Le cam sono bucate, ma non si può dire

Un produttore di sistemi di sicurezza se la prende con lo scopritore di un grave bug: chiunque poteva accedere a quanto ripreso dalle cam di sorveglianza. Per i bug hunter la vita è sempre difficile

Roma – La negazione del full disclosure è storia vecchia ma il rischio di denuncia è recentissimo: un bug hunter scopre un serio bug in un sistema di sicurezza, avverte il produttore e dopo qualche giorno ne parla online. Dopodiché anziché essere ringraziato viene minacciato di denuncia.

L’ultimo episodio del genere lo segnala The Register e riguarda la possibilità di entrare nelle cam di sicurezza gestite dalla società LookC: ad alcune di quelle installazioni, usate da molti diversi istituti pubblici e privati e spesso accessibili via Internet, chiunque può accedere, senza credenziali di sicurezza. L’occhio privato e classificato con cui certi impianti CCTV vengono utilizzati, dunque, può trasformarsi così in uno streaming online per chi capisce come connettersi al sistema.

Una notizia del genere è di interesse primario per il produttore. Che il 9 settembre riceve dal bug hunter Mike Stephens notizia della vulnerabilità. Tre giorni dopo, non avendo ancora avuto feedback dal produttore, Stephens decide di rendere il tutto di pubblico dominio. Il ragionamento è ovvio ed è sempre quello: se l’ha scoperto un esperto di sicurezza possono averlo scoperto in tanti, ed è dunque importante che chi usa questi sistemi sappia quale rischio sta correndo, tanto più che molti di questi sistemi si trovano anche all’interno di scuole elementari e istituti infantili.

La questione è resa ancor più grave, aveva spiegato Stephens, dal fatto che i server per lo streaming si trovano via Google piuttosto rapidamente e che accedere a quelle immagini non richiede altro che aggiornare la pagina che si può raggiungere dal motore di ricerca.

Venerdì scorso è arrivata la risposta di LookC: l’azienda ha ammesso che alcune vecchie versioni dei propri sistemi soffrivano di un problema di sicurezza ma avverte che le notizie da Stephens sono arrivate il 12 settembre e che immediatamente l’azienda è corsa ai ripari, sistemando il problema e avvertendo i clienti. Ma non si ferma qui. Il produttore dice anche: “La persona che ha messo in luce la vulnerabilità ha deciso di pubblicare i modi con cui effettuare l’hacking di server LookC via Internet, e poi seminare su altri blog i link ai suoi articoli per utenti Internet e hacker. Possiamo solo immaginare quali siano le ragioni dietro un’azione del genere ma non abbiamo escluso che si tratti di un intento criminale”.

“LookC – conclude lo statement dell’azienda – ha chiesto alla polizia di indagare sulla vicenda e sull’individuo suddetto”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nome e cognome scrive:
    non c'è speedstep?
    Ma come si fa a non mettere la tecnologia per il risparmio energetico su un processore pensato APPOSTA per consumare poco? Che senso ha far andare il processore (entrambi) fissi al massimo della frequenza operativa se non sto facendo nulla?
  • William scrive:
    ATOM dual Core acquistato!!!
    Io ho comprato la settimana scorsa l'e-mITX con Atom 330 Dual Core e va molto bene!!! Intel ha fatto centro ancora una volta!!!
  • entromezzanotte scrive:
    Re: Marketing
    Concordo. Hanno lasciato lo stesso Chipset, stufetta che consuma circa 25W solo lui e necessita di rumorosa ventola.Sono rimasto delusissimo quando ho fatto i confronti: la precedente scheda madre OEM con atom N230 e un hard disk consuma 35W, SEMPRE.Un portatile con PentiumM e sk video separata, molto più veloce, consuma 28W monitor LCD incluso. Il consumo aumenta fino a 40-50W, ma solo durante l'uso intenso della CPU.Un Dell Hybryd Studio (Core 2 Duo, indice prestazioni vista: 3.5) consuma 30W, che con lo SpeedStep possono arrivare a 50.Stesso discorso per un MacMini.Insomma... 'sto basso consumo degli Atom io non lo vedo, a causa del chipset. Vedo solo basse prestazioni.
    • chojin scrive:
      Re: Marketing
      - Scritto da: entromezzanotte
      Concordo. Hanno lasciato lo stesso Chipset,
      stufetta che consuma circa 25W solo lui e
      necessita di rumorosa
      ventola.Ma di che parlate ?La ventola è della CPU , non del chipset.
      • entromezzanotte scrive:
        Re: Marketing
        - Scritto da: chojin
        - Scritto da: entromezzanotte

        Concordo. Hanno lasciato lo stesso Chipset,

        stufetta che consuma circa 25W solo lui e

        necessita di rumorosa

        ventola.

