale del software, Watt avrebbe agito più volte per modificarlo a seconda delle esigenze della banda di Gonzalez, già noto negli ambienti investigativi poiché ex collaboratore dei Servizi Segreti.

Watt rischia molto, stando al documento fornito dalle autorità: su di lui pendono le accuse di utilizzo illegale di computer, frode telematica, furto aggravato di identità e riciclaggio di denaro.

“Watt e i suoi soci hanno effettuato l’accesso illegale ad una rete di computer usando diversi metodi, ottenendo quindi informazioni riguardo ai dati relativi alle carte di credito. Tutto ciò ha comportato un ritorno economico, dovuto anche alla vendita dei dati ad altre organizzazioni fraudolente”, si evince dal documento.

L’arresto del programmatore segue quello dei membri della banda, composta da altri 10 elementi, provenienti non solo dagli Stati Uniti, ma anche da Ucraina, Cina, Bielorussia ed Estonia. La gang è passata alle cronache per aver effettuato quello che è stato definito da molti come il più grande atto di violazione della privacy commesso sino ad oggi: oltre 46 milioni di account contenenti dati relativi a carte di credito, indirizzi e documenti personali furono intercettati, generando un’enorme falla con conseguenti perdite economiche.

Vincenzo Gentile

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • merlinox scrive:
    Non funziona
    Ragazzi abbiamo lanciato un esperimento ma non funziona ancora:http://blog.merlinox.com/google-si-affida-allocr/#comment-8325
  • Peppolo scrive:
    Testo semplicissimo da "ocrrare"
    Non è un testo scannato, è un testo stampato su un device pdf. Per cui le linee sono dritte come fusi, le lettere sono perfette, niente sbavature, niente righe che si torcono verso il centro del libro ecc."Ocrrare" una immagine simile è una stupidata.Il problema vero sono i testi scannati per davvero. Riviste, libri messi su uno scanner e scannati. Lì sì che l'ocr deve fare il proprio duro lavoro.
    • Josafat scrive:
      Re: Testo semplicissimo da "ocrrare"
      Punto primo: l'italiano non è un'opinione, per favore.Secondo: hai mai provato ad acquisire tramite OCR dei pdf? Io sì, e i risultati non sono mica così buoni...
  • Giovanni Mauri scrive:
    da quanto tempo
    Da quanto tempo google permette le ricerche all'interno dei pdf evidenziando le parole della tua ricerca? Sarà almeno un anno che questa funzionalità esiste e funziona.. ce ne accorgiamo solo adesso?
    • Uby scrive:
      Re: da quanto tempo
      - Scritto da: Giovanni Mauri
      Da quanto tempo google permette le ricerche
      all'interno dei pdf evidenziando le parole della
      tua ricerca? Sarà almeno un anno che questa
      funzionalità esiste e funziona.. ce ne accorgiamo
      solo
      adesso?Cosa c'entrano i PDF con le immagini? :PTra l'altro Google permette la visualizzazione e la ricerca dei PDF escludendo da questi ultimi proprio le immagini.
    • Coco scrive:
      Re: da quanto tempo
      ma che razzo c'entrano i pdf con le immagini?... è bem diversa la cosa
  • Funz scrive:
    Sistema OCR?
    Ma Google aveva in casa Tesseract, OCR libero e gratuito. Adesso l'hanno dismesso per un prodotto HP?
    • pippo scrive:
      Re: Sistema OCR?

      Ma Google aveva in casa Tesseract, OCR libero e
      gratuito. Adesso l'hanno dismesso per un prodotto
      HP?Leggi bene...
      • Funz scrive:
        Re: Sistema OCR?
        - Scritto da: pippo

        Ma Google aveva in casa Tesseract, OCR libero e

        gratuito. Adesso l'hanno dismesso per un
        prodotto

        HP?
        Leggi bene...Ops mi era sfuggito il passaggio (anonimo)
    • H5N1 scrive:
      Re: Sistema OCR?
      Il software di HP è proprio Tesseract OCR.
  • molok scrive:
    Scenari Inquietanti?
    "secondo alcuni osservatori apre scenari inquietanti per quanto riguarda la privacy dei cittadini i cui dati personali siano contenuti in documenti emessi da istituzioni che non abbiano ora delegato a Google la transizione completa al digitale."...Google rispetta i robots.txt, quindi se uno non vuole che qualcosa sia indicizzato, lo filtra; ma poi, se l'informazione è già in rete sotto forma di immagine, come si fa a dare la colpa a Google se lo converte in testo? È una cosa che può fare qualsiasi essere umano, quindi non vedo in che modo si violi la privacy di chicchessia. Il peggio che fa Google è rendere l'informazione più facilmente accessibile.Detto questo, è sempre un piacere leggere gli articoli di Gaia, almeno nella foto in alto a destra non vedo né un becchino, né uno che sta per ruttare, né un "nonno-sprint". Ogni riferimento ad articolisti di p-i è puramente causale :)
    • popof scrive:
      Re: Scenari Inquietanti?

      ... quindi
      non vedo in che modo si violi la privacy di
      chicchessia. Il peggio che fa Google è rendere
      l'informazione più facilmente
      accessibile.

      Detto questo, è sempre un piacere leggere gli
      articoli di Gaia, almeno nella foto in alto a
      destra non vedo né un becchino, né uno che sta
      per ruttare, né un "nonno-sprint". Ogni
      riferimento ad articolisti di p-i è puramente
      causale
      :)Quoto in tutto!!!;)
    • H5N1 scrive:
      Re: Scenari Inquietanti?
      Colto nel segno! ;)
    • Meno LaMazza scrive:
      Re: Scenari Inquietanti?
      HEhahhahhehhhahhahhuuhuhu quoto tutto e grazie per aver tradotto in parole ciò che pensavo!!! :D :D :D
Chiudi i commenti