Le donne tradite possono continuare a sparlare online

I pettegolezzi e le ripicche di DontDateHimGirl.com andranno avanti: lo ha deciso un giudice che ha bloccato la denuncia di un uomo che si sentiva diffamato online dalle sue ex
I pettegolezzi e le ripicche di DontDateHimGirl.com andranno avanti: lo ha deciso un giudice che ha bloccato la denuncia di un uomo che si sentiva diffamato online dalle sue ex

Un problema tecnico e procedurale ha bloccato la denuncia dell’avvocato Todd Hollis contro un sito piuttosto popolare negli USA, DontDateHime.com , nel quale le partecipanti sono invitate a pubblicare i motivi per i quali questo o quell’uomo sia meglio “lasciarlo stare”, con racconti spesso personali e pungenti sulla vita di questo o di quello, o, nel nostro caso, dell’avvocato Hollis.

Il giudice che si è occupato del caso in Pennsylvania ha infatti affermato di non avere giurisdizione sulle attività del sito, che ha base in Florida, e ha quindi respinto la denuncia di Hollis, inviperito perchè il suo profilo sul sito parla ad esempio della sua “carriera da fallito”, della sua fama di “sciupafemmine” e lo descrive lcome “portatore di malattie veneree”.

La decisione del magistrato non influisce dunque sullo status del sito, che Hollis vorrebbe veder chiuso, e che viene difeso dai suoi gestori in quanto, dicono, si tratta sostanzialmente di un servizio che si limita a pubblicare quanto trasmesso dai propri utenti.

Di fatto, Hollis ha ancora la possibilità di procedere contro il sito, ma non ha rivelato se intende farlo né se intende perseguire direttamente le utenti che hanno lasciato su di lui commenti così pesanti e, a suo dire, del tutto calunniosi.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 04 2007
Link copiato negli appunti