        Ma di che parlate ?
        La ventola è della CPU , non del chipset.La ventola è del chipset, te lo posso assicurare.Lo vedi bene anche nel video linkato nell'articolo.L'atom di per se non scalda niente. Come CPU mi piace, veramente.
    • chojin scrive:
      Re: Marketing
      - Scritto da: entromezzanotte
      Concordo. Hanno lasciato lo stesso Chipset,
      stufetta che consuma circa 25W solo lui e
      necessita di rumorosa
      ventola.

      Sono rimasto delusissimo quando ho fatto i
      confronti: la precedente scheda madre OEM con
      atom N230 e un hard disk consuma 35W,
      SEMPRE.

      Un portatile con PentiumM e sk video separata,
      molto più veloce, consuma 28W monitor LCD
      incluso. Il consumo aumenta fino a 40-50W, ma
      solo durante l'uso intenso della
      CPU.

      Un Dell Hybryd Studio (Core 2 Duo, indice
      prestazioni vista: 3.5) consuma 30W, che con lo
      SpeedStep possono arrivare a
      50.
      Stesso discorso per un MacMini.

      Insomma... 'sto basso consumo degli Atom io non
      lo vedo, a causa del chipset. Vedo solo basse
      prestazioni.Tu vaneggi. In più va aggiunto il fatto che vaneggi doppiamente visto che non consideri il prezzo di vendita. La motherboard Intel D945GCLF2 mini-ITX costa 70-80euro sul mercato, inclusa la CPU Atom330 saldata. Soluzioni Core2Duo costano minimo il doppio.
      • entromezzanotte scrive:
        Re: Marketing
        Ho riportato dei confronti sulla potenza consumata.Capisco che MacMini e Dell Hybrid Studio costino tanto, ma un PC portatile usato con un PentiumM costa veremante poco, se lo trovi.
    • chojin scrive:
      Re: Marketing
      Qui trovate prove e benchmark comparativi dell' Atom330 sulla D945GCLF2 : http://www.mp3car.com/vbulletin/general-hardware-discussion/123966-intel-d945gclf2-dual-core-atom-8.html#post1254945
    • PGStargazer scrive:
      Re: Marketing
      - Scritto da: entromezzanotte
      Concordo. Hanno lasciato lo stesso Chipset,
      stufetta che consuma circa 25W solo lui e
      necessita di rumorosa
      ventola.

      Sono rimasto delusissimo quando ho fatto i
      confronti: la precedente scheda madre OEM con
      atom N230 e un hard disk consuma 35W,
      SEMPRE.e bravo furbo il n230 consuma il doppio di un n270e ovviamente un dual core 330 consuma il doppio del n270 naturalmentemi domando perchè diavolo sto a rispondere perdendo tempo visto saranno i soliti post dei soliti informati sui fatti che fanno finta di niente
      • entromezzanotte scrive:
        Re: Marketing

