Lavoro umano e intelligenza artificiale: una convivenza possibile

Lavoro umano e intelligenza artificiale: una convivenza possibile

L’intelligenza artificiale non è una minaccia per tutti i lavori umani, ma solo per quelli più ripetitivi e burocratici, come dimostra uno studio.
Lavoro umano e intelligenza artificiale: una convivenza possibile
L’intelligenza artificiale non è una minaccia per tutti i lavori umani, ma solo per quelli più ripetitivi e burocratici, come dimostra uno studio.

L’intelligenza artificiale è una minaccia per il lavoro umano? Molti si pongono questa domanda e temono che gli strumenti AI, come quelli che generano testo o immagini, li rendano obsoleti. Per questo motivo, c’è una forte richiesta di regole più rigide.

Tuttavia, questi timori non sono completamente giustificati. Uno studio del Ministero dell’Istruzione britannico ha mostrato che solo il 10-30% dei lavori può essere automatizzato dall’intelligenza artificiale, e si tratta soprattutto di lavori di tipo impiegatizio.

Per esempio, lo studio ha indicato che i chatbot, come ChatGPT e Google Bard, potrebbero rimpiazzare i venditori telefonici, gli avvocati, gli psicologi, gli insegnanti, i commercianti. Questi chatbot sono capaci di svolgere compiti semplici e ripetitivi in modo efficiente e costante, di lavorare 24 ore su 24 e di dialogare con molti clienti allo stesso tempo.

I lavori più a rischio di essere sostituiti dall’intelligenza artificiale

Le professioni più a rischio in generale sono:

  • Consulenti di gestione e analisti aziendali
  • Direttori e amministratori finanziari
  • Commercialisti
  • Psicologi
  • Responsabili degli acquisti
  • Economisti e statisti
  • Manager di progetti commerciali e finanziari
  • Analisti e consulenti finanziari e di investimento
  • Professionisti legali
  • Professioni commerciali e affini
  • Controllori del credito
  • Avvocati
  • Ingegneri civili
  • Consulenti educativi e ispettori scolastici
  • Amministratori di risorse umane
  • Amministratori aziendali, ricerca e amministrazione
  • Gestori di conti finanziari
  • Contabili, amministratori di buste paga
  • Amministratori del governo nazionale
  • Professionisti del marketing
  • Addetti alle pubbliche relazioni
  • Intervistatori di ricerche di mercato
  • Amministratori di enti locali
  • Clero
  • Formatori e istruttori professionali e industriali
  • Ricercatori in scienze sociali e umanistiche
  • Formatori e istruttori professionali e industriali

Lo studio ha anche analizzato i lavori che sono più esposti all’AI in generale, includendo anche strumenti diversi dai chatbot. Alcuni esempi sono gli strumenti diagnostici assistiti dall’IA nel settore sanitario o il trading algoritmico nella finanza.

L’intelligenza artificiale non è un nemico, ma un alleato

C’è una stretta correlazione tra la possibilità che i lavori vengano sostituiti dall’AI e la possibilità che i professionisti traggano vantaggio dall’uso della stessa. L’intelligenza artificiale e l’automazione possono liberare i professionisti da compiti di routine, come l’inserimento di dati e l’elaborazione di transazioni semplici.

L’AI può anche essere usata come uno strumento dai professionisti per dedicarsi a compiti più stimolanti che richiedono più intuizione, empatia o capacità decisionale. Un esempio perfetto di come l’intelligenza artificiale possa migliorare il lavoro dei professionisti invece di sostituirli è il settore sanitario. L’AI, infatti, può aiutare a diagnosticare tumori con immagini complesse in meno tempo di un essere umano, ma le decisioni e le diagnosi finali devono essere prese da un medico umano.

Le professioni meno esposte agli strumenti AI sono, senza sorpresa, quelle che richiedono un lavoro manuale e qualificato. Gli sportivi professionisti sono in cima alla lista delle professioni meno esposte all’intelligenza artificiale, insieme agli operai edili e agli stuccatori.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 11 dic 2023
Link copiato negli appunti