        e bravo furbo il n230 consuma il doppio di un n270
        e ovviamente un dual core 330 consuma il doppio
        del n270
        naturalmente
        mi domando perchè diavolo sto a rispondere
        perdendo tempo visto saranno i soliti post dei
        soliti informati sui fatti che fanno finta di
        nienteIntendi che misurare la potenza di persona con DUE strumenti diversi sia da "informati" ?Il Core 2 duo ha il vantaggio di ridurre il consumo veramente a POCO grazie a Speedstep, quindi, se lo devo lasciare acceso 24h su 24, il Dell hybrid studio mi dà un assorbimento medio di poco più di 30W.E ripeto, li ho MISURATI !E ripeto un altro concetto: non è l'ATOM il problema. E' il chipset della scheda madre.Ovvio che se ci confrontiamo su 1 ora di uso intenso di CPU i consumi sono a favore dell'atom.
  • gnulinux86 scrive:
    Sempre di più Ubuntu.
    http://www.abacocomputers.com/progetto
    • anon scrive:
      Re: Sempre di più Ubuntu.
      - Scritto da: gnulinux86
      http://www.abacocomputers.com/progettoE perché proprio Ubuntu scusa?
      • gnulinux86 scrive:
        Re: Sempre di più Ubuntu.
        trovi tutte le info nel sito del quale ho fornito il link.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 settembre 2008 14.41-----------------------------------------------------------
        • anon scrive:
          Re: Sempre di più Ubuntu.
          Modificato dall' autore il 22 settembre 2008 14.41
          --------------------------------------------------A me Ubuntu non piace
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Sempre di più Ubuntu.
            Dove sarebbe il problema?? Non ti piace non sei obbligato a comprarlo.Puoi sempre sfruttare il vantaggio che è gratuito, quindi volendo formatti e installi la distro o il sistema che preferisci.
          • 0verture scrive:
            Re: Sempre di più Ubuntu.
            Eggià ma secondo certa gente il mercato dovrebbe stare ad ascoltare tutti i loro capricci così se 300 persone diverse pretendono il supporto hardware per 300 distribuzioni diverse, gli sviluppatori, per far contenti loro, dovrebbero farsi il culo 300 volte (questo senza contare quando le 300 distro verranno aggiornate) "trecentuplicando" le spese.Poi se la prendono coi monopoli ed i complotti se vengono mandati a stendere...Forza Ubuntu che se stiamo ad aspettare gli altri, facciamo prima a sperare che il big one arrivi fino a redmond
          • pabloski scrive:
            Re: Sempre di più Ubuntu.
            non è esatto, non è la distribuzione a dover supportare l'hardwareCanonical non sviluppa X.org, non sviluppa il kernel, non scrive driver e non è la sola a supportare determinate perifericheogni modifica non va a vantaggio di una singola distribuzione ma di tutte, Ubuntu in più ha degli script che riconoscono e configurano automaticamente l'hardware, ma i driver fanno parte del kernel e di X.org
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Sempre di più Ubuntu.
            Nulla di dire, però per il bene della diffusione di Linux, bisogna puntare sul preinstallato di una sola distro "Ubuntu"(meno male che si stia procedendo verso questa direzione), che è l'unico modo per muovere il mercato.Questa scelta, non danneggia le altre distro anzi, ne fa aumentare il supporto hardware.
          • sasasa scrive:
            Re: Sempre di più Ubuntu.
            Capperi no i fan di MS Ubuntu no!Nooooo Nooooooo.Che si fottano tutti lasciateli MS ma perche' sacrificare tutto percheeeeee:'(
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Sempre di più Ubuntu.
            Sacrificare cosa??
          • Paolino scrive:
            Re: Sempre di più Ubuntu.
            - Scritto da: 0verture
            Eggià ma secondo certa gente il mercato dovrebbe
            stare ad ascoltare tutti i loro capricci così se
            300 persone diverse pretendono il supporto
            hardware per 300 distribuzioni diverse, gli
            sviluppatori, per far contenti loro, dovrebbero
            farsi il culo 300 volte (questo senza contare
            quando le 300 distro verranno aggiornate)
            "trecentuplicando" le
            spese.Ma Rotfl... Ma dove te lo sei sognato questo scenario???
    • checco scrive:
      Re: Sempre di più Ubuntu.
      Grazie per la info, non sapevo di questa società italiana, che commercializzava computer con Ubuntu preinstallato a questo punto, compro questo Abaco appena è disponibile con questa nuova CPU di Intel.
  • Enjoy with Us scrive:
    Interessante
    Fra un pò i netbook avranno prestazioni praticamente allineate ai notebook!Vediamo se ora pensano ai due punti critici:1. durata batterie2. dimensioni ancora un pò ingombranti dei netbook
    • ba1782 scrive:
      Re: Interessante
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Fra un pò i netbook avranno prestazioni
      praticamente allineate ai
      notebook!
      Vediamo se ora pensano ai due punti critici:
      1. durata batterie
      2. dimensioni ancora un pò ingombranti dei netbookIngombranti? Ma se sono ormai formato libro... Non solo, già l'EEEpc ha una tastiera abbastanza scomoda(per chi non ancora abituato)... pensa a diminuire le dimensioni..!
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Interessante
        - Scritto da: ba1782
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Fra un pò i netbook avranno prestazioni

        praticamente allineate ai

        notebook!

        Vediamo se ora pensano ai due punti critici:

        1. durata batterie

        2. dimensioni ancora un pò ingombranti dei
        netbook

        Ingombranti? Ma se sono ormai formato libro...
        Non solo, già l'EEEpc ha una tastiera abbastanza
        scomoda(per chi non ancora abituato)... pensa a
        diminuire le
        dimensioni..!Possono ridurre ulteriormente pesi e spessori, possono introdurre il doppio schermo, con uno dei due o ambedue touch screen....D'altronde questi dispositivi potrebbero in futuro insidiare il mercato dei PDA, costando nettamente di meno e fornendo prestazioni e configurabilità da vero pc.
        • Shu scrive:
          Re: Interessante
          - Scritto da: Enjoy with Us
          Possono ridurre ulteriormente pesi e spessori,
          possono introdurre il doppio schermo, con uno dei
          due o ambedue touch
          screen....
          D'altronde questi dispositivi potrebbero in
          futuro insidiare il mercato dei PDA, costando
          nettamente di meno e fornendo prestazioni e
          configurabilità da vero
          pc.Non a breve termine, o almeno finché non troviamo il modo di rimpicciolire le mani o di usare tastiere olografiche.Ad insidiare i PDA ci pensano gli smartphone da una parte (piccoli, leggeri e con telefono integrato, ma scomodi per scrivere) e i MID dall'altra (piu` grandi, senza telefono, ma piu` potenti e comodi da usare).I netbook insidiano il mercato dei notebook tradizionali, e sono rivolti a persone che non hanno bisogno di potenza (tanti) e che vogliono spendere poco (altrettanti). L'unica cosa che li "ferma" per ora e` il discorso da bar: "Ho preso un notebook da 4 GHz quadcore con la geforce 45! L'ho pagato 6000 euro, ma vedessi come schizzano le finestre sullo schermo!"Infatti li stanno lanciando come "moda" o come "economy" piu` che come "utilita`".Bye.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 settembre 2008 13.30-----------------------------------------------------------
          • ba1782 scrive:
            Re: Interessante
            Si però considera che il discorso che sento maggiormente è: "ho comprato questo portatile per tenerlo a casa"... Perchè spesso hanno degli schermi enormi che non li rendono più manco per niente portatili :D
    • Mike scrive:
      Re: Interessante
      L'Intel ha dichiarato che i processori dual core atom saranno utilizzati solo sui nettop e non sui netbook. Ciao.
      • Superman scrive:
        Re: Interessante
        E questo sembra un chiaro indice di quanto siano prestanti questi Atom ....
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Interessante
        - Scritto da: Mike
        L'Intel ha dichiarato che i processori dual core
        atom saranno utilizzati solo sui nettop e non sui
        netbook.
        Ciao.Intel dice un sacco di cose, poi il mercato fa altro!Stiamo parlando di processori che consumano solo 4 (single core) o 8 Watt, quando il chipset da solo ne consuma 25, quindi dubito molto che i vari produttori saranno molto spaventati dal maggior consumo della nuova CPU!
  • Per Dovere Di Cronaca scrive:
    C'è anche e-mITX
    http://electomania.wordpress.com/2008/09/16/e-mitx-goes-dual-core-il-mini-pc-con-atom-dual-core/
    • pentolino scrive:
      Re: C'è anche e-mITX
      sono tutti computer diversi a dire il vero, ognuno ha il suo tratto distintivo, per quanto più o meno tutti abbiano atom + 1 GB di ram.abac: masterizzatore integrato e uscita s-video su certi modellieeebox: uscita dvi e wirelesse-mitx: basso prezzo e ubuntu preinstallatotraquil-pc: basso consumoe così via. Per esempio a me serve un' uscita DVI e/o s-video, cosa che mi esclude l' e-mitx; però non mi serve il masterizzatore, cosa che mi porta quelli della abac un po' fuori prezzo e consumo elettrico. Prenderò un eeebox? Per il momento no, dal momento che si trovano solo quelli con windows (altra cosa che non mi interessa...).Questo mi sembra un mercato in cui vige una certa concorrenza e dove ognuno per distinguersi deve offrire qualcosa di diverso.
Chiudi i commenti